Orie

Da Uicchipèdie, 'a 'ngeclopedije lìbbere.
Zumbe sus 'a navigazzione Zumbe sus 'a recerche
bussole Note disambiggue – ce stè cirche Orie (disambigua), 'ndruche Orie (disambigua).
Orie
comune
Orie – Stemma Orie – Bandiera
Viste de Orie

Viste de Orie

Localizzazione
StateBandiera de l'Itaglie Itaglie
ReggioneCoat of Arms of Apulia.svg Pugghie
Provinge20px Brinnese
Amministrazione
SinnacheMarije Lucie Carone (liste civiche) dal 25-6-2018
Territorie
Coordinate40°30′N 17°38′E / 40.5°N 17.633333°E40.5; 17.633333 (Orie)Coordinate: 40°30′N 17°38′E / 40.5°N 17.633333°E40.5; 17.633333 (Orie)
Altitudine166 m s.l.m.
Superficie83,67 km²
Crestiàne14 728[1] (31-12-2020)
Denzetà176,02 ab./km²
Comune 'nzeccateErchie, Frangaville Fundane, Latiane, Mandurie (TA), Mesagne, Torre Sanda Susanne
Otre 'mbormaziune
Cod. postale72024
Prefisse0831
Fuse orarieUTC+1
Codice ISTAT074011
Cod. catastaleG098
TargheBR
Cl. sismicazone 4 (sismicità molto vasce)
Cl. climatica1328
Nome abitantioritane
PatronoSan Barsanofie (patrone prengepàle) - Sande Medice (compatrune)
Sciurne festive30 aguste San Barsanofie - quinde sciuvedìe apprisse Pasche Santi Medici
Cartografije
Mappa di localizzazione: Itaglie
Orie
Orie
Posizione d'u comune de Orie jndr'à provinge de Brinnese

Posizione d'u comune de Orie jndr'à provinge de Brinnese

Site istituzionale

Orie (jndr'à 'u tagliàne Oria) jè 'nu comune tagliàne de 14 728 crestiane[2] d'a Provinge de Brinnese jndr'à Pugghie.

Se iacchie jndr'à 'u territorie collinare jndr'à 'u Salende settendrionale, tène 'nzediaminde umane ggià jndr'à 'u Neoliteche cumme testimoniane le iacchiaminde rupestre vecine 'a grotte de Sand'Anne. Seconde Erodoto ha state funnate da le Cretese cu 'u nome de Hyria, ha state, seconde Strabbone sede d'u basileum[3] e pò capitale politeche de le Messapi[4].

Jndr'à 'u I sechele n.C. devendò municipium romanum ca batteve probbie monete. 'A cetate jè famose pa ricchezze archeologgeca soje, pu cendre storeche de 'mbronde medievale ricche de viuzzole e scaline, pu Castelle Sveve de Federiche II a forme de vascelle, pa fiorende comunitate ebbraiche attive pe tutte 'u I sechele a.C. Da 'a fine d'u XVI sechele jè sede da Diocesi de Orie.

Sciugrafije fiseche[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Sciugrafije d'a Pugghie.

Territorie[cangecange 'a sorgende]

Vedure da nord, 'mbrà le cambe de grane e le ulive

'A cetate se iacchie sus a le alture de 'nu cordone collinare de andiche dune fossile[5] jndr'à 'u nord Salende, ca le donne 'na posizione dominande sus 'a circostanze pianure salendine. 'A iertezze massime de metre s.l.m., ste a 'u Colle d'u Vaglie addò ste costruite 'u castelle. Jè percorse da l'andiche Vie Appie 'mbrà Brinnese e Tarde e ste lundane 35 km da Tarde, 32 km da Brinnese e 45 km da Lecce.

Idrografije[cangecange 'a sorgende]

'U Canale Reale jndr'à 'u territorie de Orie

'U territorie, respette a quidde de le comune 'nzeccate, jè da sembre 'nderessate da fenomene sorgendizie e de ruscellamedne superficiale. Stonne de le corse d'acque soprattutte staggionale, le prengepàle sò 'u "canale Pezza de l'abbate" e 'u Canale Reale, totte e doje iessene 'nfatte da de le risorgive ca stonne a le margene de le colline; a vonne soprattutte verse sud, sckaffannese jndr'à 'u terrene e condinuanne 'u percorse lore sottoterre jndr'à le arèe carseche, 'a cchiù 'mbortande de le quale, ste vecine a 'u sanduarije de San Cosime a 'a Macchie, in contrade Case Granne, è canusciute localmende cumme La Vora; no ge se esclude ca 'u percorse sotterranèe pò pigghià le acque addirittture in direzione de le coste d'u mare Ionio, lundane quacche chilometre.

Jndr'à vanne settendrionale d'u territorie d'u comune passe pe 'nu stuèzze piccinne 'u famose Cnaale Reale ca nasce a Ville Castidde e iesse jndr'à 'u mare Adriateche vecine 'a Reserve naturale state Torre Guaceto. Jndr'à l'agre atturne 'a cetate, jè da sembre numerose ìa presenze de pozzere d'acqua doce; specie jndr'à pianure settendrionale, addò le acque piovane attraversane le strate superficiale d'u terrene, jndr'à pianure a sud d'a cetate, l'assenze de strate argillose e l'affioramende in superficie de terrene calcarèe, permeabbele, carresce le acque a 'na profonnetà maggiore.

Clime[cangecange 'a sorgende]

'A cetate ave 'nu tipeche clime mediterranèe, cu staggiune cavede e 'nverne mite, ma non ge sò rare le fenomene de gele de notte e sciurnate addò 'a temberature non ge supranesce le 6-7 grade (pe colpe de l'influenze de arie fredde ca avène da le Balcane), accussì cumme d'a staggione 'a temberature, pe colpe d'u viende de scerocche, arrive 'nzigne a 39-40 grade jndr'à le ore cchiù cavede d'u sciurne.


Mese Mise Staggiune Anne
Sce Feb Mar Abb Mas Sci Lug Agu Set Ott Nov Dec Inv Pri Est Aut

Storie[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Storie de Orie.
Cerameche Messapeche, Cendre documentazione messapeche - Orie
Orie cumme ere jndr'à 'u 1642
Ritratte de l'umaniste Giuanne Bernardine Bonifacio Duche de Orie

'A funnazione d'a cetate, seconde Erodote, avvenìe quanne 'nu gruppe de cretese naufragò lunghe le coste salendine non lundane da Orie. Le cretese, scacchiarene 'u colle cchiù ierte pe accumenzà 'a costruzione d'a cetate da addò putevane condrollà bbuène 'u territorie atturne. Scacchiarene cumme nome d'a cetate Hyria e quinde, siccome assaije vote le andiche colone grecie ausavane 'nu nome simile a quidde d'a cetate da addò avenèvane, alore se penze ca avenèvane da 'a cetate beote de Yrìa.[6]

Durande l'VIII sechele n.C. Orie accumenze l'evoluziona soje da javetate "sparse" a cetate vere e probbie: 'nfatte se avìe 'na congendrazione, probbabbilmende, de capanne sus a 'u colle cchiù ierte d'a cetate.

Pò devendò 'a capetale politeche d'a confederazione messapeche[7], avenne rapporte sie cu l'otre cendre messapece ca cu le cetate magno-greche. De inderesse particolare resulte 'u rapporte cu 'a vicine e putende cetate de Tarde, cu 'a quale 'u rapporte non ere certe 'mbrà le cchiù pacifece, pure ce stavane periode de forte scambie culturale e commerciale.

'A revaletà de le Messape cu Tarde arrevò a l'apice jndr'à 'u 473 n.C. quanne le Tarandine, aunite a le Reggine se scundrarene cu le Messape. Stu conflitte spicciò cu l'indebbolimende de le Messape e de le Taradine. Jndr'à 'u 272 n.C. Tarde e 'nu picche apprisse le Messape spicciarene sotte a sfere d'influenze de Rome; Orie non ge perdìe però l'imbortanza soje. Jndr'à 'u 88 n.C. devendò municipie romane.

'Mbrà l'VIII e'u X sechele, 'a cetate raggiungìe 'u massime splendore culturale. 'U prestigge sue jè dovute a le scole d'a communitate ebbraica soje[8]. 'Mbrà le maestre cchiù famose de Orie, Amittai[9], 'u nepote Amittai ben Shefatiah[10] e 'u mediche Shabbetai Donnolo[11] Donnolo, grazie a 'u sapere e 'a perizia soje non comune, andicipe l'archiatre, fegure tipeche d'u vasce Medioeve[12].

Amittai, Shefatiah, Amittai ben Shefatiah, Shabbatai ben Abraham Donnolo e Ahimāz ben Paltiel onne fatte 'na bella mole de fonde utile a 'a recostruzione d'u penziere mistiche, d'a filosofije e d'a mendalità ebbraiche 'mbrà 'u IX e X sechele[13]. 'A presenze ebbraiche favorì le commerce cu l'Imamate fatimide, avenne avute condatte cu le lore correliggionare eggiziane e nordafricane jndr'à Sicilie.[14]

Cchiù nnande 'a cetate ha state 'nu territorie de transizione 'mbrà Bizzandine e Longobbarde[15] vecine a 'u cendre javetate s'avere acchià l'accussìditte limitone de le grecie; 'na sorte de confine 'mbrà territorie longobbarde e bizzandine.

Jndr'à 'u corse d'u IX-X sechele ha state assaije vote bersaglie de le Saracine, ca saccheggiarene e squasciarene cchiù vote 'a cetate. 'U 'mberatore Ludoviche II jndr'à 'u 867 sciè a Orie pe libberarle da le saracine, ca jndr'à 'u 847 averene costituite l'emirate de Bare. Ma le attacche non ge spicciarene; jndr'à 'u 924 le saracine metterene a firre e fuèche 'a cetate e facerene 'nu sacche de muèrte.

Palie de Orie, fote d'u Tornèe de le riune

Jndr'à l'XI sechele arrevò l'ascese de le Normanne: jndr'à 'u 1062 avenìe conguistate da Umfredo d'Altavilla. Federiche II espropriò e allariò, partenne da 'u 1225 'a fortificazione normanne, stabbilende l'obblighe pe nobbile, possidende, ecclesiastece e comunitate sie urbane ca rurale de condrebbuì a 'a manutenzione d'u castelle de Orie[16]. 'A cetate se ribbellò a Manfredi, subbìe l'ennesime assedie ma avenìe libberate subbete grazie pure a l'eroiche Tommase d'Orie.

Sotte a 'u dominie de le Angioine 'a cetate subbìe 'n'otre assedie, jndr'à 'u 1433 avenìe saccheggiate da 'u condottiere Giacome Caldora. Devendò pò feude de le Orsini D'u Balzo.

stele ebbraiche

A le soglie d'u 1500 'a cetate subbìe otre assedie angore; famose l'aspre resistenze condre a le spagnule ca assediavane 'a cetate, salvate seconde 'a leggende da 'u patrone San Barsanofie e da 'u valore de tutte le cetadine.

Da stu mumende 'a cetate avenìe 'nfeudate a diverse famigghie: jndr'à 'u 1572 San Carle Borromeo vennìe 'u feude a 'u vescove de Cassane; pe pò passà a le Imperiali de origgene genovese.

Apprisse 'u XVI sechele accumenzò pure 'nu decline lende de l'andiche cetate, soprattutte a cause d'u sveluppe d'u borghe de Frangaville Fundane. Jndr'à 'u corse d'u Setteciende a cure d'u Pringipe Mechele Imperiali, Marchese de Orie e Pringipe de Frangaville, avenèrene restaurate de le monuminde d'a cetate[17], 'mbrà le quale Porte Manfredi.

Jndr'à seconde metà d'u Uetteciende, nonostande 'a propagande post-aunitarie, non ge mangarene a Orie voce condrastande l'aunità: pe cità sulamende 'n'esembie jndr'à le atte de polizie condre associaziune e atte condre a 'u State, figurarene parole oltraggiande 'a persone d'u Rre in case de Luigge Lomardi. Asserene atte de presunde riunione sovversive addò parteciparene cetadine oritane e de le pajese 'nzeccate. 'U 21 settemmre 1897, 'a cetate avenìe 'nvestite da 'nu putende ciclone ca danneggiò gran parte de le monuminde andiche[18].

Durande le uerre mundiale 'u comune ave versate 'u condrebbute sue a 'a Patrie: onne state assaije le oritane muèrte combattenne.

Simbole[cangecange 'a sorgende]

'U stemme de Orie jè a 'u colle verde d'azzurre a le lione d'ore coronate affrondate, a'u castelle d'ore, merlate, turrite de ttre e finestrate de gnure, sovrastate da 'u serpende de verde e da 'a colombe volande d'argende ca tène 'nu rame d'ulive a 'u naturale.

Presse 'a chiesere de San Frangische de Paole ste 'na statue quattrecendesche d'u patrone de Orie, San Barsanofie, ca tène in màne 'na riproduzione de stu stemme. Quinde 'u stemme cetadine ere ausate almene da stu periode, quiste non ge esclude ca ha state ausate pure precedendemende ma non ge sapime 'u mode de stu ause, jndr'àogne case a osce a die 'a raffigurazione cchiù andiche rumane queste. 'U lione e 'u serpende erane presende pure jndr'à 'nu mosaiche andiche ca raffigure 'nu lione ca avere 'mbrà le fauce 'nu serpende, signalate jndr'à 'u XIX sechele presende jndr'à 'u palazze vescovile ca osce a die ha sciute perdute o comungue non ge se ne ave cchiù notizie.

Onorificenze[cangecange 'a sorgende]

Cu decrete d'a Presidenze d'u Conziglie de le ministre d'u 1 ottommre 1951, a Orie ha state conferite 'u titole de cetate pe recanuscemende d'a storia soje plurimillenarie.

Da 'u 2012 'a cetate jè Bandiere Arangione, prestiggiose recanuscimende d'u Touring Club Italiano.

Monuminde e luèche de inderesse[cangecange 'a sorgende]

Architetture Militare[cangecange 'a sorgende]

Castelle Sveve de Federiche II de Svevie[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Castelle de Orie.
Paolo Monti - Servizio fotografico (Oria, 1970) - BEIC 6332742.jpg

Conziderate 'a 'mbortanze strateggeche d'u territorie de Orie (ca divideve spesse cu diverse sfumature de dominie, le territorie bizzandine e chidde de le gote), pure senze prove archeologgeche se adda penzà l'esistenze de 'nu prime nuclèe fortificate ggià jndr'à l'età medievale. Cchiù nnande (XI sechele), ha state 'na certa forme de defese/condrolle d'u javetate e d'u territorie effettuate da le normanne ca infeudarene 'a cetate. 'Nu sacche de cangiaminde onne state fatte sus a 'u maniere jndr'à l'età federiciane (1225-1227), a 'u punde ca generalmende avenìe chiamate "castelle sveve"; de le fonde locale volene ca 'u stesse Stupor mundi 'nzippò 'u castelle, in realtà jè cchiù realisteche penzà ca Federiche II 'u llariò e 'u cangiò.

Otre cangiaminde 'mbortande onne state fatte jndr'à 'u periode angioine, alle quale vonne referite le torre celindreche ditte "d'u Zumbe" e d'u "Cavagliere". 'U mastie origgenarie normanne-sveve avenìe riadattate, cumme totte 'a strutture, pure jndr'à 'u XV-XVI sechele adattannele a le nove esiggenze difensive, nate cu l'adozione de le arme da fuèche, e mettenne 'nu sacche de cannoniere ancore 'ndrucabbele osce a die. 'Nfine ha state oggette de 'ndegraziune, restaure e recostruziune 'mbrà 'u Uetteciende e 'u Noveciende: jndr'à 'u 1897 'u castelle avenìe sbunnate da 'u ciclone ca 'nvestì 'a cetate.

'Nu sbuènne de vote 'u castelle ave duvute resistere a assedie, cumme quidde de Manfredi, o a le assalte de Giacome Caldora (1433) e de Pitre de Paz (1504) ca non ge riuscìe a pigghià 'a rocche.

'U castelle ha state pure luèche accogleinde pe Rre, Pringipe e cavaglire; oltre a le invitate pu 'nzuramende de Federiche II, arrecurdame ca onne state 'a reggine Marije d'Enghien (1407), 'u spose sue Ladislao Rre de Napule (1414), 'a Pringipesse Isabbelle de Chiaromonde e 'u Rre Ferrande d'Aragone (1447); 'nu fatte 'mbortande assaije pe l'epoche jè 'a partenze de Alfonze II da Orie pe libberà Otrande da le turche jndr'à 'u 1480.

Pure jndr'à tiembe cchiù recende ha state mete de personalità e studiuse tagliàne e furastire cumme: Marije Josè de Savoie, Margaret d'Inghilterre, 'u cardinale Eugène Tisserant, pringipe de case d'Asburghe, Theodor Mommsen, Paul Bourget, Ferdinand Gregorovius e otre angore.

'U 15 decemmre 1933 'u Comune vennìe 'u Castelle a 'a famigghie Martini Carissimo, avenne in cambie Palazze martini, pò ausate cumme Sede Municipale. Le Martini Carissimo restaurarene 'u Castelle cu l'aijute de l'architette Ceschi. In conziderazione d'u sforze fatte da 'a famigghie, 'u Rre d'Itaglie Vittorie Emanuele III, conferì a sta famigghie 'u titole de Conde de Castel d'Orie.

'U Castelle, dichiarate Monumende Nazionale, ha state vennute 'u 2 luglie 2007 a 'a suggettate Borgo Ducale srl per 7.750.000 euro.

Porte de le Ebbrèe[cangecange 'a sorgende]

Canusciute pure cumme Porte Tarde purcé da aqquà se sceve verse 'a cetate ioniche, jè une de le tre porte d'a cetate (une de le quale non ge ste cchiù). 'A porte, ca carresce a 'a giudecche d'a comunitate ebbraiche de Orie, dèje accesse a 'nu quartiere medievale tortuose, de case piccele, puteje, balcongine scunnute.

Rrete 'a porte de le Ebbrè, jndr'à chiazze Shabbetai Donnolo, se sveluppave 'a comunitate ebbraiche fiorende, canusciute jndr'à tutte 'u Mediterranèe medievale, ca arrevò a 'u massime splendore durande 'u IX sechele. A 'u cendre d'a volte acchiame 'nu scude araldeche de petre cu 'u stemme ca no se 'ndruche cchiù, a le late doje stemme cchiù piccele ca raffegurane le embleme d'a cetate. Sus se iacchie 'a statue d'a 'Mmaculate.

Porte Manfredi[cangecange 'a sorgende]

Jè dette pure Porte Lecce o de le spagnule purcé da aqquà traserene le spagnule apprisse 'nu lunghe assedie. 'A forme de osce a die d'a porte l'ha fatte Mechele III Imperiali, ca probbabbilmende cangiò o costruì 'na porte ca stave apprime.

Tenève ttre statue da sus, doje scettate 'nderre da 'u ciclone d'u 1897 e 'a terze luate jndr'à 'u 1958 purcé pericolande. Stavane 3 stemme, probbabbilmende d'a porte d'apprime, ne ave rumane sule une, quidde de Orie pure ce ste in pessime condiziune.

Torre Palomba[cangecange 'a sorgende]

'A torre "Palomba" jè 'na torre cilindreche ca se iacchie a le spalle d'a basiliche cattedrale; jè 'nu probbabbile reste d'a fortificazione messapeche, pure ca pa condinuità soje 'nzigne a osce a die e 'a posiziona cendrale soje jè assaije probbabbile ca avenìe cangiate e ausate pure jndr'à le periode successive; jè chiamate pure "carnara" purcé 'nzigne a 'u XVIII sechele servìe cumme ossarie.

Architetture releggiose[cangecange 'a sorgende]

Basiliche cattedrale[cangecange 'a sorgende]

'A basiliche cattedrale
Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Basiliche cattedrale de Orie.

'A cattedrale de osce a die ha state vulute da 'u vescove Castrese Scaja, ca jndr'à 'u 1750 ordenò 'u scuffulamende d' achiesere medievale ('nzippate jndr'à prime metà d'u XIII sechele) e facìe costruì 'a cattedrale nove de guste barocche; a vota soje probbabbilmende 'a strutture medievale se puggiave sus a 'nu tembie pagane.

Durande 'u 'nzippamende d'a cattedrale barocche, sus a 'u pruggette de l'architette napuletane Giustine Lombardi, doje culonne de marme avenèrene accattate pe 8000 ducate da 'u Rre de Napule pe abbellì 'a cappelle d'a Reggie de Caserte e finanzià 'u pruggette nuève. 'A facciate jè de carpare locale.

Jndr'à le urteme fatìe de restaure de l'edificie sacre onne assute fore 'a cripte de le Vescove (sotte a'u presbiterie), ossarie e 'nu ipogèe larie addò mò ste 'nu presepe permanende. Da 'u 1992 'a cattedrale jè pure basiliche.

Chiesere de San Dumineche[cangecange 'a sorgende]

Chiesere de San Dumineche

'A chiesere de San Dumineche resale a 'u 1572 (proggettate da l'architette Saverio Amodio) e avenìe 'zippate da le attane duminecane ca arrevarene jndr'à cetate jndr'à 'u 1282, chiazzannese jndr'à l'andiche Calogerate de San Basiglie, jndre le mure cetadine.

'A chiesere de osce a die, avìe le megghie aggiustamiende jndr'à 'u XVIII sechele. 'U 'nderne jè 'a croce latine cu preggevole altare barocche seicendesche de scole leccese. Stonne pure de le tele de valore, soprattutte quedde de San Dumineche, titolare d'a chiesere. Jndr'à 'u convende 'nzeccate, acchiame 'nu chiostre. 'A chiesere devendò parrocchie 'u 22 aguste 1947 da l'amministratore apostoleche d'a diocesi, Ferdinande Bernardi.

Chiesere de San Frangische de Paole[cangecange 'a sorgende]

'A Chiesere de San Frangische de Paole avenìe fatte jndr'à 'u 1580 'nzieme a 'u convende 'nzeccate, tène 'n'orte, cumme se 'ndruche da certe carte d'a cetate d'u '600, cumme quedde d'u Centonze.

'A chiesere de osce a die se sveluppe sus 'a cripte de San Barsanofie addò se stipe 'u sacelle ca, da 'u 890 a 'u 1170, stipò le reliquie d'u patrone. Questa chiesa risulta ancora oggi molto importante: qui i nuovi vescovi indossano i paramenti sacri prima di entrare in città; infatti la chiesa si trova appena fuori le mura molto vicina alla porta degli ebrei. All'interno è di particolar pregio la statua in pietra del santo patrono, e una di Madonna con Bambino entrambe del XV secolo. Sono inoltre presenti pregevoli altorilievi raffiguranti scene del presepe e alcune tele. All'esterno incastonato nella parete della chiesa troviamo materiale di reimpiego medievale. Annesso si trova il Convento dei frati minimi paolotti. Fu eretta parrocchia il 1º ottobre 1976 dal vescovo Alberico Semeraro.

Chiesa di San Giovanni Battista[cangecange 'a sorgende]

Chiesa di San Giovanni Battista

La chiesa e il monastero furono eretti per volere della baronessa Filippa di Cosenza nel XIV secolo. Lo stemma sulla facciata, raffigurante un leone rampante, sovrastato da una tiara papale, riproduce l'arma di papa Paolo II. All'interno sono presenti numerose pitture murali medievali, raffiguranti santi, seppur in pessimo stato; in una di tali pitture si riconoscono san Benedetto e san Barsanofio. L'originaria costruzione romanica fu inglobata in un grande complesso barocco qual era il monastero dei padri celestini, edificato nel XVII secolo. Nel 1912 il monastero dei Celestini fu abbattuto per dare spazio all'attuale scuola elementare "Edmondo De Amicis". Quasi contemporaneamente fu abbattuto un portico di sedici archi antistante alla chiesa: secondo la tradizione qui avveniva il "Ballo di San Giovanni", che si svolgeva nella notte tra il 23 ed il 24 giugno cui conveniva tutta la popolazione del circondario; tale usanza fu vietata nel XVI secolo sotto il marchesato dei Borromeo, in quanto ritenuta immorale. Oggi rimane solo la chiesa, che attualmente non è adibita al culto, venendo utilizzata come auditorium o come spazio espositivo (negli ultimi anni durante il periodo estivo ha ospitato la mostra dei Palii del Torneo dei Rioni), secondo i bisogni della parrocchia della basilica cattedrale, che ne è proprietaria.

Chiesa e monastero di San Benedetto[cangecange 'a sorgende]

Chiesa di San Benedetto

L'attuale chiesa, dedicata a Maria Santissima del Ponte, risale al 1850. L'annesso monastero delle Benedettine della Congregazione Cassinese è occupato dall'orfanotrofio Antoniano Femminile e venne costruito nel XVII secolo sull'area del monastero molto più antico di San Barbato fatto erigere nel 1123 dalla principessa normanna Costanza d'Altavilla.

Chiesa San Francesco d'Assisi[cangecange 'a sorgende]

Chiesa di San Francesco d'Assisi

La chiesa di San Francesco d'Assisi secondo la tradizione popolare ricorda il passaggio da Oria del santo d'Assisi. L'attuale costruzione è di periodo barocco, coeva della cattedrale. In origine doveva essere una chiesetta basiliana, dedicata alla Madonna di Costantinopoli. Intorno al 1219 nei pressi di quella chiesetta basiliana fu fondato un cenobio dallo stesso san Francesco d'Assisi, di ritorno dalla Palestina. Nel XV secolo la chiesa, con l'annesso convento francescano, venne ricostruita dal principe Giovanni Antonio Del Balzo Orsini, per poi essere nuovamente rifatta nel XVIII secolo. All'interno si conservano le reliquie del beato Francesco da Durazzo (antico protettore di Oria che si festeggiava nella domenica in Albis) e una Pietà litica del XV secolo che era conservata nella chiesetta rupestre della Madonna di Gallana. Sul fianco delle chiesa si trova il cenotafio del principe Giovanni Antonio Del Balzo Orsini, che edificò la chiesa quattrocentesca (prima dell'attuale barocca). Ospita il Premio Letterario Internazionale 'Il Pozzo e l'Arancio', nato nel 2005. Fu eretta parrocchia il 22 agosto 1947 dall'amministratore apostolico Ferdinando Bernardi. È stata ristrutturata negli anni cinquanta e nel 2004-2005, quando sono stati riportati alla luce resti della chiesa quattrocentesca.

Chiesetta Santa Maria al Tempio[cangecange 'a sorgende]

Tra le numerose chiesette sparse nel centro cittadino, ricordiamo quella di Santa Maria al Tempio. Alcuni studiosi la vogliono di fondazione templare, dato il nome della piccola chiesa, che nei documenti più antichi è indicata come Santa Maria del Tempio. Quel che è certo è che essa fu costruita nel 1489 dal canonico Domenico Ferrara, a sue spese, come si ricava da un'iscrizione presente all'interno dell'edificio. Si ha notizia della chiesa di Santa Maria del Tempio nel 1542 in occasione di un matrimonio in essa celebrato. Viene ricordata anche nelle visite pastorali, a partire da quella del vescovo Bovio del 1565. Nel 1827 troviamo la chiesa di Santa Maria al Tempio appartenente al Capitolo della cattedrale di Oria, e aperta al pubblico; dopodiché passò al Fondo per il Culto.

Cripta di San Mauro[cangecange 'a sorgende]

Chiesa di Sant'Antonio da Padova

La cripta di San Mauro è attualmente localizzata al di sotto dell'altare del santuario di Sant'Antonio da Padova. Il luogo di culto fu probabilmente utilizzato in un primo momento (alto Medioevo) dai monaci basiliani officianti con rito greco, e poi con la conquista normanna - avvenuta nel 1055 - fu utilizzato dai monaci benedettini. I monaci basiliani dedicarono l'edificio a san Basilio e in seguito i benedettini lo dedicarono a san Mauro[non chiaro]. Dimenticata, fu riscoperta da un pastorello nel 1660 e subito il canonico oritano Lucio Riccardia volle edificarvi sopra una chiesa tra il 1664 e il 1665. Nel corso del XVII secolo fu poi utilizzata oltre che come luogo di culto e come ossario dai frati Alcantarini che avevano preso possesso della chiesa soprastante e dell'annesso monastero nel 1758. Nel 1761 gli Alcantarini iniziarono la costruzione del convento, ultimato nel 1783. In conseguenza alle leggi emanate da Vittorio Emanuele II, nel 1866 il convento venne chiuso e incamerato dallo Stato. Usato come deposito agricolo, venne acquisito da Padre Annibale Maria di Francia e dai Rogazionisti, che tutt'ora lo gestiscono. Nel 1940 la chiesa è stata consacrata a Sant'Antonio da Padova ed è nota anche come "di San Pasquale", per via della devozione degli Alcantarini a San Pasquale Baylon. La forma della cripta è rettangolare. All'interno, seppur in pessime condizioni, sono ancora visibili alcuni affreschi: quello centrale rappresenta san Mauro, alla destra vi è la cosiddetta Madonna del Melograno, di ottima fattura, mentre a sinistra vi è un affresco più piccolo che raffigura il Cristo coronato di spine, la Madonna di Costantinopoli e san Giuseppe. La chiesa da cui è sormontato il santuario presenta una facciata in stile tardo barocco e un interno spartito su tre navate con volte a crociera. La navata centrale è collegata alle due laterali attraverso cinque arcate e nell'abside è posta una statua di Sant'Antonio sotto il catino absidale, sorretto da un colonnato. Gli altari della navata destra sono dedicati a San Michele Arcangelo, all'Addolorata, a San Maura (con statua lignea del XVII secolo) e all'Immacolata; mentre nella navata sinistra a Sant'Annibale Maria di Francia, a Santa Teresa di Lisieux, a Padre Pio, a San Giuseppe e al Cuore di Gesù. All'entrata, invece, nelle nicchie a sinistra e a destra si trovano le statue lignee del XVII secolo di San Pietro d'Alcantara e San Pasquale Baylon. Sull'ingresso è situato un grande coro sufficiente ad ospitare tutti i frati. Dal 1922 furono realizzate numerose modifiche, quali: il cambio del finestrone sulla facciata con un rosone, l'abbassamento di un metro circa del pavimento, l'apertura delle navate laterali, il nuovo abside sostenuto da sei colonne e la trasformazione del coro in cantoria, con l'attuale organo a canne. La nuova chiesa venne inaugurata il 6 ottobre 1932, anche se certi lavori continuarono negli anni successivi.[19][20]

Santuario di San Cosimo[cangecange 'a sorgende]

Il santuario di San Cosimo alla Macchia è sito a circa 5 km dalla città di Oria. È un importante centro cultuale legato ai Santi Medici, compatroni di Oria, e la cui importanza valica i "confini" del Salento. Il santuario attuale fortemente ristrutturato nel corso del Novecento e degli ultimi anni (la facciata del santuario porta la data del 1900), in realtà ha probabilmente inizio nel corso nel IX secolo quando era presente una piccola chiesa di monaci basiliani. Un cimitero medievale risalente a tale periodo è stato messo in evidenza sotto parte dell'ala ovest dell'attuale chiesa. Edificio probabilmente connessa ad un villaggio o casale medievale (oggi scomparso), così come appare nelle guide topografiche e archeologiche. Dal XVIII secolo ad oggi il complesso è stato interessato da forti modifiche, che rendono ormai invisibile la conformazione originale del santuario. Connessa al santuario è presenta un musei con gli ex voto dei fedeli. Tale santuario è rivestito di tale importanza poiché in Oria risiedono numerose reliquie dei Santi Medici. Solenni festeggiamenti sono previsti ogni anno il quinto giovedì dopo Pasqua, durante le cosiddette 'Pirdunanzi'. Interessante la presenza del museo etnografico, il primo, per numero di oggetti conservati, dell'Italia Meridionale.

Chiesa Madonna di Gallana[cangecange 'a sorgende]

Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di Santa Maria di Gallana.

Tale chiesetta è situata a circa 5 km dalla città in direzione Latiano lungo l'antico percorso della via Appia. Probabilmente tale chiesa era già presente durante il periodo tardo-antico, al suo interno inciso su un muro è stato trovato un antico gioco romano. Nel periodo medievale le fonti citano il casale dove sorge la chiesa come Gallano. I racconti della chiesa si fondono tra storia e leggenda. Una leggenda riferisce che la chiesa fu fondata da tale Galerana moglie di Carlo Magno e consacrata da ben 22 vescovi tra cui San Turpino; un'altra leggenda narra che una moglie devota pregasse qui il ritorno del marito partito per le crociate. Caratteristica architettonica della chiesa è la presenza di due cupole in asse, elemento che ne colloca la costruzione nel periodo altomedievale. Ospita interessanti affreschi, tra cui una Deesis raffigurante Cristo Pantocratore presente sul catino dell'abside, nonché una Annunciazione, probabilmente parte di un ciclo di affreschi riguardanti la Madonna.

Chiesa Madonna della Scala[cangecange 'a sorgende]

Altra importante chiesa rupestre è quella della Madonna della Scala; insediamento altomedievale (molto prima dell'anno 1000) è situata a 3 km da Oria sulla via vecchia per Manduria sull'area di un antico casale rupestre del quale faceva parte l'eremo basiliano di Sant'Ustino (Sant'Agostino o San Giustino). La datazione anche qui è incerta ma alcuni elementi riconducono l'edificio sacro al XIII-XIV secolo. All'interno sono presenti affreschi dell'Apocalisse e il dipinto di fattura locale della Madonna della Scala.

Chiesa di San Lorenzo[cangecange 'a sorgende]

L'aspetto attuale risale al XVII secolo ma esisteva una chiesetta di età precedente la cui intitolazione risultava alla Madonna delle Grazie. All'interno è conservata una tela raffigurante una Madonna con Bambino e l'effigie del santo romano Lorenzo martirizzato su una graticola. Secondo la tradizione da qui il vescovo che doveva prendere "possesso" della diocesi oritana, partiva su un cavallo bianco per entrare nelle mura cittadine, non prima di essersi fermato nella cripta di san Barsanofio (dove sorge l'attuale chiesa di San Francesco di Paola). Annesso vi è un piccolo monastero che ha ospitato anche un'esigua comunità monastica.

Altre chiese[cangecange 'a sorgende]

Chiesa di San Barsanofio
Chiesetta di Santa Lucia
  • Chiesa di San Barsanofio
  • Chiesetta di Santa Lucia

Architetture civili[cangecange 'a sorgende]

Piazza Lama

Il Sedile[cangecange 'a sorgende]

Il Sedile si trova in piazza Manfredi, edificato intorno al 1700 da Michele III Imperiali, è un tipico esempio di eleganza in stile barocco. Ha una pianta quadrata e sulla sommità porta le statue dell'antico feudatario san Carlo Borromeo e del patrono san Barsanofio. Anticamente fu sede dei Decurioni e Seggio dei Nobili mentre attualmente è info point turistico.

Palazzo Martini

Palazzo Martini, situato nel cuore del centro storico di Oria, sullo spiazzo popolarmente denominato "sobbr'a Santa Croci", in riferimento all'antica presenza della Chiesa dedicata alla Santa Croce di Gerusalemme fatta edificare - di fronte all'attuale Palazzo Martini - dal potente abate gesuita oritano Nicola Carbone, confessore della Regina di Spagna nel 1770. Il palazzo è un classico esempio dell'architettura barocca del XVIII secolo. Nella parte alta dell'edificio è presente lo stemma della città, infatti ha ospitato il Comune fino al 1985. Oggi è utilizzato per mostre ed incontri ufficiali; inoltre attualmente ospita il museo e Centro di documentazione messapica

Palazzo vescovile

Il palazzo vescovile, sorge sull'antica acropoli messapica, nel Basileum è stato rinvenuto uno dei più antichi mosaici dell'Europa occidentale datato intorno al V sec. a.C. raffigurante un leone alato, costruito con ciottoli provenienti dalla zona macedone. L'attuale palazzo fu costruito dall'arcivescovo di Oria Gian Carlo Bovio tra il 1564 e il 1570; al suo interno sono presenti elementi architettonici relativi a colonne e capitelli di epoca greca e romana.

Di particolare interesse sono alcune colonne marmoree, una colonna di età classica con una figura di arciere a cavallo, alcuni fregi e particolari architettonici dell'antica chiesa romanica. Inoltre all'interno troviamo pregevoli soffitti affrescati attribuiti a Pellegrino Tibaldi della scuola di Raffaello.

Aree naturali[cangecange 'a sorgende]

Parco Montalbano[cangecange 'a sorgende]

Ai piedi del castello si sviluppa parco Montalbano, sede di numerosi eventi cittadini. Costituito in stile italiano settecentesco. passeggiando lungo il percorso naturalistico è possibile ripercorrere le mura del castello svevo e ammirare il belvedere. Nel parco sono inoltre in cui sono presenti i resti della città bizantina.

Parco Oria-Lorch[cangecange 'a sorgende]

Creato su colle Impisi, sito tra le contrade Frascata e Sottoparabita (ora via Frascata e via Curtatone e Montanara) presenta varietà botaniche tipiche della macchia mediterranea e una zona archeologica con i resti tombali della comunità ebraica del I sec. d.C.

Masserie[cangecange 'a sorgende]

  • Masseria "Minicardo" sita in contrada Minicardo
  • Masseria "Li Pupini" - sita in contrada Pupini
  • Masseria "Terra di Marina" - sita in contrada Terra di Marina
  • Masseria "San Domenico" - sita in contrada Terra di Marina\Camarda
  • Masseria "Casi Cranni" - sita in contrada San Cosimo
  • Masseria "Palombara" - sita in contrada Palombara
  • Masseria "Laurito" - sulla provinciale Francavilla-Manduria

Società[cangecange 'a sorgende]

Evoluzione demografica[cangecange 'a sorgende]

Template:Demografia/Oria

Etnie e minoranze straniere[cangecange 'a sorgende]

Al 31 dicembre 2014 nel territorio comunale si registrava la presenza di 259[21] stranieri regolari (103 maschi e 156 femmine) pari circa all'1,7% della popolazione totale residente. La più grande comunità è di gran lunga quella rumena.

Si riportano le nazionalità più rappresentate:

Religione[cangecange 'a sorgende]

La fede religiosa più diffusa a Oria è quella cristiana cattolica; inoltre la città è sede vescovile della Diocesi di Oria.

Tradizioni e folclore[cangecange 'a sorgende]

Scenni Crištu[cangecange 'a sorgende]

Plurisecolare rito quaresimale, unico nel suo genere, che vede la discesa del settecentesco simulacro di Cristo Morto dall'istituto di San Benedetto alla basilica cattedrale oritana a partire dal primo giovedì di marzo, fino al mercoledì santo, quando Cristo Morto scenderà assieme alle altre statue dei Misteri. Il numero dei giovedì è naturalmente vario, essendo strettamente collegato alla Pasqua che è una festa mobile.[22]

Torneo dei Rioni[cangecange 'a sorgende]

Il palio del 2006 portato in trionfo dai contradaioli del rione Giudea

Template:Senza fonte

Cultura[cangecange 'a sorgende]

Aree archeologiche[cangecange 'a sorgende]

  • Parco archeologico urbano di Piazza Lorch (età messapica)
  • Scavi archeologici in Parco Montalbano - alle pendici del Castello (età messapica e bizantina)
  • Parco archeologico Pasculli - presso il municipio (età messapica)
  • Area archeologica sottostante il sagrato della cattedrale (non visibile)

Biblioteche[cangecange 'a sorgende]

  • Biblioteca e Archivio Comunale "De Pace-Lombardi" - c/o Municipio, via Epitaffio nº1
  • Biblioteca e Archivio Diocesano "Alessandro M. Kalefati" - c/o Palazzo Vescovile, piazza Cattedrale nº9

Musei[cangecange 'a sorgende]

Museo dell'Olio e delle Tradizioni-Frantoio Ipogeo
  • Centro di Documentazione Messapica, presso Palazzo Martini;
  • Collezione "Martini Carissimo", presso il Castello Svevo;
  • Museo Archeologico "Francesco Milizia", presso Biblioteca Comunale;
  • Museo dell'Olio e delle Tradizioni-Frantoio Ipogeo; proprietà privata.
  • Museo Diocesano, presso Palazzo Vescovile;
  • Museo Etnografico Salentino, presso Santuario di San Cosimo alla Macchia. È il più grande museo etnografico dell'Italia Meridionale, contenendo oltre cinquemila oggetti risalenti dal XVII al XX secolo[23].

Economia[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Economia della Puglia.
uva nera da vino

Le principali attività presenti ad Oria per il settore agricolo sono l'olivicoltura (anche biologica), con la produzione di olio d'oliva DOP, la viticoltura e la coltivazione di mandorli, gelsi e altri alberi da frutta.

Il settore industriale, oltre che per gli oleifici e gli stabilimenti vinicoli con impianti di imbottigliamento, si caratterizza per la presenza di aziende di produzione di materiali per l'edilizia, di ebanisteria, di erboristeria e di sartorie industriali.

Infrastrutture e trasporti[cangecange 'a sorgende]

Strade[cangecange 'a sorgende]

Il comune è raggiungibile dalla strada statale 7 Via Appia Brindisi-Taranto.

Ferrovie[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Stazione di Oria.

Oria possiede una stazione sulla ferrovia Taranto-Brindisi.

Amministrazione[cangecange 'a sorgende]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periode Prime cetadine Partite Careche Note
12 agosto 1988 21 aprile 1993 Cosimo Pescatore Partito Socialista Italiano Sinnache [24]
3 novembre 1989 25 ottobre 1991 Cosimo Mazza cattolici democratici Sinnache [24]
25 ottobre 1991 15 settembre 1992 Ferdinando De Pace Partito Socialista Italiano Sinnache [24]
25 giugno 1993 12 maggio 1997 Sergio Giuseppe Ardito Partito Democratico della Sinistra Sinnache [24]
12 maggio 1997 14 maggio 2001 Sergio Giuseppe Ardito Partito Democratico della Sinistra Sinnache [24]
14 maggio 2001 30 maggio 2006 Cosimo Moretto centro-destra Sinnache [24]
30 maggio 2006 13 dicembre 2010 Cosimo Ferretti centro-destra Sinnache [24]
13 dicembre 2010 21 giugno 2011 Maria Rita Iaculli Comm. pref. [24]
13 dicembre 2010 12 gennaio 2011 Michele Albertini Sinnache [24]
19 maggio 2011 20 ottobre 2014 Cosimo Pomarico PD, UDC, libertà e autonomia noi sud, SEL, lista civica: oria e', lista civica: noi centro Sinnache [24]
20 ottobre 2014 21 luglio 2015 Pasqua Erminia Cicoria Comm. straordinario [24]
18 giugno 2015 18 ottobre 2017 Cosimo Ferretti FI, lista civica: regione salento, lista civica: uniti con ferretti sindaco, lista civica: identità e coesione, UDC, FdI-AN Sinnache [24]
19 ottobre 2017 25 giugno 2018 Pasqua Erminia Cicoria Comm. straordinario [24]
26 giugno 2018 Maria Lucia Carone Coalizione liste civiche e UDC Sinnache [24]

Gemellaggi[cangecange 'a sorgende]

Oria è gemellata con:

Note[cangecange 'a sorgende]

  1. Dato Istat - Popolazzione residende a 'u 31 decemmre 2020.
  2. Cite errore: Tag <ref> invalide; nisciune teste ha state date pe le referimende nnomenate template divisione amministrativa-abitanti
  3. Stoico, Felice (2012-11-01). Analisi spaziale in archeologia dei paesaggi: il progetto N.D.S.S. (Northern Daunian Subappennino Survey) . Virtual Archaeology Review 3 (6). DOI:10.4995/var.2012.4441. URL conzultate 'u 2020-01-19.
  4. Trovasalento - Salento Antico - Età dei messapi, su www.trovasalento.it. URL consultato il 19 gennaio 2020.
  5. Mario Del Prete, Le dune infrapleistoceniche di Oria, Università de Putenze
  6. Lorenzo Rocci, Vocabolario greco-italiano. P. 1929. 37ª ed. Roma, 1993.
  7. G. Papatodero, Della fortuna di Oria città in provincia d'Otranto nel regno di Napoli, dal principio della sua fondazione fino ai tempi, ne' quali fu ai romani soggetta, Napule, edizione f.lli Raimondi, 1775.
  8. C. Colafemmina (a cura di),Ahimaaz ben Paltiel, Safer Yuhasin, Cassano Murge, 2001.
  9. B. Ligorio, "Uno Zidduq haDin di Amittai da Oria nel rito funebre degli ebrei romani", jndr'à Yrie: quaderni di studi storici salentini, anne III 2012
  10. I. Fasiori, La scuola poetica ebraica di Oria nel secolo IX: inni per lo shabbat di Amittai ben Shefatiah, prefazione de Cesare Colafemmina, Messaggi ed. Cassano, 2012
  11. P. Mancuso (a cure de), Shabbatai Donnolo, Safer Hackhmoni, Firenze 2009.
  12. G. Lacerenza, "Gli ebrei", jndr'à Umberte Eco (a cure de), Il Medioevo. Barbari, cristiani, musulmani, Encyclomedia Publishers, Melane 2010, p. 251
  13. B. Ligorio, Sapere e Denaro da Shabbatai Donnolo a Federico II, Tarde, 2010.
  14. Moshè Gil, “Shipping in the Mediterranean in the Eleventh Century A.D.”, Journal of the Near-East Studies, 67 (2008), pp. 247-92.
  15. G. D'Amico, La città di Oria nella Longobardia Inferiore, Orie, 1990.
  16. B. Ligorio, Federico II Ebrei, castelli e ordini monastici in Puglia nella prima metà del XIII secolo, prefazione de S. Bernardi, Artebaria ed., Martina Franghe, 2011.
  17. V. Basile, Gli Imperiale in terra d'Otranto: architettura e trasformazioni urbane a Manduria, Francavilla Fontana e Oria tra Template:Sic, Congedo ed., Galatine, 2008.
  18. G. Corrado, Il terribile Ciclone del 21 settembre 1897, Orie 1904.
  19. Santuario di Sant’Antonio da Padova – Oria (Brindisi), su viaggispirituali.it.
  20. Complesso del Santuario di Sant'Antonio da Padova - chiesa, su cartapulia.it.
  21. demo.istat.it, http://demo.istat.it/str2014/index.html.
  22. Tradizioni Popolari: ad Oria “Scenni Crištu”, Oria.Info, 3 marzo 2010. URL consultato il 4 febbraio 2012.
  23. AA.VV. "Museo Etnografico Salentino: 1600-1900", opuscolo illustrativo.
  24. 24,00 24,01 24,02 24,03 24,04 24,05 24,06 24,07 24,08 24,09 24,10 24,11 24,12 24,13 http://amministratori.interno.it/

Bibbliografije[cangecange 'a sorgende]

  • C. Colafemmina, Nozze nella Oria ebraica del IX secolo, Oria 1988.
  • M. Delli Santi - A. Di Summa, Guida di Oria, Lecce 2001.
  • B. Ligorio, Sapere e Denaro, da Shabbatai Donnolo a Federico II, presentazione di S. Bernardi, Taranto 2010.
  • P. Mancuso (a cura di), Shabbatai Donnolo, Safer Hackhmoni, Firenze 2009.
  • L. Neglia, Βαρσανούφιος Gazensis: Prima splendor dell'Asia e poi di Oria, Oria, 2007.
  • B. P. Marsella, Ricordi Storici di Oria Messapica.
  • P. M. Mazza, Oria: arte, storia, cultura e tradizione, Oria 2002.
  • P. Spina, Oria. Strade vecchie, nomi nuovi. Strade nuove, nomi vecchi, Ricerche di toponomastica urbana dal XVI secolo ai giorni nostri, Oria 2004.
  • C. Teofilato, Sui falsi diplomatici di Monsignor Calefati vescovo di Oria, in: Archivio Storico Pugliese, a.5 1952.

Otre pruggette[cangecange 'a sorgende]

Collegaminde fore a Uicchipèdie[cangecange 'a sorgende]


Controllo di autoritàBNF: (FRcb121155561 (data)
  • Pugghie Portale Pugghie: accede a le vôsce de Uicchipedia ca trattane de Pugghie