Andrie

Da Uicchipèdie, 'a 'ngeclopedije lìbbere.
(Riderette da Andria)
Zumbe sus 'a navigazzione Zumbe sus 'a recerche
Nota disambigua.svg Disambiguazzione – Ce ste cirche altri significati, 'ndruche Andrie (disambigua).
Andrie
comune
Andrie – Stemma Andrie – Bandiera
Andria, monumenti.png
Localizzazione
StateBandiera de l'Itaglie Itaglie
ReggioneCoat of Arms of Apulia.svg Pugghie
ProvingeFile:Provincia di Barlette-Andrie-Trane-Stemma.png Barlette-Andrie-Trane
Amministrazione
SinnacheGiovanne Bruno (PD) dal 13-10-2020a
Territorie
Coordinate41°13′54″N 16°18′30″E / 41.231667°N 16.308333°E41.231667; 16.308333 (Andrie)Coordinate: 41°13′54″N 16°18′30″E / 41.231667°N 16.308333°E41.231667; 16.308333 (Andrie)
Altitudine151 m s.l.m.
Superficie402,89 km²
Crestiàne97 116[1] (31-1-2022)
Denzetà241,05 ab./km²
FraziuneCastel d'u Monde, Mondegruèsse, Troianelli, Punde de vosceh spirite, Citulo, Poste de Grotte, Petrone, Le Palombe
Comune 'nzeccateBarlette, Canose de Pugghie, Corate (BA), Minervine Murge, Ruve de Pugghie (BA), Spinazzole, Trane
Otre 'mbormaziune
Cod. postale76123
Prefisse0883
Fuse orarieUTC+1
Codice ISTAT110001
Cod. catastaleA285
TargheBT
Cl. sismicazone 3 (sismicità vasce)
Cl. climatica1377
Nome javetandeandriese
Patronesan Riccarde de Andrie, Madonne de le Miracole
Sciurne festiveterze dumeneche de settemmre
Soprannomecetate de le tre cambanile o cetate federiciane
Cartografije
Mappa di localizzazione: Itaglie
Andrie
Andrie
Posizione d'u comune de Andrie jndr'à pronvinge de Barlette-Andrie-Trane

Posizione d'u comune de Andrie jndr'à pronvinge de Barlette-Andrie-Trane

Site istituzionale

Andrie (jndr'à 'u tagliàne Andria /ˈandrja/ o /ˈandri.a/[2] sinde[?·info], jndr'à 'u dialette andriese Àndrie, [ˈandrjə], o Iàndrie, [ˈjandrjə][3]) jè 'nu comune tagliàne de 97 116 crestiàne[4], capeluèche, 'nzieme a Barlette e Trane, d'a provinge de Barlette-Andrie-Trane, jndr'à Pugghie.

'A cetate[5] ospite ' asede legale e 'u conziglie d'a provinge eppure 'a Questure[6] d'a provinge de Barlette-Andrie-Trane[7].

Simbole d'a cetate jè Castel d'u Monde, ca ste sus a 'na colline a 17  da 'u javetate a 'u 'nderne d'u parche nazionale de l'Alta Murge[8], une de le patrimonie de l'umanità dichiarate da l'UNESCO[9]. Aqquà nasce e avène prodotte 'a burrate de Andrie IGP.[10][11][12]

Sciugrafije fiseche[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Sciugrafije d'a Pugghie.
Murge jndr'à 'u territorie de Andrie e Caste d'u Monde
Tramonde sus a le Murge andriese

Territorie[cangecange 'a sorgende]

'A cetate se iacchie sus a 'u pendie 'nferiore de le Murge, a 151 m s.l.m. e a 10 km da 'u mare Adriateche. Ave 'na superficie de cchiù o mene 403 km²[13], ca signifeche ca jè 'u 18º comune tagliàne pe superficie.

Vecine a' cetate ste 'na forte depressione carseche, o doline chiamate Gurgo[14]. Jndre a 'u Gurgo, stonne 'n sbuènne de grotte ca avenèvane ausate cumme ipoggèe, mendre 'a Grotte d'a Trimogge avenève ausate pu culte mariane[15].

Jndr'à 'u Gurgo 'u micreclime permette 'na diversità varietale de chiande 'mbortande e se pò acchià pure 'u stramonie[16].

'U territorie jè connotate da qucche lame, 'ngisiune paleotorrendizie seccate. 'A lame cchiù 'mbortande jè chiamate Ciappetta-Camaggio e jè 'u litte de 'nu jume andiche chiamate Aveldium[17]. Osce a die jè 'nu canale de bonifeche ca se scette jndr'à 'u Mare Adriateche, vecine a l'ex zone paludose de Barlette (Ariscianne).

12.000 ettare d'u territorie comunale stonne jndr'à 'u Parche nazionale de l'Alta Murge, istituite jndr'à 'u 2004.

Clime[cangecange 'a sorgende]

'U clime jè mediterranèe, cu vernate quase mite e staggiune cavede e secche, condiziune ca aiutane 'a crescite d'a vegetazzione, durande 'a primavere e l'autunne. 'A vegetazzione ave 'nu sbuènne de specie selvateche (pseude steppe mediterranèe) eppure ulivete e vignete granne.

'A piovosità de l'anne jè cchiù o mene de 597 mm de piogge[18].


Andrie - Murge vasce Mise Staggiune Anne
Sce Feb Mar Abb Mas Sci Lug Agu Set Ott Nov Dec Inv Pri Est Aut
Temb. max. medie (°C) 10.5 11.4 14.7 19.8 25.0 31.8 32.7 33.4 30.0 22.8 15.7 12.1 11.3 19.8 32.6 22.8 21.7
Temb. min. medie (°C) 4.2 4.3 6.0 8.5 12.3 16.2 18.8 19.0 16.2 12.4 8.6 5.8 4.8 8.9 18 12.4 11
Piogge (mm) 61 64 58 42 39 30 21 27 47 68 74 66 191 139 78 189 597
Umidità relative (%) 78.4 77.1 75.1 72.0 69.1 65.2 61.6 63.6 70.7 77.3 79.3 79.4 78.3 72.1 63.5 75.8 72.4

Origgene d'u nome[cangecange 'a sorgende]

Stonne diverse versiune de le origgene d'u nome, ca pareve misteriose:

  • Quaccune dice ca avène da Andros, isole de l'Eggèe nome pigghiate da l'eroe greche Diomede;
  • Quaccheotre dice ca 'u nome avène da Andreia, apprisse a l'evangelizzazzione d'a zone pe mane de le apostole San Pitre e sand'Andrèe, pigghianne 'u nome da quist'urteme, costrette a rumanè a lunghe pe colpe de 'na malatie;
  • Apprisse a le 'nzediamiende de epoche ierte-medievale de crestiàne nuève jndr'à le antre, ca avèrene date nome a 'u cendre nuève. Chiste avessere state fatte da le rovine d'u javetate greche de Netium (addò d'avèrene refuggiate de le profughe in cerche de ripare da le devastaziune d'a seconda uerre puneche), ca avesse cangiate nome da Andri, jndr'à Andra e pò jndr'à Andria, pò essere jndr'à l'epoche umanisteche, a opere d'u duche Frangische II Del Balzo pe dà a' cetate natale cchiù nobbile e classeche, ispirannese a' commedie 'L'Andria' de Terenzie, ca se iacchie jndr'à l'elenghe de le volume ca stonne jndr'à bibblioteche d'u figghie Angilberte Del Balzo[20]. 'U nome signifeche "borgate";
  • Da le 'nzediamiende de monace basigliane, fusciute da 'u 'Mbere bizzandine 'mbrà 'u VII e 'u IX sechele: pure jndr'à stu case 'u nome avène da 'u vocabbole latine antrum o "grotte", in referimende a le repare (le "Laure") ca le releggiuse avèrene scavate jndr'à rocce tufacèe 'ndrucabbele angore osce a die jndr'à cetate[21]

Storie[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Storie d'a Pugghie.
(IT)
« ...alberi di ulivo, e vigneti, si spiegano, e par che fuggano mentre passi; indi il suon d'una squilla ti percote l'orecchio - eccomi in Andria - ecco Andria la ricca, Andria l'antichissima [...] Andria la ridente, dalle belle mandorle, dalle belle ulive »
(TA)
« ...arvule de alìe, e vignete, stonne, e pare ca fuscene mendre ca passe; pò 'nu suène de 'na trombe spande 'a recchie - e stame a Andrie - ecche Andrie 'a ricche, Andrie l'andichisseme [...] Andrie 'a ridende, da le belle amennele, da le belle alìe »
(Cesare Malpica, Il giardino d'Italia)

Età andiche[cangecange 'a sorgende]

Lo Stemma

Descrizione dello stemma: "D'azzurre, a 'u lione cu 'a corone a l'andiche d'ore, lampassate de russe, rambande e 'nu rame de querce tagghiate, a 'u naturale".[22]

'U stemme de Andrie raffegure 'nu lione rambande a 'nu rame de querce, a testimonianze d'a presenze de querce jndr'à 'u territorie atturne[23].

Le prime tracce de 'nzediamiende jndr'à 'u territorie d'a cetate sò d'u neoliteche, 'nfatte onne state acchiate de le oggette, coltelline de ossidiane e arme liteche. Jndr'à l'età successive, jndr'à l'eneoliteche, le crestiàne javetane de le grotte scavate jndr'à 'u tufe.

Durande l'età d'u bronze le crestiàne accumenzarene a javetà jndr'à certe costruziune cilindreche da 'u tette a cone ca s'assemmegghiane a le trulle. 'Nu sbuènne de tumule, sepolture fatte cu petre senza forme, onne state acchiate jndr'à contrade S. Barbare, S. Lucie e Castel d'u Monde.

Laure basigliane de Sanda Croce

Jndr'à 'u 1000 n.C. le Iapigge javetarene 'a Pugghie, apprisse jndr'à l'VIII sechele n.C. avenèrene a javetà le Peucezie. 'A nascite d'u prime agglomerate urbane avène fatte resalì a' successive colonizzazzione de le Ellenece. Vecine a quedda ca osce a die jè 'a cetate nascìe Netium, cetate greche pa lènghe e civiltà, citate da Strabbone jndr'à Geografia Universale. A Netium se avèrene refuggiate, in cerche de repare, de le profughe fusciute da 'a destruzione de Canne jndr'à 'u 216 n.C. durande 'a seconda uerre puneche. Decennie apprisse, Netium avìe 'nu decline ca picche ruvine apprisse le lotte suggiale 'mbrà Marie e Silla jndr'à l'88 n.C.

De le javetande d'a cetate, quase securamende, se spustarene cchiù a sud, sus 'a coste, addò funnarene Juve-Netium o Neo-Netium quedde ca osce a die jè Giovinazze.

Sus 'a Tavole Peutingeriane avène indicate 'na cetate de nome Rudas, probbabbilmende 'a vecchie Netium greche, de secure 'na stazione sus 'a vie Traiane[24]. Le 'nzediamiende apprisse alte-medievale de le Longobbarde e de le Bizzandine, nascere vecine a' ruvine d'a vecchie Netium. Se onne notizie de 12 casale, pò essere ca erane de le ville rusteche, ca tenève nome de sande (Sand'Andrèe, San Martine, Sanda Caterine, Casaline e San Ciriache, ca se acchiavane jndre a le mure cetadine, e San Candide, San Vittore, San Pitre, San Valendine, San Lizie, San Lorenze, Borghelle, Trimogge e Cicaglie, ca stavane fore).

Jndr'à 'u 44 a.C. Pitre apostole jndr'à 'u viagge sue verse Rome evangelizzò 'a cetate ca cchiù o mene jndr'à 'u 492 a.C., devendò sede vescovile sotte a Pape Gelasie I[25]. Jndr'à 'nu documende d'u 915, Andrie avenìe citate cumme villagge (locus) dipendende da Trane.

Medioeve normanne e sveve[cangecange 'a sorgende]

'U Portale d'a Chiesere de S.Agustine costruite da le Cavaglire temblare
Porte Sand'Andreèe
Castel d'u Monde
Morte de Jolande de Brienne (1228)

Jndr'à 'u 1046 avenìe luate a 'u dominie bizzandine da Pitre 'u Normanne, 'nzieme a Trane e a 'u reste d'u territorie sue e cumme otre cendre (Barlette, Bisceglie e Corate) devendò 'na cetate fortificate, elevannele a 'u ranghe de civitas[26], cu dodece torre, ttre porte e 'na rocche jndr'à 'u punde cchiù ierte.

A 'u figghie Pitre II avenìe recanusciute 'u titole de conde jndr'à 'u 1073. Pure jndr'à l'XI sechele avenìe funnate sus a le alture vecine de le Murge l'abbazzie benedettine de Sanda Marije d'u Monde.

Jndr'à 'u 1155 l'esercite siciliane de Guglielme I de Sicilie avenìe decimate vecine a Andrie[27] da l'esercite bizzandine de Manuele I Comneno. Jndr'à quedda battagghie perdìe 'a vite, 'u conde de Andrie Riccarde de Lingèvres, ca avenìe accise sotte a le mure d'a cetate[28][29][30].

L'urteme de le conde normanne discendende de Pitre ha state 'u conde Ruggere, ca cumbattìe jndr'à 'u 176 a Legnane cu Federiche Varvarusse.

Jndr'à 'u XIII sechele avere state fedele a 'u dominie sveve e ave state residenze d'u Re Federiche II, ca addà vecine facìe costruì 'u famose Castel d'u Monde[31] elette a Patrimonie de l'umanità da l'UNESCO[9], sus a 'u site d'a precedende abbazzie benedettine normanne.

Federiche II de retorine da 'a seste crociate, facìe sculpì sus 'a porte normanne Sand'Andrèr 'a frase famose: «Andria fidelis, nostri affixa medullis; absit, quod Federicus sit tui muneris iners, Andria, vale, felix omnisque gravaminos expers.».

Aqquà nascìe 'u figghie Corrade IV jndr'à 'u 1228, avutu cu 'a mugghiere Jolanda di Brienne, reggine de Gerusalemme, brucate jndr'à cripte d'a cattedrale de Andrie, ca murìe appene sedicenne apprisse a 'u parte.

Periode angioine e aragonese[cangecange 'a sorgende]

Torre d'u 'rrelogge
Cambanile d'a Chiesere de San Dumineche

Sotte a 'u dominie angioine 'a cetate avenìe date in dopte a Beatrice, figghie de Carle II de Napule e spose de Bertrande del Balzo, conde de Mondescagliose, ca stave jndr'à cetate da 'u 1308 'nzigne a' morta soje jndr'à 'u 1330. 'A cetate passò pò in eredità a' figghie Marije.

A cetate 'ndande avenìe vennute da Marije del Balzo vennìe a l'attane Bertrande. 'U Pape Clemende VI 'ngarecò Bertrande, ca ere pure granne giustiziere d'u regne, de 'nvestigà sus 'a morte de Andrèe d'Unghierie[32]. Istituite 'u processe, Bertrande facìe scè 'a colpe sus a de el addette d'a case reale escludenne 'a reggine Giovanne I da le responzabbiletà. Jndr'à 'u 1350 'a cetate avenìe assediate e saccheggiate da le forze de Luigge I d'Ungherie convinde d'a colpe d'a reggine Giovanne I.

Jndr'à chidde sciurne, 'nu sacerdote, Oliviere Matusi, senze ca nisciune sapeve niende scunnìe 'u cuèrpe de San Riccarde jndr'à 'nu luèche secure d'a Cattedrale pe ffà si ca le [Magiare|Ungherese]] non g'u putevene arrubbà. 'U segrete avenìe tramannate pe anne sulamende de attane in figghie da parinde d'u sacerdote.

Bertande del Balzo, ca in occasione de l'assedie se ne scìe a Avignone da Pape Clemende VI, murìe 'mbrovvisamende jndr'à 'u 1357 a Napule addò avere sciute pe affare de State. Avenìe brucate jndr'à Chiesere de San Dumineche Maggiore de Napule.

Jndr'à quidde anne 'u figghie sue Frangische I del Balzo pigghiò pe successione 'u titole ducale e 'a cetate (1351). 'A mugghiere de Frangische I, funnò, jndr'à chidde anne, 'u Convende de San Dumineche.

Da l'11 novemmre 1420 ha state 'u duche d'u feude Jacope Caldora[33], ca l'avera duvute possedè pe quacche anne. Jndr'à 'u 1431 'u ducate passò a 'u nepote de Frangische I, Frangische II del Balzo.

Da 'u 1434 a 'u 1436 duche d'u feude ha state Berlingiere Caldora[34][35]. Jndr'à 'u 1438 avenìe acchiate 'u cuèrpe d'u sande prutettore d'a cetate, San Riccarde d'Inghilterre, ca avere sciute perse durande l'assedie precedende: in memorie de l'eppisodie avenìe istituite 'na feste ("Fiere d'Abbrile")[36] ca se face angore osce a die apprise quase a 600 anne, da 'u 23 a 'u 30 abbrile.

Cambaniele de San Frangishce de notte

Jndr'à 'u 1453, Pirre, figghie de Frangische II del Balzo, spusò a Castel d'u Monde Marije Ddunate Orsini, cuggine de Isabbelle, mugghiere d'u Rre Ferrande d'Aragone.

Jndr'à 'u 1462, 'u pringipe de Tarde Gainnanandonije Orsini, no avenne avute cumme alleate jndr'à lotte condre a Ferrande d'Aragone, Frangische e Pirre del Balzo, assediò Andrie. Non ge riuscì a trasè, allore Orsini facìe scavà 'na gallerie ca passave sotte a le mure d'a cetate, ma 'u duche Frangische II scuperte 'a notizie facìe scavà pure jidde 'na gallerie a' smerse. Le nemice avenèrene catturate e rilasciate. Apprisse 49 sciurne de assedie 'u duche de Andrie 'ndrucate le grave condiziune d'u popole sue se arrennìe e turnò 'a pace 'mbrà le del Balzo e le Orsini.

Frangische II, canate d'u Rre de Napule Ferrande d'Aragone, avìe 'u titole de gran connestabbele d'u Regne de Napule.

'U Duche nominate ambasciatore d'u Rre presse 'a corte pontificie ere presende durande 'u 0nzediamende de Pio II a 'u soglie pondificie. Stave pure, 'nzieme a Giacome d'a Ratta a' Diete de Mantove jndr'à 'u 1459 e addà probbabbilmende facìe 'na serie de rapporte cu pringipe e 'ndellettuale d'u periode 'mbrà le quale Leone Battiste Alberti[37]. Quanne Frangishce II murìe jndr'à 'u 1482, devendò diche 'u figghie Pirre del Balzo, 'u quale partecipò jndr'à 'u 1485 a' congiure de le barune e pu stu fatte avenìe mise a muèrte.

Quanne 'a figghie Isabbelle del Balzo spusò a Andrie Federiche d'Aragone[38], carresciò 'u ducate a' case reale e 'u marite 'u guvernò 'nzigne a 'u 1496, quanne devendò Rre de Napule.

Età moderne[cangecange 'a sorgende]

Passagge 'mbrà Palazze Ducale e 'a cattedrale
Andrie disegnate da Pacichelli jndr'à 'u XVII sechele
Palazze Ducale

Jndr'à 'u 1503 jndr'à piane 'mbrà Andrie e Corate, precisamende jndr'à "Terre Quadrati" se facìe 'a famose Disfide de Barlette, ca metteve de fronde le tagliàne capeggiate da Ettore Fieramosca a le frangise. Jndr'à matenate le 13 cavagliere tagliàne pregarene jndr'à 'u cappellone d'a cattedrale de Andrie. Appprisse 'a conguiste d'u Regne de Napule da vanne de Ferdinande 'u Cattoleche jndr'à 'u 1504, 'a cetate avenìe assignate a 'u "Gran Capitane" Gonzalo Fernández de Córdoba e pò a 'u nepote, Fernande Consalvo II.

Jidde vennìe 'a cetate jndr'à 'u 1552 a Fabbrizzie Carafa, I° duche de Andrie e conde de Ruve e parende d'u Pape Paole IV Carafa, ca sistemò belle belle 'u Palazze Ducale. A jidde l'ave succedute jndr'à 'u 1554 'u figghie Andonije Carafa; 'a mamme e 'u frate, Vecinze Carafa (ca jndr'à 'u 1571 avere partecipate a' battagghie de Lepanto), facerene 'nzippà jndr'à 'u 1577 'u convende de le Cappuccine. A 'u successore, Fabbrizzie Carafa se attrebbuisce 'a costruzione d'u monastere de le Benedettine e d'a basieche de Sanda Marije de le Miracole, apprisse a' scuperte jndr'à 'u 1576 de 'n'icone ca se penzave essere meracolose[39].

Cchiù nnande, jndrà le sechele XVII e XVIII, 'a cetate rumanìe sembre sotte a 'u dominie de le duche Carafa, sembre in conflitte cu 'u vescove e 'u capitole d'a Cattedrale, cu 'u quale 'a famigghie divideve 'u possesse d'a maggiorparte de le terre. L'epidemie de peste d'u 1656 ne decimò 'a popolazzione mendre jndr'à 'u 1741 'a cetate subbìe 'n'invasione de cavallette.

Jndr'à 'u 1797 'a cetate putìe eleggere 'u probbie sinnache e jndr'à 'u 1799, jndr'à 'u mumende d'a Repubbleche parteopèe, avenìe assediate da l'esercite frangese capitanate da 'u generale Jean-Baptiste Broussier e appoggiate da 'u stesse conde Ettore Carafa. Se vuleve annettere 'a cetate a' Repubbleche Partenopèe, liberannele da 'u dominie borboneche, ma 'a cetate rumanìe fedele a le Borbone. Jndr'à battagghie, murerene cchiù o mene 2.000 crestiàne da totte e doje le vanne. Cchiù nnande, fallite l'idèe d'a Repubbleche, e cu 'a revoluzione sciute male, le Borbone facerene giustizià le repubblecane napuletane de spicche, 'mbrà le quale 'u stesse Ettore Carafa, ca avenìe tagghiate 'a cape a Napule 'u 4 settemmre 1799. Jndr'à 'u 1806 le erede de le Carafa vennerene 'u Palazze Ducale a' famigghie Spagnoletti Zeuli.

Pa fedeltà soje a Ferdinande IV, 'a cetate avìe 'u titole de Cetate Reggie. Sotte a 'u guverne napoleoneche e le regne de Gesèppe Bonaparte e de Giuacchine Murat avenìe luate 'u sisteme feudale e luate assaije convende, e avenèrene aumendate le deritte elettorale.

Jndr'à 'u 1818 'a diocesi s'allariave a le cetate de Canose, Minervine Murge e Mondemilone, mendre ca 'a cetate viveve 'nu periode de sveluppe demografeche e se spanneve fore da 'a cinde murarie.

Età condemboranèe[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Mondegruèsse (Andrie).
Palazze Ceci
Le tre cambanile ca dominane 'a cetate
Chiazze Vaglio jndr'à 'u 1851, de Achille Vianelli

Durande 'u Resorgimende aqquà ave avute sede 'a "Suggettate de le Spettre" carbonare o "Chiaute Cendrale" e 'na sezione d'a Giovine Italia. Cchiù o mene 100 uemmene, guidate da Federiche Priorelli e da Niccolò Montenegro, parteciparone a' spedizione de le Mille de Gesèppe Garibaldi elette pò Deputate d'u Regne presse 'u collegge elettorale de Andrie[40][41][42][43]. Apprisse l'annessione a 'u Regne d'Itaglie 'u territorie ha state tiatre de aziune de bringandagge: jndr'à 'u 1865 avenìe fucilate 'u cape-brigande Riccarde Colasuonno ("'u Ciacciariedde").

L'abbolizzione d'u latifonde e 'a confische de le bene ecclesiastece ave date 'na botte pa formazione de 'na borghesie terriere, sveluppanne le produziune agricole specializzate e 'nu artiggianate fiorende. Pure 'a cetate crescìe, avenèrene 'nzippate dimore signorile pe le cete ca ste venèvene fore e nascerene doje banche locale piccenne e le sede de diverse partite politece. Grazie a 'u sveluppe economeche, 'a cetate non g'avenìe tuccate particolarmende da 'u fenomende de l'emigrazione.

Nel 1851, l'artista Achille Vianelli realizzò un dipinto dedicato a Piazza Vaglio di Andria. L'opera fu presto dimenticata dall'opinione pubblica locale e custodita presso il Metropolitan Museum of Art di New York. Il 6 ottobre 2015 il reporter e documentarista Nicola Ferrara ritrovò il quadro nell'elenco delle opere esposte nel museo e rese pubblica l'immagine attraverso un documentario ad esso dedicato.[44][45][46]

Nel 1913, il primo maggio, ad Andria viene indetta dalle classi operaie la Festa del lavoro. Da segnalare che il produttore cinematografico Cataldo Balducci presenta il documentario “Grandiosa manifestazione per il primo maggio 1913 ad Andria" (indetta dalle classi operaie) che riprende la festa in 7 quadri, e si può - così - vedere il corteo che percorre via Cavour, via Ettore Fieramosca, piazza Vittorio Emanuele II, raggiunge via Garibaldi, la piazza ed il palazzo Municipale, Porta Sant'Andrea. Nel filmato appaiono il monumento a Federico II e il panorama della Città visto dal campanile di Via Carmine.[47]

Circa 800 andriesi perirono durante il primo conflitto mondiale, questi furono ricordati nel Monumento ai Caduti all'interno del Parco della Rimembranza inaugurato nel 1930.

Quattro Podestà governarono Andria durante il Fascismo: Pasquale Cafaro, Ernesto Fuzio, l'Onorevole Consalvo Ceci e Marco Jeva. Durante il regime fascista alcuni terreni (Montegrosso, Trojanelli) vennero suddivisi tra i reduci della prima guerra mondiale. Dopo l'armistizio del 1943 la città subì devastazioni da parte dei tedeschi, fino all'arrivo delle truppe alleate.

Dopo la seconda guerra mondiale, nel marzo del 1946, a causa del rifiuto di una ditta locale di assumere quattro reduci, scoppiò una rivolta contadina, che vide il sequestro di alcuni proprietari terrieri e l'erezione di barricate. Ci furono scontri cruenti con le forze dell'ordine e sembrò che fosse stato trovato un accordo: ma al momento del discorso che doveva tenere il celebre sindacalista Giuseppe Di Vittorio fu sparato un colpo d'arma da fuoco, facendo rinascere i disordini: fu assaltato il palazzo della famiglia Porro, grandi proprietari terrieri della città e vennero linciate due anziane sorelle (Carolina e Luisa Porro)[48]. In seguito a tali fatti fu inviato l'esercito che riuscì a sedare la rivolta con una dura repressione. Si manifestò in quel periodo una crisi economica in seguito alla quale diversi abitanti furono costretti ad emigrare.

A partire dagli anni cinquanta si ebbe una progressiva ripresa economica, favorita dall'inaugurazione nel 1965 della linea ferroviaria Bari-Barletta che metteva in comunicazione Bari con i comuni dell'entroterra del nord della provincia. Nel 2004 viene istituita la nuova provincia di Barletta-Andria-Trani (poi resa attiva dal 2009) la città abbandona la provincia di Bari anche se la città di Bari è sempre stata e continua ad essere un punto di riferimento per Andria e le altre città del nord barese (vedi anche la frequenza dell'Università da parte di tanti giovani).

Il 30 aprile 2011 il suo codice di avviamento postale passa da 70031 a 76123.

Il 12 luglio 2016, Andria balza alle cronache nazionali e internazionali a causa dell'incidente ferroviario, avvenuto nelle campagne tra Andria e Corato, che totalizzò 23 vittime e 57 feriti. Ad oggi rappresenta il più grave incidente mai accaduto sulle ferrovie pugliesi ed uno dei più gravi nella storia delle ferrovie italiane.

Andriapanorama.jpg

Magnify-clip.png
Panorama di Andria

Monumenti e luoghi d'interesse[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche le vôsce Castel del Monte e Cattedrale di Andria.
Flag of UNESCO.svg Bene prutette da l'UNESCO
Patrimonio UNESCO.png Patrimonie de l'umanetate
Castel del Monte
Castel del Monte
Casteldelmontertp.jpg
Tipologgije Architettonico
Criterie C (i) (ii) (iii)
Perichele Nessuna segnalazione
Anne 1996
Schede UNESCO 'nglese
frangese
[[:Category:Patrimonie de l'umanetate jndr'ô {{{stato}}}|Patrimonie de l'umanetate jndr'ô {{{stato}}}]]

Il centro storico della città è caratterizzato da un suggestivo e fitto dedalo di vie e stretti vicoli traboccanti di monumenti di grande pregio. Fuori dal centro abitato, in cima ad una collina, è collocato Castel del Monte[31], fatto realizzare nel XIII secolo da Federico II di Svevia, con l'unica trifora rivolta verso la città; il castello, simbolo della città e di tutta la Puglia, fa parte dei patrimoni dell'umanità dichiarati dall'UNESCO[9] ed attrae un notevole flusso turistico. Castel del Monte è raffigurato sulla moneta italiana da 1 centesimo di euro[49].

Da ricordare inoltre:

Chiostro medievale di San Francesco
  • Palazzo Comunale. Costruito dopo il ritorno di Federico II di Svevia dalla sesta crociata, pare per volere dello stesso imperatore nel 1230, in origine era un convento Francescano. Nel 1813 un decreto di Gioacchino Napoleone Murat, Re delle due Sicilie soppresse tutti i conventi ed il palazzo divenne l'attuale sede del comune di Andria.
  • Porta Sant'Andrea o Arco di Federico II (XI secolo)[50]. Fu edificata all'epoca dei normanni e Federico II di ritorno dalla sesta crociata, trovando la città fedele vi fece scolpire sopra di essa le famose parole che egli dedicò alla comunità;
  • Torre dell'Orologio, costruita all'epoca di Francesco II del Balzo[51];
  • Palazzo Ducale (residenza fortificata rimaneggiata nel XVI secolo);
  • Monumento ai Caduti (XX secolo);
  • Forte di Porta Castello (XI secolo);
  • Palazzo Ceci Ginistrelli (XIX secolo);
  • Palazzo Jannuzzi (XIX secolo)
  • Palazzo Schettini Accetta (XIX secolo);[52]
  • Le Maschere Apotropaiche;
  • Piazza Vittorio Emanuele II[53] (nota come piazza Catuma, in seguito alla presenza delle Catacombe sotto di essa);
  • Laure Basiliane;
  • Andria sotterranea. Vecchie abitazioni risalenti al periodo medievale si snodano nei sotterranei dell'intero centro storico, si tratta di grotte o di vere e proprie stanze murate in pietra con archi e colonne (visitabili solo in alcune specifiche circostanze);[54]
  • Museo diocesano con alcune opere di Antonio Vivarini e Tuccio di Andria;
  • Museo del Confetto "Giovanni Mucci"

Architetture religiose[cangecange 'a sorgende]

Piazza Duomo, Cattedrale di Andria e sullo sfondo il campanile della chiesa di San Francesco
Busto di Francesco II del Balzo 1470 ca. attribuito a Francesco Laurana custodito nel Museo diocesano
  • Cattedrale (XII secolo) e la sua cripta o San Pietro in Cattedrale (VII secolo)[55]. All'interno sono custodite le reliquie di San Riccardo, la Sacra Spina di Gesù e le mogli di Federico II, Jolanda di Brienne ed Isabella d'Inghilterra[56]. Il campanile fu eretto su una vecchia torre longobarda del (VII-VIII secolo);
  • Chiesa di San Domenico (XIV secolo) con portale rinascimentale e campanile barocco. All'interno è conservato il busto del duca Francesco II del Balzo attribuito allo scultore Francesco Laurana (1430-1502);
  • Chiesa di Sant'Agostino (XIII secolo): costruita in origine dai Cavalieri templari, la chiesa passò successivamente ai Benedettini ed infine agli Agostiniani, che la ricostruirono dopo gli assedi del 1350. Il pregevole portale gotico risale al XIV secolo, mentre l'interno è barocco;
  • Chiesa di San Nicola (XII secolo);
  • Chiesa di San Francesco ed il suo chiostro (XII secolo). Pregevole campanile del 1772;
  • Chiesa di Santa Chiara costruita intorno al 1200 in uno dei vicoli del centro storico[57];
  • Chiesa dell'Annunziata (XII secolo) con affresco della Vergine attribuibile alla scuola giottesca e altare della pietà di arte rinascimentale[58];
  • Santuario di Santa Maria dei Miracoli sviluppato su tre livelli. Il livello inferiore, la chiesa rupestre di Santa Margherita (IX secolo) è il più antico. La laura basiliana, include un'interessante sala a tre navate con decorazioni tratte dalla Genesi. In questa grotta è stata rinvenuta ed è presente tuttora l'icona bizantina della Madonna dei Miracoli[59]. Il livello medio (Tempietto) (XVI secolo) ha tre arcate in marmi policromi. Di particolare interesse la cappella della Crocifissione con bellissimi affreschi. Il livello superiore del XVIII secolo fu progettato da Cosimo Fanzago (1591-1678)[60].
  • Santa Maria Mater Gratiae costruita intorno al 1600 in seguito ad una apparizione della vergine, sorge dove un tempo c'era la cappella di San Giovanni Battista[61];
  • Santuario della Madonna dell'Altomare (1598) e laura basiliana di Santa Sofia, all'interno la scultura "La Pietà dell'Altomare" di Luigi Enzo Mattei dichiarata insieme alle sue altre opere "Patrimonio per una cultura della pace" dall'UNESCO;
  • Sant'Anna o Chiesa del Conservatorio[62];
  • Chiesa di San Bartolomeo citata in un documento del 1196 si presuppone sia sorta su un antico tempio di Mercurio. Il vescovo Riccardo II vi trasferì le reliquie dei santi Erasmo e Ponziano[63];
  • Chiesa rupestre di Santa Croce (X secolo);
  • Chiesa rupestre di Cristo di Misericordia (IX secolo)[64];
  • Chiesa di Sant'Angelo de' Meli o San Micheluzzo con affresco del Cristo Pantocràtore (XIII secolo)[65];
  • Chiesa di Santa Maria di Porta Santa (XIII secolo) costruita sotto Corrado IV;
  • Chiesa di San Michele Arcangelo e San Giuseppe (1881) costruita sulla vecchia chiesa di San Michele al Lago (XII secolo);
  • Chiesa di Santa Maria Vetere (XIII secolo);
  • Chiesa di Santa Maria del Carmine;
  • Chiesa di Santa Lucia contrada Santa Lucia;
  • Chiesa parrocchiale della Beata Vergine Immacolata (1911)[66][67] costruita dai Salesiani.
  • Chiesa di Santa Maria Assunta e San Isidoro, parrocchiale nella frazione di Montegrosso

Villa comunale "Giuseppe Marano"[cangecange 'a sorgende]

Vista aerea della città. Sono ben visibili la Villa comunale Giuseppe Marano e lo Stadio Degli Ulivi.

La Villa comunale Giuseppe Marano di Andria è uno dei polmoni verdi più grandi della Regione Puglia. Sorge nella parte nord-est della città in un'area di 70000 . La villa venne promossa e ideata durante l'Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Giuseppe Marano e il 21 dicembre 1959, alla presenza del Senatore Onofrio Jannuzzi e di altre personalità dell'epoca, l'aria verde fu ufficialmente consegnata alla città con una cerimonia pubblica.

Il 2 giugno 2013, dopo i lavori di recupero e riqualificazione, la villa comunale viene ufficialmente intitolata dall'amministrazione guidata da Nicola Giorgino.

Società[cangecange 'a sorgende]

Evoluzione demografica[cangecange 'a sorgende]

Abitanti censiti dal 1861:

Etnie e minoranze straniere[cangecange 'a sorgende]

Al 31 dicembre 2020 i cittadini stranieri residenti ad Andria sono 1 772, pari all'1,8% della popolazione[68][69], così suddivisi per nazionalità:

  1. bandiera Romanie, 1 050
  2. bandiera Cine, 96
  3. bandiera Nigerie, 62
  4. bandiera Tunisia, 62
  5. bandiera Marocco, 53
  6. bandiera Algerie, 53

Lingue e dialetti[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche le vôsce Dialetti della Puglia e Dialetto apulo-barese.
Diffusione del barese nella provincia di Bari e BAT:1) Dialetto barese orientale 2) Dialetto barese occidentale 3) Dialetto barese (fascia di transizione)

Il dialetto andriese è una varietà linguistica facente parte dei dialetti pugliesi centro-settentrionali. Andria parla il suo dialetto in barese orientale. In particolare, con quello di Bitonto, Bitetto, Bitritto e gran parte dell'entroterra delle Murge, esso costituisce una varietà del dialetto barese. Da rimarcare la presenza nel dialetto della parola nan (tipico dei dialetti murgiani) esempio di negazione (non), che si discosta seppur di una lettera dalla pronuncia nei dialetti dell'hinterland barese.

Religione[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche le vôsce Diocesi di Andria e Museo diocesano (Andria).

Andria è sede vescovile. La diocesi di Andria (in latino Dioecesis Andriensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'Arcidiocesi di Bari-Bitonto appartenente alla regione ecclesiastica Puglia. Nel 2012 contava 138.000 battezzati su 141.006 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Luigi Mansi. La diocesi comprende i comuni di Andria, Canosa di Puglia e Minervino Murge.

Si ritiene che il primo vescovo fosse un inglese, “Richardus anglicus”, scelto da papa Gelasio I (492 circa)[25].

Riccardo II vescovo di Andria presenziò al concilio Lateranense III tenutosi durante il pontificato di papa Alessandro III.

Cultura[cangecange 'a sorgende]

Istruzione[cangecange 'a sorgende]

Biblioteche[cangecange 'a sorgende]

La città dispone di due biblioteche principali. La Biblioteca Comunale è stata istituita nel settembre 1880 e nel 1941 è stata intitolata professor Giuseppe Ceci, studioso andriese: ha un patrimonio librario di circa 42.000 volumi, incluse 16 cinquecentine e altri 242 volumi antichi e 3000 CD/DVD. La biblioteca diocesana "San Tommaso d'Aquino" è ubicata presso il seminario vescovile.

Nel luglio 2020 Andria ha ottenuto il riconoscimento di "Città che legge" 2020-2021.[70]

Ricerca[cangecange 'a sorgende]

  • Il Centro Ricerche agroalimentari Bonomo (CRB), svolge attività di ricerca applicata, con progetti nazionali e internazionali, in collaborazione con istituti universitari, enti di ricerca, consorzi e imprese private, nei seguenti settori: gestione post-raccolta dei prodotti ortofrutticoli freschi, trasformazione e valorizzazione dei prodotti agroalimentari, utilizzazione dei sottoprodotti e degli scarti di produzione delle aziende agroalimentari[71].

Scuole[cangecange 'a sorgende]

Università[cangecange 'a sorgende]

Musei[cangecange 'a sorgende]

I principali musei della città sono:

  • Museo del Confetto di Mucci Giovanni è una storica fabbrica di confetti creata nel 1894 da Nicola Mucci. Riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, membro dell'associazione "Unione Imprese Storiche Italiane" (UISI), "Museimpresa" e del Circuito "Locali Storici d'Italia", il Museo raccoglie in quattro sezioni documenti, utensili, apparecchiature, stampini per la produzione di confetti, caramelle e cioccolato.
  • Museo del giocattolo antico
  • Museo Diocesano

Media[cangecange 'a sorgende]

Radio[cangecange 'a sorgende]

Le uniche emittenti radiofoniche presenti nel comune sono:

  • Radio Antenna Adriatica, attiva dal 1975.[72]
  • Radio 2000 Stereo.

Televisioni[cangecange 'a sorgende]

Nel comune hanno sede tre emittenti televisive:

  • Tele Dehon: attiva dal 3 maggio 1978.
  • Telesveva: nasce principalmente a Lucera nel 1979, da una costola di un'emittente radiofonica, la sua prima denominazione è infatti TeleRadioSveva. Negli anni ottanta, trasferirà la propria sede ad Andria.[73]

Cinema[cangecange 'a sorgende]

La cittadina Andriese e il suo territorio circostante sono stati utilizzati come location per le riprese di film e documentari:

Cucina[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Cucina pugliese.

La gastronomia andriese conta numerosi prodotti profondamente legati ad antiche tradizioni contadine tra questi ci sono:

Le campagne andriesi sono ricche di oliveti. Capitale mondiale dell'olio extravergine di oliva, la produzione olivicola andriese riesce a produrre tanto olio quanto l'intera Toscana.[74]

Eventi[cangecange 'a sorgende]

  • Festival internazionale Castel dei Mondi (agosto-settembre), è un festival che presenta un'anteprima a luglio ed è interamente dedicato al teatro. Per più di una settimana, nella dimora federiciana di Castel del Monte e in vari monumenti e piazze del centro storico di Andria, si svolgono spettacoli di ogni tipo e in contemporanea tra loro.
  • Fiera d'aprile: si tiene dal 1438[75]. Celebra il ritrovamento delle ossa di San Riccardo da parte di Francesco II Del Balzo, Duca di Andria. Il Duca istituì la fiera dal 23 al 30 aprile di ogni anno[75].
  • Festival internazionale del cortometraggio “Cortolandria”: è un evento culturale di punta del comune di Andria e conosciuto e apprezzato in tutta Europa, Stati Uniti, nord Africa e America Latina, la rassegna internazionale di cortometraggi "Cortolandria", alla vigilia del suo primo lustro, nasce dall'idea del musicista e pluripremiato regista di corti Giuseppe Massarelli.[76]
  • Festival di musica classica "Farinelli", appuntamento rituale che si avvale della direzione artistica del Maestro Nicola Frisardi, in programma nella prima decade di settembre[77].
  • Festival Suoni Dal Mediterraneo: Vi partecipano vari artisti folk provenienti da tutto il mondo[78].
  • Qoco: Concorso internazionale di cucina.[79]
  • Biol: Concorso internazionale tra oli extravergini di oliva biologici.[80]
  • Game-fiera del gioco.[81]

Economia[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Economia della Puglia.
Andria, città dell'olio: la strada dell'olio extravergine di oliva

L'economia locale presenta un prodotto interno lordo pro capite pari al 71% della media europea, con un tasso d'attività della popolazione residente del 38%, allineato al dato regionale e inferiore a quello italiano. Il tasso di disoccupazione è leggermente inferiore a quello regionale (26% contro 29,9%) e quello di disoccupazione giovanile è significativamente più basso (42,5% contro 54,3%).

La struttura economica è caratterizzata dalla presenza importante del settore primario, dell'industria e del commercio. Andria è stata eletta dal ministero dello sviluppo economico come una delle 22 zone franche[82] italiane, questo dovrebbe aiutare lo sviluppo economico per i prossimi anni grazie ad alcuni alleggerimenti fiscali a carico delle imprese nascenti.

  • Il settore primario conta numerosissime micro-imprese agricole di tipo familiare; c'è una forte frazionalizzazione e spesso la proprietà della terra è unicamente finalizzata ad integrare il reddito familiare. Sono presenti nel territorio attività di trasformazione e di lavorazione di prodotti agricoli, soprattutto per i prodotti lattieri caseari tra i quali la famosa burrata[83], per la produzione d'olio e vini (importante presenza di vitigni autoctoni Uve di Troia). Da ricordare i marchi DOC Castel del Monte e DOP Terra di Bari. Andria fa parte dell'associazione nazionale città dell'olio[84].
  • Per quanto riguarda l'industria, le piccole imprese sono inserite nel settore commerciale (ingrosso e dettaglio 41,1%), manifatturiero (20,6%), seguito da attività immobiliari e da costruzioni. L'industria manifatturiera e il commercio assorbono il 64,8% degli addetti, contro il 56,8% regionale; in particolare le aziende del tessile/abbigliamento costituiscono una componente importante dell'economia andriese. Il sistema calzaturiero risulta attualmente in crisi a causa della crescente competitività dai paesi asiatici. In complesso il livello d'industrializzazione tiene bene rispetto alla media regionale, con il 48,8% contro il 44,1% della Puglia.
  • Per quanto concerne l'indice di terziarizzazione, Andria è in linea con il livello regionale, 81,4% locale contro 80,9% di media regionale.

Turismo[cangecange 'a sorgende]

Il turismo è uno dei settori economici in maggiore espansione, sia sul piano produttivo sia su quello occupazionale. La città attira un sorprendente movimento di turisti, grazie soprattutto alla presenza del Castel del Monte[31], riconosciuto dall'UNESCO[9] patrimonio dell'umanità dal 1996 ed effiggiato sulla moneta da 1 centesimo di euro[49]. Per la presenza dei suoi tre alti campanili, viene conosciuta anche come la città dei tre campanili[85], oltre che città federiciana per via del suo legame con Federico II di Svevia.

Servizi[cangecange 'a sorgende]

I servizi sono garantiti da 2.271 attività industriali con 7.586 addetti pari al 31,57% della forza lavoro occupata, 2.925 attività di servizio con 5.784 addetti pari al 24,07% della forza lavoro occupata, altre 1.269 attività di servizio con 5.788 addetti pari al 24,09% della forza lavoro occupata e 133 attività amministrative con 4.870 addetti pari al 20,27% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 24.028 individui, pari al 25,12% del numero complessivo di abitanti del comune.[86]

Infrastrutture e trasporti[cangecange 'a sorgende]

Strade[cangecange 'a sorgende]

Andria è raggiungibile con l'Autostrada A14, con uscita al casello autostradale di Andria/Barletta, situato a circa 1 km dal centro abitato.

La parte sud della città è servita inoltre dalla SP 231 Andriese-Coratina (ex SS 98), che collega la città con il capoluogo pugliese e dalla SS 170 dir. A, che nel tratto in questione, di circa 10 km, ha caratteristiche di superstrada a due corsie per senso di marcia e spartitraffico centrale.

Nel novembre 2009 la provincia di Bari ha pubblicato il bando di gara per l'allargamento e l'ammodernamento della SP 1 "Andria-Trani".[87] Tale strada provinciale collega due dei capoluoghi della provincia di Barletta-Andria-Trani e permette un rapido accesso alla Strada statale 16 Adriatica. Nel dicembre 2010 fu inaugurato l'ampliamento a 4 corsie della tangenziale di Andria, nel tratto compreso tra il casello autostradale di Andria-Barletta e lo svincolo con la provinciale per Trani.

Ferrovie[cangecange 'a sorgende]

La stazione di Andria, situata in Piazza Bersaglieri d'Italia, è posta sulla ferrovia Bari-Barletta, gestita dalla Ferrotramviaria[88], che ricalca il tracciato della precedente tranvia a vapore.

Nel mese di agosto 2009 è stato pubblicato il progetto preliminare dell'interramento del tracciato ferroviario nell'abitato di Andria per la procedura di verifica di assoggettabilità alla Valutazione di impatto ambientale, che prevede il raddoppio, velocizzazione e potenziamento nella tratta Corato-Barletta.

Mappa del Servizio Autobus ASA di Andria

Il 21 maggio 2020, è stato sottoscritto l'appalto ai fini della progettazione e realizzazione dell'interramento della linea ferroviaria nel centro urbano della città. Il progetto, i cui lavori sono tuttora in corso, prevede l'abbassamento di 7 metri sotto il manto stradale della linea ferroviaria e, per mezzo della rimozione di 4 passaggi a livello, la ricucitura delle due parti della città da anni separate dalla ferrovia. Il progetto, inoltre, prevede la costruzione della nuova stazione di Andria Sud (già realizzata a sud-est del centro abitato) e l'attivazione della nuova fermata, anch'essa interrata, di Andria Nord. La vecchia linea ferroviaria sarà smantellata e lungo la stessa verranno realizzate una pista ciclabile, un'area verde e zone ludiche.[89]

È fra le città capoluogo non collegate dalla rete ferroviaria statale, assieme a Matera e Nuoro.

Mobilità urbana[cangecange 'a sorgende]

La città dispone di una rete di 12 linee urbane, gestita dalla società Servizio Autolinee Urbane (ASA).[90]

Il trasporto pubblico locale si compone anche di un servizio taxi.[91]

Amministrazione[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Sindaci di Andria.

Con la nascita della cosiddetta sesta provincia pugliese, formalmente istituita l'11 giugno 2004 e operativa dal 2009, Andria condivide con le vicine città di Barletta e Trani lo status di capoluogo e ospita una parte degli uffici. La città, in particolare, è sede legale della provincia, ospita il consiglio provinciale e la presidenza provinciale, sede dell'INPS, sede della Questura e inoltre è sede dell'Azienda sanitaria locale Asl-BT; mentre la città di Barletta è sede della Prefettura,del comando provinciale dei Vigili del Fuoco, del Comando provinciale della Guardia di Finanza e dell'Agenzia delle Entrate; Trani ospiterà il Comando provinciale dell'Arma dei Carabinieri.

Gemellaggi[cangecange 'a sorgende]

Sport[cangecange 'a sorgende]

La squadra di calcio più rilevante del comune è la Fidelis Andria 2018, che ha iniziato la sua attività nel 1928, cambiando numerose denominazioni. Milita in Serie C e nella sua storia ha raggiunto come massimo risultato il campionato di Serie B. L'altra società calcistica della città è l'A.S.D. Polisportiva Virtus Andria militante nel campionato di Prima Categoria pugliese girone A. La squadra locale di calcio a 5 è la A.S.D. Futsal Andria, fondata il 17 settembre 2013.

Le squadre locali di pallavolo sono la Manzoni Sport - Pallavolo Andria, fondata nel 2003 e militante nel campionato di serie B, l'Audax Volley Andria in serie D.

La squadra di pallamano è l'A.S.D. Culturale Andriasveva, fondata nel 2004.

La società di pallacanestro attiva nel comune è la Pallacanestro Andria, fondata nel 2017.

Per quanto riguarda gli sport natatori, ha sede ad Andria la società Planet Andria S.S.D. ARL.[92]

Impianti sportivi[cangecange 'a sorgende]

Il principale stadio cittadino è lo Stadio degli Ulivi. L'impianto ha una capienza di circa 15 000 posti,[93][94] dalla stagione 2013-2014 ridotti a 9 140[93][94] per inagibilità del settore distinti, in attesa di lavori di messa in sicurezza. Costruito nel 1949, ha subito vari interventi di ammodernamento; è munito di tabellone elettronico e tribuna coperta.

Il secondo impianto di calcio cittadino è il Sant'Angelo dei Ricchi, munito di tribuna coperta e pista di atletica (rimodernato di recente). La sua capienza è di circa 1.500 spettatori seduti.

Le altre strutture sportive sono:

  • il palasport, con una capienza di 4.370 posti a sedere; è uno dei più grandi della regione e ha ospitato numerosi eventi anche a livello mondiale;
  • un impianto natatorio, che ospita una piscina semi-olimpica di 25,00x12,50 m e una più piccola di 12,50x6,00 m; all'esterno si trova una vasca semiolimpica, di 25,00x12,50 m;
  • un circolo di tennis;
  • vari impianti polivalenti.

Eventi sportivi[cangecange 'a sorgende]

Dal 21 luglio al 3 agosto 2003 ad Andria si è tenuta la fase finale dell'XI FIVB World Grand Prix 2003, manifestazione sportiva di pallavolo femminile, conosciuta col nome di World League.[95]

A novembre si tiene l'ATP Challenger Castel del Monte, un torneo internazionale di tennis giocato su campi in cemento indoor. Fa parte dell'ATP Challenger Tour.

Note[cangecange 'a sorgende]

  1. Template:Istat
  2. Template:Dipi
  3. AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Melane, Garzanti, 1996, p. 29, ISBN 88-11-30500-4.
  4. Cite errore: Tag <ref> invalide; nisciune teste ha state date pe le referimende nnomenate template divisione amministrativa-abitanti
  5. Andria diventa città, sì del Quirinale - Corriere del Mezzogiorno
  6. (it-IT) Operativa da ieri la Questura di via Indipendenza, su AndriaLive.it. URL consultato il 23 luglie 2021. Lingua sconosciuta: it-IT (aiuto)
  7. (it-IT) Adesso è ufficiale: Andria è la sede legale della sesta provincia, su AndriaLive.it. URL consultato il 27 febbrare 2022. Lingua sconosciuta: it-IT (aiuto)
  8. (it-it) Homepage, su Parco Nazionale dell'Alta Murgia. URL consultato il 27 febbrare 2022. Lingua sconosciuta: it-it (aiuto)
  9. 9,0 9,1 9,2 9,3 (EN) https://plus.google.com/+UNESCO, UNESCO, su UNESCO. URL consultato il 27 febbrare 2022.
  10. Consorzio della Burrata di Andria IGP, su www.burratadiandria.it. URL consultato il 27 febbrare 2022.
  11. Disciplinare di produzione della Burrata di Andria IGP
  12. (it-IT) Burrata di Andria IGP - ITALIA :, su Fondazione Qualivita, 3 decemmre 2016. URL consultato il 27 febbrare 2022. Lingua sconosciuta: it-IT (aiuto)
  13. Andria, su Tuttitalia. URL consultato il 1 luglie 2021.
  14. “TreninAndria – tra storia e natura”: La dolina carsica del Gurgo, su VideoAndria.com, 24 abbrile 2010. URL consultato il 25 novemmre 2020 (archiviato dall'url originale il 12 abbrile 2013).
  15. Grotta della Trimoggia sul sito della Proloco, su proloco.andria.ba.it. URL consultato il 7 masce 2010.
  16. Storia del Gurgo, su domaniandriese.it. URL consultato il 7 masce 2010.
  17. Gurgo e Ciappetta Camaggio, su viaggiando-murgia.it. URL consultato il 7 masce 2010 (archiviato dall'url originale il 20 novemmre 2012).
  18. Copia archiviata, su biopuglia.iamb.it. URL consultato il 4 sciugne 2011 (archiviato dall'url originale il 6 masce 2006).
  19. Pagina con le classificazioni climatiche dei vari comuni italiani, su confedilizia.it. URL consultato il 17 febbrare 2011 (archiviato dall'url originale il 27 scennare 2010).
  20. V. C. Galati,. " ' NE QUID NIMIS': il busto di Francesco II Del Balzo nella chiesa di San Domenico ad Andria. Autocelebrazione politica o monumento sepolcrale?, in Monumentalia. Monumenti tra identità e celebrazione . «Bollettino della Società di Studi Fiorentini» II (29, 2019).
  21. (it-IT) Gesèppe Volpe, Le origini storiche del nome e della città di Andria, su Odysseo, 06 novemmre 2015. URL consultato il 27 febbrare 2022. Lingua sconosciuta: it-IT (aiuto)
  22. Stemma Comune di Andria, comuni-italiani.it.
  23. Querce di Andria, su proloco.andria.ba.it.
  24. Site UNESCO Template:Webarchive
  25. 25,0 25,1 'Mbormazione ca avène da 'u site ufficiale d'a diocesi, 'a Catholic Encyclopedia d'u 1917 reporte ca tradizionalmende Riccarde jè datate a 'u tiembe de Pape Gelasie I (cchiù o mene 'u 492)
  26. Proloche Andrie, su proloco.andria.ba.it.
  27. Cinnamo, pp. 138, 5-146, 17.
  28. Fonte: Giuanne Cinnamo
  29. (EN) The history of the tyrants of Sicily by "Hugo Falcandus," 1154-69, Ugo Falcando, G. A. Loud, Thomas E. J. Wiedemann, Manchester University Press (1998). ISBN 0-7190-5435-4
  30. Guglielme I ditte il Malo Template:Webarchive
  31. 31,0 31,1 31,2 Home, su www.casteldelmonte.beniculturali.it, 24 luglie 2021. URL consultato il 27 febbrare 2022.
  32. Jndr'à 'u 1343 'a reggine Giovanne I s'avere 'nzurate cu Andrèe, frate de Luigge I d'Ungherie, strangolate jndr'à nuttate d'u 18 settemmre 1345.
  33. Scipione Ammirato, Delle famiglie nobili napoletane, vol. 2, Firenze, 1651, p. 192.
  34. César de Notre-Dame, L'histoire et chronique de Provence, 1614, p. 588.
  35. André Borel d'Hauterive, Annuaire de la pairie et de la noblesse de France et des maisons souverines de l'Europe, vol. 4, Parigi, 1846, p. 187.
  36. Fiera d'Aprile, su fieradaprile.it. URL consultato il 22 novemmre 2006 (archiviato dall'url originale il 4 settemmre 2007).
  37. F. Canali,. Architetture e ornamentazioni dalla Toscana agli 'Umanesimi baronali' del Regno di Napoli alla fine del Quattrocento, p. V, Fulcri architettonici e artistici nella committenza di Francesco II Del Balzo di Andria (1431-1482). Un'Architettura umanistica nell'orizzonte di Leon Battista Alberti e di Andrea Mantegna. Interventi a Napoli, Andria, Irsina/Montepeloso e Bisceglie, in 'Monumentalia'. Monumenti tra identità e Celebrazione, . «Bollettino della Società di Studi Fiorentini», 1 (28-29, 2019-2020).
  38. Baux 3, su genealogy.euweb.cz. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  39. Rino Cammilleri, Tutti i giorni con Maria, calendario delle apparizioni, Edizioni Ares, 2020, pp.102-103 (formato Kindle).
  40. Terms & Conditions, su www.discoverypuglia.com. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  41. Andria - Emgoing Template:Webarchive
  42. La Gazzetta del Mezzogiorno.it | Garibaldi parlamentare eletto da lucani e pugliesi Template:Webarchive
  43. [http://www.comune.andria.bt.it/leggi.asp?id=10018 150º ANNIVERSARIO UNITA' D'ITALIA: DOMANI 'ANDRIA RICORDA GARIBALDI' - Comune di AndriaTemplate:Webarchive
  44. Andriarte, su andriarte.it.
  45. Museo di New York: scoperto dipinto che mostra com’era Andria nel XIX secolo – VIDEO - VideoAndria.com, su videoandria.com.
  46. The Main Square in Andria (Bari) - MET, su metmuseum.org.
  47. FILMATO STORICO ANDRIA 1913   (in it-IT). URL conzultate 'u 2022-02-27.
  48. Le sorelle Porro, su lesorelleporro.iporro.it.
  49. 49,0 49,1 (EN) European Central Bank, European Central Bank, su European Central Bank. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  50. Porta sant'Andrea Template:Webarchive
  51. Monumenti Andria, su proloco.andria.ba.it.
  52. Andria: Strada Nuova di Barletta (Via Ferrucci), su andriarte.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  53. Piazza Catuma, su architetturadipietra.it.
  54. (it-IT) Redazione, Andria: trovati sotterranei a 20 metri di profondità nei pressi di Palazzo Ducale - VIDEO, su Andria Barletta Trani News - Notizie e Video sulla BAT, Cultura, Cronaca, Eventi, 14 giugno 2016. URL consultato il 04 ottobre 2021. Lingua sconosciuta: it-IT (aiuto)
  55. Andria: cripta della Cattedrale, su www.andriarte.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  56. ..: Associazione Turistica Pro Loco - Andria (BA) - Storia :.., su www.proloco.andria.ba.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  57. Chiesa di Santa Chiara, su Comune di Andria. URL consultato il 25 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2012).
  58. Annunziata, chiesa del prodigio della Vergine, su domaniandriese.it. URL consultato il 22 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2011).
  59. Grotta S. Margherita e il suo percorso di purificazione | Il Domani Andriese – Giornale on line della città di Andria Template:Webarchive
  60. ..: Associazione Turistica Pro Loco - Andria (BA) - I santuari :.., su www.proloco.andria.ba.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  61. Andria: chiesa Mater Gratiae, su www.andriarte.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  62. Andria: Sant'Anna o chiesa del Conservatorio, su www.andriarte.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  63. Andria: San Bartolomeo, su www.andriarte.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  64. Gesù misericordia, chiesa della speranza del Signore, su domaniandriese.it. URL consultato il 22 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2015).
  65. Andria: Sant'Angelo de' Meli o San Micheluzzo, su www.andriarte.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  66. Chiesa della Beata Vergine Immacolata, su chieseitaliane.chiesacattolica.it.
  67. Oratorio salesiano, festa di una comunità, su Domani Andriese. URL consultato il 25 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2015).
  68. Demo-Geodemo. - Mappe, Popolazione, Statistiche Demografiche dell'ISTAT, su demo.istat.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  69. Cittadini Stranieri 2021 - Andria, su Tuttitalia.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  70. Comuni superiori ai 100.001 abitanti, su cepell.it. URL consultato il 6 luglio 2020.
  71. :: Centro Ricerche Bonomo:: Il Centro Template:Webarchive
  72. Radio Antenna Adriatica, su www.antennaadriatica.it. URL consultato il 2 giugno 2016.
  73. TELESVEVA, su www.storiaradiotv.it. URL consultato il 3 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2015).
  74. Andria e i suoi monumenti - Olio extravergine di oliva pugliese - Org.Olio - Ardito Felice, su www.org-olio.it. URL consultato il 1º settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2015).
  75. 75,0 75,1 Fiera d'Aprile 2008 Template:Webarchive
  76. Festival internazionale del cortometraggio “Cortolandria” - AndriaApp, su www.andriapp.it. URL consultato il 3 maggio 2016.
  77. Festival di musica classica "Farinelli" - AndriaApp, su www.andriapp.it. URL consultato il 3 maggio 2016.
  78. Suoni dal Mediterraneo, su www.suonidalmediterraneo.it. URL consultato il 2 giugno 2016.
  79. Qoco - Un filo d'olio nel piatto, su www.andriaweb.it. URL consultato il 2 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2016).
  80. Home - Premiobiol, su Premiobiol. URL consultato il 2 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2016).
  81. Copia archiviata, su andriaviva.it. URL consultato il 14 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2019).
  82. Zone Franche Urbane Template:Webarchive
  83. Burrata di Andria, su laculturadelcibo.it.
  84. città dell'olio
  85. Sito dei tre campanili, su diocesiandria.it. URL consultato il 7 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2010).
  86. Andria, su puglia.indettaglio.it. URL consultato l'8 agosto 2016.
  87. (it-IT) Pubblicato il bando per l'allargamento dell'Andria-Trani, su AndriaLive.it. URL consultato il 27 febbraio 2022. Lingua sconosciuta: it-IT (aiuto)
  88. Ferrovienordbarese, su ferrovienordbarese.it.
  89. ferrovienordbarese.it, https://www.ferrovienordbarese.it/progetti/interramento-andria.
  90. MACFLY76, autolinee andriesi servizio urbano andria home, su www.autolineeandriesi.it. URL consultato l'8 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2016).
  91. Al via il primo servizio Taxi nella Città di Andria. Assegnata la licenza numero 1, terminal in Piazza della 'stazione'., su andriaviva.it. URL consultato l'8 agosto 2016.
  92. FIN Puglia | Società | S.S.D. PLANET ANDRIA A R.L., su www.federnuotopuglia.it. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  93. 93,0 93,1 Stadio Degli Ulivi, http://www.nuovaandria.it/. URL consultato il 5 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2015).
  94. 94,0 94,1 Stadio, http://www.fidelisandria.it/. URL consultato il 5 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2015).
  95. Press Info, su www.fivb.org. URL consultato il 27 febbraio 2022.

Bibliografia[cangecange 'a sorgende]

  • Giovanni Cinnamo, Cronaca, XII secolo
  • Riccardo D'Urso, Storia della città di Andria dalla sua origine sino al corrente anno 1841, Napoli, Tipografia Varana, 1841
  • Riccardo Loconte, Andria la mia città, Andria, Mezzine, 1972
  • Michele Lomolino,Album di una comunità - Andria 1861-1946. Sveva Coop. editoriale. 1987
  • Pietro Petrarolo, Andria dalle origini ai tempi nostri, Andria, Sveva Edizioni, 1990
  • Beatrice A. Cestari, Le edicole sacre di Andria. Sveva editrice. 1994 (ristampa 2001)
  • Michele Palumbo, Andria Giacobina - Il significato e i fatti del 23 Marzo 1799. Sveva Editrice. 1999
  • Matteo Ieva, "Canosa. Dal territorio al castello", Mario Adda Editore 2003
  • Antonello del Balzo di Presenzano, A l'hasar Bautezar! I del Balzo ed il loro tempo, Napoli, Arte Tipografica, 2003
  • Matteo Ieva, "Canosa. Dal territorio al castello", Mario Adda Editore 2003
  • AA. VV., La Sacra Spina di Andria e le reliquie della Corona di Spine. Schena editore. 2005
  • di Franco da Catania Giovanni, Di Santa Maria De' Miracoli d'Andria, Napoli, Tarquinio Longo, 1606; ristampa anastatica, Bari, Wip Edizioni, 2010
  • C. Gelao, Andria rinascimentale. Episodi di Arte figurativa, 2018.
  • F. Canali, V. C. Galati, Architetture e ornamentazioni dalla Toscana agli 'Umanesimi baronali' del Regno di Napoli alla fine del Quattrocento, p. V, Fulcri architettonici e artistici nella committenza di Francesco II Del Balzo di Andria (1431-1482). Un'Architettura umanistica nell'orizzonte di Leon Battista Alberti e di Andrea Mantegna. Interventi a Napoli, Andria, Irsina/Montepeloso e Bisceglie, in 'Monumentalia'. Monumenti tra identità e Celebrazione, a cura di F. Canali e V. C. Galati,«Bollettino della Società di Studi Fiorentini», 28-29, 2019-2020.

Otre pruggette[cangecange 'a sorgende]

Collegamiende fore a Uicchipèdie[cangecange 'a sorgende]


Template:Comuni del Parco Nazionale dell'Alta Murgia

Controllo di autoritàVIAF: (EN133678285 · GND: (DE4079773-9
  • Pugghie Portale Pugghie: accede a le vôsce de Uicchipedia ca trattane de Pugghie