Brinnese

Da Uicchipèdie, 'a 'ngeclopedije lìbbere.
Zumbe sus 'a navigazzione Zumbe sus 'a recerche
bussole Note disambiggue – ce stè cirche , 'ndruche '.
Brinnese
Brinnese – Stemma Brinnese – Bandiera
Culonne termale d'a vie Appia
Culonne termale d'a vie Appia
Localizzazione
StateBandiera de l'Itaglie Itaglie
Divisione 1Pugghie
Divisione 2Brinnese
Amministrazione
Amministratore localeRiccarde Rossi (centro-sinistra) dal 24-6-2018
Territorie
Coordinate40°38′18″N 17°56′45″E / 40.638333°N 17.945833°E40.638333; 17.945833 (Brinnese)Coordinate: 40°38′18″N 17°56′45″E / 40.638333°N 17.945833°E40.638333; 17.945833 (Brinnese)
Altitudine15 m s.l.m.
Superficie332,98 km²
Crestiàne87 141[1] (31-12-2017)
Denzetà261,7 ab./km²
SottodivisiuneTuturane
Divisiune 'nzeccateCarovigne, Cellino San Marche, Latiano, Mesagne, San Donaci, San Pitre Vernoteche, San Vito de le Normanne
Otre 'mbormaziune
Cod. postale72100
Prefisse0831
Fuse orarieUTC+1
Codice statistico074001
Cod. catastaleB180
TargheBR
Cl. sismica4
Cl. climatica1083
Nome abitantibrinnesine
PatronoSan Lorenze da Brinnese, San Teodore de Amasea
Sciurne festivePrime fine sumane de settemmre
Rappresentanze parlamendareuno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Itaglie
Brinnese
Brinnese
Map of comune of Brindisi (province of Brindisi, region Apulia, Italy).svg
Site istituzionale

Vespero è già colà dov'è sepolto lo corpo dentro al quale io facea ombra: Napoli l'ha, e da Brandizio è tolto., op. cit., Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio - Canto III

Brìnnese (tagliàne: Brindisi - IPA: IPA: /['brindisi]/[2], Brandizio jndr'à 'u tagliáne andiche, Brinnisi jndr'à 'u brinnesine, Brundisium jndr'à latine, Brentèsion (Βρεντεσιον) o Vrindhision jndr'à 'u greche andiche, Brunda jndr'à 'u messapeche) éte 'nu comune tagliáne de 87 141 crestiáne[1], capeluèche d'a provinge omonime jndr'à Pugghie.

Cendre 'mbrà le cchiù popolose d'u Salènde, jndr'à Pugghie, 'a cetate ave 'nu ruole 'mbortande assaije a levèlle commerciale e culturale, grazie 'a posiziona soje verse Oriende e a 'u puèrte sue, angore osce die esistende, sus a 'u mare Adriateche. Ha state sede provvisorie d'u guverne jndr'à 'u Regne d'Itaglie da 'u 1943 a 'u 1944. 'U comune jè membre de l'area vaste brinnesine[3] addò jè capefile.

Cu 'nu valore aggiunde procapite pare a 25.037 euro jndr'à 'u 2009, Brinnese jè a 'u 5º poste 'mbrà le comune d'a Pugghie[4].

Condenute

Sciugrafije fiseche[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Sciugrafije d'a Pugghie.
File:Salento fisico.jpg
'A pianure salendine pe zone podologgeche

Brinnese nasce sus a 'nu puèrte naturale, 'n'insenature ca se sckaffe jndr'à coste adriateche d'a Pugghie. A 'u 'nderne de le vrazze cchiù de fore d'u puèrte stonne le isole Pedagne, 'n'arcipelaghe piccinne piccine ca osce a die no se pò scè 'ndrucà pe mutive militare (Gruppe Scole Onu, base fatte a le tiembe d'u 'ndervende jndr'à Bosnie).

Presendanne 'na morfologgije d'u territorie pianeggiande, 'u 'ndere territoriale comunale tràse jndr'à piane de Brinnese e se caratterizze pa vocazione agricole de le terrene sue. Se iacchie jndr'à vanne nord-oriendale d'a pianure salendine, a cchiù o mene 40 km da 'a Valle d'Itrie e quinde da le prime stuèzze de le vasce Murge.

'Nu picca lundane da 'a cetate se iacchie 'a Reserve naturale statale Torre Guaceto[5]. 'U mare Ionie se iacchie invece a cchiù o mene 45 km.

L'arèe comunale settendrionale jè vagnate da 'u prengepàle corse d'acque d'u Salènde, 'u Canale Reale ca iesse vecine a Torre Guaceto.

Territorie[cangecange 'a sorgende]

'U territorie brinnesine[6] jè caratterizzate da 'na granne area sub pianeggiande da 'a quale iessene deposite calcarenitece e sabbiose de origgene marine; le quale presendane 'nu levèlle profonne argillose d'u pleistocene 'nferiore, e une angore apprisse carbonateche fatte da calcare mesozoice e da terrene d'u cicle sedimendarije d'a Fosse bradaniche. 'U svelupe de l'agricolture, soprattutte quedde indensive, ave causate 'n'aumende de l'auuse de le resorse idriche purtanne però 'n'aumende indiscriminate de le ause sue.

Clime[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Stazione meteorologgeche de Brinnese.

In base a le medie de referimende de le urteme trend'anne (1961-1990), 'a temberature medie d'u mese cchiù fridde, scennare, arrive chciù o mene a +9,6 °C, invece quedde d'u mese cchiù cavede, aguste, arrive 'nzigne a +25 cu punde ca ponne arrevà 'nzigne a le +35-40 °C. Le precipitaziune medie de ogne anne, 'nferiore a le 600 mm, presendane 'nu minime jndr'à primavere-staggione e 'nu picche jndr'à l'autunne-inverne[7][8][9].


BRINNESE Mise Staggiune Anne
Sce Feb Mar Abb Mas Sci Lug Agu Set Ott Nov Dec Inv Pri Est Aut
Temp. max. media (°C) 12.7 13.2 15.0 18.0 22.0 25.8 28.5 28.6 25.9 21.6 17.4 14.1 13.3 18.3 27.6 21.6 20.2
Temp. min. media (°C) 6.3 6.6 7.9 10.1 13.7 17.6 20.4 20.6 18.2 14.7 10.5 7.6 6.8 10.6 19.5 14.5 12.9
Piogge (mm) 60.2 63.1 73.4 35.0 28.7 19.4 10.3 25.3 45.6 71.0 74.2 68.1 191.4 137.1 55 190.8 574.3
Giorni di pioggia (≥ 1 mm) 9 8 8 6 4 3 2 3 4 6 7 9 26 18 8 17 69
Umidità relativa (%) 78 75 74 72 70 71 70 72 74 76 77 77 76.7 72 71 75.7 73.8
Eliofanie assolute (ore) 3.9 4.4 5.3 6.7 8.6 9.9 10.8 9.8 8.0 6.2 4.4 3.6 4 6.9 10.2 6.2 6.8

Origgene d'u nome[cangecange 'a sorgende]

'U toponime latine Brundisium, attraverse 'u greche Brentesion, face arrecurdà 'u vocabbole messapeche Brention: cape de cerve[11][12].

'U nome d'a cetate pare, quinde, ca se referisce a 'a forme d'u puèrte ca richiame 'a forme d'a cape de l'animale.

Storie[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche le vôsce Storie de Brinnese, Storie d'u Salènde e Storie d'a Pugghie.

Cetate andichissime, porte d'Oriende, jè 'nu crocevie de culture e crestiane, ave vissute 'na storie ca 'nghianave e scenneve, caratterizzate da belle periode ricche assaije e periode de decadenze, sembre in strette correlazione a 'a posizione sciugrafeca soje e a 'mbortanze d'u puèrte sue.

Origgene[cangecange 'a sorgende]

Jndr'à 'u promondorie de Punte de le Terrare, ca se iacchie jndr'à 'u puèrte de fore, ha state acchiate 'nu villagge de l'età d'u bronze medie (XVI sechele n.C.) addò 'nu gruppe de capanne, prutette da 'nu terrapiene de petre, ave restituite frammende de cerameche micenèe. Pure Erodote avere parlate de 'n'origgene micenèe pe ste popolazziune. 'A necropoli de Tor Pisana (a sud de quidde ca osce a die jè 'u cendre storeche de Brinnese) ave date vase protocorinze d'a prima metà d'u VII sechele n.a.C.. 'A Brinnese messapeche mandenìe securamende de le rapporte commerciale 'mbortande cu 'a coste adriateche de fronde e cu le popolazziune greche de l'Eggèe: ste rapporte osce a die sò documendate da 'nu sbuènne de reperte archeologgece[13] mendre ha state assaije in condraste cu 'a cetate de Tarde vecine a jedde.

'U periode romane[cangecange 'a sorgende]

'U percorse d'a Vie Appie

Jndr'à 'u 267 n.C. Brinnese, cumme a tutte 'u Sàlende, avenìe conguistate da le Romane e devendò 'nu scale 'mbortande assaije pa Grecie e l'Oriende, a le brinnesine avenìe recanusciute 'a cetadinanze romane (240 n.C.) e quinde avenìe 'nzippate a ranghe de municipie jndr'à 'u 83 n.C.. 'A cetate canuscìe durande 'u periode romane l'età soje cchiù 'mbortande e tenève de le collegaminde stradale 'mbortande cu Rome ausanne le consolare Appie, 'a Regina Viarum, e 'a vie Traiane. Crocevie culturale, soprattutte pe ce sceve jndr'à Grecie pe mutive culturale, ave date le natale a 'u poete Marche Pacuvio, 'u cchiù granne tregediografe latine, nepote de Quinde Ennie, ca avenève conziderate da Cicerone "l'attane d'a letterature latine"; Giulie Cesare e Ottaviane se 'mbarcarene da Brinnese pe scè jndr'à l'Eggitte[14]; Marche Tullie Cicerone rumanìe purcé ere ospite de Lenio Flacco e aqquà screvìe le Lettere Brinnesine (Lettere Brindisine)[15]; a Brinnese rumanìe pure Orazio, accumbagnate da Mecenate; ha state mete d'u sbarche de Agrippine cu le cenere de Germaniche; 'u famose Virgilie murìe 'u 21 settemmre 19 n.C. probbie turnanne da 'nu viagge da 'a Grecie. Jndr'à 'u periode de massime splendore de Rome, Brinnese rappresendave forse 'u puèrte cchiù 'mbortande de tutte 'u 'mbere; probbie 'u scale sue devende 'mbortande jndr'à 'u Medioeve pe le crociate jndr'à Terrasande, e jndr'à 'u XIX sechele pu collegamende 'mbrà Londre e le Indie Oriendale (assaije chiaute 'nglise ca resale a 'a seconde metà d'u Uetteciende stonne jndr'à 'u cambesande comunale prengepàle).

Medioeve[cangecange 'a sorgende]

Mappe de Brinnese d'u XVI sechele, opere de l'ammiraglie turche Piri Reis

Sede episcopale 'nzigne da l'età apostoleche[16], Brinnese ha state 'nu cendre 'mbortande pe l'evangelizzazzione d'a zone. Spicciate 'u periode fortunate sotte a 'u 'Mbere romane, 'a cetate ere ggià desilate jndr'à 'u VI sechele quanne avenìe occupate da le Gote[17]; jndr'à 'u 674 avenìe pigghiate da le Longobbarde guidate da Romualde[18] e pò assaltate da le Saracine jndr'à 'u 838[19]; e pò angore turnò sotte a 'u condrolle de le 'mberature bizzandine ca se preoccuparene de costruirle arrete, pò essere ca a le inizie d'u XI sechele, 'ngarecanne 'u protospatarie Lupe.

Jndr'à 'u 1070 avenìe conguistate da le Normanne devendanne parte d'u Pringipate de Tarde e d'u Ducate de Pugghie; ha state 'a prima signorìe de le conde de Conversane e pò, apprisse 'a revolte baronale d'u 1132, cetate demaniale pe volere de Ruggere II; 'a cetate pugghiese recuperò pe 'nu picche 'u faste d'u passate durande 'u periode de le Crociate, quanne avìe arrete 'a sede episcopale, 'ndrucò 'a costruzione d'a cattedrale nove e de 'nu castelle nuève cu 'nu arsenale 'mbortande, devendò puèrte privileggiate pa Terra sande e pure sede de une de le zecche d'u Regne de Sicilie.

Ha state jndr'à Catterale de Brinnese ca se facerene le nozze d'u pringipe normanne Reggere, figghie de re Tancredi (ca jndr'à 'u 1192 lassò a arrecorde 'na fundane monumendale) e quedde d'u 'Mberatore Federiche II de Svevie, cu l'erre a'a corone de Gerusalemme, Isbelle (o Jolande) de Brinesse (9 novremmre 1225)[20] e, sembre Federiche II, partìe probbie da 'u puèrte de Brinnese jndr'à 'u 1227 pa Seste crociate[21].

Avenìe fortemende colpite da 'a peste gnore e recuperò, chiane chiane, le andiche dimenziune demografeche grazie a 'mbortande flusse migratorie de slave, albanise e grece ca arrevavane da oltre 'u mare.

File:Re brindisi.jpg
Vittorie Emanuele III a Brinnese panne in rassegne 'na formazione d'u Reggie Esercite

Storie moderne[cangecange 'a sorgende]

Da 'u 1496 a 'u 1509 appartenìe a Venezie pe pò passà sotte a 'u dominie spagnole. Probbie sotte a 'u periode vicereale accumenzò 'nu periode luènghe de decline, de pare passe a 'u progressive impaludamende d'u puèrte.

Stu guverne gestite male purtò 'a cetate jndr'à 'na situazione brutte assaije, mendre 'a dominazione spagnole avere fatte de Brinnese 'nu pole strateggeche pa releggione cattoleche ('nfatte 'a cetate cundave cchiù o mene 36 convende); l'aristocrazie viveve jndr'à dissolutezze cchiù assolute, 'u popole mureve de fame assaije probbie. Scucciate da sta situazione drammateche, 'u 5 sciugne 1647 doje commerciande navale piccinne navali Teodore e Dunate Marinazzo organizzarene e aizzarene le crestiane cu 'na revolte ca vedìe 'a priggionìe d'u sinnache e l'asckuamende d'u palazze d'a zecche, l'assalte a le dimore de le nobbele a 'u servizie d'a Spagne e spicciò cu l'instaurazione de 'na specie de guverne autonome. 'A revolte avenìe fermate sulamende 'n'anne apprisse quanne avenìe mannate 'na flotte a espugnà 'a cetate, le frate Marinazzo avenèrene però catturate e 'mbiccate a Napule 'u 29 scennare 1650.

Cu 'a dominazione successive borboneche se avìe 'nu periode de crescite economeche: jndr'à 'u 1775, sotte a Ferdinande I de le Doje Sicilie, avenìe attivate arrete 'u canale d'uscite d'u puèrte 'nderne e avenèrene resanate le palude 'nzeccate 'a cetate.

Storie condemboranèe[cangecange 'a sorgende]

L'annessione a 'u Regne d'Itaglie, jndr'à 'u 1860, e l'aperture d'u canale de Suez, jndr'à 'u 1869, purtarene 'a cetate 'na linfe vitale nove, ca permettìe de devendà 'u terminale preferenziale pa Valigge de le Indie e 'mbortande snode mercandile pa granne ex colonie brittanneche.

Durande 'a seconda uerre mundiale Brinnese devendò sede d'u comande alleate pu vasce Mare Adriateche, pigghianne 'n'imbortanze stratteggeche forte assaije e pajanne stu ruole cu 'nu sbuènne de bombardamende jndrìà zone storeche. 'Mbrà 'u settemmre 1943 e 'u febbrare 1944, successivamende a 'a fusciute de Vittorio Emanuele III da Rome[22], 'a cetate offrìe refugge a l'indera dinastie[23][24] devendanne pe sei mise sede temboranèe d'u guverne.

Simbole[cangecange 'a sorgende]

Lungomare Regina Margherita di Brindisi

'U site Comune tagliàne[25] descrive 'u stemme d'a cetate jndr'à stu mode:

De russe a 'u rengondre de cerve d'ore; ramose d'argende cu sus doje culonne d'u stesse, cu base, capitelle e corone a l'indiche d'ore. 'U scude tène sus 'a corone d'a cetate, fregiate da 'a croce de uerre, araldicamende mise, op. cit.

'U stemme d'a cetate de Brinnese, pigghie origgene da certe caratteristeche peculiare de l'andiche cetate de Brinnese, quacched'une de lore angore osce a die se ponne 'ndrucà. 'A cape de cerve derive da 'u toponime messapeche d'a cetate "Brention", toponime ispirate da 'a forme d'u puèrte cetadine, ca arrecorde, appunde, le ramificaziune de le corne de 'nu cerve: quiste jè 'ndrucabbele angore osce a die da le fote satellitare, ca evidenziane le doje sene, de levande e ponende, addò 'u puèrte jè divise. Jndr'à 'u stemme stonne pure presende le accussìditte "culonne terminale" d'a Vie Appie, 'ndrucabbele osce a die sus a quedde ca jè comunemende chiamate 'a "Scalinate Virgilie".

Monuminde e luèche de inderesse[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Monuminde de Brinnese.

'A cetate de Brinnese stipe 'nderessande testimonianze monumendale da l'andichità a l'età moderne. Jndr'à le prossime righe stonne le luèche de inderesse cchiù 'mbortande:

Architetture releggiose[cangecange 'a sorgende]

Chiesa di San Giovanni al Sepolcro
Chiesa di Santa Maria del Casale, capolavoro romanico-gotico

Periode medievale[cangecange 'a sorgende]

Da 'u Rinascimende a l'Aunità d'Itaglie[cangecange 'a sorgende]

Urteme periode[cangecange 'a sorgende]

Otre chiesere[cangecange 'a sorgende]

  • Ave Marije Stelle
  • Criste Salvatore
  • Core 'Mmaculate de Marije
  • San Necole
  • Sandissime 'Ddulurate
  • Santissime Annunziate
  • San Frangische d'Assise
  • San Giustine de Jacobis
  • San Leucio
  • San Lorenze da Brinnese
  • Spirite Sande
  • Santissime Abbevescimende
  • San Vite Martire
  • Madonne d'a Scale
  • Madonne de Lorete
  • Sand'Andonije da Padove
  • San Michele Arcangele (ditte de le Scole Pie)
  • San Sebastiane (dette de le Anime)
  • Sanda Marije d'a Fundane e de le Cappuccine
  • Sanda Marije d'u Romitorie
  • Sandissime 'Ddulurate (a Tuturane)
  • Madonne d'u Giardine (a Tuturane)

Architetture civile[cangecange 'a sorgende]

Le doje culonne romane

Età andiche[cangecange 'a sorgende]

Età medievale[cangecange 'a sorgende]

Età moderne[cangecange 'a sorgende]

Età condemboranèe[cangecange 'a sorgende]

File:Monumento al Marinaio d Italia.jpg
'Ndrucamende d'u Monumende a 'u Marenare

Architetture militare[cangecange 'a sorgende]

Site archeologgece[cangecange 'a sorgende]

Arèe naturale[cangecange 'a sorgende]

Primavera nell'Oasi del Cillarese

Jndr'à l'ambite territoriale d'u comune se iacchiane de le arèe ambiendale prutette, quacchedune de chiste istituite da picche:

Arèe ambiendale prutette[cangecange 'a sorgende]

Parche comunale[cangecange 'a sorgende]

Suggettate[cangecange 'a sorgende]

Evoluzione demografeche[cangecange 'a sorgende]

Template:Demografia/Brindisi

Migrazioni[cangecange 'a sorgende]

Brindisi è stata oggetto di un'ampia emigrazione durante il Novecento, così come tutte le città del Mezzogiorno. L'emigrazione riguardava soprattutto le fasce sociali più basse che abbandonavano le campagne[33]. L'emigrazione può essere ricondotta in due grandi ondate. La prima, che ha il suo picco negli anni immediatamente precedenti e seguenti la prima guerra mondiale, ha per meta esclusiva le Americhe (Stati Uniti, Argentina, Brasile), per poi dirigersi verso l'Europa centro-settentrionale, che diviene così la destinazione principale dell'emigrazione pugliese. Quella dopo la seconda guerra mondiale, attratta dallo sviluppo industriale di alcune aree settentrionali del Paese: il Piemonte e la Lombardia, in particolare Milano.

A partire dagli anni sessanta con la realizzazione del grande petrolchimico che andava ad aggiungersi alle imprese meccaniche e aeronavali, Brindisi poté garantire opportunità di lavoro a tecnici e operai. La città conobbe quindi una piccola immigrazione regionale, attirando famiglie dalle province e regioni limitrofe.

Un altro importante capitolo nella demografia cittadina fu sicuramente l'esodo albanese del 1990-1991 (che in realtà durò almeno un decennio) che portò nel porto di Brindisi ondate di sbarchi immigrati[34]. Nell'emergenza i cittadini di Brindisi si distinsero per la grande solidarietà. Moltissimi portarono beni di prima necessità, offrirono cibo e acqua ai migliaia di Albanesi che giungevano in navi-rottame super affollate dopo l'attraversamento del canale d'Otranto.

Se durante gli anni novanta l'emigrazione verso il nord si era affievolita, nell'ultimo decennio la crisi dell'industria labour intensive, non supportata da una diffusione di piccole e medie imprese nel territorio, e gli anni di stasi dell'economia italiana e, ancor più, meridionale hanno fatto sì che il fenomeno, soprattutto giovanile, si riaccendesse. A beneficiarne maggiormente sono stati i poli più attrattivi del Paese: le industrie del nord est, le grandi città come Roma, Milano e Bologna che, tutt'oggi, sono sia per motivi di lavoro, che per motivi di studio le mete privilegiate di migliaia di brindisini. Il circolo vizioso di Brindisi nonché del Mezzogiorno è che, essendo luogo di partenza di lavoratori e studenti universitari in movimento, si impoverisce di capitale umano, provocando nel medio e nel lungo periodo un ritardo di sviluppo nel tessuto economico e sociale.

Oggi Brindisi è una città che conosce anche una regolare immigrazione extracomunitaria, sebbene i valori siano lontani dalle città del Nord Italia.

Etnie e minoranze straniere[cangecange 'a sorgende]

Gli stranieri regolari residenti sono 2 152[35] pari all'2.42% della popolazione brindisina. La più grande comunità è stata per molto tempo quella albanese, attualmente superata da quella rumena. Il numero di albanesi che hanno deciso di rimanere nella città pugliese è, comunque, molto trascurabile rispetto al totale di immigrati che vi sono transitati. Brindisi, infatti, ha rappresentato, e rappresenta ancora oggi, per questo popolo balcanico il primo passo verso l'Italia e l'Europa occidentale.

Il gran numero di statunitensi è spiegato dal fatto che, tra Brindisi e San Vito dei Normanni fu installata, e ha operato in tutta la seconda metà del Novecento, una stazione dell'aeronautica militare statunitense[36]. Nonostante la base non sia più operativa da anni, molti militari hanno deciso di restare a vivere nella città pugliese.

La presenza britannica è il risultato di un fenomeno che, da almeno un decennio a questa parte, sembra consolidarsi nel territorio: un'immigrazione da parte di famiglie del Nord Europa, soprattutto inglesi e irlandesi[37]. Queste famiglie, di solito composte da pensionati, decidono di comprare delle ville nella campagna brindisina e godere tutto l'anno delle gradevoli temperature brindisine. Tale fenomeno, relativamente recente in Puglia, è conosciuto come "Salentoshire", neologismo scherzoso sulla falsariga del "Chiantishire", relativo al consolidato turismo britannico in Toscana[38].

Di seguito i dati statistici della composizione migratoria nella città di Brindisi[35]:

  1. Romania: 455
  2. Albania: 409
  3. Stati Uniti: 107
  4. Nigeria: 89
  5. Cina: 85
  6. Marocco: 84
  7. Regno Unito: 68
  8. Polonia: 64
  9. India: 58
  10. Ghana: 56

Lingue e dialetti[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Dialetto brindisino.

Template:Citazione

Dove è parlato il dialetto salentino

Il dialetto brindisino[39] è una variante del salentino e, pur esistendo delle differenze minime tra i vari comuni, la radice resta invariata. Esso è parlato, oltre che a Brindisi, nel territorio di alcuni comuni limitrofi e, con piccole differenze, in alcuni comuni della provincia di Taranto. Il brindisino, inoltre, influenza alcuni dialetti del nord leccese e del sud brindisino.

Dal dialetto salentino standard si distingue, oltre che per la pronuncia di alcune parole, la caratteristica di trasformare la "e" finale di parola in italiano in "i". Ad esempio:

  • Il mare diventa lu mare in salentino standard e lu mari in brindisino. Il melone diventa lu milune in salentino standard e lu muloni in brindisino.

Il gruppo della doppia ll in italiano, diventa dd in brindisino. Ad esempio:

  • Il Cavallo diventa lu cavaḍḍu in salentino standard e lu cavaddu in brindisino.

Religione[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni.
  • Brindisi, insieme a Ostuni, è sede dell'omonima arcidiocesi (Archidioecesis Brundusina-Ostunensis in latino)[40], sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Lecce e appartenente alla regione ecclesiastica Puglia. La diocesi fu eretta nel IV secolo, il suo primo vescovo fu san Leucio. Nel X secolo in seguito alla distruzione della città ad opera dei saraceni, i vescovi stabilirono la propria residenza ad Oria. Fu in questo secolo che fu stabilita la diocesi di Ostuni, dapprima unita alla diocesi di Monopoli e probabilmente erede dell'antica diocesi di Egnazia. Sempre nel X secolo o in quello successivo che la sede di Brindisi fu elevata al rango di arcidiocesi metropolitana. Già nel 1010 comunque Brindisi aveva due suffraganee: Ostuni e Monopoli. Nel 1591 l'arcidiocesi oritana e brindisina venne smembrata: Brindisi conservò il titolo di arcidiocesi mentre Oria divenne sede vescovile indipendente. Il 30 settembre 1986, con decreto della Congregazione per i vescovi, l'arcidiocesi di Brindisi e la diocesi di Ostuni furono unite sede plena nell'arcidiocesi di Brindisi-Ostuni. La nuova diocesi fu riconosciuta civilmente il 20 ottobre 1986, con decreto del Ministero dell'Interno. Il santo patrono della città di Brindisi è san Teodoro di Amasea, le cui reliquie sono conservate nella pontificia basilica Cattedrale in piazza Duomo. Per questa ragione, la città è da secoli meta di pellegrinaggi, anche da parte dei cristiani ortodossi. Nella seconda metà del Novecento anche san Lorenzo da Brindisi, a seguito della sua proclamazione a dottore della Chiesa, è divenuto patrono assieme a san Teodoro di Amasea.
  • Resta viva traccia della presenza dell'antica Chiesa ortodossa della parrocchia di San Nicola di Myra di rito bizantino, la presenza del rito greco a Brindisi è stata a lungo maggioritaria durante il dominio dell'Impero bizantino con una fortissima diffusione dei Monaci basiliani.
  • Solo alcune tracce archeologiche e documentarie restano della presenza ebraica. Gli ebrei furono presenti in città con una piccola ma laboriosa comunità dal 53 d.C. sino alla seconda metà del XVI secolo.
  • I nuovi flussi migratori ha portato al riproporsi dopo il XVI secolo della religione islamica e alla presenza per la prima volta di Induisti.

Tradizioni e folclore[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Tarantismo.

Significativo in terra di Brindisi è il culto del tarantismo, che mescola tradizioni pagane e cristiane in passato si credeva, infatti, che le donne che mostravano forme di isteria, fossero contaminate dalle punture di tarantola. L'unico rimedio conosciuto era quello di ballare ininterrottamente per giorni, in modo che il veleno non facesse effetto.

Attraverso la musica e la danza era, quindi, possibile dare guarigione ai tarantati, realizzando un vero e proprio esorcismo a carattere musicale. Ogni volta che un tarantato esibiva i sintomi associati al tarantismo, i suonatori di tamburello, violino, mandolino, chitarra e organetto si recavano nell'abitazione del tarantato e cominciavano a suonare la pizzica, musica dal ritmo sfrenato. La pizzica brindisina, a differenza di quella leccese, si presenta scevra da riferimenti cristiani[41] e con un repertorio terapeutico-musicale particolare.

Installazioni militari[cangecange 'a sorgende]

La città di Brindisi ha da sempre costituito un importante avamposto delle Forze armate italiane, in particolare della Marina militare e dell'Aeronautica Militare. Attualmente ospita le seguenti installazioni militari:

La presenza delle Nazioni Unite[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Base logistica delle Nazioni Unite (Brindisi).
Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Basi di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (UNHRD).
Veduta frontale della loggia
La Cattedrale
Scorcio del campanile di San Benedetto

A Brindisi hanno sede una base logistica delle Nazioni Unite (UNLB) e la prima delle Basi di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite. L'UNLB, attivo dal 1994, riceve materiale proveniente dalle missioni in chiusura o ridimensionamento, ispeziona, ripara, immagazzina e invia tale materiale alle operazioni di pace e umanitarie che ne fanno richiesta; appronta e mantiene in condizioni di efficienza i cosiddetti start up kits, ossia tutti quei materiali ed attrezzature necessarie all'apertura di una nuova missione; opera da centro di smistamento, o hub, delle telecomunicazioni satellitari per le Nazioni Unite.

Per anni Brindisi ha rappresentato un punto nevralgico del traffico di sigarette di contrabbando e, in misura minore, di droga proveniente dai Paesi balcanici[42].

La città pugliese era la soglia che permetteva l'accesso illecito di sigarette, di fattura per lo più cinese, in Italia e in altre destinazioni comunitarie (in particolare Francia, Belgio, Gran Bretagna). Fortunatamente lo Stato, in questo caso, è riuscito a decapitare la criminalità pugliese e a inferire un grosso colpo al contrabbando brindisino. Il fenomeno, infatti, è considerato quasi del tutto scomparso, mentre, secondo la Direzione Investigativa Antimafia[43] oggi la criminalità organizzata pugliese è stata molto indebolita e marginalizzata, presentando ad oggi un'alta frammentazione e frequenti ricambi interni.

Cultura[cangecange 'a sorgende]

Istruzione[cangecange 'a sorgende]

Biblioteche[cangecange 'a sorgende]

Ricerca[cangecange 'a sorgende]

L'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) è presente a Brindisi fin dai primi anni novanta con uno sportello tecnologico. Nel 2001 l'ENEA ha consolidato la propria presenza a Brindisi, rilevando le strutture del Centro nazionale per la ricerca e lo sviluppo dei materiali (CNRSM) e creando un proprio Centro di ricerca all'interno del Campus "Cittadella della Ricerca" ubicato sulla strada statale 7 Via Appia.

Attualmente operano nel Centro l'Unità tecnico scientifica materiali e nuove tecnologie (MAT), l'Unità tecnico scientifica fusione (FUS), l'Unità tecnico scientifica tecnologie fisiche avanzate (FIS) e il Progetto speciale clima globale (CLIM)[45].

Scuole[cangecange 'a sorgende]

Da segnalare la presenza a Brindisi dell'Istituto tecnico nautico "Carnaro" (44 in tutta Italia)[46] e dell'Istituto Professionale Alberghiero "Sandro Pertini" inserito nel novero dei 44 istituti alberghieri d'eccellenza d'Italia.[47]. Da sottolineare la presenza sul territorio dell'istituto "Ettore Majorana" che entrato a far parte delle 15 scuole Tecnologiche 2.0 d'Italia.

Università[cangecange 'a sorgende]

Musei[cangecange 'a sorgende]

Letteratura[cangecange 'a sorgende]

San Lorenzo da Brindisi, dottore della Chiesa

A Brindisi nacque Marco Pacuvio, drammaturgo, la cui produzione fu esclusivamente tragica; ci sono stati tramandati infatti dodici titoli di fabulae cothurnatae e vari frammenti tratti da singole tragedie. Pacuvio scrisse anche una fabula praetexta, cioè una tragedia di ambiente romano, il Paulus, avente per protagonista Lucio Emilio Paolo, il vincitore a Pidna.

Importante la presenza a Brindisi nel I secolo a.C. del mecenate Lenio Flacco che aveva trasformato la sua casa, posta sulle colline settentrionali del porto, in un cenacolo di cultura: ospitava artisti, letterati, scienziati e poeti, tra cui Orazio e soprattutto l'amico fraterno Marco Tullio Cicerone, in particolare in occasione del suo esilio del 58 a.C. A Brindisi soggiornò Virgilio durante la stesura dell'Eneide e vi trovò la morte nel 19 a.C.

Aulo Gellio nelle Noctes Acticae, tra il serio e il faceto, parla di Brindisi come di una città dove la cultura era ampiamente diffusa e dove si potevano trovare a buon prezzo testi in lingua greca.

Non vi è traccia delle opere di una Clodia Anthianilla, giovanissima poetessa brindisina, di cui si conserva solo una statua (proveniente dall'area del foro della città) con il basamento che reca un'iscrizione elogiativa di rara commozione.

Lupo Protospata compilò nell'XI secolo un Chronicon: se non fu con certezza un brindisino, era comunque un pugliese. I più bei versi dedicati a Brindisi furono composti dall'imperatore Federico II di Svevia, che così cantò la città che riteneva la capitale di tutte le città di mare: Filia Solis, ave, / nostro gratissima cordi.

Nel XVI secolo la città diede i natali a un letterato che ebbe fama a Venezia: Lucio Scarano fu anche un filosofo e fu tra i fondatori dell'Accademia Veneziana (1593).

Eruditi, scrittori di cose religiose o autori di storie locali furono tra Cinquecento e Seicento Nicola Taccone (XVI secolo), che fu poeta in lingua latina, Giovan Battista Casimiro (XVI secolo), l'arcivescovo Giovanni Carlo Bovio (1522-1570), il gesuita Lelio Fornari (15451612), Antonio Monetta (15561620c.), Giovanni Maria Moricino (1558-1628), il santo cappuccino Lorenzo da Brindisi (1559-1619), il francescano Bernardino Selvaggi (1600c.-1679).

L'arcivescovo Annibale de Leo (1739-1814), uomo di grande cultura, ha legato il suo nome al Codice Diplomatico Brindisino, ma fu autore anche di diversi scritti di profonda erudizione ed ebbe contatti con i maggiori studiosi del tempo.

La poesia vernacolare ha avuto i suoi massimi esponenti in Agostino Chimienti (papa Ustinu) (18321902) e Pasquale Camassa (1858-1941), esempi emulati da Giovanni Guarino (autore di testi per le canzoni dialettali più popolari) e, in tempi più recenti, da Alfredo Galasso, Luigi De Marco, Ennio Masiello e Attilio Mingolla.

Media[cangecange 'a sorgende]

Stampa[cangecange 'a sorgende]

Per quanto riguarda la stampa, è presente La Gazzetta del Mezzogiorno con la redazione della Gazzetta di Brindisi, venduta in tutta la provincia.

Il Nuovo Quotidiano di Puglia, giornale del Salento, che ha anch'esso una redazione provinciale a Brindisi.

"Il7 Magazine" è un settimanale provinciale con redazione a Brindisi e corrispondenze dai comuni della Provincia.

Il Nautilus testata scientifica nazionale con sede a Brindisi che tratta di mare, porti, trasporti e nautica da diporto; fondata il 22.03.2006 dalla S.C.Editore Brindisi.

Altri quotidiani che hanno sede in città sono BrindisiSera, Senzacolonne, Brindisireport, Brindisi News e Premier Magazine.

Radio[cangecange 'a sorgende]

Un'importante realtà brindisina è CiccioRiccio, emittente radiofonica storica e che è ascoltata in tutta la Puglia, Basilicata, parte del Molise, Campania e Calabria[51].

Sede nella città ha anche Radio Dara[52], nata nel 1980 da un progetto partito in un seminario, oggi trasmette in tutta la provincia.

Televisione[cangecange 'a sorgende]

Brindisi ospita alcune emittenti televisive come Teleradio Agricoltura e, la più importante, Puglia TV[53] che ha cominciato a trasmettere nel gennaio del 1988 a Brindisi e nella sua provincia. L'autorizzazione è stata concessa dal Ministero delle Comunicazioni e sono iniziate le prove in digitale terrestre.

A Brindisi vi sono degli studi di TV locali che hanno sede in altre città. È il caso di BS Television[54] (con sede a Taranto), emittente che nasce nel 1987 e che nel 1994 ottiene dal Ministero delle comunicazioni la concessione di emittente commerciale. Alcuni programmi del palinsesto sono trasmessi anche da Puglia Channel (canale dalla piattaforma Sky). Altre emittenti che hanno base nella città sono Studio 100 Tv[55], nata nel 1978 a Taranto, che trasmette in tutte le province salentine, e Telerama, emittente fondata a Lecce e avente sede anche a Lecce e Taranto.

Musica e Teatro[cangecange 'a sorgende]

La musica e il teatro a Brindisi non hanno mai caratterizzato sensibilmente la vita culturale della città, seppur rilevanti risultino le varie compagnie di tradizione teatrale che in alcuni periodi dell'anno riportano scene quotidiane in dialetto del passato sul palcoscenico. Non avendo mai ospitato istituti di formazione teatrale e musicale riconosciuti, la città vive queste due arti semplicemente valorizzando l'impegno di compagnie amatoriali. Negli ultimi dieci anni nella Città sono sorte e consolidate compagnie teatrali non amatoriali, alcune si occupano di teatro ambientale altre di teatro di ricerca e formazione attoriale. La compagnia gruppo Mòtumus ad esempio ha realizzato diversi progetti socioculturali per la promozione della cultura teatrale, anche per le persone diversamente abili. Lo stesso gruppo ha prodotto sei spettacoli non amatoriali. Nel campo della musica l'unico celebre esponente cittadino a livello mondiale è Stefano Miceli, direttore d'orchestra e pianista, insegnante alla Boston University, nato e cresciuto a Brindisi, di scuola napoletana, poiché si è esibito nei teatri più importanti del mondo a New York, Berlino, Lipsia, Pechino, Milano, Melbourne, Boston e Roma e ha ricevuto una medaglia dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed il premio alla carriera a New York "Bravo Award"

Cinema[cangecange 'a sorgende]

Nel 1998 il regista Nanni Moretti ha girato a Brindisi il film a colori Aprile.[56]

Cucina[cangecange 'a sorgende]

Template:Organizzare

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche le vôsce cucina pugliese, cucina salentina e vini della Puglia.
Li Stacchioddi - le orecchiette
Il cacioricotta
Melanzane
Tarallini
Grappolo di uva rossa

La cucina brindisina[57] presenta numerosi prodotti della tradizione agricola e del mare.

È una cucina povera per gli ingredienti usati, a partire dalla farina poco raffinata oppure di orzo, meno costosa di quella di grano. Per l'uso di verdure coltivate e selvatiche che la terra salentina può offrire, insieme con gli altri prodotti della terra come le lumache. Per l'impiego di pesce azzurro, oggi rivalutato, ma un tempo l'unico pesce che la popolazione poteva permettersi. Per la scarsità dei piatti a base di carne troppo costosa per i contadini.

Tra le ricette tipiche meritano di essere ricordate, in particolare "li pettuli" (frittelle di pasta lievitata da gustare dolci o salate magari ripiene di baccalà o acciughe sotto sale, di cavolfiore o broccoli), "tajedda di riso patani e cozzi" (riso, patate e cozze al forno), zuppa di pesce, purè di fave, fave e cozze, "cozze racanate", "scuma ti mari" (bianchetti), alici marinate nel limone (ricetta tipica delle "sciabiche", zona nel porto di Brindisi).

Bevande alcoliche, distillati, liquori[cangecange 'a sorgende]

Formaggi[cangecange 'a sorgende]

I formaggi brindisini sono per lo più di origine ovina, data la diffusione dell'allevamento delle pecore e delle capre. Nella stagione estiva si producono il cacioricotta, che si può consumare fresco o stagionato per qualche mese in modo che assuma un sapore più deciso e il caciocavallo.

Tipici della stagione invernale sono invece il formaggio pecorino, la ricotta e la ricotta forte (o ricotta 'scante per via del sapore che pizzica il palato). Quest'ultima si presenta come una crema spalmabile e si ottiene dalla fermentazione della ricotta. Viene impiegata per insaporire il ragù o spalmate sulla bruschetta.

I formaggi freschi i più diffusi sono la burrata, la giuncata, la manteca, la mozzarella o fiordilatte.

Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati[cangecange 'a sorgende]

Le verdure sono il vero protagonista della dieta tradizionale del Salento. Secondo la stagione, si trovano le cime di rapa, vari tipi di cavolo (verze, mùgnuli, ossia broccoli, cavolfiori, cavoli cappuccio), le bietole da erbette, il cardo, i peperoni, le melanzane e le zucchine (tutti serviti secchi al Sole o sott'olio), i carciofi di cui Brindisi è grande produttrice. Numerose sono anche le verdure selvatiche impiegate nella cucina tradizionale: le cicorie selvatiche, il tarassaco (o zangune), gli asparagi selvatici (preparati sott'olio), la senape selvatica, i cardi selvatici, i lampascioni detti anche pampasciuni o pampasciuli, i capperi. I funghi, pure spontanei, sono essiccati sole o serviti sott'olio.

Frequentissimo, nella cucina brindisina, è anche l'impiego di pomodori verdi o maturi: questi ultimi sono impiegati principalmente per la salsa di pomodoro, ma vengono consumati anche sott'olio, dopo un processo di essiccamento naturale. Significativo è anche il consumo di olive nere e verdi, schiacciate o in salamoia. Infine, diffusi sono anche legumi, quali i fagioli, i ceci, i piselli e le fave, da consumarsi fresche in primavera o secche durante la stagione invernale.

Tra le specialità preparate con la frutta si menziona la cotognata, il cotto di fico e i fichi secchi (preparati con un ripieno di mandorle), marmellata di arancio e limone e marmellata di fichi.

Paste fresche e prodotti della panetteria, pasticceria, confetteria[cangecange 'a sorgende]

La pasta, come il pane, viene prodotta con farina poco raffinata e, quindi, assume un colorito scuro. Oggi si utilizzano anche farine di semola rimacinate mescolate in una certa percentuale con la farina tradizionale che, comunque, resta fondamentale. Tra i piatti tipici troviamo le lagane con legumi e, naturalmente, pasta al sugo: cavatelli, le celebri orecchiette (stacchioddi in dialetto brindisino), i ravioli con ripieno di ricotta.

Per quanto riguarda il pane, importanti specialità sono quello di grano duro, pane di semola e pane di orzo. Per la produzione del pane si utilizza il lievito naturale (detto criscituni) e la cottura avviene nel forno di pietra, utilizzando fascine di rami di ulivo che danno al pane un profumo particolare. Una tipologia tradizionale è il pane con le olive (detto anche puccia). Quest'ultimo è realizzato con una farina di grano molto più raffinata rispetto al pane semplice al quale vengono aggiunte olive nere di dimensioni piccole.

Fra i prodotti da forno importantissima anche la frisella, una sorta di pane duro disidratato, che serviva per essere conservato a lungo in casa; i taralli e i tarallini, anch'essi facilmente conservabili per lunghi periodi. Tipiche anche le focacce: le pucce e le uliate.

Tra i dolci brindisini il posto centrale è occupato dalla pasta di mandorle, ottenuta dalla macinazione di mandorle sgusciate e zucchero. Di solito si trova farcita con marmellata, tipicamente la cotognata o la mostarda (marmellata d'uva di varietà negroamaro). Un'altra specialità sono le cartellate, dei nastri di una sottile sfoglia di pasta, ottenuta con farina, olio e vino bianco, unita e avvolta su sé stessa sino a formare una sorta di "rosa" coreografica con cavità e aperture, che poi verrà fritta nell'olio. Secondo la ricetta tipica, una volta fritte le cartellate sono condite con vincotto tiepido o miele, e poi spolverizzate con cannella, zucchero a velo o confettini colorati.

Vino[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Appia dei Vini.
I comuni membri dell'Appia dei vini

Nel territorio di Brindisi è possibile produrre Aleatico di Puglia Doc, Ostuni Doc, Brindisi Rosso DOC, Brindisi Rosato DOC e Puglia Igt.

Lungo la Strada Appia dei vini, di cui il comune è membro, esistono varietà indigene di vitigni:

Geografia antropica[cangecange 'a sorgende]

Urbanistica[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Vicende urbanistiche di Brindisi.

Origine[cangecange 'a sorgende]

La Fontana Monumentale, edificata per volere dell'Amministrazione Provinciale nel 1940
Negli anni 2000 ci fu un importante rifacimento di tutto il lungomare.

Da un punto di vista urbanistico[58][59], la città conosce i più antichi segni di antropizzazione nel territorio sul promontorio di Punta le Terrare, un'area costiera esterna al porto, ma si deve ai Messapi la formazione di una città nell'area dell'attuale centro urbano. Dell'impianto urbanistico della città messapica e di altre emergenze (la presunta agorà, i templi, le porte) non se ne hanno riscontri archeologici certi: gli scavi occasionali hanno restituito soprattutto tombe.

Periodo romano[cangecange 'a sorgende]

Dopo che a Brindisi fu dedotta una colonia romana (244 a.C.), la città conobbe una espansione urbanistica notevole per lo sviluppo economico e sociale che ne conseguì. Secondo Plinio il Vecchio Brindisi era una delle più importanti città italiane (Brundisium... in primis Italiae portu nobile).

Medioevo[cangecange 'a sorgende]

Durante l'alto Medioevo Brindisi subì un forte declino; dopo che fu devastata dai Goti nel (VI secolo), Procopio la descrive come una piccola città senza mura difensive: l'abitato si restrinse in un ambito più piccolo, probabilmente attorno al tempio di San Leucio, fuori dal centro antico. Il porto fu abbandonato per alcuni secoli. La rinascita avvenne con l'ultima dominazione bizantina (XI secolo) e soprattutto coi Normanni e con gli Svevi (XII e XIII secolo), quando diviene scalo privilegiato per le Crociate e per tutti i traffici con l'Oriente. Successivamente la città si sviluppò intorno alla "rua maestra" (le attuali via Consiglio, piazza Sedile, via Fornari, largo Angeli e via Carmine), sulla quale si affacciavano i più importanti edifici privati cittadini. La città era divisa in tre rioni o "pittachi": Santo Stefano (nelle vicinanze delle colonne), Sant'Eufemia (nella zona di Santa Teresa) e San Toma (nella zona di Santa Lucia). Se il passaggio della peste del 1348 e le seguenti discordie cittadine furono devastanti per Brindisi, il fatto che portò al collasso la città fu l'inopportuna ostruzione del canale di accesso al porto per timore di un attacco dal mare da parte dei Veneziani (1446): il conseguente impaludamento delle acque spopolò Brindisi. Sotto gli Aragonesi e gli spagnoli, i maggiori sforzi furono rivolti essenzialmente intorno alle fortificazioni (mura, castello di terra e forte a mare) e a fornire agevolazioni a popolazioni di immigrati (soprattutto greci, albanesi e slavoni).

Epoca moderna[cangecange 'a sorgende]

Solo attraverso la riapertura del canale Pigonati (1775) la città conobbe un nuovo slancio che si riaprì ai traffici con l'Oriente soprattutto grazie alla istituzione della Valigia delle Indie sul finire dell'Ottocento.

Epoca contemporanea[cangecange 'a sorgende]

Lo sviluppo demografico e urbanistico del Novecento ha portato al nuovo disegno della città moderna sovrapposta a quella antica a costo di sventramenti e demolizioni (quartieri delle Sciabiche, di San Pietro degli Schiavoni, Teatro Verdi, Torre dell'Orologio).

Oggi una nuova concezione urbanistica, per quanto tardiva, consente di programmare gli insediamenti di maggiore impatto architettonico fuori dal centro storico. Nel frattempo la città si espande oltre le mura del centro storico costituendo nuovi quartieri periferici: Commenda, Cappuccini, Sant'Angelo (negli anni 1950-1970) e poi Santa Chiara, Sant'Elia, Bozzano (anni 1980-2000).

Suddivisioni amministrative[cangecange 'a sorgende]

Le circoscrizioni del comune di Brindisi[60]:

Circoscrizione Denominazione
I Centro
II Commenda - Cappuccini - Minnuta - S.Chiara - S.Angelo
III Casale - Paradiso - Torretta
IV Perrino - Bozzano - Villaggio S.Paolo - Villaggio S.Pietro
V Sant'Elia - La Rosa
VI Tuturano

Frazioni[cangecange 'a sorgende]

Tuturano è l'unica frazione di Brindisi abitata tutto l'anno. Sorge a 10 km a sud della città nella Piana di Brindisi e conta circa 4500 residenti. La frazione sconta la presenza, a pochi chilometri dall'abitato, di una delle centrali termoelettriche più grandi d'Europa: la centrale Federico II di proprietà dell'Enel. Durante la costruzione e l'avviamento della centrale, le zone limitrofe sono state prese d'assalto da lavoratori "trasfertisti" creando una vera e propria ricrescita del mercato immobiliare; molta di quella gente affascinata dalle zone ha deciso di rimanervi.[senza fonde]

Economia[cangecange 'a sorgende]

Pur godendo di una tradizione agricola molto importante, lo sviluppo industriale, veloce e massiccio nel corso del XX secolo, ha comportato cambiamenti radicali al tessuto economico, ma anche urbano e sociale della città con una conseguente cementificazione di parte della costa.

Sfruttando la posizione del porto, Brindisi è uno dei più importanti scalo marittici per la Grecia, la Turchia e l'Albania.

Agricoltura[cangecange 'a sorgende]

Carciofi

L'agricoltura brindisina raggiunge i suoi "primati" nell'orticoltura, viticoltura, frutticoltura e olivicoltura. Sicuramente il settore che ha segnato il territorio per secoli si basa su colture di mandorli, olivi, tabacco, carciofi, cereali. L'agricoltura ha però conosciuto negli ultimi decenni una dinamica sfavorevole[senza fonde], forse da imputare una crisi dovuta all'elevata età media degli imprenditori agricoli (superiore ai 50 anni). È, quindi, auspicabile un ricambio generazionale del settore per garantire una maggiore dinamicità ed evitare un ulteriore indebolimento, in termini di incidenza del settore nell'economia totale.

Per quanto concerne la zootecnia è consistente con allevamenti di capi bovini e ovi-caprini[61].

Industria[cangecange 'a sorgende]

L'industria brindisina[62] si identifica principalmente con l'industria chimica e aeronautica.

Polo industriale chimico[cangecange 'a sorgende]

L'industria chimica, nelle sue più svariate accezioni (alimentare, energetica, farmaceutica o di processo) è nel territorio brindisino assai sviluppata. La Federchimica riconosce Brindisi e provincia un polo industriale chimico.

I diversi stabilimenti dell'ENI, dislocati come Polimeri Europa, Snam ed EniPower sono inseriti del resto proprio nel polo petrolchimico di Brindisi, situato alla periferia della città, e si affaccia sul mare Adriatico. Negli ultimi anni, con l'entrata in esercizio della nuova centrale, degli impianti originali sono rimasti in esercizio i soli generatori direttamente alimentati con vapore di recupero dall'adiacente impianto di "cracking idrocarburi" di altre società Eni e una caldaia come riserva fredda.

Brindisi è filiale produttiva della multinazionale farmaceutica Sanofi.

L'area energetica[cangecange 'a sorgende]

Brindisi è leader per la produzione di energia elettrica in Italia. Sul territorio comunale insistono tre grandi centrali pertinenti ai gruppi Enel, Edipower ed EniPower ed è inoltre in progetto la realizzazione di un'importante centrale fotovoltaica.

Il settore aeronautico[cangecange 'a sorgende]

A Brindisi sono dislocati gli stabilimenti di Alenia Aeronautica (specializzata nella modifica di velivoli dalla configurazione passeggeri a quella cargo), Avio (centro di eccellenza per i motori militari) e Agusta (produzione di strutture metalliche e revisione di elicotteri).

Servizi[cangecange 'a sorgende]

La crescita del settore terziario nella provincia è confermata dall'analisi del trend sempre crescente che ha accompagnato i servizi nella creazione del valore aggiunto tra il 1995 e il 2004 (dal 66,8% al 75,5%), dimostrando quindi il fatto che Brindisi (ancora più che la provincia) si sta indirizzando verso uno sviluppo terziarizzato, abbandonando la forte vocazione industriale.

Ad oggi è in questo settore economico che si può ritrovare il contributo principale alla formazione del valore aggiunto brindisino: una produzione complessiva di quasi 6.000 milioni di euro, pari al 75,5% dell'output totale.

Turismo[cangecange 'a sorgende]

Negli ultimi anni il Turismo nella città è aumentato in modo massiccio grazie alle tratte crocieristiche che la vedono interessata sia come porto di partenza, che di arrivo. Nel 2017 è stata inserita dalla celebre agenzia di viaggi on-line, Edreams al decimo posto della classifica "Summer Trends 2017", superando località del calibro di Mykonos e Amsterdam. Sempre riguardo alla stessa classifica, Brindisi viene definita la città "rivelazione 2017".

Infrastrutture e trasporti[cangecange 'a sorgende]

Strade[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Strade provinciali della provincia di Brindisi.

Le principali direttrici stradali di Brindisi sono:[63]

Ferrovie[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche le vôsce Ferrovia Adriatica e Ferrovia Brindisi-Taranto.

I trasporti ferroviari sono assicurati dalla Stazione di Brindisi, un importante snodo ferroviario della Puglia, punto di incontro tra la Ferrovia Adriatica e la Ferrovia Taranto-Brindisi. La stazione appartiene al circuito Centostazioni e presenta collegamenti verso tutte le località servite dalla linea adriatica e ionica.

È prevista la dismissione della linea ferroviaria Brindisi – Brindisi Marittima che permetterà l'allargamento della sede stradale di via del Mare, con la conseguente creazione di nuove zone di sosta per le auto, e consentendo inoltre di risolvere buona parte dei disagi rivenienti proprio dalla carenza di parcheggi.

Il porto[cangecange 'a sorgende]

Il porto di Brindisi
Il porto di Brindisi
Costa Morena
Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Porto di Brindisi.

Il porto di Brindisi[64] da sempre al centro dei traffici commerciali con la Grecia e l'Oriente, ha sempre rappresentato la fortuna della città.

Oggi è un porto turistico, commerciale e industriale, uno dei più importanti del mare Adriatico. Il traffico mercantile concerne carbone, olio combustibile, gas naturale, prodotti chimici.

Il porto si compone in tre parti:

  • Il Porto esterno: i cui limiti sono a Sud la terraferma, a est le isole Pedagne, a ovest dall'isola Sant'Andrea e dal molo di Costa Morena e, a Nord, dalla diga di Punta Riso.
  • Il Porto medio è formato dallo specchio di mare che si trova prima del canale Pigonati, l'accesso al porto interno, il bacino a nord forma le Bocche di Puglia.
  • Il Porto interno è formato da due lunghi bracci che toccano il centro di Brindisi sia a nord che ad est, essi sono il "seno di ponente" e "seno di levante".

Le banchine di Costa Morena[65] si sviluppano per 1.170 m, con profondità di 14 metri e piazzali per 300.000 m². Lungo la diga di Costa Morena (500 m) si sviluppa il sistema, a mezzo nastro e tubature, per lo sbarco dei prodotti destinati all'alimentazione delle centrali elettriche di Brindisi sud e nord. A Punta delle Terrare sono operativi 270 m di banchine per il traffico Roll-on/roll-off con possibilità di ormeggio contemporaneo di cinque navi.

Aeroporto Internazionale del Salento[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Aeroporto Internazionale del Salento.

L'aeroporto di Brindisi[66] ha collegamenti giornalieri con le maggiori città italiane ed europee. Lo scalo, distante 6 km dal centro cittadino, serve l'intera provincia di Brindisi, quella di Lecce ed in parte anche quella di Taranto. Nel 2017 sono transitati complessivamente 2.321.147 passeggeri.

L'aeroporto nasce negli anni venti con la costruzione di una pista militare e viene intitolato ad Orazio Pierozzi, aviatore della prima guerra mondiale. Le strutture militari sono tuttora operative e mantengono lo stesso nome, ma con decreto interministeriale dell'11 settembre 2008, l'aeroporto ha assunto lo stato giuridico di aeroporto civile appartenente allo Stato, aperto al traffico militare. È attualmente intitolato ad Antonio Papola, in memoria del comandante di aeromobile civile, deceduto il 13 febbraio 1938 per incidente di volo, e del suo stretto legame con la città. È ufficialmente anche denominato "del Casale" (in riferimento tanto alla chiesa romanica sita vicinissima alla recinzione dell'area che al quartiere in cui è situato) e conosciuto inoltre come "Aeroporto del Salento".

È dotato di due piste, una in direzione NW-SE lunga 3.330 m, l'altra in direzione NE-SW lunga 1.950 m. Le loro caratteristiche sono tali da consentire l'atterraggio anche a grandi aerei da trasporto come l'Antonov An-124 Ruslan o il Boeing 747.

L'aeroporto di Brindisi

Il posizionamento dell'aeroporto all'interno dell'area mediterranea, insieme alla sua naturale potenzialità multimodale (il porto è a pochi chilometri di distanza), hanno reso la base di importanza strategica, sia per quanto concerne la Difesa nazionale che in un'ottica NATO. Al riguardo, è da ricordare che fino a pochi anni fa sull'aeroporto ha avuto sede il 32º Stormo dell'Aeronautica Militare e che fino al 2000 era attivo nella zona godendo, in passato, un ruolo strategico per il controllo dell'area dei paesi dell'Unione Sovietica con l'appoggio della vicina base Nato di San Vito dei Normanni[67][68][69][70] (che dista 10 km dalla città) un importante centro di Telecomunicazioni dell'USAF, attualmente dismesso.

Per le stesse motivazioni strategiche, negli anni '90 l'aeroporto è stato scelto come principale base logistica mondiale dalle Nazioni Unite per il supporto alle operazioni di "peacekeeping" e "peace-enforcement" in tutto il globo che fino allora era ospitata presso l'Aeroporto di Pisa - San Giusto. Operativa a partire dal 1994 come Base logistica delle Nazioni Unite (UNLB), a partire dal 2010, è conosciuta, insieme alla Base ONU di supporto di Valencia (UNSBV), come Centro servizi globali delle Nazioni Unite (UNGSC).

Nel 2000 anche il deposito umanitario delle Nazioni Unite si è trasferito dall'aeroporto di Pisa a quello di Brindisi. Da allora è gestito dal World Foood Programme ed è conosciuto come Base di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (UNHRD). Per conto di organizzazioni governative, altre agenzie ONU e di ONG, dalla base UNHRD di Brindisi partono gli aiuti umanitari verso le aree più remote e disastrate del pianeta.

L'aeroporto è stato recentemente rinnovato e ristrutturato[71]. Così sono stati modernizzati i controlli ed il check-in, nonché l'area di attesa dei passeggeri e quella dei gate.

Mobilità urbana[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce STP Brindisi.

La Società Trasporti Pubblici di Brindisi[72], garantisce un servizio di trasporto pubblico urbano e il collegamento del capoluogo con gli altri comuni della provincia.

Inoltre, questa società assicura il servizio di trasporto via mare nelle acque interne del porto di Brindisi.

Amministrazione[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Sindaci di Brindisi.

Elenco dei sindaci dal 1994:[73]

Periode Prime cetadine Partite Careche Note
5 dicembre 1994 18 dicembre 1995 Michele Errico PDS Sindaco
12 marzo 1996 10 giugno 1996 Isabella Giannolla Comm. pref.
10 giugno 1996 9 giugno 1997 Lorenzo Maggi centro-destra Sindaco
17 novembre 1997 28 maggio 2002 Giovanni Antonino Forza Italia Sindaco [74]
28 maggio 2002 5 novembre 2003 Giovanni Antonino centro-sinistra Sindaco
5 novembre 2003 14 giugno 2004 Bruno Pezzuto Comm. pref.
14 giugno 2004 1º settembre 2011 Domenico Mennitti centro-destra Sindaco [75]
1º settembre 2011 12 maggio 2012 Bruno Pezzuto Comm. pref.
12 maggio 2012 11 febbraio 2016 Cosimo Consales centro-sinistra Sindaco Sospeso dal 6 febbraio 2016[76]
11 febbraio 2016 19 giugno 2016 Cesare Castelli Comm. pref.
19 giugno 2016 26 maggio 2017 Angela Carluccio centro-destra Sindaco
27 maggio 2017 24 giugno 2018 Santi Giuffrè Comm. pref.
24 giugno 2018 in carica Riccardo Rossi PD-LeU-Civiche Sindaco

Consolati[cangecange 'a sorgende]

Brindisi è sede dei seguenti consolati:[77]

Gemellaggi[cangecange 'a sorgende]

Brindisi è gemellata con i seguenti comuni:

Sport[cangecange 'a sorgende]

La città di Brindisi è stata proclamata Città Europea dello Sport per l'anno 2014 dall'ACES, Associazione delle Capitali Europee dello Sport, in concomitanza con Ascoli Piceno e Latina. Il riconoscimento è stato conferito nel 2012 a Bruxelles, presso la sede del Parlamento europeo.[79]

La Società Sportiva Dilettantistica Calcio Città di Brindisi è la principale squadra di calcio della città. Nel corso della sua storia, ha disputato sei campionati di Serie B. Nella stagione 2018/19 milita nel campionato di Eccellenza pugliese.

Le altre società calcistiche con sede nel comune sono: la Real Paradiso Brindisi, militante in Prima Categoria; per il calcio a 5, il Brindisi Futsal Club calcio a 5 Femminile, fondata nel 2013, e il Futsal Brindisi. La società Gioventù Brindisi Calcio, ha disputato un campionato di Serie C2 ed ha cessato l'attività nel 1985. Altra realtà del territorio è la Cedas Avio Brindisi militante nel campionato di Seconda Categoria, promozione raggiunta il 29 gennaio 2017 nella gara contro il Latiano terminata 2-2.

La principale società di pallacanestro è la New Basket Brindisi[80], che disputa il campionato di Lega A. Nel comune disputano il loro campionato diverse società minori: l'Invicta Brindisi, l'Eagles BK Brindisi e l'Assi Basket Brindisi, tutte militanti in C2. In Promozione militano il Basket Brindisi, l'Asteryx Brindisi e altre sette squadre militanti in Prima Divisione. In tutto, quindi, la città di Brindisi può vantare ben dodici società cestistiche maschili.[senza fonde]

La squadra di pallacanestro femminile, è la Futura Basket Brindisi[81] che partecipa al campionato di serie A2.

Di Brindisi è la ex campionessa italiana di tennis Flavia Pennetta. La ex-tennista vanta 28 titoli complessivi vinti dal 2000 (inizio carriera sportiva professionale) al 2015. Flavia è stata la prima italiana ad entrare in Top10 nel singolare, la prima giocatrice italiana (tra maschi e femmine) ad essere numero 1 al mondo in doppio ed a vincere un torneo del Grande Slam nel doppio stesso. Nel singolare vanta inoltre titoli come Los Angeles, Indian Wells e soprattutto lo US Open (torneo del Grande Slam) vinto nel 2015 in una storica finale vinta contro l'altra pugliese Roberta Vinci. Grazie a questa vittoria ha partecipato al Master di Singapore delle migliori 8 al mondo, battendo anche la futura vincitrice del titolo. Nel singolare ha raggiunto il best ranking a fine 2015 piazzandosi al numero 6 del mondo.

Nel comune hanno inoltre sede: la società Nafta Rugby Brindisi[82] militante in Serie C e la squadra di pallavolo Assi Amatori Volley 2006[83] che disputa il campionato di Serie B1 Femminile.

Sono presenti anche tre società dilettantistiche di atletica leggera: l'Atletica Amatori Brindisi, la Top Running Brindisi e la Folgore Brindisi.

Nel 1971 Brindisi è stata sede di arrivo del prologo del Giro d'Italia, una cronometro a squadre di 62 km con partenza da Lecce vinta dalla Salvarani.

Dal 2001 al 2005 ha avuto sede a Bridisi la squadra di football americano dei Dragons Brindisi, trasferita nel 2006 a San Vito dei Normanni e fusa nel 2007 con gli Spiders Salento, avvenimento in seguito al quale la sede è stata spostata a Lecce.

Impianti sportivi[cangecange 'a sorgende]

  • Stadio Franco Fanuzzi: stadio comunale
  • PalaPentassuglia: palazzetto dello sport
  • PalaMelfi: palazzetto dello sport
  • Palazzetto comunale "Giovanni e Carlo Zumbo"(ex palazzetto di via castello)
  • Centro polisportivo "contrada Masseriola": atletica, nuoto, palazzetto dello sport
  • Piscina "G.Parodo": piscina della marina militare (sede di gare regionali)
  • Piscina "Marimisti": piscina comunale nel quartiere Sant'Elia.
  • Piscina "sottosopra": associazione sportiva dilettantistica quartiere Bozzano
  • Circolo Tennis Brindisi: Campi da tennis
  • Centro polisportivo di Sant'Elia: campo da rugby, palazzetto dello sport, campo da tennis
  • Palestra comunale "Galiano"
  • Campo sportivo "Torretta"
  • Pattinodromo comunale di Viale Duca degli Abruzzi

Galleria d'immagini[cangecange 'a sorgende]

Note[cangecange 'a sorgende]

  1. 1,0 1,1 Dato Istat - Popolazzione residende a 'u 31 decemmre 2017.
  2. [1]
  3. 'U site ufficiale de l'Area Vaste brinnesine, su areavastabrindisina.it. URL consultato il 07-01-2009.
  4. Puglia in cifre, IPRES - Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali, pag. 186, su ipres.it. URL consultato il 10 scennare 2016.
  5. Località ca se raggiunge cu 'a SP 35.
  6. Mechele Spizzico, Necole Lopez, Dunate Sciannamblo, Roccalde Tinelli. «La Piana di Brindisi: fenomeni di interazione fra le falde idriche sotterranee presenti nell'area». Da 'u "Giornale di Geologia Applicata 3"2006.
  7. Medie climatiche 1961-1990, su wunderground.com. URL consultato il 07-01-2009.
  8. Dati climatologici medi, su eurometeo.com. URL consultato il 07-01-2009.
  9. Tabbelle e grafeche climatece, su meteoam.it. URL consultato il 07-01-2009.
  10. Pàgene cu le classificaziune climateche de le comune tagliàne, su confedilizia.it. URL consultato il 07-01-2009.
  11. Vladimir Orel, A Concise Historical Grammar of the Albanian Language: Reconstruction of Proto-Albanian, Leiden, Olande, Brill, 2000.
  12. Alessio, Giovanni (1955). Sul nome di Brindisi . Archivio Storico Pugliese VIII (3). URL conzultate 'u 31 luglie 2010.
  13. A 'u larije de Brinnese onne state acchiate 'nu sbuènne de reperte archeologgece fatte de vase e cratere de provenienze attiche, corinzie, cretese ecc.
  14. Cesare, De bello civili, III,6,3.
  15. Cicerone Epistulae - Ad Familiares 14 - 4..
  16. Paolo Diacono, Liber de episcopis mettensis
  17. Procopio, Libro III, cap. 18
  18. Paolo Diacono, Historia Longobardorum
  19. Chronicon Salernitanum
  20. Documende sus a le nozze de Isabbelle de Brienne, su brindisiweb.com. URL consultato il 07-01-2009.
  21. Documende sus 'a VI Crociate partite da Brinnese, su brindisiweb.com. URL consultato il 07-01-2009.
  22. Le Savoia jndr'à 'u ruète
  23. Riepiloghe d'a conversazione tenute jndr'à òìIstitute maggistrale "Palumbo" de Brinnese 'u 14 ottommre 1993 da Denis Mack Smith e Raffaelle Uboldi 'Ndervende de Franghe Arina, Andonije Maglio, Renate Minafra e d'u pubbleche, su funzioniobiettivo.it. URL consultato il 07-01-2009.
  24. Storie de Brinnese - La Gazzetta del Mezzogiorno, su lagazzettadelmezzogiorno.it. URL consultato il 07-01-2009.
  25. 'U site Comune tagliàne, su comuni-italiani.it. URL consultato il 07-01-2009.
  26. Legge reggionale n. 28 d'u 23 decemmre 2002.
  27. Decrete d'u Presidende d'a giunde reggionale n.376 d'u 06.08.92.
  28. Legge reggionale n. 26 d'u 23 decemmre 2002.
  29. Legge reggionale n.23 d'u 23 decemmre 2002 (B.U.R.P. n.164 - Istituzione arèe naturale).
  30. Assessorate a l'Ecologgije Reggione Pugghie.
  31. Decrete inderministeriale d'u 4 decemmre 1991, Decrete ministeriale d'u 4 febbrare 2000.
  32. Decrete inderministeriale d'u 4 decemmre 1991.
  33. Il sito di emigrati.it, su emigrati.it. URL consultato il 07-01-2009.
  34. Immigrazione albanese sulla stampa quotidiana (PDF), su cirsdig.it. URL consultato il 07-01-2009.
  35. 35,0 35,1 Statistiche ISTAT - La presenza straniera a Brindisi al 1 Gennaio 2015, su demo.istat.it.
  36. Composto dal 7275º gruppo di base aerea statunitense, il San Vito AB ha cominciato nel 1960 come un'installazione esterna della base aerea di Aviano con il personale e le attrezzature di sostegno forniti dal 6900º stormo di sicurezza. Successivamente si è trasformato in un'installazione primaria dal 1º marzo 1961 essendo attivato dal servizio di sicurezza dell'aeronautica degli Stati Uniti (USAFSS). Dal 1º ottobre 1979 la base ha ospitato il 6917º gruppo elettronico di sicurezza e altre unità e organizzazioni americane ed alleate.
  37. Il sito demo.istat.it, su demo.istat.it. URL consultato il 07-01-2009.
  38. (08 2006) I fan del Salentoshire . Il Giornale. URL conzultate 'u 7 gennaio 2009.
  39. A. Calabrese, The sentential complementation of salentino: a study of a language without infinitival clauses, 1993.
  40. L'arcidiocesi di Brindisi-Ostuni, su brindisiweb.com:8080. URL consultato il 07-01-2009.
  41. Fernando Giannini in "Tre Violini".
  42. Il contrabbando di tabacchi lavorati: un'analisi economica e istituzionale (PDF), su ref-online.it. URL consultato il 28-02-2009.
  43. Rapporto I semestre 2007 Direzione Investigativa Antimafia.
  44. Il sito della Biblioteca arcivescovile Annibale de Leo, su bibliotecadeleo.it. URL consultato il 07-01-2009.
  45. Sito del Centro ENEA di Brindisi, su brindisi.enea.it. URL consultato il 07-01-2009.
  46. Sito dell'Accademia Marina Mercantile, su accademiamarinamercantile.it. URL consultato il 15-06-2009.
  47. 09-09-2012, su alberghierobrindisi.it.
  48. Template:=293 Facoltà presenti alla Cittadella, su comune.brindisi.it. URL consultato il 15-07-2009.
  49. Portale della Sede di Brindisi dell'Università degli Studi di Bari, su brindisi.uniba.it. URL consultato il 07-01-2009.
  50. offerta formativa della sede di Brindisi dell'Università degli Studi di Bari, su brindisi.uniba.it. URL consultato il 15-07-2009.
  51. Il sito dell'emittente Ciccio Riccio, su ciccioriccio.it. URL consultato il 07-07-2009.
  52. Il sito dell'emittente Radio Dara, su radiodara.it. URL consultato il 07-07-2009.
  53. Il sito di Puglia TV, su pugliatv.com. URL consultato il 07-07-2009.
  54. Il sito di Blustar TV, su blustartv.it. URL consultato il 07-07-2009.
  55. Il sito di Studio 100 TV, su studio100.it. URL consultato il 07-07-2009.
  56. Scheda del film su Apulia film commission.
  57. Il sito che elenca i prodotti tipici della Puglia, comune per comune, su tipicipuglia.it. URL consultato il 07-01-2009 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2009).
  58. Giacomo Carito, Brindisi. Nuova guida, Brindisi, 1994.
  59. Rosario Jurlaro, Storia e cultura dei monumenti brindisini, Brindisi, 1976.
  60. Delibera del Consiglio Comunale n. 109 dell'8.11.2005.
  61. Il sito della Coldiretti, su brindisi.coldiretti.it. URL consultato il 07-01-2009.
  62. Il sito di Puglia Imprese, su pugliaimprese.it. URL consultato il 07-01-2009.
  63. MapQuest Maps - Driving Directions - Map
  64. Il sito dell'Autorità portuale di Brindisi, su porto.br.it. URL consultato il 07-01-2009.
  65. Il sito di Costa Morena, su costamorena.it. URL consultato il 07-01-2009.
  66. Il sito dell'Aeroporto di Brindisi, su aeroportodibrindisi.com. URL consultato il 07-01-2009.
  67. Interrogazione parlamentare sul caso San Vito Air Station, su italy.peacelink.org. URL consultato il 07-01-2009.
  68. Foto Flare-9 antenna San Vito Air Station, su trekearth.com. URL consultato il 07-01-2009.
  69. San Vito dei Normanni Air Station, su globalsecurity.org. URL consultato il 07-01-2009.
  70. GlobalSecurity, su globalsecurity.org. URL consultato il 07-01-2009.
  71. Ammodernamento Aeroporto di Brindisi (PDF), su enac-italia.it. URL consultato il 07-01-2009.
  72. Il Sito della STP Brindisi, su stpbrindisi.it. URL consultato il 07-01-2009.
  73. Storia amministrativa del comune di Brindisi (BR). Template:Webarchive
  74. Con L'Ulivo dal 1999.
  75. Rieletto il 22 giugno 2009.
  76. Il prefetto sospende Consales.
  77. Elenco consolati in Italia, su stranieriinitalia.it. URL consultato il 07-01-2009.
  78. AllCorfu.Com: Corfu's Twin Cities, su allcorfu.com. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  79. Brindisi città europea dello sport 2014. Dal Comune la dedica a Melissa Bassi. Nuovo Quotidiano di Puglia.it, su quotidianodipuglia.it. URL consultato il 10 novembre 2012.
  80. Il sito del New Basket Brindisi, su newbasketbrindisi.it. URL consultato il 07-01-2009.
  81. Il sito della Futura Basket Brindisi, su futurabrindisi.it. URL consultato il 07-01-2009.
  82. Il sito della Nafta Rugby Brindisi, su naftabrindisi.it. URL consultato il 07-01-2009.
  83. Il sito della Telcom Assi Manzoni Brindisi, su assipallavolobrindisi.it. URL consultato il 07-01-2009.

Bibliografia[cangecange 'a sorgende]

  • Giacomo Arditi, Corografia fisica e storica della Provincia di terra d'Otranto, Bologna, Arnaldo Forni, 1979. (ISBN no disponibbele)
  • Vincenzo Cazzato e Simonetta Politano, Topografia di Puglia: Atlante dei “monumenti“ trigonometrici; chiese, castelli, torri, fari, architetture rurali, Galatina, Congedo, 2001. ISBN 88-8086-357-6
  • Paolo Lopane, Insediamenti cavallereschi in Puglia. Templari, Teutonici, Ospitalieri, Nardò, BESA 2015
  • Gazzetta del Mezzogiorno, Città e Paesi di Puglia e Basilicata. (ISBN no disponibbele)
  • Angela Marinazzo, Viaggio in Terra di Brindisi, Adda, 2000. ISBN 88-8082-408-2
  • Maria Rosaria Muratore, Guida del Salento 2, Galatina, Congedo, 1997. ISBN 88-85204-33-3
  • Francesco Perfetti, Parola di Re. Il diario segreto di Vittorio Emanuele, Firenze, Le Lettere, 2006. ISBN 978-88-7166-965-6
  • Cosimo D. Poso, Il Salento normanno. Territorio, istituzioni, società, Galatina, Congedo, 1988. ISBN 88-7786-097-9
  • A. Sanasi, Antiche vie del Salento, Galatina, Congedo, 1971. (ISBN no disponibbele)
  • A. Spagnolo, Nuovo annuario di terra d'Otranto, Galatina, Congedo, 1957. (ISBN no disponibbele)

Voci correlate[cangecange 'a sorgende]

Altri progetti[cangecange 'a sorgende]

  • Collabora a Commons Wikimedia Commons tène file multimediali su Brinnese
  • Collabora a Wikinotizie Wikinotizie tène notizie di attualità su Brinnese
  • Collabora al Wikizionario Wikizionario tène la voce di dizionario «Brinnese»
  • Collabora a Wikiquote Wikiquote tène citazioni su Brinnese
  • Template:Brindisi

    Template:Città romane della Regio II Apulia et Calabria Template:Via Appia Template:Via Traiana Template:Via Francigena

    Controllo di autoritàVIAF: (EN128947352 · LCCN: (ENn82028276 · GND: (DE4080536-0 · BNF: (FRcb12218493v (data)
    • Puglia Portale Puglia: accede a le vôsce de Uicchipedia ca trattane de Puglia