Ceglie Messapeche

Da Uicchipèdie, 'a 'ngeclopedije lìbbere.
(Riderette da Ceglie Messapica)
Zumbe sus 'a navigazzione Zumbe sus 'a recerche
Ceglie Messapeche
comune
Ceglie Messapeche – Stemma Ceglie Messapeche – Bandiera
Paesaggio di Ceglie Messapica.jpg
Localizzazione
StateBandiera de l'Itaglie Itaglie
RegioneCoat of Arms of Apulia.svg Pugghie
Provincia20px Brinnese
Amministrazione
SindacoPasche Erminie Cicoria (commissarie prefettizie) dal 12/04/2010
Territorie
Coordinate40°39′N 17°31′E / 40.65°N 17.516667°E40.65; 17.516667 (Ceglie Messapeche)Coordinate: 40°39′N 17°31′E / 40.65°N 17.516667°E40.65; 17.516667 (Ceglie Messapeche)
Altitudine298 m s.l.m.
Superficie132,02 km²
Crestiàne20 269[1] (31/10/2019)
Denzetà153,53 ab./km²
Comuni 'nzeccateFrangaville Fundane, Martina Franghe (TA), Ostune, San Michele Salendine, Villa Castidde
Otre 'mbormaziune
Cod. postale72013
Prefisse0831
Fuse orarieUTC+1
Codice ISTAT074003
Cod. catastaleC424
TargheBR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanticegliese
Patronosand'Andonije da Padove
Sciurne festive13 sciugne
Cartografije
Mappa di localizzazione: Itaglie
Ceglie Messapeche
Ceglie Messapeche
Posizione d'u comune de Ceglie Messapeche jndr'à provinge de Brinnese

Posizione d'u comune de Ceglie Messapeche jndr'à provinge de Brinnese

Site istituzionale

Ceglie Messapeche (Ceglie Messapica jndr'à 'u tagliàne, Cègghie jndr'à 'u dialette locale, 'nzigne a 'u 1864 chiamate Ceglie, da 'u 1864 a 'u 1988 chiamate Ceglie Messapico) jè 'nu comune tagliàne de 19 525 crestiàne[2] d'a Provinge de Brinnese jndr'à Pugghie.

'A cetadine avvande 'u recanuscemende de cetate d'arte e terre de gastronomije[3]

'U territorie se caratterizze pe le trulle, le massarie, le ulivete secolare e le grotte carseche.

Sciugrafije fiseche[cangecange 'a sorgende]

Territorie[cangecange 'a sorgende]

'U territorie comunale se stenne pe 132.02 [4] jndr'à vanne meridionale de l'altepiane de le Murge 'mbrà 'a Valle d'Itrie e 'u Salende, jndr'à 'na zone de colline cu 'a pianure salendine chiamate Soglie messapeche.

'U comune se iacchie a 31  da Tarde e a cchiù o mene 35  da Brinnese; confine cu Ostune (distanze 11 ), Martina Franghe (17 ), Villa Castidde (8 ), Frangaville Fundane (14 ) e San Michele Salendine (10 )[5].

Orografije[cangecange 'a sorgende]

Trulle e terrazzaminde jndr'à le cambagne de Ceglie Messapeche

'U territorie comunale pò essere divise jndr'à doje aree: une, da l'aspette collinare, se stenne sostanzialmende a nord-ovest d'u javetate, se presende cu doce colline e terrazzaminde cu murette a secche e 'nu sbuènne de trulle; l'otre vèje lenda lende verse 'a piane salendine. Probbie pe ste mutive 'a cetate avène conziderate une de le urteme lembe meridionale d'a Murge. L'altitudine d'u territorie comunale cange 'mbrà le 148 metre s.l.m. d'a fogge Palagogna e le 385 metre m s.l.m. de Contrade Alfieri[5].

'U javetate 'nvece se iacchie a 'n'altezze de 298 metre s.l.m.[7], se stenne sus a doje colle, une de le quale 'nderamende occupate da 'u cendre storeche e d'a zone uettecendesche.

Jndr'à 'u territorie stonne 'nu sbuènne de forme carsiche (doline, grotte, inghiottitoie, lame): lore tènene 'nu valore assaije 'mbortande sus a 'u paesagge, l'ambiende, naturalisteche ma pure storeche-archeologgeche, purcé, soprattutte le grotte, èrane ggià jndr'à l'epoche preistoreche sede privileggiate pe le inzediaminde umane. 'A presenze de fenomene carsece a macchie collegate a le caratteristeche d'u substrate geologgeche de stu territorie: addò 'ngate iessene 'nfatte strate de rocce calcarée-dolomiteche, gruèsse diverse migliaie de metre e cu 'nu sacche de fessure. Le rocce calcarèe avènene, a tratte, cuperte da strate, spesse de spessore piccele, de "terre russe", ca se iacchiane in particolare jndr'à le arèe morfologgecamende cchiù depresse, quale le doline e le litte de le prengepàle solche erosive.

Grotte[cangecange 'a sorgende]

Grotte de Mondevicoli
Grotte de Mondevicoli
Culonne Grotte de Mondevicoli
'Ndrucamende d'a grotte

Jndr'à 'u territorie d'u comune onne state cenzite 53[8] 'mbrà cavità, grotte e fratture verticale chiamate da le contadine capiviende o vole[9]. Elenghe de le grotte de Ceglie Messapeche:

Grotte Recupero 1 e 2, Grotte de Mondevicoli, Grotte de Zizze, Grotte-Cripte de San Michele, Grotte-Cripte d'a Madonne d'a Grotte, Grotte Abbundanze 1,2 e 3, Grotte Massarie Iazzo (wanda), Grotte d'u Frantoije, Grotte Donna Lucrezie, Grotte de Nisco, Grotte Massarie le Croci 1 e 2, Grotte San Pitre, Grotte de le Grille, Grotte Abbate Necole, Grotte Olme, Grotte de Fedele Granne (Grotte d'u Cavaddone), Puzze Alfieri, Vora de l'Olme, Grotte Sardelle 1, 2 e 3, Grotte de le Messape, Grotte Antelmi, Grotte d'a Candine, Grotte de le Maravigghie, Grotte Madonne Piccele, Grotte Tagliente, Grotte Marangi, Vora de Castelluzze, Grotte Abbate Amate, Vora Facciasckuate, Inghiottitoie Facciasckuate, Grotte Ciarlete, Grotte d'u Frantoije Scolepie, Grotte Angeluzzi 1 e 2, Grotte Montagnulo, Grave Vuotolo Russe, Grotte specchie Abbate Amate, Voraginette Insarti, Inghiottitoie Lecci, Grottine de San Pitre, Grotte Madonne de le Grotte 2, Grotte Massarie Tammorre, Grotte Insarti, Grotte d'u Cambe Sportive, Grotte d'u Monde Vecchije, Grotte Massarie San Pitre.

Idrografije[cangecange 'a sorgende]

L'idrografije superficiale jè quasi combletamende assente da 'u territorie; le uneche forme reconducibbele sò certe invase artificiale de dimenziune piccele scavate jndr'à rocce pe cogghiere le acque piovane e chiamate, cu 'nu nome corrende, “fogge”.

Se penze ca le fogge onne 'n'origgene tarde medievale, bizzandine o addiritture ca resale a l'epoche messapeche. Chidde presende jndr'à 'u territorie avènene chiamate Fogge Marangi, Fogge de Sand'Anne, Fogge Vetere, Fogge de Lamarina Nove, Fogge de Casamassime e Fogge Palagogne.

Sotte 'a terre, le acque de falde se iacchiane invece a cchiù de 500 metre sotte 'u piane de cambagne, presendanne, sotte 'u profile fiseche e chimeche, caratteristeche 'mbrà le megghie de Pugghie, quase pe ninde 'nderessate da fenomene de 'nguinamende antropeche e nò tuccate da l'ingressione de le acque marine.

Biohabitat[cangecange 'a sorgende]

Flore[cangecange 'a sorgende]

Roverelle monumendale jndr'à l'agre de Ceglie Messapeche
'A colline d'u vosche de San Pitre

Da 'nu punde de viste vegetazionale, 'u territorie jè assimilabbele a 'u 'ndere territorie d'a Murge de sud-est. Le aree cu le vosche occupane 'u 4,5% d'a sueprficie comunale,[10] e 'n'otre e tande onne le arèe 'nderessate da macchie mediterranèe o garighe. 'A vegetazzione putenziale d'u territorie jè fatte soprattutte da formaziune de latifogghie eliofile decidue cu dominanze de querce, jndr'à 'u case specifeche de fragne. A parte 'u fragne vonne arrecurdate pure 'a roverelle, 'u cerre, 'u leccie e, quacche vote, pure 'a sughere e otre specie cumme carpine oriendale, acere cambestre, ornielle.

'A situazione de osce a die d'a vegetazzione naturale jè assaije lundane da 'u quadre assute da l'analise d'a vegetazzione putenziale sia da quande se deduce da 'nu sacche de fonde storeche ca descrivevane 'nu paesagge strutturate da vosche granne e belle careche.

'U cangiamende de le carattere origgenarie d'u paesagge jè collegate soprattutte a 'a pressione de le attività antropeche: l'allariamende d'a superficie destinate a le colture agratie e 'u pascole eccessive.

'A forme cchiù mature d'a vegetazzione de stu territorie, jè relevabbele sulamende jndr'à arèe piccenne e pure scarse (Massarie S. Pitre, Massarie Marcuccie, Massarie Montedore).

'U strate arbustive de le quercete jè caratterizzate da 'a presenze de chiande tipeche d'a macchie mediterranèe, cumme 'u lentische, 'u terebinde, 'u vianghespine, 'u perastre, le rose selvateche, le ciste, associate a 'nu sacche de chiande rambicande e lianose (smilax, vitalbe, lonicere, ecc.).

Le arèe 'nderessate da 'a macchie mediterranèe se presendane caratterizzate da 'nu strate arbustive fitte e 'ndruvulate, addò le chiande perdone 'a lore individualità pe squagghiarse l'une cu l'otre. Sò presende chiande termofile a carattere sembreverde. Jndr'à certe case l'ambiende se presende cchiù simile a 'a pseude-macchie (macchie cu 'a presenza sparpagghiate de querce a 'u state arborèe).

Sò presende arèe 'nderessate da 'u fenomene d'a garighe, per esempio le aree marginali dei boschi, le aree percorse dal fuoco o quelle degradate dal pascolo eccessivo. Nel territorio di Ceglie le garighe sono in genere dominate dalla presenza del cisto di Montpellier e del timo.

Sono inoltre presenti:

Le aree boschive o interessate dalla presenza di macchia mediterranea aventi maggiore estensione sono le seguenti: bosco di San Pietro (120 ettari circa[5]; bosco e macchia di Montedoro (110 ettari); bosco e macchia di Facciasquata (100 ettari); bosco e macchia di Alfieri (41 ettari); bosco e macchia di Recupero; bosco e macchia di Tarturiello; macchia di Giuseppe Nisi; bosco di Montecchie; pineta Ulmo; bosco di Sacramento; bosco di Casina Vitale; bosco d'Insarti; macchia di Selvaggi; macchia di Sumerano; macchia di Epicocco; macchia di Donno Santo.

Nel territorio di Ceglie sono presenti tre alberi monumentali censiti dal corpo forestale dello Stato[11]:

  • Pistacia lentiscus L., circonferenza 1.3 ; altezza 8 ; località Masseria le Montecchie.
  • Quercus pubescens Willd., circonferenza 4.35 ; altezza 17 ; località Masseria le Montecchie.
  • Phyllirea variabilis L., circonferenza 1.4 ; altezza 10 ; località Masseria le Montecchie.

Fauna[cangecange 'a sorgende]

Per quanto riguarda la fauna, nel territorio di Ceglie Messapica si registra la presenza di una comunità faunistica non particolarmente numerosa, ma comunque di rilevante valore per il mantenimento degli equilibri ecologici del territorio. La limitata presenza di grandi mammiferi è strettamente connessa alla limitata estensione delle aree con vegetazione naturale e alla discontinuità di tali aree sul territorio. La fauna è caratterizzata dalla presenza di lepri, volpi, tassi, ricci, chiocciole, falchi, pettirossi, tordi, merli, rondini e diversi rapaci notturni come civetta, gufo, assiolo e barbagianni, e pipistrelli che trovano rifugio nelle numerose grotte.

Clima[cangecange 'a sorgende]

Ceglie gode di un tipico clima mediterraneo, mite e confortevole nei periodi primaverile e autunnale, estati caldo umide e inverni non eccessivamente freddi.

Le temperature medie mensili risentono dell'influenza degli eventi atmosferici del mediterraneo nord orientale e oscillano dai 7.4  nei mesi freddi, ai 23.8  nei mesi estivi. Rari i casi di forti escursioni termiche, i mesi con maggiore scarto termico fra massime e minime risultano essere i mesi estivi con una differenza tra massime e minime di circa 10 . Il vento influenza il clima della zona attraverso correnti fredde di origine balcanica (che in inverno rendono l'aria gelida), oppure calde di origine africana (che rendono l'estate afosa). Il territorio di Ceglie risulta avere una ventosità media annua, secondo l'atlante eolico italiano, tra i 5 e 6 .

Non è infrequente che, durante le notti invernali, il termometro scenda sotto zero, anche di diversi gradi (-3 , -4 ) con conseguente formazione di estese gelate, o che si registrino nevicate con importanti accumuli nevosi, soprattutto quando l'Adriatico meridionale è colpito da ondate di aria fredda di origine artico-continentale (come, ad esempio, nel 1987[12], 1993, 2001[13][14], 2006[15], 2009 e nel 2014). L'anno più nevoso risulta essere stato il 1956, Template:Senza fonte. D'estate, invece, occasionalmente si verificano intense e lunghe ondate di calore, che rendono il clima torrido e portano le temperature su valori talvolta superiori ai 40 .

Le precipitazioni annuali si attestano sull'ordine dei 700  di pioggia, distribuiti prevalentemente nel periodo da ottobre a marzo. La primavera e l'estate sono caratterizzate da periodi di siccità.

A Ceglie Messapica, precisamente preso la masseria Nisi, dal 2008 è attiva[16] una stazione meteo amatoriale facente parte della rete di stazioni meteorologiche dell'associazione Meteo Valle D'Itria[17].

[18]

Ceglie Messapica Mise Staggiune Anne
Sce Feb Mar Abb Mas Sci Lug Agu Set Ott Nov Dec Inv Pri Est Aut
Temp. max. media (°C) 10.6 11.4 13.7 17.4 21.6 26.3 29.3 29.5 24.4 19.6 15.9 11.8 11.3 17.6 28.4 20 19.3
Temp. min. media (°C) 5.1 5.5 7.3 9.1 13 17.6 20.3 20.4 16.8 13.2 10.2 6.4 5.7 9.8 19.4 13.4 12.1
Piogge (mm) 81.6 74.9 74 54 38.6 26.4 18.1 25.8 53.1 81.4 93.8 99.6 256.1 166.6 70.3 228.3 721.3
Giorni di pioggia (≥ 1 mm) 8.7 8 6.6 8 5 3.2 1.9 2.3 4.6 7 7.8 9.7 26.4 19.6 7.4 19.4 72.8
Umidità relativa (%) 80 74 73 71 65 57 56 58 67 75 81 81 78.3 69.7 57 74.3 69.8

Storia[cangecange 'a sorgende]

Breve descrizione di Ceglie tratta dal manoscritto di Angelo Serafino Russo - Origine di Ceglie, ... datato 1819

... Questa Città di Ceglie,..., non vi è dubbio sia una bellissima Città, dove anticamente era la Rocca, e già si vedono le ruine delle sue antiche Mura, ch’erano di gran circuito. Ella è posta oggi nel numero delle Città. Oggi replico il suo circuito è di non poco ambito: onde le sue abitazioni sono assai strette essendo che peraltro sia di Popolo assai abbondante. E’ sita su di un alto Colle dipendente dall'Appennino, da dove con assai bella prospettiva, si scuoprono a colpo d'Occhio non solo il Mare supero, ma tutte le sottoposte Campagne. Abbonda molto di Grani, Biade, ed assai più di Oglio, possedendo un ampio spazioso Uliveto. I frutti sono abbondantissimi, e di ogni sorte. Il Terreno è produttivo di belli talenti. Il suo Aere salutevole, benché assai freddo. Insomma tutto vi è di commodo alla vita umana. E questo fu il motivo, che i Cretesi colsero il tempo del fondo di detta Città, e del Clima per essere non solo consimile alla Capitale Oria, anzi maggiore ancora. ...

Le Murge
Panoramica del centro storico di Ceglie
Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Storia di Ceglie Messapica.

Secondo la tradizione, la fondazione di Ceglie sarebbe legata all'arrivo in Italia del mitico popolo dei Messapi, al quale è attribuita la costruzione di manufatti megalitici noti con il nome di specchie.

Era nota ai Greci con il nome di Kailìa. Il nucleo urbano, esteso ai piedi di un colle (nella zona dove attualmente sorge la stazione ferroviaria delle Ferrovie Sud-Est), era difeso da fortificazioni i cui scarsi resti sono noti con il nome locale di "Paretone". Presso la città sarebbero sorti santuari extraurbani dedicati alle divinità greche Apollo (in corrispondenza dell'odierna chiesa di San Rocco), Venere (sulla collina di Montevicoli) e sotto la Basilica di Sant'Anna nel corso dei lavori di sondaggio i frammenti di ceramica votiva e resti del tempio della Dea Latona madre di Apollo e Diana (Archivio 1987).

La città fu punto di avvistamento del popolo dei Messapi con i centri di Oria e Brindisi a lungo in lotta contro la spartana Taranto che aspirava a uno sbocco sul mar Adriatico. In epoca romana la città era ormai decaduta.

Le dinamiche insediative di Ceglie medievale sono state ampiamente analizzate in un convegno di studi del 2009[20]. In età normanna Ceglie è nota come feudo, Castellum Caeje, sotto l'autorità del Castellano Paganus che delinea i suoi confini con la potente città di Ostuni[21]. In età Sveva il borgo è noto come Celie de Galdo (Ceglie della Foresta) ed era tenuto a contribuire, insieme al casale di Santa Maria dei Grani, alla manutenzione del castello di Oria[22]. Il suo feudatario più importante è Glicerio de Persona[23] signore delle Terre di Ceglie del Gualdo, di Mottola, di Soleto e del Casale di San Pietro in Galatina[24]. Glicerio parteggiò per Corrado IV di Svevia figlio di Federico II di Svevia e Re di Sicilia contro gli angioini. Caduto anche Manfredi di Sicilia, l'ultimo degli Svevi, Carlo I d'Angiò ordina la cattura di Glicerio, che si era dato alla latitanza nelle campagne di Taranto dove fu catturato, condotto in carcere nel castello di Brindisi (insieme con i figli Gervasio, Giovanni e Perello) e condannato per fellonia, subì il patibolo.[25]. I possedimenti che deteneva furono confiscati e ceduti ad Anselino de Toucy. Dotato di un piccolo castello, il feudo fu successivamente in possesso delle famiglie Orimi, Scisciò, Brancaccio, Dentice e Pignatelli, e degli arcivescovi di Brindisi.

Nel territorio circostante erano già stati fondati gli importanti monasteri dell'abbazia di Sant'Anna, alla periferia dell'odierno abitato e della Madonna della Grotta, di cui resta la chiesa, sulla via vicinale per Francavilla Fontana. Nel 1521 venne costruita al posto della chiesa matrice la collegiata, ingrandita e arricchita di decorazioni barocche nel 1786.

Il 24 ottobre 1584 il feudo venne ceduto in permuta da Cornelio Pignatelli a Ferdinando Sanseverino, conte di Saponara e barone di Viggianello. I Sanseverino ampliarono il castello e promossero la fondazione del convento dei Cappuccini, oggi scomparso, e di quello dei Domenicani, sede del comune fino al 2005. Ai Sanseverino subentrarono quindi i Lubrano e i Sisto y Britto: in seguito all'estinzione di questa casata con il duca Raffaele, nel 1862, il castello e le residue proprietà dell'ex feudo vennero ereditate dalla famiglia Verusio.

Durante il Risorgimento ebbe sede a Ceglie una vendita carbonara, da parte di Domenico Termetrio di Cisternino, e una sezione della Giovine Italia, da parte di Pietro Elia, amico personale di Giuseppe Mazzini[26]. Dopo l'annessione al Regno d'Italia visse un periodo di fioritura e agli inizi del XX secolo vide una crescita demografica, nonostante la presenza del fenomeno dell'emigrazione.

Un importante segno alla storia cittadina di fine Ottocento l'apportarono due sindaci, Giuseppe e Francesco Elia[27] (padre e figlio), che ottennero tra l'altro entrambi l'onorificenza di Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia; da loro fu avviato e poi seguito nel ruolo di membri del consiglio provinciale di Terra d'Otranto (Francesco fu anche vicepresidente del consiglio della provincia di Terra d'Otranto) il lungo processo durato quasi cinquantanni che portò alla costruzione tronco ferroviario Francavilla Fontana- Ceglie - Cisternino - Martina Franca - Locorotondo. La costruzione delle ferrovia fu praticamente realizzata però solo negli anni '20 del Novecento, infatti l'inaugurazione della stazione avvenne il 14 agosto 1924[28]. Qualche anno prima il territorio cegliese fu interessato dalla realizzazione di un'altra importante opera pubblica, la costruzione del canale principale dell'Acquedotto Pugliese.

Nel corso della seconda metà del 900 la cittadina si è modificata da un punto di vista sociale, si è persa infatti la vocazione prettamente agricola ed artigiana (principalmente nel settore tessile) della popolazione, gli abitanti di Ceglie infatti, come quelli della provincia sono stati assorbiti dalle grandi industrie nate a Brindisi e Taranto. Gli anni '60 sono stati, come nel resto del paese gli anni del boom edilizio, si è infatti assistito anche a Ceglie a uno sviluppo del tessuto urbano, gli anni in cui il "vecchio" lasciava il posto al "nuovo" (veniva abbattuto il convento dei Cappuccini con annessa Chiesa per far posto all'Ospedale Civile).

Rilevanti negli anni '80 furono le lotte bracciantili e sindacali contro il caporalato[29], che videro in prima linea tra gli altri l'attuale Ministro dell'Agricoltura Teresa Bellanova, e sviluppatesi anche in seguito a tragici eventi che videro coinvolte in incidenti stradali anche vittime cegliesi [30].

Gli anni '90 sono stati segnati dalla crisi definitiva del settore tessile, con la chiusura di vari stabilimenti.

Onorificenze[cangecange 'a sorgende]

Titolo di Città - nastrine pe uniforme ordinarie

Titolo di Città

«Il 15 settembre 1988 tramite decreto del presidente della Repubblica n. 4136 il comune di Ceglie Messapica viene insignito del titolo onorifico di Città.[31]»

Simboli[cangecange 'a sorgende]

Ceglie Messapica-Stemma.png

Descrizione araldica dello stemma: Template:Citazione

Evoluzione dei nomi della città[cangecange 'a sorgende]

  • Kalia (Καιλια)[32]: nome della città in età ellenistica, epoca in cui era abitata dai coloni greci;
  • Caelia, Caelium: nome latino adottato in seguito all'occupazione romana del 267 a.C.;
  • Castellum Caeje[33]: nome usato in età normanna;
  • Cilia[34];
  • Celio[35];
  • Cilij / Celie del Galdo o Guado: nome utilizzato per identificare la città utilizzato tra il 1600 e il 1806[36]. L'appellativo Guado/Galdo indicava una della caratteristiche della Ceglie di quel periodo, cioè quella di essere circondata da fitti boschi;
  • Ceglia: XVII secolo (vedasi cartina delle Murge);
  • Ceglie: tra il 1806 e il 1864;
  • Ceglie Messapico: l'appellativo Messapico fu introdotto con un Regio Decreto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 17 marzo 1864, in memoria dell'antico popolo dei Messapi che, secondo la tradizione, avrebbe fondato la città;
  • Ceglie Messapica: l'appellativo Messapico fu trasformato in Messapica con decreto del Presidente della Repubblica del 10 ottobre 1988 n. 921.

Monumenti e luoghi d'interesse[cangecange 'a sorgende]

Siti archeologici[cangecange 'a sorgende]

Nella mappa l'ubicazione delle specchie e delle cinte murarie, note come paretoni, di epoca messapica facenti parte del sistema difensivo di Kalia (Καιλια), l'odierna Ceglie Messapica

Ceglie era una delle città della Dodecapoli messapica, il cui centro principale è costituito da Oria. Tra 343 a.C. al 338 a.C. le città messapiche opposero strenua resistenza all'influenza di Taranto, la città fondata da coloni spartani che ambiva a conquistare tutta la Magna Grecia e a consolidare il proprio ruolo egemone sul mare Ionio sull'Adriatico meridionale. Taranto si impose definitivamente su tutta l'area pugliese dopo il 303 a.C. con un trattato che vietava alle navi romane di spingersi più a oriente del Promontorio Lacinio.

Della civiltà messapica rimangono numerosi resti archeologici: il sistema difensivo (specchie, fortini messapici, mura e muraglioni chiamati paretoni), necropoli oltre a iscrizioni, monete, vasi, trozzelle messapiche e reperti vari di natura ceramica o metallica.

Ceglie per la sua posizione naturale in cima a un colle e per il suo territorio collinare da cui era ben visibile Taranto, per i ritrovamenti archeologici (mura, specchie) può essere considerata come una roccaforte della Messapia. Il sistema difensivo era costituito da ben quattro cinte murarie (paretoni) delle quali la più esterna costituiva il collegamento tra le specchie (elevate fortificazioni, in blocchi megalitici, alte anche oltre 20 metri e diametro fino a 60 metri), la cinta di mura più interna aveva un perimetro di 5  e racchiudeva una popolazione non inferiore ai 40 000 abitanti[37]. Proprio all'interno di tale cinta sono state individuate la maggior parte dei resti della città, i templi e le necropoli da dove provengono le iscrizioni, le monete, i vasi messapici tipo Gnatia e reperti vari, che costituivano i corredi funerari, conservati in piccolissima parte nel locale museo archeologico a Ceglie e nei musei di Taranto, Brindisi, Lecce ed Egnazia ma, in massima parte dispersi in collezioni private e pubbliche (ad esempio un vaso rinvenuto nel 1820 raffigurante la lotta tra Diomede e i Messapi si trova presso il museo di Berlino[38]).

Per quanto riguarda le mura e muraglioni chiamati paretoni, in passato si è teorizzata anche una loro origine su un'origine bizantina riferibile a un limes, è oggi accertato che si tratta di sistemi di demarcazione territoriale riferibili all'età medievale[39].

Gli ultimi ritrovamenti archeologici risalgono al settembre 2006[40], durante alcuni lavori di ristrutturazione presso via Toniolo, quando fu ritrovata una tomba familiare risalente alla seconda metà del IV secolo a.C., contenente 5 scheletri e un corredo funerario di numerosi manufatti, fra i quali cinture in bronzo e forme ceramiche ornamentali e legate alle funzioni nutrizionali, al 2008 durante i lavori di ristrutturazione del castello di proprietà comunale nell'atrio interno e al 2014 quando in via sant'Aurelia sono emerse le fondamenta di un tratto della cinta muraria interna di epoca messapica.

Specchie[cangecange 'a sorgende]

Nell'agro del comune di Ceglie Messapica sono presenti 18 specchie[41] che circondano l'abitato descrivendo una forma ellittica: Monte Pelusello, Talene, Facciasquata, Castelluzzo, S. Lucia, Tarantina II, Oliva, Puledri, Capece, La Selva, Cervarolo, Madonna della Grotta, Pezze di Ferro, Montefocaro, Virgilio, San Paolo, Sativa, Foggia Vetere e Specchia Tarantina. È da ritenere che le specchie, o almeno alcune, abbiano avuto anche una funzione sepolcrale. Ad esempio la specchia di Castelluzzo presenta una struttura architettonica a carattere difensivo ma all'interno sono state ritrovate celle funerarie e frammenti di terrecotte.

Siti e segnalazioni archeologiche[cangecange 'a sorgende]

Oltre alle specchie sopracitate nel territorio comunale sono segnalati i seguenti siti archeologici: insediamento Preistorico Masseria San Pietro, abitato medioevale e necropoli romana Campo d'Orlando, abitato e necropoli Masseria Genovese, abitato e necropoli Conca di Scrina, grotte Masseria Le Croci, cripta Masseria Sant'Angelo, Paretone (antica cinta muraria della città di età messapica sottoposta a vincolo).

Architetture militari[cangecange 'a sorgende]

Castello Ducale[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Castello di Ceglie Messapica.
Castello Ducale
Castello Ducale
Atrio del castello
Lato castello e scorcio chiesa matrice
Scalinata nell'atrio del castello

Il castello si erge su uno dei due colli su cui è posta Ceglie. Alla struttura si accede attraverso un ampio portale con arco a tutto sesto e un ingresso con volta d'ogiva che immette nell'atrio di forma irregolare circondato dalle varie ali del castello. Il nucleo originario è costituito dalla Torre Normanna che costituisce la parte originaria del castello, risalente pressappoco al 1100[42]. A fianco alla Torre Normanna fu costruita nel XV secolo torre di forma quadrata che è il simbolo tradizionale della città, è alta 34 . Nell'atrio, a ridosso della torre normanna è situato un pozzo sormontato da colonne. Sempre nell'atrio sono presenti gli stemmi delle famiglie nobili che si sono avvicendate alla guida del feudo. Di fronte all'ingresso sono posti una scalinata e un portale cinquecentesco che conducono a una delle parti residenziali (ala destra) che ospita la Sala del Consiglio. Il perimetro esterno inoltre comprende tre torrioni angioini di forma circolare.

Dal maggio 2016 nella parte di proprietà comunale sono state trasferite la biblioteca Pietro Gatti e la pinacoteca Emilio Notte.

Porte[cangecange 'a sorgende]

Erano tre le porte di accesso alla città d'età medioevale, l'attuale centro storico. Gli ingressi erano tutti sorvegliati.

  • Porta del Monterrone. La porta del Monterrone era l'accesso posto a nord del centro abitato, permetteva l'accesso a coloro che arrivavano da Martina, Cisternino e Ostuni. È la più articolata delle porte di accesso, composta da due ingressi distinti, quello posto sul lato destro riservato all'accesso dei pedoni (poi murato ma comunque visibile) e l'altro di più grandi dimensioni per l'accesso dei carri e degli animali da soma muniti di basto. Entrambi gli accessi sono caratterizzati da archi a sesto acuto e dalla presenza di due piedritti a cui era agganciati i portoni. Nei pressi della porta è presente anche una torre riservata al Corpo di Guardia.
  • Porta di Giuso (Juso). L'accesso posto nella parte est del centro storico permetteva l'ingresso a coloro che arrivano al borgo risalendo la salita del odierna via Bottega Nisco. La porta è molto semplice, è costituita da una sola arcata a sesto acuto ed è in parte scavata nella roccia. Permette l'accesso a quella che attualmente viene chiamata piazza Vecchia, un tempo il centro del borgo. Si ipotizza che il locale posto al di sopra della porta un tempo servisse da punto di guardia.
  • Porta dell'Arco della Croce. La porta, andata distrutta, si trovava nel parte a sud del borgo all'angolo tra le attuali piazza Plebiscito e via Giuseppe Elia. Era l'accesso utilizzato dalla famiglia ducale e privilegiato da chi era diretto al castello e alla collegiata.

Per permettere l'ingresso nel centro storico in età successive sono stati realizzati altri punti di accesso che pertanto non possono essere considerati delle strutture di tipo militare. Uno è l'arco posto nei pressi del municipio (via Enrico de Nicola), posto al di sotto del palazzo Antelmy, che pur avendo caratteristiche simili alle altre porte fu creato solo come punto di sfogo. Al di sotto di questo arco è posto anche un affresco raffigurante la Madonna del Pozzo.

Mura[cangecange 'a sorgende]

Dell'impianto murario di età medioevale oltre le 2 porte sopracitate resta ben poco, su di esso infatti è stata edificata la parte più esterna di quello che oggi viene considerato il centro storico racchiuso tra piazza Plebiscito, via Dante Alighieri, via Porta di Giuso, via Pendinello, via Muri e il castello.

Del sistema difensivo di età messapica restano maggiori tracce, sono visibili infatti i resti di tre distinte cinte murarie. La prima è posta a ridosso dell'attuale centro abitato, risale al V secolo a.C., ha un'altezza che varia da tra i 2.5  e i 4 , è composta in parte da blocchi di grosso taglio, alcuni dei quali lavorati, altri grezzi, mantenuti a secco. Le altre 2 cinte si trovano in direzione Francavilla a circa 4  dall'abitato. La loro costruzione è successiva alla prima cinta, è da collocarsi alla fine del IV secolo a.C. quando la città ebbe bisogno di rafforzare il proprio sistema difensivo al fine di difendersi dagli attacchi tarantini. La cinta più esterna fungeva anche da collegamento fra le specchie, anch'esse parti del sistema difensivo, presenti in quella zona[43].

Architetture civili[cangecange 'a sorgende]

Teatro[cangecange 'a sorgende]

Facciata Teatro Comunale

Alla fine dell'Ottocento l'intera città fu interessata da un processo espansivo con la costruzione di importanti edifici che per l'epoca rappresentarono un salto di qualità nella crescita economica e produttiva della città e della sua popolazione. Il teatro fu progettato dall'ingegnere Antonio Guariglia di Lecce. Il sindaco, Giuseppe Elia, ne avviò i lavori nel 1873 ma l'opera venne terminata molti anni dopo e venne inaugurato il 30 aprile del 1878. I lavori vennero eseguiti da maestranze locali. La facciata, il solo elemento originario che si conserva del Teatro Comunale, chiamato Politeama Giacosa, è in sobrio stile neoclassico e pochi elementi decorativi barocchi, con un solo ingresso ad arco a tutto sesto. Il manufatto architettonico ha svolto la sua funzione di teatro sino agli inizi dei XX secolo per poi diventare, nel corso del tempo, prima cinematografo, poi stalla durante la seconda guerra mondiale, quindi sala matrimoni, infine deposito della nettezza urbana. Dopo una lunga fase di restauro incominciata sul finire del XX secolo la struttura ha ricominciato a svolgere il suo ruolo originario di teatro pubblico.

Torre Civica dell'Orologio[cangecange 'a sorgende]

La torre civica dell'orologio, comunemente nota come Torre dell'Orologio, si trova in piazza Plebiscito. Fu costruita nel 1890 su progetto dell'ingegnere Paolo Chirulli. La torre di forma quadrangolare si sviluppa su tre livelli per un'altezza di circa 12 m. Le facciate di aspetto neoclassico sono arricchite da decorazioni che alternano forme geometriche e motivi floreali. Al primo livello nella facciata principale è presente la porta d'accesso alla rampa di scale interna, mentre sulle altre facciate sono presenti delle false porte, ogni porta è sormonta da un rosone circolare. Al secondo livello è presente un balcone che circonda la torre, su ogni facciata è realizzata un porta. Nella parte superiore sono posti i 4 quadranti degli orologi. La torre è sormontata da 2 campane azionate dal meccanismo del orologio che segnano lo scoccare dei quarti e delle ore e da una banderuola dei venti.

Palazzi[cangecange 'a sorgende]

  • Palazzo Allegretti

Palazzo risalente al Settecento, il prospetto è stato rinnovato, in stile neoclassico, nel 1870, con conci in pietra gentile locale. Possiede due ampi portali sovrastati dagli stemmi araldici degli Allegretti e dei Cenci. Il palazzo posto nella cerchia esterna del centro storico affaccia sulla piazza Vecchia (fulcro un tempo della vita del centro storico) e su via porta di Giuso. Il palazzo è suddiviso in due ali entrambe proprietà privata.

  • Palazzo Chionna

Palazzo Chionna è posto nella cerchia esterna del centro storico di Ceglie, si affaccia sulle vie Vitali e Muri. Nato originariamente come casa religiosa abitata dai Paolotti o frati Minimi divenne in seguito la residenza gentilizia della famiglia Chionna. Di notevole pregio è il portale arcuato, impreziosito da 2 capitelli compositi, sormontato dallo stemma gentilizio e dalla statua litica di san Francesco di Paola[44].

  • Palazzo Epifani

Il palazzo è posto a ridosso del castello ducale in via forno del Duca. L'edificio è costituito da una parte settecentesca che include il portale a motivi floreali con stemma gentilizio, e una parte ottocentesca costruita in pietra di Ostuni.

Palazzi
Palazzo Allegretti
Portale Palazzo Greco
Palazzo Lupoli - particolare del Portale
  • Palazzo Greco

Ubicato nell'omonima via, palazzo Greco è un palazzo posto alle spalle della Collegiata. Presenta un ampio portale d'ingresso su cui oltre a essere riportato lo stemma gentilizio della famiglia è riportata anche la data del primo restauro (1750) a cui corrispose un ampliamento della struttura e un rifacimento della facciata seguendo modelli vagamente neoclassici. All'interno del palazzo è presente anche una piccola cappella privata. Vi è un secondo portale d'ingresso A.D. 1887 con stemma gentilizio della famiglia in via Maddalena 10, in continuità alla Collegiata, di proprietà privata.

  • Palazzo Nannavecchia - Monaco

Palazzo Nannavecchia situato in via Maddalena, lateralmente alla Collegiata è un palazzo gentilizio seicentesco. È uno dei palazzi più grandi del centro storico; artisticamente costituisce un unicum nell'architettura salentina del periodo in particolare per il teatro privato posto nel piano superiore dell'edificio. La facciata principale del palazzo è arricchita da una loggia, il cui arco è sorretto da due colonne appena rastremate in alto[45], dallo stemma della famiglia e da due maschere apotropaiche. Il portale d'ingresso e una finestra sono sormontati da epigrafi. Il palazzo attualmente è disabitato e versa in stato di abbandono.

  • Palazzo Vitale

Palazzo Vitale è posto nella cerchia esterna del centro storico di Ceglie, si affaccia sulle vie Vitali e Muri e su largo Ognissanti. Costruito nel 1801 dall'architetto Salvatore Trinchera. Il pianterreno rimanda ai moduli del convesso bugnato fiorentino. Le bugne, in pietra forte hanno assunto con il tempo un colore ambra; la facciata risulta incompleta.

  • Altri palazzi
  • Palazzo Antelmy, in via Antelmi e Muri. Caratteristico per la loggetta settecentesca e la balaustra belvedere in calcare locale.
  • Palazzo Agostinelli, in via San Rocco. Residenza del matematico Cataldo Agostinelli.
  • Palazzo Cavallo (ora Gatti), in via Mele. Una delle residenza del poeta dialettale cegliese Pietro Gatti.
  • Palazzetto Cenci-Cantuzzi, in via P. Chirulli. Caratteristico per il salone ottagonale.
  • Palazzo Chirulli, in via P. Chirulli.
  • Palazzo Lupoli, in via V. Esposito. Sul portale d'ingresso un'epigrafe recita "invidus erexit 1680" (L'invidioso edificò nel 1680).
  • Palazzo Lamarina, in via P. Elia e piazza Plebiscito.
  • Palazzo Lamarina (ora Padolecchia), in via Ospedale Vecchio e Dante.
  • Palazzo Principalli, in via Principalli. Datato 1742.
  • Palazzo Urgesi, in via San Rocco, palazzo ottocentesco oggi sede della Banca Popolare Pugliese (già Banca Popolare di Ceglie Messapico).

Masserie[cangecange 'a sorgende]

Masseria Galante.
Masseria Montecchie.

Le masserie erano delle grandi aziende agricole abitate, a volte, anche dai proprietari terrieri. La grande costruzione rurale comprendeva gli alloggi dei contadini, anche solo stagionali, le stalle, i depositi per foraggi e i raccolti.

Le masserie dell'agro cegliese presentano fra loro caratteristiche simili. Si sviluppano principalmente intorno a delle corti su cui affacciano l'edificio principale sviluppato su due livelli, numerosi trulli usati come magazzini o stalle e in alcuni casi chiese o cappelle rurali (Masseria Madonna della Grotta, Masseria Epifani, Masseria Galante, Masseria la Selva e altre). Alcune masserie presentano anche delle fortificazioni.

Anche dal punto di vista agrario sono presenti delle similitudini, infatti spesso nei pressi masserie sono individuabili vaste aree di terreno utilizzate come pascolo o seminativo chiamate comunemente "pezze", boschi e aree di macchia mediterranea, più o meno vasti a seconda dei casi, e oliveti di grandi dimensioni.

Alcune masserie a partire dalla fine degli anni '90 sono state riconvertite, in seguito a opere di restauro, in strutture ricettive quali agriturismi, bed and breakfast e ristoranti.

Elenco delle masserie presenti nel territorio comunale[46].

  • Casa del Monaco
  • Casina Vitale
  • Masseria Abate Amato
  • Masseria Abate Nicola Piccolo
  • Masseria Abate Nicola Grande
  • Masseria Alfieri
  • Masseria Amati
  • Masseria Angelo di Maglie
  • Masseria Barone Grande
  • Masseria Barone Piccolo
  • Masseria Beneficio
  • Masseria Carriero
  • Masseria Cappella vecchia
  • Masseria Casamassima
  • Masseria Castelluzzo
  • Masseria Circiello
  • Masseria Coccia Coccia
  • Masseria Difesola
  • Masseria Donno Santo
  • Masseria Epifani
  • Masseria Facciasquata
  • Masseria Falascuso
  • Masseria Fedele Grande
  • Masseria Fedele Piccolo
  • Masseria Gaetano Oliva
  • Masseria Galante
  • Masseria Genovese
  • Masseria Iazzo
  • Masseria La Marina Vecchia
  • Masseria La Marina Nuova
  • Masseria La Selva
  • Masseria Lamia Nuova
  • Masseria Le Croci
  • Masseria Madonna della Grotta
  • Masseria Madonna Piccola
  • Masseria Marangi
  • Masseria Menzella
  • Masseria Monaci
  • Masseria Montecalvo
  • Masseria Montecchie
  • Masseria Montedoro
  • Masseria Montefocaro
  • Masseria Montefocaro Piccolo
  • Masseria Monte Marcuccio
  • Masseria Monte Pizzuto
  • Masseria Moretto
  • Masseria Palazzo
  • Masseria Palagogna
  • Masseria Petrelli
  • Masseria Pisciacalze
  • Masseria Recupero
  • Masseria S. Anna
  • Masseria S. Pietro
  • Masseria Sardella
  • Masseria Sciotta
  • Masseria Scuole Pie
  • Masseria Selvaggi
  • Masseria Sumarano
  • Masseria Taglialascia
  • Masseria Tagliente
  • Masseria Tarturiello
  • Masseria Turco

Architetture religiose[cangecange 'a sorgende]

Collegiata di Maria Vergine Assunta[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Collegiata di Santa Maria Assunta (Ceglie Messapica).
Collegiata
Collegiata di Ceglie Messapica - Facciata
Affresco del Carella nella navata sinistra della Collegiata

Chiesa consacrata al culto della Vergine Assunta. La chiesa sorge sulla vecchia acropoli, le origini risalgono al 1521 mentre l'attuale edificio risale al 1786. Infatti tra il 1781 e il 1786 l'edificio sacro fu ampliato e ristrutto[47]. Il complesso risulta avere una pianta a croce greca ed è affiancato dalla torre campanaria, la facciata è in stile proto-neoclassico, la cupola è maiolicata[48]. L'interno appare maestoso, è decorato da numerosi affreschi opera di Domenico Carella ed è ricco di altari in marmi policromi di cui uno dedicato al santo patrono della città (sant'Antonio da Padova). Tra le opere visibili nella chiesa si ricorda: il "Crocifisso" ligneo del XVI secolo collocato nell'abside sinistro; la "statua di Sant'Antonio da Padova" del XVIII secolo; la pala posta sull'altare raffigurante "l'Immacolata Concezione", la scultura in pietra policroma raffigurante "Cristo uscente dal sepolcro", opera del XVI secolo attribuita a Raimondo da Francavilla e conservata nella sagrestia. Tra gli affreschi spicca quello raffigurante cena biblica con veduta prospettica della Ceglie di fine Settecento.

Chiesa di San Rocco[cangecange 'a sorgende]

Chiesa di San Rocco di Ceglie Messapica

Il Santuario di San Rocco fu costruito sul punto più alto di una collina dove sorgeva una Cappella edificata intorno al XVI secolo dedicata al Santo di Montpellier. Su quel colle, si dice che in tempi remoti fosse ubicato un tempio pagano che cambiò nome quando la popolazione, afflitta da pestilenze, cominciò a rivolgersi al Santo protettore degli appestati[49]. Le prime notizie riguardanti la storia dell'edificio risalgono al 1595, quando fu compiuta una visita apostolica nella diocesi di Oria da parte di S.E. Mons. Camillo Borghesi[50],vescovo di Castro. Dalla relazione di questa visita si capisce che vi è la prima costruzione di una chiesa dedicata a San Rocco fuori dalle mura a Ceglie.

La struttura attuale del Tempio fu realizzata su progetto dell'ing. Antonio Guariglia di Lecce anche se fu attuato con notevoli variazioni. Non fu eseguito il pronao tetrastilo toscano. All'interno lo stile ionico fu sostituito dal composito. Al posto dell'attuale elegantissima cupola nel progetto si vede una semplice volta, allo stesso livello di quella della navata centrale. La facciata appare solenne soprattutto grazie alle ardite soluzioni architettoniche, ancora oggi, desta entusiasmo e ammirazione. Il Santuario fu costruito con la fattiva collaborazione dell'intera popolazione di Ceglie, principalmente dagli abitanti del rione (all'epoca contrada) “mammacara”. La chiesa è composta da tre navate, una centrale e due laterali e da una quarta trasversale che dà a tutto il Tempio una forma di croce. La facciata anteriore è dello stesso stile del Duomo di Taranto. A destra e a sinistra, della facciata, furono ricavate quattro nicchie in cui dovevano essere collocate altrettante statue con al centro e in alto quella di San Rocco. All'interno del Tempio, oltre alla statua lignea del Santo, datata XVIII secolo è custodita anche quella litica, datata XVI secolo, proveniente dalla vecchia Cappella, abbattuta per fare posto al nuovo edificio. Il campanile a quattro fornici, con altrettante campane di varie dimensioni e suoni è posto proprio sulla perpendicolare della originale sagrestia. La chiesa di San Rocco, fu eletta a Parrocchia, nel marzo del 1855, da S.E. Mons. Luigi Margarita, vescovo della diocesi di Oria, a seguito dell'assenso concesso da Ferdinando II di Borbone, Re delle due Sicilie.

Chiesa di San Gioacchino[cangecange 'a sorgende]

Chiesa di San Gioacchino

Chiesa dedicata al culto di San Gioacchino, fa parte dei beni della Parrocchia Maria Santissima Assunta di Ceglie. Fu eretta, a partire dal 1869, su suolo donato da alcuni cittadini, con il fattivo contributo del popolo di Ceglie. Il progetto e la costruzione furono affidati ai fratelli Cavallo (maestri muratori del posto). L'edificio ha una pianta ottagonale lungo il cui perimetro si elevano le murature portanti atte a sostenere il tamburo e la volta emisferica, la cupola secondo il progetto originario doveva essere rivestita con maioliche colorate. L'intera struttura richiama nella sua forma il Pantheon di Roma. Nell'interno spiccano: il pavimento costituito da quadrati di graniglia di cemento, gli affreschi del pittore Abruzzese datati 1876, due dipinti raffiguranti S. Francesco di Paola e la “deposizione”, del pittore martinese Giuseppe di Giuseppe, le di San Lorenzo, S. Gioacchino con Bambina opera dello scultore Giuseppe Maffia datata 1868, di S. Anna, Cristo risorto e la statua dell'Addolorata che veniva portata in processione la sera del giovedì santo, per tutta la notte. Dopo accurati restauri, recentemente è stata riconsegnata al culto. La Chiesa tra il 2015 e il 2018 ha ospitato temporaneamente la Parrocchia Maria Immacolata della Divina Provvidenza di Ceglie.

Chiesa di San Domenico[cangecange 'a sorgende]

Chiesa di San Domenico
Facciata della Chiesa di San Domenico di Ceglie Messapica
Chiesa di San Domenico, altare della Presentazione al Tempio di Gesù

La chiesa è annessa a un ex convento monacale dell'ordine domenicano che ha ospitato per anni (fino al 2004) la sede del palazzo di città. Il complesso fu edificato tra il 1534 e il 1570, una delle sue ali ha ospitato anche un sanatorio. L'attuale chiesa, costruita tra il 1688 e il 1700, è in stile barocchetto leccese, l'edificio è a una sola navata a cui si affiancano 6 ambienti collaterali, di cui 5 cappelle e un ambiente che conduce all'ingresso laterale.

All'interno della navata, sulla porta centrale, è posta l'Ultima Cena opera del Casale datata 1776. Barocco è l'altare maggiore in marmo, con il portello del ciborio donato da Pietro Allegretti Cavallo nel 1866; sulla cantoria, collocata sopra l'altare maggiore, lo splendido organo positivo che necessita di un urgente restauro. Nell'abside, dietro l'altare maggiore, il coro ligneo del XVII secolo. Al centro della chiesa, due pulpiti in legno: a sinistra è posto quello più antico, di età medievale, opera di grande pregio artistico; a destra, in posizione elevata, il pulpito del XVII secolo (anno 1717), impreziosito dagli intagli delle colonnine tortili e dei pannelli decorativi.
Le 5 cappelle laterali dai caratteristici altari barocchi in pietra sormontati da pale e medaglioni ed accomunate dalla presenza di colonne tortili o bombate, stemmi dell'Ordine dei Domenicani, statue litiche di santi domenicani, puttini, fregi e decorazioni dorate, sono separate, attraverso balaustre in pietra e cancelletti, e rialzate rispetto alla navata centrale.

Nel lato destro troviamo 3 cappelle, la prima entrando, era la cappella dedicata a San Vincenzo Ferreri, infatti ospitava sull'altare una grande tela del santo, purtroppo andata irrimediabilmente persa a causa delle infiltrazioni d'acqua a cui ancora oggi la cappella è soggetta; la tela fu poi sostituita da una croce processionale della Congrega dell'Immacolata. A seguire la cappella centrale con l'altare dedicato a San Domenico, anche in questo caso è presente una grande tela. Per ultima troviamo la cappella con l'altare della Presentazione al tempio di Gesù. In una nicchia della cappella è collocata la statua lignea di S. Domenico di Guzman, Padre Fondatore dell'Ordine. Un'altra statua (un semi busto), sempre di San Domenico, è presente sul portale laterale della chiesa in via Elia. Le cappelle sul lato sinistro sono invece due, al posto della centrale infatti è stato ricavato un ambiente che conduce all'ingresso laterale in cui sono collocati degli armadi contenenti l'Addolorata e la Madonna della Vittoria o del Rosario, con abito riccamente decorato. La prima cappella ha l'altare dedicato a San Tommaso d'Aquino raffigurato su di una tela, mentre in una nicchia è collocata la statua lignea di San Vincenzo Ferreri, sicuramente non nella sua collocazione originale, il simulacro infatti presenta le ali smontate per l'esiguità dello spazio. Passata lo spazio centrale si trova la cappella dedicata Madonna del Rosario, a circondare la grande tela centrale dell'altare troviamo 15 ovali raffiguranti la vita di Gesù.

Nella sagrestia a sinistra, piccolo ambiente posto nelle adiacenze della Chiesa nato luogo di preghiere per le monache di clausura che per breve periodo hanno abitato il convento, è collocato il sacello della duchessa Isabella Noirot del Belgio, consorte del duca di Ceglie Diego Lubrano, deceduta giovanissima nel 1641[51]. Anche nel lato destro, alle spalle dell'altare, si trova un ambiente affrescato nel 1719, sicuramente utilizzato in passato per raggiungere il chiostro e da cui oggi è possibile raggiungere la scala in pietra che conduce alla cantoria e da cui si azionavano le campane del doppio campanile a vela.

Nella chiesa sono state conservate tra il novembre 1968 e il settembre 2016[52] le settecentesche statue dei Misteri, portate in processione il venerdì Santo.

Abbazia di Sant'Anna[cangecange 'a sorgende]

Abbazia di Sant'Anna di Ceglie Messapica.

Costruita sui resti di un tempio pagano – come recenti indagini hanno accertato in modo credibile – dedicato presumibilmente alla dea Latona, l'abbazia è datare nel IX secolo d.C., le prime notizie documentate risalgono al 1182 e sono contenute nel Codice Diplomatico Brindisino[53]. La facciata dell'abbazia, semplice e lineare, è caratterizzata dai campanili a vela a un fornice, simili a quelli della chiesa dell'Annunziata e della chiesa della Madonna della Grotta. Nella parte posteriore, sotto la calce si riconosce un protiro trecentesco di stile gotico. L'interno, a una sola navata, spicca per la vivace policromia delle pareti: sopra l'ingresso è visibile il grande affresco trecentesco raffigurante la Morte della Santa. Di notevole pregio una tela di autore ignoto raffigurante la Sacra Famiglia, e il dipinto a olio ottocentesco attribuito a Vito Nicola Galeone, raffigurante la Madonna col Bambino e santi Cosimo, Damiano e Antonio da Padova. L'altare, tipicamente barocco nelle forme, conserva la statua lignea della Santa del XVIII secolo[54]; sulla sommità è collocato il dipinto della Presentazione di Maria al Tempio.

Altre strutture religiose[cangecange 'a sorgende]

Chiesa rurale della Madonna della Grotta.
Chiesa dell'Annunziata
  • Chiesa (rurale) della Madonna della Grotta: è un'antichissima (IX secolo d.C.) chiesa in stile gotico, situata sulla vecchia strada che da Ceglie conduce a Francavilla Fontana. La facciata della chiesa è arricchita da un ampio rosone del quale rimane la ghiera esterna e da un campanile a vela. La chiesa versa in uno stato di abbandono.
  • Cripta Basiliana di San Michele Arcangelo: cripta edificata all'interno dell'omonima grotta carsica nell'agro di Ceglie sulla strada che conduce a Francavilla Fontana. All'interno sono visibili un altare e degli affreschi tra cui quello della Madonna Orante dell'VIII secolo[55].
  • Chiesa di Sant'Antonio Abate (sconsacrata): piccola chiesa risalente all'alto Medioevo (fine X secolo), si trova nel centro storico nei pressi della porta del Monterrone[56].
  • Chiesetta dell'Annunziata: chiesa in stile gotico del XIV secolo, si trova nel centro storico nell'omonima via nei pressi della piazza vecchia. La facciata della chiesa è sormontata da un campanile a vela, l'interno è a un'unica navata.
  • Chiesa di San Demetrio: piccola chiesa nel centro storico di Ceglie. L'aspetto attuale risale al XIX secolo, come si evince dall'epigrafe posta sull'architrave[57], anche se il tetto e il piccolo campanile a vela laterale sono stati ricostruiti tra il 2011 e il 2013 in seguito a un importante restauro che ha riguardato tutto l'edificio. Nel corso dei lavori sono emersi i resti di una chiesa a tre navate risalente al XIII secolo e delle camere funerarie[58]. Altre notizie sul edificio risalgono al XVI secolo. La chiesa per secoli, fino al 1968 data dell'ultimo crollo, è stata in uso alla Confraternita dell'Immacola Concezione. Nel settembre 2016 hanno fatto rientro nella Chiesa le settecentesche statue dei Misteri trasferite prima del crollo (novembre 1968) nella Chiesa di San Domenico[52].
  • Convento dei Frati Cappuccini: il convento era ubicato ove sorge oggi l'Ospedale Civile. Fu edificato nel 1566. Era costituito da 20 cellette e dalla chiesa di Santa Maria degli Angioli. La struttura fu abbattuta nel 1965.
  • Convento e Chiesa di San Giuseppe: la chiesa e l'attiguo convento sono stati costruiti a cavallo del 1900 sulla via per San Vito nella zona sud-est dell'abitato[59]. In un primo momento il convento ha ospitato i Padri Passionisti poi trasferitisi nella nuova sede nel 1935. Dalla metà del 1946 alla metà di settembre 1953 la chiesa, con l'annesso istituto, è stata sede dell'Opera Don Guanella che accoglieva ragazzi orfani e/o poveri. Nel 1953 l'Istituto accoglieva circa 100 ragazzi delle 5 classi di elementari.[60] Da allora la struttura è affidata alle suore Domenicane.
  • Convento delle Suore domenicane missionarie di San Sisto e Chiesa del Sacro Cuore (datata 1936)[61].
  • Convento Padri Passionisti e Chiesa di San Paolo della Croce[62]: convento edificato per volontà dei Padri Passionisti, in luogo diverso rispetto al convento vecchio tra il 1932 e il 1976[63], anno in cui fu ultimata e consacrata la nuova chiesa al di sotto della quale in una cripta giacciono le sacre spoglie di Sant'Aurelia Vergine e Martire.
  • Chiesa di Maria Immacolata Madre della Divina Providenza: la chiesa e l'omonima parrocchia, nate nel 1955 grazie al contributo di una gentildonna cegliese[64], sono state amministrate per anni da Padri Guanelliani che nell'annesso complesso edilizio gestivano un istituto infantile educativo. Dopo la partenza dei Guanelliani, la Parrocchia è passata nella diretta gestione della Diocesi di Oria[65]. Nel 2015, dopo la divisione dei beni tra la Diocesi e l'Istituto Religioso, sono iniziati i lavori di riconversione della vecchia chiesa e la costruzione del nuovo edificio sacro, consegnato e dedicato il 26 marzo 2018[66].
  • Chiesa di San Lorenzo da Brindisi: la chiesa ospita la parrocchia di più recente istituzione a Ceglie, la chiesa è stata costruita tra il 1985 e il 2008[67].

Piazze e vie principali[cangecange 'a sorgende]

Piazza Plebiscito
Ceglie Messapica - Piazza Plebiscito
Scorcio della piazza e del castello nel periodo natalizio
La piazza, uno scorcio del Castello e la Torre dell'Orologio
  • Piazza Plebiscito. È considerata il centro cittadino e il principale luogo d'incontro della comunità. L'aspetto attuale della piazza risale alla fine del XIX secolo, quando fu edificata la Torre dell'Orologio, che spicca al centro della piazza[68]. L'ultima importante riqualificazione è avvenuta negli anni novanta del XX secolo quando l'intera area fu ripavimentata con basole di pietra e fu realizzato lo stemma civico con dei sampietrini. Durante il periodo estivo diviene insieme alle vie circostanti un'area pedonale e ospita la maggior parte degli eventi o manifestazioni estive.
  • Piazza Sant'Antonio. La piazza è dedicata al santo patrono della città e ospita un statua del santo. Su di essa si affaccia l'ufficio postale. In passato durante dei lavori sono stati rinvenuti dei resti archeologici, al di sotto della stessa c'è di un frantoio ipogeo.
  • Corso Garibaldi in dialetto cegliese a Cursìa (la Corsia). Funge da collegamento tra le due piazze principali, su di esso si affacciano varie attività commerciali. La via per tradizione è scelta come luogo del passeggio serale ed estivo.
  • Via San Rocco. La via funge da collegamento tra piazza Sant'Antonio e slargo prospiciente la Chiesa di San Rocco. Sulla via oltre la Chiesa si affacciano il Teatro Comunale, palazzo Urgesi, palazzo Agostinelli (residenza di Cataldo Agostinelli), e altri palazzi. Inoltre a ridosso della via è presente una piccola area verde e il monumento ai caduti. Anche questa via è caratterizzata dalla presenza di varie attività commerciali.
  • Via Muri e Belvedere Monterrone. Via Muri è una delle strade prospicienti al centro storico, su di essa si affacciano i palazzi Vitale e Antelmy. Il belvedere del Monterrone, attiguo a via Muri, è un terrapieno situato nella parte esterna dell'omonima porta medioevale, per le sue caratteristiche è un ottimo affaccio da cui è possibile osservare il panorama della Valle d'Itria, e i centri di Carovigno, Cisternino, Locorotondo e Ostuni. Nel 2012 la via e il belvedere sono stati oggetto di un progetto di riqualificazione, avente l'intento di creare una nuova area pedonale, che ha portato alla ripavimentazione con basole di pietra dell'intera area.

Parchi e aree naturali[cangecange 'a sorgende]

  • Villa Comunale. La villa comunale[69] è stata la prima area verde creata a servizio della città, ha un'estensione di circa 3000 [5]. Sorge nell'area antistante all'ospedale civile e a piazza della Repubblica, al suoi interno ospita l'ottocentesco Calvario e un monumento a san Francesco d'Assisi, posto ai bordi della villa, dove un tempo incominciava la scalinata d'accesso al convento dei Cappuccini abbattuto nel 1965. All'interno dell'area verde sono presenti varie varietà di piante tra le quali: cedri, pini, palme e lecci; è inoltre presente un'area attrezzata e un parco giochi.
  • Villa Cento Pini. È l'area verde più grande all'interno della città con un'estensione di circa 9000 [5]. La villa fu inaugurata il 1º settembre 1975[70]. Sorge in un'area che precedentemente alla realizzazione della villa era una depressione, chiamata localmente u patanar, parzialmente riempita e livellata rispetto alle zone circostanti. L'alberatura dell'area è stata realizzata impiantando per la maggior parte alberi di pino e in minima parte alberi di leccio. All'interno della villa sono presenti un'area attrezzata, un parco giochi per bambini, due campi da tennis e una bocciofila[71].
  • Aree naturali. A ridosso della città e nell'agro comunale esistono più aree pubbliche classificate come parchi o aree naturali. In particolare a ridosso della città sono presenti l'area denominata Bosco Insarti (zona a sud dell'abitato a ridosso della zona PEEP) e l'area naturale denominata Foggia Vetere (zona nord dell'abitato). Nell'agro invece sono presenti il parco comunale Pineta Ulmo, che ha un'estensione di circa 12 ettari, l'area naturale denominata Foggia di Sant'Anna e il parco provinciale di contrada Montecchie (14 ettari) al cui interno sono censiti 3 alberi monumentali.
L'area naturale foggia di Sant'Anna a Ceglie Messapica

Società[cangecange 'a sorgende]

Evoluzione demografica[cangecange 'a sorgende]

Template:Demografia/Ceglie Messapica

Etnie e minoranze straniere[cangecange 'a sorgende]

Al 31 dicembre 2014 nel territorio comunale si registra la presenza di 461[72] stranieri regolari (182 maschi e 279 femmine), pari circa allo 2,3% della popolazione cegliese. Per quanto riguarda la suddivisione per paese d'origine degli stranieri, i dati sono sempre riferiti al 31 dicembre 2014, si evince che sono presenti (si riportano paese d'origine e numero individui per le nazionalità più consistenti):

Dialetto[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Dialetti della Puglia.
File:Dialetto cegliese.jpg
Dove è parlato il dialetto cegliese

Il dialetto parlato a Ceglie Messapica è «un idioma irto e arcaico, chiuso in un'enclave, o meglio al discrimine tra diverse aree linguistiche [...] sicché ha goduto nel tempo di una propria insularità che l'ha preservato da contaminazioni massificanti e imbastardimenti consumistici»[73]. I vocaboli usati sono nella maggioranza tarantini, ma la sua cadenza rimanda molto spesso ai dialetti pugliesi della fascia centrale. Nonostante una quasi coincidenza col vocabolario tarantino, si trovano anche vocaboli condivisi con tale fascia: ne sono un esempio i pronomi dimostrativi, cusse (questo) e cudde (quello), a differenza del tarantino che li indica con quiste (questo) e quidde (quello). I dialetti dei piccoli centri limitrofi di San Michele Salentino e Villa Castelli[74] derivano direttamente dal cegliese, per cui ne conservano moltissime assonanze e similitudini (le due cittadine furono infatti fondate da contadini e coloni cegliesi ivi trapiantatisi secoli or sono) soprattutto quello castellano.

Autori in dialetto cegliese[cangecange 'a sorgende]

Template:Citazione

Religione[cangecange 'a sorgende]

La religione più diffusa sul territorio è il Cristianesimo nella confessione cattolica. Risalgono all'ètà medioevale le prime tracce storiche di tipo religioso rinvenute nel territorio comunale e manifestano la presenza di comunità legate sia al culto di tipo romano sia greco-bizantino. In particolare sono presenti nel territorio comunale una cripta basiliana all'interno della grotta di S. Michele, in cui, grazie agli affreschi di chiara influenza bizantina e ai resti rinvenuti, è stato possibile stabilire la frequentazione della cavità da parte dei monaci bizantini basiliani già nell'VIII secolo. Oltre alla cripta altre strutture religiose di chiara origine medioevale sono la Chiesa Madonna della Grotta, la chiesa dell'Annunziata e l'abbazia di Sant'Anna. Nel corso dei secoli sono state costruite chiese, cappelle votive e piccole edicole per rafforzare e tener viva la religiosità cittadina. Attualmente Ceglie rientra nella giurisdizione episcopale della Diocesi di Oria e venera il patrono sant'Antonio da Padova e i compatroni san Rocco da Montpellier e sant'Anna. Ceglie ospita inoltre le spoglie di sant'Aurelia vergine e martire[75].
Il territorio comunale è suddiviso in quattro parrocchie[76].

Tra le minoranze religiose vi sono i Testimoni di Geova, che hanno anche un proprio luogo di culto e, come diretta conseguenza dell'immigrazione alcuni ortodossi.

Tradizioni e folclore[cangecange 'a sorgende]

Processione dei Misteri
Processione dei Misteri a Ceglie Messapica
Statua di Cristo nell'orto
Statua di Cristo alla colonna
Statua di Cristo alla loggia
Statua di Cristo sotto la croce
Statua del Crocifisso
Statua di Cristo morto nella bara
Statua L’Addolorata

Molto sentite dalla popolazione, sono le feste patronali, i festeggiamenti in onore del patrono della città, Sant'Antonio risalenti al 1630[77], di Sant'Anna[78] e del compatrono San Rocco[79].
Durante il periodo pasquale in città si svolgono i riti della Settimana Santa che includono le processioni della Domenica delle Palme, il pellegrinaggio ai Sepolcri e la processione dei Misteri, risalenti alla prima metà del 1700[80].

Particolarmente sentita è l'antica tradizione dei giovedì di settembre, le prime fonti scritte risalgono al 1812[81].

Cultura[cangecange 'a sorgende]

Istruzione[cangecange 'a sorgende]

Scuole[cangecange 'a sorgende]

L'istruzione di primo grado a Ceglie è offerta da 2 istituti comprensivi[82][83], di circa 800 alunni, suddivisi in vari plessi scolastici. Fino al 2011, anno in cui è avvenuta la riorganizzazione degli istituti dell'istruzione primaria, Ceglie contava 2 circoli didattici, Edmondo De Amicis e Giovanni Bosco, per il coordinamento delle scuole elementari e materne e una scuola media inferiore intitolata a Giovanni Pascoli. È inoltre presente la Scuola Elementare e Materna privata intitolata al "Sacro Cuore di Gesù" retta dalle Suore domenicane missionarie di San Sisto.

L'istruzione di secondo grado è offerta dall'I.I.S.S. "Cataldo Agostinelli"[84]. L'istituto nato nel 2000 per popolazione scolastica è uno dei maggiori della provincia e offre un'offerta formativa molto variegata, infatti la scuola conta 6 diversi indirizzi didattici:

Università e corsi post diploma[cangecange 'a sorgende]

Ceglie ospita una sede distaccata del conservatorio statale Tito Schipa di Lecce[85].

Ceglie è sede del Centro Internazionale di Gastronomia Mediterranea[86], denominato Med Cooking School. Il centro nato nell'ambito del progetto IN.C.O.ME finanziato con fondi europei degli INTERR GRECIA-ITALIA 2000/2006 e 2007/2013 si pone l'obbiettivo creare la prima scuola di Alta cucina completamente dedicata alla tipicità e, con in più, di tipo Mediterraneo[87]. La scuola nel 2009 ha offerto un primo corso di studi programmato e diretto dall'Università di Bari – Facoltà di Agraria[88]. Per il maggio 2013 sono stati organizzati nuovi corsi didattici, in particolare di cucina e pasticceria mediterranea a cura di chef ed esperti gastronomici. Dall'ottobre 2014 la scuola ha incominciato una collaborazione con la scuola internazionale di cucina italiana ALMA[89], offrendo nella sua sede il corso sulle Tecniche di Base[90].

Ceglie inoltre è sede dell'Università della Terza Età.

Biblioteca – Pinacoteca[cangecange 'a sorgende]

La Crocifissione nº 2 dell'artista Emilio Notte esposta presso il Castello Ducale nella pinacoteca comunale dedicata all'artista.

La Biblioteca Pietro Gatti e la Pinacoteca Emilio Notte sono allocati in due distinte ali del Castello Ducale.

La Biblioteca comunale intitolata[91] al poeta dialettale cegliese possiede testi e libri che riguardano la città di Ceglie, alcune pubblicazioni del poeta e numerosi testi da lui donati e il lascito (manoscritti, documenti e libri) del matematico Cataldo Agostinelli[92]. Il patrimonio librario si può quantificare in quasi 16 000 testi[93].

La Pinacoteca Emilio Notte ospita alcune opere dell'artista futurista di origine cegliese donate dallo stesso alla civica amministrazione, tra le quali l'opera la “Crocefissione”[94].

Museo[cangecange 'a sorgende]

Ceramica Messapica - Centro Documentazione Archeologica Ceglie Messapica

Il museo comunale MAAC[95], Museo Archeologico e di Arte Contemporanea è allocato nei locali Ex OMNI in via Enrico De Nicola. Il museo è strutturato su tre livelli, al piano terra rialzato è presente il Museo Archeologico[96] ex Centro di Documentazione Archeologica comunale e al piano primo il Museo di Arte Contemporanea che ospita le opere che nelle varie edizioni hanno partecipato al concorso nazionale Emilio Notte[97]. Il MAAC è stato riaperto al pubblico nel maggio 2016[98] dopo lavori di restauro della struttura realizzati nell'ambito di un progetto finanziato con fondi europei che ha aveva il fine di rimodulare e riorganizzare l'offerta dell'intero sistema museale cegliese denominato "Sistema Gusto d'Arte".

Il museo archeologico, centro di documentazione archeologica[99] ospita la mostra “Messapica Ceglie” organizzata dall'amministrazione comunale, dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia e con la collaborazione scientifica dell'Università di Lecce. La mostra comprende alcuni dei numerosi reperti archeologici ( trozzelle messapiche, corredi funerari, iscrizioni ed epigrafi e monete) rinvenuti nel territorio comunale che spaziano dalla Preistoria all'età ellenistica corredati da documentazioni e cartografie riguardanti le attività di scavo effettuate negli ultimi decenni a Ceglie. Inoltre un ampio settore è dedicato al sistema difensivo della città di epoca messapica, costituito da cinte murarie, localmente note come "Paretoni" e Specchie. All'interno del museo inoltre sono presenti anche il calco della Tana delle Iene, cavità carsica scoperta nel 2000 in cui furono rinvenuti alcuni resti dell'età Paleolitico Inferiore Medio e un settore espositivo dedicato alle asce neolitiche rinvenute nel territorio comunale[100].

Media[cangecange 'a sorgende]

Media
Music Italia TV, Video M Italia, Radio Ceglie, Radio Stella.
TV
Nella seconda edizione di MasterChef Ceglie è stata scelta come città per lo svolgimento della quinta prova in esterna. Ceglie Messapica viene definita da uno dei conduttori Tempio della Cucina Pugliese. Durante lo svolgimento della prova i concorrenti hanno preparato alcuni dei piatti tipici della gastronomia cegliese tra i quali le orecchiette al pomodoro fresco e basilico, fave e cicorie, grano pesto al ragù di carne e infine le braciole di carne al sugo.
Cinema
Nel 1979, presso la discoteca "Io Valentino", furono girate alcune scene del film L'infermiera di notte, con Gloria Guida che canta e balla e d.j. d'eccezione l'attore Lucio Montanaro.

Nel 2011, presso la stazione ferroviaria sono state girate alcune scene del film 100 metri dal paradiso, con Giulia Bevilacqua, Giorgio Colangeli, Jordi Mollà, Domenico Fortunato per la regia di Raffaele Verzillo.

Cucina[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche le vôsce Cucina pugliese e Cucina salentina.
Biscotto di Ceglie Messapica - Presidio Slow Food

Template:Senza fonte

Template:Senza fonte

A Ceglie sono presenti un Istituto Alberghiero e una Scuola Internazionale di Gastronomia (Med Cooking School), dove si formano e si specializzano nuovi talenti della cucina.

Tra i prodotti maggiormente apprezzati della cucina cegliese[101] troviamo il biscotto cegliese e il panino cegliese.

Biscotto cegliese[cangecange 'a sorgende]

Il "Biscotto di Ceglie", è riconosciuto come "Presidio Slow Food" e come prodotto agroalimentare tradizionale (P.A.T.). Si tratta di un pasticcino a base di mandorle tostate, con marmellata di amarene e limone, ricoperto con una glassa a base di zucchero e cacao (u sceléppe). Per la sua realizzazione sono impiegate mandorle di produzione locale, di una varietà chiamata "cegliese" contraddistinta dal guscio semiduro. In passato, i biscotti cegliesi erano prodotti dalle famiglie contadine in occasione delle feste importanti e dei banchetti nuziali.

Panino cegliese[cangecange 'a sorgende]

L'invenzione e diffusione del panino cegliese viene attribuita a Vincenzo Zito (bottegaio di generi alimentari) che per primo commercializzo il panino con la sua originale ricetta. Si tratta di un panino (rosetta o pagnotta) farcito con tonno e olio extravergine d'oliva brindisino, fette di provolone stagionato e piccante, capperi dissalati e fette di mortadella.[102]

Geografia antropica[cangecange 'a sorgende]

L'attuale centro urbano è il risultato di uno sviluppo urbanistico durato più secoli.

Il nucleo originario è individuabile nell'attuale centro storico, intorno a esso, soprattutto a partire dall'Ottocento, si svilupparono nuovi quartieri o rioni, tra i quali i rioni Mammacara e Ospizio, e vennero costruiti nuovi edifici pubblici quali: il Teatro comunale, la chiesa di San Rocco, la chiesa di San Gioacchino, il Calvario, la Torre dell'Orologio e il macello comunale.

Nel corso del Novecento la città ha teso da prima a svilupparsi lungo le principali direttrici viarie, in direzione della stazione ferroviaria e soprattutto a partire dagli anni settanta si è assistito a una nuova espansione della città con la realizzazioni di nuove lottizzazioni e quartieri che comunque hanno mantenuto impianto urbanistico simile a quello originario, caratterizzato da una compattezza dell'edificato e da assi viari aventi sezioni minime. Gli ultimi importanti interventi urbanistici hanno riguardato l'area a sud dell'abitato, quando a partire dagli anni ottanta lungo la direttrice per Francavilla Fontana, in maniera non contigua all'impianto urbano persistente, sono stati realizzati una zona abitativa PEEP e di edilizia popolare legge n. 167, la zona P.I.P. a servizio del quartiere in cui hanno sede attività di tipo artigianale.

Inoltre a ridosso dell'abito, soprattutto nella contrada Montevicoli e sulla strada che conduce a Martina Franca, sono sorte delle zone periurbane residenziali caratterizzate da bassa densità insediativa che comunque hanno comportato un notevole frazionamento del tessuto agrario.

Centro storico[cangecange 'a sorgende]

Centro Storico
File:Vicolo del centro storico di Ceglie Messapica.jpg
Vicolo del centro storico, sulla sinistra una delle tipiche finestre
Stradine del centro storico
Stradine del centro storico
Stradine del centro storico

Il centro storico di impianto medioevale sorge nella parte finale di uno dei 2 colli su cui si è sviluppata la città. Per le caratteristiche geomorfologiche, che permettevano una facile fortificazione dell'area attraverso cinte murarie, il sito già in età messapica fu scelto come punto per realizzare l'acropoli e i tempi.

L'attuale tessuto urbano è invece sormontato dal Castello Ducale e dalla Collegiata, intorno a essi seguendo le linee morfologiche del colle si sviluppano, quasi a formare una figura circolare, una fitta rete di viuzze strette e tortuose, vie e scalinate (quasi tutte lastricate in pietra locale con le cosiddette chianche), interrotte da spiazzi o larghi (i più grandi: Largo Ognissanti, Largo Celso e Piazza Vecchia) e qualche sottopasso[103]. Sulle caratteristiche viuzze si affacciano per lo più piccole unità immobiliari sviluppate su 2 livelli, in rari casi su 3. Le unità immobiliari si caratterizzano per la presenza di piccole porte di accesso, scalinate esterne, piccoli balconcini realizzati ai livelli superiori e le caratteristiche finestre che hanno la particolarità di avere 4 piedritti sporgenti rispetto alle facciate in corrispondenza degli angoli. Le piccole abitazioni, scialbate con latte di calce, l'una simile all'altra, danno ai vicoli quasi un aspetto uniforme che viene interrotto episodicamente dalla presenza di edifici di maggiori dimensioni come: il Castello, le chiese, il convento dei domenicani e i palazzi gentilizi.

Il centro storico per essere “un unicum ambientale-architettonico di notevole valore” è interamente sottoposto a vincolo paesaggistico al fine di tutelare l'area di “notevole interesse pubblico” dal D.M. del 18 maggio 1999[104].

Rioni ottocenteschi[cangecange 'a sorgende]

I rioni sono nati come naturale espansione del centro medioevale, in parte su quelli che un tempo dovevano essere gli orti a servizio della città, infatti alcune delle principali vie di questi quartieri conservano nel loro nome la dicitura orto (esempi: via Orto Nannavecchia, via Orto di Burla, via Orto del Capitolo e via Orto Lamarina). I nuovi rioni sorti a partire dei primi anni dell'Ottocento riunivano in un certo modo la città alle strutture religiose che nei secoli precedenti erano sorte nelle sue vicinanze, in particolare all'abbazia medioevale di Sant'Anna, al convento cinquecentesco dei frati cappuccini e alla cappella, poi divenuta chiesa nella seconda metà del secolo, dedicata a san Rocco. Le abitazioni appaiono simili a quelle del centro storico, anche se sviluppate principalmente su tre livelli, i lotti restano di piccole dimensioni. Il tessuto urbano appare più organizzato, le strade si allargano leggermente e si sviluppano in maniera rettilinea e ortogonale. Il tessuto urbano viene interrotto dalle due piazze (Plebiscito e Sant'Antonio), da vie più ampie (corso Garibaldi, via Dante Alighieri, via San Rocco e via Sant'Anna) e da alcuni edifici di maggiori dimensioni (chiese, alcuni palazzi e gli edifici pubblici costruiti in quel periodo).

Anche questa zona è tutelata dallo stesso vicolo paesaggistico del centro storico.

Economia[cangecange 'a sorgende]

Albero di olivo monumentale fotografato nelle campagne di Ceglie
Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Economia della Puglia.

L'economia è basata prevalentemente sull'agricoltura (soprattutto ulivi e viti), anche se non mancano attività manifatturiere.

In notevole crescita anche il turismo, non solo enogastronomico ma anche artistico e rurale grazie alla campagna cegliese ricca di trulli, masserie e ulivi secolari; Template:Senza fonte

Agricoltura[cangecange 'a sorgende]

Template:Chiarire. Si basa principalmente sulla coltura dell'olivo, del mandorlo, del fico. della vite e del ciliegio.La produzione di mandorle serve per la produzione dolciaria, soprattutto del biscotto cegliese. Nel territorio è molto attivo anche l'allevamento di bovini ovini, suini e caprini.

Il territorio di Ceglie rientra nell'area di produzione della DOP Olio Collina di Brindisi[105].

Infrastrutture e trasporti[cangecange 'a sorgende]

Il sistema viario extraurbano di Ceglie Messapica è imperniato su alcune arterie di rilevanza locale:

La stazione ferroviaria di Ceglie è posta sulla linea Martina Franca - Lecce delle Ferrovie del Sud Est, che collega diversi comuni interni del Salento.

Amministrazione[cangecange 'a sorgende]

Tabella Sindaci[cangecange 'a sorgende]

Periode Prime cetadine Partite Careche Note
maggio 1945[106] ottobre 1945 Rocco Spina Partito Comunista Italiano Sinnache
1945 1946 Francesco Allegretti Cenci Democrazia Cristiana Sinnache
1946 Carlo Colucci Sinnache
1946 1947 Alessandro Argentiero Sinnache
1947 Martino Quarto Sinnache
1947 Comm. pref.
1947 13 aprile 1948 Martino Quarto Sinnache
13 aprile 1948[107] 18 maggio 1949 Pasquale Bevilacqua Comm. pref.
18 maggio 1949[108] 1953 Alberto Montesani Democrazia Cristiana Sinnache
1953 2 maggio 1954 Luigi Ricci Democrazia Cristiana Sinnache
2 maggio 1954[109] 13 gennaio 1965 Cosimo Mastro Democrazia Cristiana Sinnache elezioni comunali 1954, 1958 e 1962
13 gennaio 1965[110] 30 agosto 1978 Camillo Caliandro Democrazia Cristiana Sinnache elezioni comunali 1967 e 1972
31 agosto 1978[111] 19 gennaio 1980[106] Vincenzo De Fazio Democrazia Cristiana Sinnache elezioni comunali 1978
19 gennaio 1980[112] 8 settembre 1981 Oronzo Elia Democrazia Cristiana Sinnache
25 settembre 1981[113] 11 ottobre 1983 Cosimo Gioia Democrazia Cristiana e PSDI Sinnache
11 ottobre 1983[114] 18 luglio 1986 Cosimo Mastro Democrazia Cristiana e PSI Sinnache elezioni comunali 1983
19 luglio 1986[115] 20 aprile 1993 Paolo Locorotondo Democrazia Cristiana e PSDI Sindaco elezioni comunali 1988
20 aprile 1993 6 dicembre 1993 Mario Giannuzzi Comm. pref.
6 dicembre 1993[116] 30 dicembre 1994 Pietro Mita Centro-Sinistra Sindaco
gennaio 1995 giugno 1995 Rosa Maria Simone Comm. pref.
9 giugno 1995[116] 27 giugno 1999 Pietro Mita Rifondazione Comunista Sindaco
27 giugno 1999[116] 30 marzo 2001 Pietro Magno Centro-Destra Sindaco
30 marzo 2001 27 maggio 2002 Rosa Maria Simone Comm. pref.
27 maggio 2002[116] 31 maggio 2004 Mario Annese Centro-Destra Sindaco
31 maggio 2004 18 aprile 2005 Clara Minerva Comm. pref.
18 aprile 2005[116] 12 aprile 2010 Pietro Federico Centro-Sinistra Sindaco
12 aprile 2010[116] 2 ottobre 2019 Luigi Caroli vari partiti di Centro-Destra Sindaco
4 ottobre 2019 in carica[117] Pasqua Erminia Cicoria Comm. pref.

Sport[cangecange 'a sorgende]

La principale squadra di calcio della città è la società A.S.D Calcio Ceglie che milita in Prima Categoria dopo aver conseguito due promozioni di fila nei campionati di terza e seconda categoria

Le due squadre cittadine del Volley Ceglie e della Nuova Pallavolo Ceglie disputano i campionati regionali maschili in Serie C e in Serie D; la Nuova Pallavolo Ceglie ha una compagine femminile militante in Prima Divisione.

La squadra di basket maschile Nuova Pallacanestro Ceglie 2001[118] milita nel campionato di promozione

Avevano sede nel comune la società New Basket Ceglie e la Maicard Basket Ceglie, non più attive[119]. Nativo della località è Damiano Faggiano.

Ciclismo[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Coppa Messapica.

Dal 1952 si disputa nel comune e dintorni la Coppa Messapica, una competizione ciclistica di rilevanza nazionale riservata alle categorie Elite e Under 23; nella 58ª edizione, quella del 2017, la Coppa è valsa per l'assegnazione dei titoli di campione italiano delle predette categorie[120]. Nel 1982 la competizione valse come prova unica del campionato italiano femminile di ciclismo su strada[121] juniores e seniores, le vincitrici per le due categorie furono rispettivamente Roberta Bonanomi e Maria Canins.
L'abitato di Ceglie è stato attraversato tre volte dalla carovana del Giro d'Italia, in particolare nella 17ª[122] , 87ª e 100ª edizione. Ceglie è stata scelta più volte anche come partenza o arrivo di tappa del Giro di Puglia.

Note[cangecange 'a sorgende]

  1. Dato Istat - Popolazzione residende a 'u 31 ottommre 2019.
  2. Cite errore: Tag <ref> invalide; nisciune teste ha state date pe le referimende nnomenate template divisione amministrativa-abitanti
  3. Portale turisteche Reggione Pugghie, schede Ceglie Messapeche, su viaggiareinpuglia.it.
  4. Date ISTAT superficie comunale aggiornate a 'u 2011, su istat.it.
  5. 5,0 5,1 5,2 5,3 5,4 Relevaziune da Google Earth.
  6. Classificazione sismeche de le comune tagliàne (a cure d'a Protezione Civile) (PDF), su protezionecivile.it. URL consultato l'11 masce 2013 (archiviato dall'url originale il 18 abbrile 2009).
  7. Ceglie Messapeche, su Tuttitalia.
  8. Cataste de le cavità naturale d'a Pugghie - a cure d'a Federazione Speleologica Pugliese, su fspuglia.it. URL consultato l'11 masce 2013.
  9. Silvie Laddomada (2006). PROBLEME E PROSPETTIVE D'U PATRIMONIE SPELEOLOGGECHE NE LE AREE CARSECHE DE L’ALTE SALENDE:L’ESEMBIE DE CEGLIE MESSAPECHE . Thalassia Salentina 29 supplemende. URL conzultate 'u 16 febbrare 2016.
  10. Ceglie Messapeche, su terredelmediterraneo.org. URL consultato il 3 decemmre 2010 (archiviato dall'url originale il 2 decemmre 2008).
  11. elenco alberi monumentali Puglia - sito MoliseAlberi.com, su molisealberi.com. URL consultato il 12 settembre 2014.
  12. Riconoscimento stato di calamità eccezionale per gelate e nevicate, marzo 1987 - Gazzetta Ufficiale, su gazzettaufficiale.it. URL consultato l'8 agosto 2014.
  13. «Neve e ghiaccio, il maltempo non risparmia Ceglie – 17 dicembre 2001».
  14. «Ceglie in ginocchio per la neve e la disorganizzazione – 20dicembre 2001».
  15. «Ceglie sotto la neve, disagi per il traffico, domani scuole chiuse – 6 febbraio 2006».
  16. «attivazione stazione meteo masseria Nisi - Ceglie Messapica».
  17. stazione meteo masseria Nisi - associazione meteo valle d'itria
  18. Dati piovosità e giorni pioggia media anni dal 1923 al 2015 ottenuti utilizzando valori dal 1923 al 2012 (del centro analisi/elaborazione dati protezione civile Puglia, su protezionecivile.puglia.it. URL consultato il 9 febbraio 2016.) e per il 2013, 2014 e 2015 i dati della centralina Meteo Valle d'Itria
  19. Pagina con le classificazioni climatiche dei vari comuni italiani, su confedilizia.it. URL consultato il 07-01-2009 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2010).
  20. si veda: C. D. Fonseca - I. Conte (a cura di), Dal castello al territorio. Dinamiche insediative a Ceglie Messapica tra XII e XV secolo. Atti della giornata di studio, Ceglie Messapica 28 aprile 2009, Bari 2010
  21. L. Pepe (a cura di), Libro rosso della città di Ostuni, codice diplomatico, compilato nel 1609 da Pietro Vincenti ed ora per la prima volta pubblicato con altri diplomi e note premesse le notizie bibliografiche del Vincenti da Ludovico Pepe, Scuola Tipografica editrice Bartolo Longo, Valle di Pompei 1888
  22. B. Ligorio, Federico II Federico II. Ebrei, castelli e Ordini monastici in Puglia nella prima metà del XIII secolo, prefazione di S. Bernardi, Artebaria ed., Martina Franca 2011.
  23. Glicerio è figlio di Gervasio de Persona, noto anche come De Matina
  24. B. Ligorio, Federico II. Ebrei, castelli e Ordini monastici in Puglia nella prima metà del XIII secolo, prefazione di S. Bernardi, Artebaria ed., Martina Franca 2011.
  25. Archivio di Stato di Napoli, Documento Angioino, reg. 1269, b.4, fg.39; Camillo Minieri Riccio, Documenti di Carlo I d'Angiò
  26. Biografia di Pietro Elia, Patria Decor Oggi di M. Ciracì e N. Santoro, pagg. 132-133
  27. Biografia di Francesco Elia, Patria Decor Oggi di M. Ciracì e N. Santoro, pagg. 122-123
  28. «L'inaugurazione della Ferrovia Francavilla-Ceglie - La Provincia di Lecce 24 agosto 1924».
  29. «In 5 mila hanno detto basta al Caporalato - L'Unità 25 maggio 1980».
  30. Pompea, Lucia e Donata: tre donne che sognavano un futuro libero, felice e indipendente. - Associazione Libera, su vivi.libera.it.
  31. Archivio centrale dello Stato, ufficio araldico-fascicoli comunali, su 151.12.58.148:8080. URL consultato il 29 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2013).
  32. G. Scatigna Minghetti, Vestigia di icone sacre a Ceglie Messapica, Ceglie Messapica 1995, p. 5.
  33. «[...] nel 1100, Accardo, signore e padrone di Ostuni e di Lecce, per indicare la nostra Ceglie usò il termine Castillo Cilij e non città di Ceglie [...]» Ceglie, origini e mutamenti del nome- P. Elia, su ideanews.it. URL consultato il 17 maggio 2013.
  34. «Nel 1273, Carlo II d'Angiò, la indica solo CILIA [...]» Ceglie, il mistero sull'origine del nome- P. Elia, su ideanews.it. URL consultato il 17 maggio 2013.
  35. La Puglia, carta geografica G. Botero, Relazioni Universali, 1591-1596.
  36. «Con l'abolizione della feudalità (decreto 2-4 agosto 1806) gli amministratori cegliesi eliminano il predicato GAUDO [...]» Ceglie, il mistero sull'origine del nome- P. Elia, su ideanews.it. URL consultato il 17 maggio 2013.
  37. G. Neglia, Il fenomeno delle cinte di Specchie nella penisola salentina, Edizioni Adriatica, Bari 1970
  38. Un vaso rinvenuto nel 1820 raffigurante la lotta tra Diomede e i Messapi che si trova presso il museo di Berlino)
  39. G. Stranieri, Un limes bizantino nel Salento? La frontiera bizantino-longobarda nella Puglia meridionale. Realtà e mito del “limitone dei greci”, Archeologia Medievale XXVII, pagg. 333-355, ed. All'Insegna del Giglio, 2000.
  40. «Tomba messapica ritrovata durante lavori in una scuola di Ceglie - 13 settembre 2006». URL conzultate 'u 21 maggio 2012.
  41. «Specchie - Comune di Ceglie Messapica». URL conzultate 'u 29 maggio 2014.
  42. Il Castello di Ceglie Messapica - Barocco Pugliese, su itriabarocco.net. URL consultato il 29 maggio 2014.
    «Il nucleo più antico della struttura fortificata è costituito dalla torre quadrangolare, edificata, intorno all'XI secolo, sotto il dominio normanno».
  43. Comune di Ceglie Messapica-Mura, su egov.hseweb.it. URL consultato il 15 agosto 2014.
  44. Palazzi di Ceglie: Chionna, Vitale, Chirulli, Cenci, Contuzzi, Allegretti - Barocco Pugliese itriabarocco.net, su itriabarocco.net. URL consultato il 22 novembre 2013.
  45. Palazzi di Ceglie: Principali, Greco, Cavallo, Nannavecchia - Barocco Pugliese itriabarocco.net, su itriabarocco.net. URL consultato il 22 novembre 2013.
  46. Toponimi da cartografia IGM
  47. La Chiesa Matrice di Ceglie Messapica - Barocco Pugliese, su itriabarocco.net. URL consultato il 29 maggio 2014.
  48. Chiesa Matrice Maria Santissima Assunta - sec. XVI, su italiavirtualtour.it. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  49. Chiesa di San Rocco, su italiavirtualtour.it. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  50. elenco vescovi Diocesi di Castro di Puglia
  51. La Chiesa Di San Domenico Ceglie Messapica - Barocco Pugliese, su itriabarocco.net. URL consultato il 29 maggio 2014.
  52. 52,0 52,1 «Ceglie, oggi ricollocate a S. Demetrio le statue dei Misteri». Gazzetta del Mezzogiorno ed. pugliese, 14 settembre 2016.
  53. https://unosguardosuceglie-dg.blogspot.com/2010/10/abbazia-di-santanna-ii-parte.html
  54. Abbazia di Sant'Anna - Arte e Pittura, su rilievo.stereofot.it.
  55. Grotta di San Michele a Ceglie - salentoacolory.it, su salentoacolory.it. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  56. Chiesa e culto di sant'Antonio Abate, Ceglie Messapica - Barocco Pugliese itri@.net, su itriabarocco.net. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  57. La chiesa di san Demetrio, Ceglie Messapica - Barocco Pugliese itri@.net, su itriabarocco.net. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  58. Ceglie Messapico, S. Demetrio 2011-2012 di D. Tasella, E. Caliandro, P. Semeraro, D. Tamborrino
  59. Chiesa di San Giuseppe - italiavirtualtour.it, su italiavirtualtour.it. URL consultato il 3 giugno 2014.
    «Eretta 1901 dal maestro Ambrogio Lisi e ricostruita nel 1966, la Chiesa e l'annesso Convento di San Giuseppe si trovano alla periferia sud-est dell'abitato di Ceglie Messapica».
  60. Storia dell'Opera Don Guanella a Ceglie Messapica 1946-2008, Cosimo Urso, 2015, Sogno Edizioni.
  61. Chiesa del Sacro Cuore - sec.XIX, su italiavirtualtour.it.
  62. Comunità dei Passionisti Ceglie Messapica, su passionistceglie.altervista.org. URL consultato il 22 agosto 2014.
  63. I Passionisti a Ceglie Messapica 1897 – 1997. Celebrazioni e Storia - Parte III I Figli di S. Paolo della Croce a Ceglie Messapica. Scansioni socio-storiche di un'esperienza centenaria a cura di G. Scatigna Minghetti, pagg. 181-182
  64. «Inaugurato a Ceglie l'Istituto Maria Immacolata». Gazzetta del Mezzogiorno, 12 ottobre 1955.
  65. Parrocchia Maria Immacolata Madre della Divina Provvidenza, su diocesidioria.it. URL consultato il 22 dicembre 2015.
  66. NUOVA CHIESA MARIA IMMACOLATA MDP, ECCO I VIDEO E LE FOTO, su ceglieoggi.it. URL consultato il 16 aprile 2018.
  67. Parrocchia di San Lorenzo da Brindisi, su diocesidioria.it. URL consultato il 22 dicembre 2015.
  68. Piazza Plebiscito, su italiavirtualtour.it. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  69. Ceglie Messapica villa comunale del Calvario, su giardinidellapuglia.it.
  70. Gazzetta del Mezzogiorno 2 settembre 1975, pag. 15, Campi da Tennis a Ceglie
  71. Villa dei Pini, su italiavirtualtour.it. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  72. dati DEMO ISTAT cittadini stranieri 2014, su demo.istat.it. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  73. Albarosa Macrí Tronci.
  74. A. G. Chirulli, Vocabolario del dialetto di Villa Castelli, Martina Franca, Edizioni Pugliesi, 2005.
  75. Sant'Aurelia-Comunità Passionisti di Ceglie Messapica, su passionistceglie.altervista.org. URL consultato il 22 agosto 2014.
  76. Parrocchie Ceglie Messapica-Diocesi di Oria, su diocesidioria.it. URL consultato il 22 agosto 2014.
  77. Uno sguardo su Ceglie nella prima metà del '700 … di Gallone Gianfranco pag. 130 (relazione dell'arciprete) cit.: ...In questa Terra vi sono tre feste, una del glorioso Sant'Antonio da Padova protettore...
  78. Uno sguardo su Ceglie nella prima metà del '700 … di Gallone Gianfranco pag. 47 (processione con simulacri) cit.: Processione con simulacro di Sant'Anna...introdotta da 30 anni in qua, nel quale tempo si fece la statua (nella nota n.57 si specifica 1717)
  79. «Affaritaliani.it -Il culto di San Rocco a Ceglie Messapica». URL conzultate 'u 9 giugno 2015.
  80. Processioni devozionali e con simulacri pagg. 46 e 47 Uno sguardo su Ceglie nella prima metà del '700 - La Relazione dell'Arciprete Donato M. Lombardi
  81. «I Giovedì di settembre». Affaritaliani.it, 6 settembre 2012. URL conzultate 'u 13 gennaio 2016.
  82. Il sito del 1° Istituto Comprensivo Statale De Amicis di Ceglie Messapica, su deamicisceglie.gov.it. URL consultato il 7 dicembre 2013.
  83. Il sito del 2° Istituto Comprensivo Statale di Ceglie Messapica, su secondoistitutocomprensivostataleceglie.it. URL consultato il 7 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2013).
  84. Il sito dell'IISS C. Agostinelli, su istitutoagostinelli.gov.it. URL consultato il 27 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2018).
  85. Conservatorio di Lecce - Sede Distaccata Ceglie Messapica, su conservatoriolecce.it. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  86. il sito ufficiale della scuola, su medcookingschool.com. URL consultato il 2 marzo 2013.
  87. Iscrizioni gratuite a Scuola cucina-pasticceria Ceglie Messapica - In Breve - Terra&Gusto - ANSA.it
  88. Bilancio di mandato aprile 2005- marzo 2010 a cura dell'amministrazione comunale
  89. ALMA, Corso Tecniche di Base di Cucina, su alma.scuolacucina.it. URL consultato il 7 dicembre 2014.
    «Il Corso Tecniche di Base di Cucina ALMA ha anche un'edizione in Puglia. La Mediterranean Cooking School di Ceglie Messapica (BR) è la sede didattica nel Mezzogiorno che ospita il percorso propedeutico al Corso Superiore di Cucina Italiana ALMA».
  90. corsi Med Cooking School, su medcookingschool.com. URL consultato il 7 dicembre 2014.
  91. Delibera Consiglio Comunale n.9 del 29-03-2016 "INTITOLAZIONE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE AL POETA CONCITTADINO PIETRO GATTI"
  92. La storia delle biblioteche a Ceglie - Ceglie Plurale, su ceglieplurale.it.
  93. Sito ufficiale sistema museale Ceglie Messapica denominato Sistema Gusto d'Arte, sezione Biblioteca, su cegliesistemagustodarte.it. (archiviato l'11 febbraio 2017).
  94. Sito ufficiale sistema museale Ceglie Messapica denominato Sistema Gusto d'Arte, sezione Pinacoteca, su cegliesistemagustodarte.it. (archiviato l'11 febbraio 2017).
  95. Sito ufficiale sistema museale Ceglie Messapica denominato "Sistema Gusto d'Arte", sezione MAAC, su cegliesistemagustodarte.it.
  96. Sito ufficiale sistema museale Ceglie Messapica denominato "Sistema Gusto d'Arte", sezione museo archeologico, su cegliesistemagustodarte.it. (archiviato l'11 febbraio 2017).
  97. Associazione Nazionale Emilio Notte, Concorso Emilio Notte, su associazioneemilionotte.blogspot.it.
  98. «Ceglie Messapica, inaugurato il MAAC Museo Archeologico e di Arte Contemporanea». URL conzultate 'u 14 giugno 2016.
  99. sito Centro Documentazione Archeologica - Comune di Ceglie Messapica, su egov.hseweb.it. URL consultato il 13 maggio 2013.
  100. Le asce in pietra levigata del Neolitico, su archeoclubceglie.blogspot.it. URL consultato il 14 giugno 2016.
  101. Il sito che elenca i prodotti tipici della Puglia, comune per comune Template:Webarchive
  102. «Ultimo giro d'autore, addio a Zito». La Repubblica, 30 agosto 2014. URL conzultate 'u 13 gennaio 2016.
  103. Vicoli di Ceglie Messapica, su italiavirtualtour.it. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  104. Gazzetta ufficiale - D.M. del 18.05.99, su gazzettaufficiale.it.
  105. Disciplinare DOP Collina di Brindisi (PDF), su oliodopcollinadibrindisi.it.
  106. 106,0 106,1 Elenco dei Sindaci e Podestà della Città di Ceglie Messapica fino al 1980 a p.169 del libro Ceglie Messapica una Città di M. Ciracì e G. Scatigna Minghetti.
  107. D.P.R. del 13/04/1948 pubblicato in elenco n. 58423 della Gazzetta Ufficiale. Titolo: "SCIOGLIMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI CEGLIE MESSAPICO (BRINDISI) E NOMINA DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO"
  108. Gazzetta del Mezzogiorno 19 maggio 1949, Consiglio Comunale a Ceglie Messapico. Nomina del Sindaco e degli Assessori
  109. Gazzetta del Mezzogiorno 3 maggio 1965, pag. 8, Il prof. Cosimo Mastro eletto sindaco di Ceglie M.
  110. Gazzetta del Mezzogiorno 14 gennaio 1965, pag. 11, L'avv. Caliandro (DC) nuovo sindaco di Ceglie - Sostituisce il dimissionario Mastro
  111. Gazzetta del Mezzogiorno 1º settembre 1978, De Fazio (Dc) il nuovo sindaco di Ceglie M.
  112. Gazzetta del Mezzogiorno 20 settembre 1980, Ha giurato ieri il Sindaco di Ceglie M.
  113. Gazzetta del Mezzogiorno 26 settembre 1981, Il DC Gioia nuovo sindaco di Ceglie M.
  114. Gazzetta del Mezzogiorno 12 ottobre 1983, Sindaco dc eletto a Ceglie M.
  115. Gazzetta del Mezzogiorno 20 luglio 1986, Eletto il Democristiano Locorotondo - Rattificato in consiglio l'accordo fra Dc e Psdi
  116. 116,0 116,1 116,2 116,3 116,4 116,5 archivio elezioni Ministero dell'Interno - ricerca ente, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  117. «Caduta dell’amministrazione Caroli, Erminia Cicoria nominata commissario prefettizio».
  118. Sito (blog) ufficiale Nuova Pallacanestro Ceglie 2001, su npc2001.blogspot.it.
  119. Campionato serie B dilettanti 2010-2011 gironi (PDF), su fip.it.
  120. «Tricolori in Puglia: emozioni e fuochi d'artificio». . URL conzultate 'u 27 giugno 2017.
  121. Coppa Messapica - sito ufficiale, su coppamessapica.it. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  122. Francesco Moro - Giusi Pignatelli, 60 Anni di Coppa Messapica, 2019; pag.2

Bibliografia[cangecange 'a sorgende]

  • Giuseppe Magno – Pietro Magno, Storia di Ceglie Messapica, Fasano, Schena Editore, 1992.
  • Isidoro Conte - Gaetano Scatigna Minghetti, Storia di Ceglie Messapico, Arte – Ambiente –Monumenti, Martina Franca, Nuova Editrice Apulia, 1987.
  • Isidoro Conte, Messapica Ceglie, (catalogo della mostra realizzata dall'Amministrazione comunale), Ceglie Messapica, La Tipografica, 1998.
  • Cosimo Damiano Fonseca - Isidoro Conte,Dal Castello al Territorio. Dinamiche insediative a Ceglie Messapica tra XII e XV secolo,(Atti della Giornata di studio Ceglie Messapica 28 aprile 2009), Bari, Mario Adda Editore, 2009.
  • Carmela Massaro, Una comunità rurale del mezzogiorno tardomedievale: Ceglie de Gualdo nel XV secolo,(estratto del volume Territorio, culture e poteri nel Medioevo e oltre. Scritti in onore di Benedetto Vetere), Galatina, Congedo, 2011
  • Gianfranco Gallone , Uno sguardo su Ceglie nella prima metà del '700 - La Relazione dell'Arciprete Donato M. Lombardi, Trnava, Editrice Spolok svätého Vojeticha SSV, 2008, ISBN 978-80-7162-729-6.
  • Michele Ciracì - Francesco Moro, Dissertazione di Angelo Serafino Russo - Origine di Ceglie, suoi Fondatori, Antichità, e suoi Progressi, 2019.
  • Michele Ciracì - Gaetano Scatigna Minghetti, L'immagine ritrovata. Vedute di Ceglie Messapica dal XVI al XIX secolo, MI.RA & GA.MI., 2001.
  • Michele Ciracì - Nicola Santoro, Patriae Decor Oggi - I personaggi che hanno lasciato traccia nella storia di Ceglie Messapica, filocalia edizioni, 2019. ISBN 978-88-909709-1-7
  • Terre Celiarum del Galdo Hydruntini Provincia, Oria, Italgrafica Edizioni srl, 1997.
  • Michele Ciracì - Gaetano Scatigna Minghetti, Ceglie Messapica, una Città. Cronaca fotografica 1847-1947, Galatina, Editrice Salentina, 1980.
  • Michele Ciracì, Stemma civico e gonfalone della Città di Ceglie Messapica (Notizie storiche e documenti), Ceglie Messapica, La tipografica, 1994.
  • Michele Ciracì, L'Università di Ceglie Messapica e i suoi sindaci dal 1513 al 1996, Latiano, Progetto Physis.
  • Augusto Conte, Note storiche sulle istituzioni giudiziarie di Ceglie Messapica, Fasano, Schena Editore, 1993.
  • Augusto Conte, Toghe cegliesi, CeglieMessapica, La Tipografica, 1997.
  • Pasquale Elia, Ai cegliesi decorati al valore, Ceglie Messapica, La Tipografica, 1995.
  • Carmelo Turrisi, I Passionisti a Ceglie Messapica 1897 – 1997. Celebrazioni e Storia, Manduria, Barbieri Editore, 2003.
  • Enrico Turrisi, Centenario Chiesa di San Rocco - Ceglie Messapica 1898 -1998. È ancora l'alba, Oria, Italgrafica Edizioni srl, 1999.
  • Michele Ciracì, I riti della settimana santa a Ceglie Messapica 1500-1900, Latiano, Progetto Physis, 1997.
  • Gaetano di Thiène Scatigna Minghetti, I giorni del perdono e dell'espiazione. MISERERE NOSTRI, DOMINE MISERERE NOSTRI. FORME PARALITURGICHE PENITENZIALI DELLA SETTIMANA SANTA NEL SALENTO BRINDISINO, (raccolta di saggi), Ceglie Messapica, Kailinon, 2011.
  • Michele Ciracì, Culto e iconografia di Sant'Antonio di Padova in Ceglie Messapica, Latiano Progetto Physis, 1996.
  • Olga Sarcinella, Sant'Aurelia V. e M. “Nominis proprii” a Ceglie Messapica. Storia e culto, Aversa, Euro Edizioni.
  • Isidoro Conte, Le tele di Domenico Antonio Carella nella Collegiata di Ceglie Messapica, Latiano, Progetto Physis, 1997.
  • Enrico Turrisi, Soste di Pietra, ovvero Le cappelle Rupestri di Ceglie Messapica, Latiano, Neografica, 2000.
  • Aldo Flore & Rosanna Venezia, Il tempo della pietra. il restauro dei trulli tra conservazione e prevenzione. Mario Adda Editore. Bari. 2012. ISBN 978-88-8082-992-8
  • Nicola Cavallo, Umanità contadina. Notazioni sparse sulla civiltà contadina in Ceglie Messapica. Dai primi anni '20 all'inizio della II guerra mondiale, Galatina, Congedo editore, 1995.
  • Francesco Cosimo Palmisano, Mala cuncta... vos spernam. Il motivo apotropaico nella Città di Ceglie Messapica. Scritture esposte ed espressioni demiche, Latiano, Progetto Physis, 1997.
  • Catalogo della Galleria Civica “Emilio Notte”, a cura della Città di Ceglie Messapica con un saggio di Enrico Crispoliti, Cavallino di Lecce, Capone Editore, 1992.
  • Pietro Gatti Poeta, Donato Valli (pubblicazione realizzata dall'Amministrazione Comunale di Ceglie Messapica, 2 voll.), Lecce, Manni Editore, 2010.
  • Del Gaudio V. - Fuiano R.- Ruina G., Rilievo gravimetrico preliminare sulla grotta di Montevicoli Ceglie Messapica (Br),(estratto dagli Atti del XV Congresso Nazionale di Speleologia Castellana Grotte 10-13 settembre 1987), Castellana Grotte, 1989.
  • Cosimo Urso, Storia dell'Opera Don Guanella a Ceglie Messapica 1946-2008, Sogno Edizioni, 2015
  • Francesco Moro - Giusi Pignatelli, 60 Anni di Coppa Messapica, 2019.

Voci correlate[cangecange 'a sorgende]

Otre pruggette[cangecange 'a sorgende]

Collegamenti esterni[cangecange 'a sorgende]

Template:Comuni della provincia di Brindisi

Controllo di autoritàVIAF: (EN263507977 · LCCN: (ENn2011048640
  • Puglia Portale Puglia: accede a le vôsce de Uicchipedia ca trattane de Puglia