San Ferdinande de Pugghie

Da Uicchipèdie, 'a 'ngeclopedije lìbbere.
San Ferdinande de Pugghie
comune
San Ferdinande de Pugghie – Veduta
San Ferdinande de Pugghie – Veduta
Localizzazione
StateItaglie Itaglie
Reggione Pugghie
Provinge Barlette-Andrie-Trane
Amministrazione
SinnacheArianne Camporeale (Città futura) da 'u 13 sciugne 2022
Territorie
Coordinate41°18′N 16°04′E / 41.3°N 16.066667°E41.3; 16.066667 (San Ferdinande de Pugghie)
Altitudine68 m s.l.m.
Superficie41,23 km²
Crestiàne13 664[1] (30-9-2022)
Denzetà331,41 ab./km²
FraziuneSan Samuele de Cafiero
Comune 'nzeccateBarlette, Canose de Pugghie, Cerignole (FG), Trinitapule
Otre 'mbormaziune
Cod. postale76017
Prefisse0883
Fuse orarieUTC+1
Codece ISTAT110007
Cod. catastaleH839
TargheBT
Cl. sismichezone 2 (sismicità medie)[2]
Cl. climatiche1393
Nome javetandesanferdinandise
PatroneFerdinande III de Castiglie ditte 'u Sande
Sciurne festive30 masce/urteme dumeneche de aguste
Cartografije
Mappe de localizzazione: Itaglie
San Ferdinande de Pugghie
San Ferdinande de Pugghie

Mappe de localizzazione: Pugghie
San Ferdinande de Pugghie
San Ferdinande de Pugghie
San Ferdinande de Pugghie – Mappa
San Ferdinande de Pugghie – Mappa
Posizione d'u comune de San Ferdinande de Pugghie jndr'à provinge de Barlette-Andrie-Trane
Site istituzionale

San Ferdinande de Pugghie (pronunge jndr'à 'u tagliàne San Ferdinando di Puglia, Samberedenènde jndr'à 'u dialette locale [saɱbərd'nɛːndə], 'nzigne a 'u 1862 chiamate San Ferdinando) jè 'nu comune tagliàne de 13 664 crestiàne[3] d'a provinge de Barlette-Andrie-Trane jndr'à Pugghie.

Sciugrafije[cangecange 'a sorgende]

'A cetate se iacchie jndr'à vasce valle de l'Ofande, jndr'à sezione merdiionale d'u Tavoliere de le Pugghie.

Storie[cangecange 'a sorgende]

Funnate da Ferdinande II de le Doje Sicilie, se iacchie a' sinistre d'u jume Ofande, sus a 'na colline piccele ca domine le territorie 'nzeccate, a quote 68 m s.l.m. e jè cercunnate da vignete, ulivete, scarcioppolate e peschete.

Avenìe funnate jndr'à 'u 1847 cumme culonie agricole, derivate da l'andiche borghe de San Cassane, pe tendà de resollevà da le probbleme de tipe economeche e suggiale ca stavane jndr'à vanne meridionale d'u Tavogliere. L'idée de funnà 'na culonie agricole jndr'à zone avere state congepite da 'u monarche uagnone Ferdinande II de Borbone in occasione d'u viagge ufficiale sue attraverse 'u Regne, d'u 1831.

'U pruggette socie-economeche d'a culonie ca avenìe presendate jndr'à 'u 1839 da 'u 'ndendende de Capitanate, Caetane Lordi prevedeve:

  • 'U 'nzediamende de 50 famigghie ca avenèvane da le saline de Barlette (quedde ca osce a die jè Margherite de Savoie);
  • 'Nu funne de 10 versure congesse in enfiteusi a ogne famigghie;
  • 'Na case coloneche cu 2 cavaddere, 'na carrette, attrezze, semende, chiande, ecc. a ogne famigghie emigrande.

Pò pe ause comune d'a culonie avenèrene assignate 100 versure da dà a 'u pascole de vove mendre otre 60 versure averene essere date pa piandaggione de vigne e arvule da frutte; 'a culonie avera essere dotate in aggiunde de 'na chiesere, 'nu cendimole (muline) cu furne e 2 pozzere, de le case in murature e 'nu cendinaie de pagghiare (ca po' cchiù de quacchedune avere date l'immaggine pa realizzazzione d'u stemme cetadine) e ca onne state cause de doje asckuamiende 'mbortande ca 'nguaiarene 'a comunitate.

Jndr'à 'u 1848 'u nome de San Ferdinande, in onore d'u Rre sande Ferdinande III de Castiglie e León, patrone d'u monarche de le Doje Sicilie Ferdinande II de Borbone. Cchiù nnande a 'u toponime avenìe aggiunde 'a denominazione de Pugghie pe fasrle distinguere da 'a cetadine ca 'u stesse nome jndr'à Calavrie.[4]

Jndr'à le anne '50 e '60 d'u XX sechele 'u comune canuscìe 'u fenomene migratorie, in particolate verse Melàne e Turine.

Monumiende e luèche de 'nderesse[cangecange 'a sorgende]

'A Torre d'u 'Rrelogge, a chiande ottagonale, ste 'mbronde a' cheisere madre d'u javetate e resale a le inizie d'u XX sechele. A' soje sommità, 'nzigne a 'u 2012 (anne de inizie de le fatìe de refacimende d'a chiazze de fronde, ggià chiazze Umberte I, renomenate jndr'à cercostanze chiazze d'a Costituzione) ere installate 'na sirene meccaneche ca sunavbe ogne sciurne, a le uette d'u matine e a mezzoggiorne (se sendeve pure jndr'à le cambagne a distanze de migliaie de metre). Jndr'ò staggione 2014 e 'nzigne a tutte 'u 2018, quanne spicciarene le fatìe d'a chiazze, pe mandenè 'a condinuità cu 'a longhe tradizione passate ne ave state mise 'n'otre, ma cu 'na putenze cchiù vasce.

'U 'rrelogge d'a torre jè azionate da 'nu puzze ca ste sotte a jedde.

'A chiesere origgenarie avenìe prugettate da l'architette Dieghe Genovese, 'ngarecate da 'u Direttore Generale de Ponde e Strade Carle Afan de Rivera, ca prevedeve 'na spese de 8.000 ducate. Da 'a chiande d'u pruggette de refonnazione elabborate jndr'à 'u 1847, putime canoscere 'a strutture 'nderne, ca ere fatte da 'na aule sole absidate d'a superficie nette de cchiù o mene 290 m², abside escluse. Jndr'à 'u rrete de l'abside avenèvane ricavate a 'u piane terre 'a sagrestìe e a 'u piane de sus 'a canoneche.

A 'u cendre de l'elegande chiazze Trieste (osce a die chiazze Giuanne Paole II) jndr'à le ambiende de l'ex Palazze de Cetate, 'nzippate jndr'à 'u 1847 e restrutturate se dislocane le stanze ca ospitescene 'u Musée Civiche cetadine.

Jndr'à 'u 1984 pigghie vite 'u Musée Civeche[5] ca ospite 'na ricche collezzione de materiale ca vèje da 'u Neoliteche a l'Alte Medioeve: diverse sò le reperte de l'Età d0u Bronze acchiate jndr'à l'arée ipoggeche de Terre de Corte. Non ge mangane testimonianze de l'Età Romane: monete, epigrafe, 'nzigne ad arrevà a le cerameche medievale.

Assaije suggestive jè 'a sezione dedicate a' mostre etnografeche ca conde 'a viciltà contadine locale. Jè presende, in particolare, 'na recostruzione a grannenèzze naturale d'a vecchie e umile case d'u contadine, arricchite da mobbile e diverse strumiende domestice de l'epoche. 'A mostra raccogghie, pure, attrezze agricole e de l'artiggianate.

Jndr'à chiazze granne a 'u cendre d'u paese se iacchie 'a Chiesere San Ferdinande Re (chiesere Matrice) ca resale a' fine de le anne '50 e urtemamende restaurate, sus a quedde ca ere l'arée occupate da 'a storeca chiesere d'apprime.

'N'otre monumende de spicche d'a culture sanferdinandese jè l'andiche poste de San Cassane, ca jè 'u palazze cchiù andiche d'u paese 'nzieme a' chiesette de San Gesèppe (de le Sande Midece). Degne de note jè pure 'a chiesere parrocchiale Marije Ss. d'u Rosarie, ca resale a le prime decennie d'u XX sechele, vulute e realizzate da 'u parroche d'a chiesere matrice monzignore Rafaele Lopez cu l'obole versate ogne sumàne da tutte le sanferdinandise, guadagnannese accussì 'a definizione de "Chiesere d'u Solde". 'A costruzione de sta cheisere ave accumenzate jndr'à 'u 1913 e spicciate jndr'à 'u 1933.[6]

Assaije cchiù moderne jè 'a chiesere dedicate a 'u Sacre Core de Gesù, spicciate jndr'à 'u 1994.

Vecine a 'u paese scorre 'u jume Ofande, 'u terze jume cchiù luènghe d'u Mezzoggiorne apprisse a 'u Volturne e 'u Basende, ca dèje 'nu paesagge de flore e faune selvagge.

Sciugrafije andropeche[cangecange 'a sorgende]

Quartiere[cangecange 'a sorgende]

Pasculli, Rosarie, San Tummase, Croce, 167, Chiandate, Sapienze, Mons. Gallo, Porte Trinitapoli e Ville comunale.

Zone artiggianale[cangecange 'a sorgende]

'U paese ave 4 zoen artiggianale:

  1. zone Pip (Programme 'Nzediamiende Produttive) jndr'à vie Barlette cchiù o mene 8000   (vie Germanie, vie Spagne, vie Frange, vie Grecie, vie Bulgarie, vie Portugalle e vie Gran Bretagne);
  2. zone artiggianale jndr'à vie Ofande, Contrade Puzze 'a Pere, de 2000  ;
  3. zone artiggianale jndr'à vie Prologhe de 2000  ;
  4. zone artiggianale jndr'à vie Canose de 2000 .

Suggettate[cangecange 'a sorgende]

Evoluzione demografeche[cangecange 'a sorgende]

Crestiane censite[7]

Etnie e minoranze furastiere[cangecange 'a sorgende]

Seconde le date ISTAT a 'u 1° scennare 2021 'a popolazzione furastiere residende ere de 1.127 crestiàne, pare a l'8,2 d'a popolazzione residende, 'nu date assaije cchiù ierte d'a medie provingiale, 'mbrà le cchiù vasce d'Itaglie[8].

Le nazionalità maggiormende rappresendate in base a' lore percenduale sus a 'u totale d'a popolazzione residende erane:

Romanie 460 3,09%

Culture[cangecange 'a sorgende]

Avvenemiende[cangecange 'a sorgende]

Ogne anne, a cavadde 'mbrà ottommre e novemmre, se face 'a Fiere Nazionale d'a Scarcioppole mediterranèe e d'u prodotte ortofrutticole. Durante stu avvenimende avènene presendate sie le tecnologgije nove de coltivazione sie le prodotte tipece d'u luéche, in particolare pesche e scarchioppole, renomenate jndr'à totte l'Itaglie pa qualitate lore, tande da dà a' cetate l'appellative de cetate de le pesche e de le scarcioppole. Durante 'a fiere, se dèje pure 'a scarcioppole d'ore a 'u megghie espositore.

'A feste patronale se face jndr'à le prime sciurne de settemmre e jndr'à le urteme sciurne de aguste.

'U cortée storeche[cangecange 'a sorgende]

Jè 'na manifestazione vulute e fatte da 'u Comitate Feste Patronale, da l'Associazione Nazionale Carabbeniere Benemerite e Volondarije San Ferdinande de Pugghie cu presidende, a l'epoche, 'u Cav. Ugg. Ferdinande Pollone e da 'a S.M.S. Giuanne XXIII a 'u scope de valorizzà l'idendità culturale d'a comunitate de le uagnune e, condemboraneamende, de tramannà a le generaziune future chidde valore de operosità, dignità e respette civile ca le attane d'u comune onne vulute tramannà a' comunitate paesane.

'A rassegne se face a cavadde 'mbrà le doje urteme sumàne de masce e 'a prime de sciugne. Le custume de le uagnune d'a Scole Medie avenèrene fatte cumme 'na copie de chisdde esposte jndr'à Regge de Caserte, ca avenèrene visionate da le organizzature 'u 21 febbrare 2001.

Ste custume avenèrene mise 'nguédde in occasione d'a prime edizione d'u cortée da cchiù de 100 alune d'a scole. Avute le comblimende e le apprezzamiende 'a rassegne ave condinuate ogne anne jndr'à 'u stesse periode. 'U cortée storeche pò ave rappresendate 'u paese e l'amministrazione comunale pure jndr'à le comune de Margherite de Savoie 'u 10 luglie 2002, Piossasche 'u 22 sciugne 2002, Grume Appule 'u 4 aguste 2002 e Diso 'u 7 aguste 2005.

Economije[cangecange 'a sorgende]

La città di San Ferdinando, sin dalle sue origini, pone le sue radici nel settore primario e nella coltura di prodotti tipici del luogo quali in primo luogo pesche e carciofi, viti e olivi che da anni oramai hanno portato alla ribalta, in campo sia nazionale sia internazionale, i prodotti che questa terra, con amore e dedizione dei suoi contadini, produce. Originariamente la terra era incolta e coperta da migliaia di peri selvatici (i peràzze), lentisco, timo e sarapullo. In seguito i terreni dissodati vennero coltivati con 7564 alberi di cui 629 olivi, 1677 peri, 20 fichi, 4046 mandorli, 35 peschi (varietà percochi), 1058 cespugli di mandorli e 99 viti estese in tutto in un'area di 34 versure. Al centro di queste piantagioni esisteva una torre per il guardiano, una stalla, un gallinaio, un giardinaio con viti a pergolato e una fabbrica per l'industria pastorizia. Era presente inoltre la coltura di Grani teneri come Orzi, Avene, Frumenti e Fave. Tra il 1854 e il 1855 le colture fruttarono alla nascente comunità 1600 barili di vino, 815 tomoli di olive, 33,50 cantaie di peri, 500 tomoli di mandorle, 10 cantaie di fico e infine 12 cantaie di albicocche. Da sottolineare che allora non esistevamo sistemi irrigui, ma solo nella zona coltivata a ortaggi l'irrigazione veniva effettuata per mezzo di molini da pozzo. Verrà introdotta poi la coltura del carciofo, in particolare del "violetto" di San Ferdinando, apprezzato in tutto lo stivale. Le numerose aziende in campo agricolo, nate nel giovane comune, hanno provveduto a esportare i prodotti tipici del paesino a livello nazionale ed internazionale.Template:Senza fonte

Amministrazione[cangecange 'a sorgende]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periode Prime cetadine Partite Careche Note
27 ottobre 1988 18 gennaio 1989 Agostino Ricucci Comm. pref. [9]
23 gennaio 1989 7 aprile 1990 Gianfranco Capacchione lista civica Sinnache [9]
7 aprile 1990 22 novembre 1993 Giuseppe Valerio Democrazia Cristiana Sinnache [9]
25 novembre 1993 17 novembre 1997 Michele Lamacchia Partito Democratico della Sinistra Sinnache [9]
17 novembre 1997 28 maggio 2002 Michele Lamacchia centro-sinistra Sinnache [9]
28 maggio 2002 16 febbraio 2007 Carmine Gissi centro-sinistra Sinnache [9]
29 maggio 2007 13 aprile 2011 Salvatore Puttilli lista civica Sinnache [9]
13 aprile 2011 8 maggio 2012 Francesco Cappetta Comm. straordinario [9]
8 maggio 2012 11 giugno 2017 Michele Lamacchia lista civica Città solidale Sinnache [9]
11 giugno 2017 10 gennaio 2022 Salvatore Puttilli lista civica Costruiamo insieme Sinnache [9]
13 giugno 2022 in carica Arianna Camporeale lista civica Città futura Sinnache [9]

Gemellaggi[cangecange 'a sorgende]

Sport[cangecange 'a sorgende]

Calcio[cangecange 'a sorgende]

Il San Ferdinando è stata la squadra della città, ma è inattiva da molti anni. La compagine giallo-verde ha giocato 2 stagioni in Serie C dal 1946 al 1948 ed è stato il punto più in alto della società. Le gare in casa erano disputate al campo comunale Cosimo Puttilli. Nel 2017 è nata la nuova società calcistica denominata Virtus San Ferdinando che disputa le proprie partite al Campo Comunale di San Ferdinando di Puglia e che milita in Promozione.

Calcio a 5[cangecange 'a sorgende]

Nel Calcio a 5 è presente dal 2015 il San Ferdinando 1942. Ha militato per tre campionati in serie C2, girone A. Nella stagione 2017/2018 ha vinto il campionato, si è laureata Campione di Puglia vincendo la Coppa Puglia ed ha vinto la Coppa Disciplina. Nella stagione sportiva 2018/2019 raggiunge la finalissima di coppa Italia di serie C1, battendo in semifinale il Trulli & Grotte 6 a 2. Un'autentica impresa della squadra allenata da Giuseppe Russo.

Pallacanestro[cangecange 'a sorgende]

Esiste una squadra di pallacanestro denominata Nuova Olimpia San Ferdinando.

Pallavolo[cangecange 'a sorgende]

La squadra del San Ferdinando femminile di pallavolo ha partecipato al campionato di Serie D ma ha cessato di esistere.

Note[cangecange 'a sorgende]

  1. (IT) Bilancio demografico mensile anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. (IT) Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. Cite errore: Tag <ref> invalide; nisciune teste ha state date pe le referimende nnomenate template divisione amministrativa-abitanti
  4. Cfr. S. Piazzolla, "San Ferdinando di Puglia nella storia prima e dopo l'Unità d'Italia", vol. 1, Trane 1974
  5. Museo civico San Ferdinando di Puglia, su beniculturali.it. URL conzultate l'8 febbrare 2024.
  6. Un po' di storia
  7. Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultate in date 28-12-2012.
  8. Stranieri al 1° gennaio 2023, su dati.istat.it. URL conzultate il 21 febbrare 2024.
  9. 9,00 9,01 9,02 9,03 9,04 9,05 9,06 9,07 9,08 9,09 9,10 http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[cangecange 'a sorgende]

Otre pruggette[cangecange 'a sorgende]

Collegamenti esterni[cangecange 'a sorgende]

  • Puglia Portale Puglia: accede a le vôsce de Uicchipedia ca trattane de Puglia
Condrolle de autoritàVIAF (EN159462748