Màrze

Da Uicchipèdie, 'a 'ngeclopedije lìbbere.
Zumbe a: navighesce, cirche

Màrze ète 'u terze mese de l'anne d'u calendarije gregoriane, ète fatte da 31 sciurne. Stè jndrìà 'u prime stuezze de l'anne civile.

Màrze avene apprise a Febbrare e apprime d'Abbrile.

Muttette[1][cangecange 'a sorgende]

Tarandìne Tagliàne
Quanne marze chiòve tu vattinne fore Quando marzo piove, tu vattene fuori (in campagna)
Marz'è pacce Marzo è pazzo
'Nu mese nnand'abbrile no ddigghìa mai venire! Un mese innanzi aprile non debba mai venire!
Quànne marze vole,
face zumbàre l'ogne a 'u vove
Quando marzo vuole, fa saltare l'unghia al bove
Quànne marze 'ngrogne,
face zumbàre l'ogne
Quando marzo ingrugna,
fa saltare l'unghia
'U sole de marze
tenge cum a ll'àzze
Il sole di marzo
tinge come l'accia (spago di color nero usato per le reti)
Ce 'u sole de marze te vedesse
megghie pe mamma tove ci no t'avesse
Se il sole di marzo ti vedesse
meglio per mamma tua se non t'avesse
De Nuzziàte ogne vvèrm' oz' a càpa Dell'Annunziata ogni verme alza la testa (riferito al 25 marzo, primavera)
Marze chiòva chiòva;
abbrìle fina fina;
magge una è bbòna.
Marzo piove piove;
aprile fina fina;
maggio una e buona.
Marze vendùse 'ngràvete l'àrvule cu lle muse. Marzo ventoso ingravida gli alberi con i musi.

Note[cangecange 'a sorgende]

  1. da Ràdeche vecchie de Gesèppe Cassano, Mandese Editore
Scennàre | Febbrare | Màrze | Abbrìle | Másce | Sciugne | Luglie | Aguste | Settèmmre | Ottommre | Novèmmre | Decèmmre