Istanbul

Da Uicchipèdie, 'a 'ngeclopedije lìbbere.
Zumbe a: navighesce, cirche
Segui progetto.png
Istanbul
İstanbul
Panorama de Istanbul
Stato: bandiera Turchie
Coordinate: 41°01′″N 28°58′″E / <span class="geo-dec geo" title="Mappe, foto cu l'aerje e otre 'mbormazion per Espressione in errore: Operatore / inaspettate
Crea 'a tabbelle TemplateData!
Espressione in errore: Operatore / inaspettate
Crea 'a tabbelle TemplateData!
">Espressione in errore: Operatore / inaspettate
Crea 'a tabbelle TemplateData!
, Espressione in errore: Operatore / inaspettate
Crea 'a tabbelle TemplateData!
Crea 'a tabbelle TemplateData!
Coordinate: 41°01′″N 28°58′″E / <span class="geo-dec geo" title="Mappe, foto cu l'aerje e otre 'mbormazion per Espressione in errore: Operatore / inaspettate
Crea 'a tabbelle TemplateData!
Espressione in errore: Operatore / inaspettate
Crea 'a tabbelle TemplateData!
">Espressione in errore: Operatore / inaspettate
Crea 'a tabbelle TemplateData!
, Espressione in errore: Operatore / inaspettate
Crea 'a tabbelle TemplateData!
Crea 'a tabbelle TemplateData!
Superficie: 5.538,77 km²
Crestiàne : 12.573.836  (2007)
Denzetà: 2.270,1 ab./km²
CAP: 34010 a 34850 / 80000 ad 81800
Prefisso tel: (+90) 212 (Eur) / 216 (Asia)
Sinnache: Kadir Topbaş

Latrans-Turkey location Istanbul.svg

Site istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene prutette da l'UNESCO
Patrimonio UNESCO.png Patrimonie de l'umanetate
Aree storeche de Istanbul
Historic areas of Istanbul
Yeni Camii.JPG
Tipologgije Culturale
Criterie (i)(ii)(iii)(iv)
Perichele Bene non in pericolo
Anne 1985
Schede UNESCO 'nglese
frangese
Patrimonie de l'umanetate jndr'ô Turchia

Istanbul (turche: İstanbul, pronunge "Istànbul"; jndr'ô tagliàne fine a 'u XIX sèchele pure Costantinopoli, jndr'ô greche Κωνσταντινούπολις), capeluèche d'a provinge omonime, jè 'u prengepale cendre 'ndustriale e culturale d'a Turchie. Cu 'na populazzione de 12.573.836 crestiáne,[1] jè 'u cendre municipale (cetate proprie) cchiù populose d'Europe (terze jndr'ô munne),[2][3] e 'a seconne aree metropolitane cchiù populose jndr'à l'Europe dope Mosca.

Bisanzio fine a 'u 330 e cchiù nnande Costantinopoli fine ad 'u 1930, fù capitale de le 'Mbere Romane (330-395), de le 'Mbere Romane d'Oriende ('Mbere Bizandine) (395-1204 e 1261-1453), de le 'Mbere Latine (1204-1261) e de le 'Mbere Ottomane (1453-1922).

Istanbul jè state dichiarate une de le capitale europee d'a culture pè 'u 2010. Fine da 'u 1985, le quartiere storeche de Istanbul fàcene parte d'a liste UNESCO de le patrimonie de l'umanità.

Storie[cangecange 'a sorgende]

Visione generale[cangecange 'a sorgende]

'A soje ricchissime storie, ca 'a vide jndre le origgene cetate greche da 'u nome de Bisanzio (greche andiche, Βυζάντιον), cchiù nnande capitale de le 'Mbere Romane d'Oriende cu 'u nome de Costantinopoli (latine, Constantinopolis) e ad ìa fine capitale de le 'Mbere Ottomane cu 'u nome turche de İstanbul, hagghie lassate 'nu sbuenne de testimonianze archeologgeche e architettoneche ca 'a fàcene devendà pure 'nu cendre turisteche de rilevanze mundiale.

Origgine e variande d'u nome (Bisanzio, Costantinopoli, Istanbul)[cangecange 'a sorgende]

Seconne 'nu aneddote 'u nome de ôsce derive da 'na circustanze assaje curiose: quanne le turche ad 'a conguiste d'a Anatolie chiedevane a le grice addò fòsse "'a cetate" avèvene cumme resposte, senze capì 'u segnefecate Isten polis, ce vuè dì "quèdde jè 'a cetate", ca finì pè devendà 'u nome equivocate de Costantinopoli. Cchiù probabilmende derive da 'na enfatizzazione d'a parole "cetate" pà indicarle cumme 'a "cetate" pè andonomasie, jndre 'na analoggie cu 'a parole Urbe (o -jndr'ô latine- "Urbs") cò cui se indeche Rome. 'U nome Istanbul le venne date ufficialmende sule 'ndorne ad 'u 1930.

'U nome de l'odierne Istanbul comungue reflette, jndr'ô curse de le sèchele, 'u succedersi de le civiltà ca ne onne signate 'a storie. Funnate da le colonie grice de Megara, jndr'ô 667 a.C., ha state chiamate originariamende Βυζάντιον (Byzántion) in onore d'u lòre re Byzantas. Avrà da esse accussì Byzantium jndr'ô latine e successivamende Bisanzio jndr'ô tagliàne.

'U nome greche de Κωνσταντινούπολις (Konstantinoupolis), da cui 'u latine Constantinopolis e 'u tagliàne Costandinopule, segnefeche "Cetate de Costandne". Quiste nome le fù date pè onorà le 'mberatore romane Costandine I quanne 'a cetate jè devendate capitale de le 'mbere romane, l'11 másce de l'anne 330. Costandine l'hé date 'nu nuève nome: Nova Rome, ma quèste denominaziune non ge trasè maje jndr'à ll'ause comune, pure ce angore ôsce a die 'a denominaziune ufficiale seconne 'a Chiese ortodosse ed 'u Patriarcate Ecumeniche sije "Costandinopule Nuève Rome". Costandinopule devènde cchiù nnande 'a capitale de le 'Mbere Bizandine fine a quanne jndr'ô 1453, ha state pigghiate da le Turche Ottomane.

'U nome "Istanbul" pòte derivà d'a frase greche medievale "εἰς τὴν Πόλιν" (s'ha da leggere cu 'a pronunge "istimˈbolin"), oppure da quèdde jndr'ô dialètte ioniche "εἰς τὰν Πόλιν" (pron. "istamˈbolin"), ca segnefeche "ad 'a Cetate" o "jndr'à Cetate" [4]. Jndre quiste mode le Grice se referivane ad 'a Cetate de le Cetate, cumme Costandinopule ère canosciute durande 'u timbe bizandine e pure cchiù nnande. Cchiù probabbilmènde jè 'na semblice corruzione d'u greche [Kon]stan[inou]pol addò "pol" jè devendate "bul" cumme pure jndre otre adattamènde de nome grice contenènde 'u termine "polis" e cu l'aggiunde d'u prefisse "I-"; esembie sonde le cetate de Smirne e de Nicea, devendate Izmir ed Iznik e Gelibolu, jndr'ô griche Kallipolis. 'U nome Stambul ère de ause corrende jndr'à ll'Uèttecinde.

'A cetate ha state chiamate, jndre 'u curse de le sèchele, cu 'nu munne de otre nome: Neà Romè o "Nuève Rome" cumme s jè ditte, Polis o "'A Cetate" (pè accellènze, cumme già Rome), Rūmiyya al-Kubrā ("'a Maggior Rome" jndr'ô arabe), Qostantiniyye (Costandinopule jndr'ô arabe), e jndr'ô turche İslambol ("Cindre de l'Islam"), piccè ha state sede, da 'u 1527 ad 'u 1924, d'u Califfate Islamiche, Pây-i taht ("'U pide d'u trone" jndr'ô persiane), Mikligardur ("Cetate granne" de le mercenarie Vareghe (o Variaghe), ca èrene Vichinghe, e ca parlavane l'andìche germaniche norrene), Car(i)grad (ce vuè dì "Cetate de le 'Mberatore", cchiù 'n generale jndr'à lle lènghe slave), Gostandnubolis ('u soje nome jndr'ô armene).

[[File:|1000px]]

link=File:
Vedute panorameche d'u Corne d'Ore d'a Torre de Galata, quagghiate da le genovese jndr'ô 1348

Sciugrafije[cangecange 'a sorgende]

Panorame d'u Bosforo

Ôsce a die l'aree urbane se spanne sus a totte e dò le vanne d'u Bosforo, 'u stritte ca scucchie l'Europe da l'Asie e ca aunisce 'u Mar Gnure ad 'u Mar de Marmara, e sus 'u Mar de Marmara stesse. 'U "Corne d'ore" jè 'u nome d'u puèrte naturale sus a cui se affacce 'u cindre storeche, sus 'a rive europee d'u Bosforo.

'A cetete se iacchie sus 'a faglie sismiche de l'Anatolie settendrionale. Recende studie [2], pigghianne 'n esame 'na serie de terremote accumenzate jndr'ô 1939 e condinuate jndr'à lle successive decennie, penzane ca jè probabbele ca 'nu evende sismiche de granne proporziune pòte colpì Istanbul jndre 'nu prossime future.

'A municipalità de Istanbul jè scucchiáte jndr'à lle destritte de Adalar, Avcılar, Bağcılar, Bahçelievler, Bakırköy, Bayrampaşa, Beşiktaş, Beyoğlu, Büyükçekmece, Beykoz, Çatalca, Eminönü, Esenler, Fatih, Gaziosmanpaşa, Güngören, Kadıköy, Kâğıthane, Kartal, Küçükçekmece, Maltepe, Pendik, Sarıyer, Sultanbeyli, Sile, Şişli, Tuzla, Umraniye, Üsküdar e Zeytinburnu.

'A cetate jè servite da l' Aeropuèrte de Istanbul-Atatürk e da l' Aeropuèrte 'Ndernazionale Sabiha Gökçen

Storie[cangecange 'a sorgende]

'A Bisanzio greco-romane[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Bisanzio.

'A funnaziune de Bisanzio, da parte de le colone grice de Megara, jè resalènde ad 'u 667 a.C. Grazzie ad 'a posiziune de condrolle sus 'u Bosforo, 'a cetate s'è sveluppate jndre picche timbe tande da devendà oggette de condèse duranne le uerre d'u Peloponnese.

Dope ca s'è schierate cu Pescennio Nigro condre 'u vitturiuse Settimio Severo, 'a cetate fù assediate e largamènde destrutte 'mbrà 'u 193 ed 'u 195. Jndr'ô 196 Bisanzio jè trasùte a fàce parte de le 'mbere romane e fù requagghiate da 'u stesse Settimio Severo, devendàte 'Mberatore, pigghianne n'otra vote veloce veloce 'a soje precedènde prosperità.

'A Costantinopoli romano-bizandine[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Costandinopoli.

La posizione strategica di Bisanzio attrasse anche l'imperatore Costantino I che, l'11 maggio 330, la rifondò come "Nova Roma" (ma presto prese invece il nome di Costantinopoli), secondo la leggenda dopo un sogno profetico nel quale gli veniva indicato il posto dove stabilire la città. Costantino costruì un numero impressionante di palazzi, chiese, luoghi di divertimento, tra cui il famoso circo dove si svolgevano anche cerimonie e che vedrà sommosse e assemblee popolari. La città continuò a crescere anche dopo Costantino, nell'arco di un secolo furono costruite nuove mura che quasi raddoppiarono la superficie della città.
Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente, la posizione strategica di Costantinopoli avrebbe continuato a giocare un ruolo importante come punto di passaggio fra due continenti (Europa e Asia), e successivamente un polo d'attrazione per l'Africa ed altri paesi dal punto di vista commerciale, culturale e diplomatico. Costantinopoli controllò per lungo tempo le rotte fra Asia ed Europa, così come il passaggio dal Mar Mediterraneo al Mar Nero.

A Costantinopoli nasce ciò che è considerato il fondamento del diritto romano, il Corpus Iuris Civilis, voluto da Giustiniano tra il 528 e il 565.

Durante il medioevo, Costantinopoli fu la più grande e ricca città d'Europa: si pensa che nel X secolo potesse avere fino a un milione di abitanti. La maggior basilica costantiniana, Hagia Sophia (Divina Sapienza), monumento di estrema rilevanza architettonica dedicato alla Divina Sapienza, da sempre centro religioso della città, diventa il centro della cristianità greco-ortodossa. Nonostante le aspre lotte interne per il potere e la scarsa autorità individuale dell'imperatore, l'oligarchia bizantina mantenne una stabile struttura politica durante i quasi mille anni dell'impero.

Dotata di un notevole impianto di fortificazioni, la città rimase per secoli inespugnata, fino al 1204, quando venne saccheggiata dagli eserciti della quarta crociata che instaurò per circa un secolo "L' impero latino". Per Costantinopoli era iniziato il suo declino. Il 29 maggio 1453, la città cadde in mano ai Turchi ottomani guidati da Maometto II il Conquistatore ( Fatih ), che ne fece la capitale dell'Impero Ottomano. La caduta di Costantinopoli, e quindi la fine dell'Impero Romano d'Oriente, è indicata talvolta come l'evento che convenzionalmente chiude il medioevo e inizia l'evo moderno.

L'Istanbul ottomane e turche[cangecange 'a sorgende]

Sotto i sultani ottomani, Costantinopoli ritrovò un nuovo periodo di splendore, diventando sede de facto del califfato nel 1517, ma mantenendo la sede del Patriarcato Greco-Ortodosso (nonostante la forzata conversione della Basilica di Santa Sofia in moschea) e in generale il carattere cosmopolita che la caratterizzò nei secoli precedenti. Il XVI secolo segnò l'apice del potere ottomano. A questo secolo risale la costruzione delle più importanti moschee della città: Beyazit, Suleymaniye (la più grande moschea di Istanbul), Sultan Ahmet e Fatih.

L'impero ottomano, sconfitto durante la prima guerra mondiale, finì ufficialmente il 1º novembre 1922. Quando nel 1923 fu fondata la Repubblica di Turchia, la capitale venne spostata da Istanbul ad Ankara. In un primo tempo trascurata in favore della nuova capitale, Istanbul passò attraverso un periodo di grande trasformazione negli anni '50 e '60. Prima degli anni '60, in particolare, il governo di Adnan Menderes perseguì lo sviluppo economico del paese attraverso la costruzione di nuove strade e industrie. Anche nel centro storico, moderne pavimentazioni stradali rimpiazzarono l'acciottolato e una larga parte dei quartieri vecchi venne demolita.

Durante gli anni '70, la popolazione di Istanbul subì una rapida crescita in seguito alla forte immigrazione dall'Anatolia. Nuovi quartieri e zone industriali sorsero alla periferia della città e molti dei villaggi limitrofi vennero incorporati alla grande area metropolitana.

Istanbul è tuttora sede del Patriarcato di Costantinopoli, una delle antiche sedi apostoliche.

Anne recende[cangecange 'a sorgende]

In anni recenti la città è stata tristemente soggetto di diversi attacchi terroristici, come il massacro di piazza Taksim avvenuto nel 1977, e gli attacchi del 1999, del 2003 e del 2008, per un totale di più di 120 vittime e 1000 feriti. [5][6][7][8] Nell'estate del 2008 si è verificata inoltre una sparatoria fuori dal consolato degli Stati Uniti, con il seguente rapimento di tre turisti tedeschi.[9]

[[File:|800px]]

link=File:
Ponte del Bosforo e lo skyline della parte europea di Istanbul, veduta dalla Collina di Çamlıca nella parte anatolica

Releggione[cangecange 'a sorgende]

Panorame generale[cangecange 'a sorgende]

La città di Istanbul è abitata da diverse comunità religiose. La religione con più fedeli è l'Islam. Le minoranze includono: i greco - ortodossi, gli armeno - cattolici, i cattolici - levantini e gli ebrei sefarditi. Secondo un censimento del 2000, a Istanbul sono attive: 2691 moschee, 123 chiese, 26 sinagoghe, 109 cimiteri islamici e 57 non islamici. Alcuni distretti presentano un notevole concentramento di questi gruppi; Kumpaki è abitato da molti armeni, il distretto Balat ha una notevole popolazione ebraica, a Fener vi sono molti greci e alcuni quartieri nel Nisantasi e nel distretto Beyoglu hanno molti abitanti levantini. In alcuni quartieri, come nel Kuzguncuk, una chiesa armena è posta di fianco ad una sinagoga e dall'altra parte della strada una chiesa Greco - ortodossa è di fianco ad una moschea.

La sede del patriarcato di Costantinopoli, il leader spirituale dei greco - ortodossi, è localizzato nel distretto di Fener (Phanar). Istanbul è anche sede degli arcivescovadi della comunità Turco-Ortodossa e di quella armena e del Gran Rabbinato di Turchia. Numerosi posti riflettono il passaggio di antiche comunità, in particolare:Arnavutköy (vilaggio albanese), Polonezköy (villaggio polacco) e Yenibosna (Nuova Bosnia).

Musulmane[cangecange 'a sorgende]

Interno della moschea di Sinan Pascià

I musulmani sono il più grande gruppo religioso di Istanbul. In questa comunità i sunniti sono la maggioranza mentre un parte sono alevitici. Nel 2007 a Istanbul erano attive ben 2944 moschee.

Istanbul era anche la sede del Califfato Islamico tra il 1517 e il 1924, fino a quando il califfato venne sciolto e i poteri passati al parlamento turco. Il 2 settembre 1924 i Tekke ed i Tarikat furono banditi e le loro attività dichiarate incompatibili con la laicità della nuova repubblica di Turchia; in particolare con l'educazione laica e con il controllo laico dello stato sugli affari religiosi attraverso la Direzione degli Affari Religiosi. Molti fedeli del sufismo e di altre forme di Islam mistico praticarono clandestinamente la loro religione, reclutando ancora molti fedeli. Per superare questi divieti, che esistono ancora, i praticanti si presentano come "associazioni culturali".

Crestiáne[cangecange 'a sorgende]

Interno della chiesa di san Giorgio sede del patriarca

La città è stata la sede del patriarcato ecumenico fin dal IV secolo d.c, e continua ad essere la sede di altre chiese ortodosse come la Chiesa Turco-Ortodossa e il Patriarcato Armeno. Istanbul fu anche la sede della Chiesa Ortodossa Bulgara prima che venisse riconosciuta dalle altre chiese ortodosse.

La vita dei cristiani, soprattutto quella dei greci e degli armeni, cambiò in maniera molto significativa seguendo gli sviluppi della guerra che scoppiò tra loro e i turchi nel 1820 e che continuò per un secolo. Il conflitto raggiunse il culmine tra il 1912 e il 1922; durante le guerre balcaniche, la prima guerra mondiale e la Guerra d'indipendenza turca. Le comunità greche della città furono esentate dallo scambio di popolazioni tra Grecia e Turchia del 1923. Furono comunque approvate una serie di restrizioni e di tasse speciali durante la seconda guerra mondiale e il Pogrom d'Istanbul causò la morte di 15 greci e l'incriminazione per altri 32; questo fece aumentare notevolmente l'emigrazione da Istanbul per la Grecia. Nel 1964 tutti i greci senza cittadinanza turca (circa 12.000)[10] furono deportati. Oggi le minoranze greche e armene vivono a Istanbul o nei suoi dintorni. Oggi i turchi armeni che vivono a Istanbul sono circa 45.000[11] (senza includere i 40.000 lavoratori armeni che arrivarono dall'Armenia dopo il 1991 e lavorano e vivono a Istanbul).[12] La comunità greca, che contava 150.000 persone nel 1924, si attesta sui 2000 cittadini. I rapporti tra turchi e armeni non rimangono comunque facili, soprattutto perché il governo turco non riconosce il genocidio degli armeni. Insieme ai cattolici levantini, che sono i discendenti degli europei (genovesi veneziani e francesi) che stabilirono degli avamposti a Istanbul durante il periodo bizantino e ottomano, esiste un piccolo numero di tedeschi del bosforo e di polacchi.

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Pogrom d'Istanbul.
Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Scambio di popolazioni tra Grecia e Turchia.

Ebree[cangecange 'a sorgende]

File:Neveshalomistanbul.jpg
Sinagoga Neve Shalom
Sinagoga ashkenazita

Gli ebrei sefarditi hanno vissuto nella città per oltre 500 anni. Essi lasciarono la penisola iberica durante l'inquisizione spagnola del 1492, quando dopo la caduta del Regno moresco di Andalusia furono costretti a convertirsi al cristianesimo oppure morire. Il sultano ottomano Bayezid II (1481 - 1512) inviò una flotta di notevole dimensioni comandata da Kemal Reis con l'ordine di salvare gli ebrei sefarditi. Più di 200.000 ebrei si diressero prima verso Tangeri, l'Algeria, Genova e Marsiglia per poi proseguire verso Salonicco e infine ad Istanbul. Il sultano diede la possibilità di rifugiarsi nell'impero ottomano a più di 93.000 ebrei spagnoli. Un'altra grande ondata di ebrei arrivò dal sud Italia.La sicilia era sotto diretto controllo spagnolo e gli ebrei che vivevano in quella regione furono sottoposti alle stesse leggi della Spagna venendo cacciati nel 1492. Negli anni successivi gli ebrei vennero espulsi da tutto il meridione italiano e molti di questi si diressero a Istanbul. La sinagoga italiana di Galata è frequentata dai discendenti di questi ebrei italiani. Vennero fondate delle sinagoghe che riportavano i nomi delle zone o delle città da cui gli ebrei italiani vennero cacciati, come Sicilia, Calabria, Otranto. Più di 20.000 ebrei sefarditi vivono ancora a Istanbul, 20 sinagoghe sono attive, di queste la più importante è la Neve Shalom inaugurata nel 1951 nel quartiere Beyoğlu. Il Gran Rabbino Turco di Istanbul (adesso Ishak Haleva) dirige gli affari della comunità. Gli ebrei sefarditi e quelli italiani contribuirono molto ad aumentare la potenza dell'impero ottomano, introducendo nuove idee, tecniche e attività. La prima stampante Gutenberg fu introdotta dagli ebrei sefarditi nel 1493 che dimostrarono eccellenti qualità nella medicina, nel commercio e nelle attività bancarie. Accanto agli ebrei sefarditi esiste anche una comunità più piccola di Ashkenaziti che vivono in citta dal 19 secolo. Istanbul accolse anche gli ebrei ashkenaziti del centro ed est europeo perseguitati dai nazisti durante gli anni 30 e 40 del 900.

Turisme[cangecange 'a sorgende]

Monumende[cangecange 'a sorgende]

Chiesere ed ex chiesère[cangecange 'a sorgende]

Puèrte de le 'mberature bizandine a le 'nderne d'a Basileche de Sande Sofie

Moschee[cangecange 'a sorgende]

Sinagoghe[cangecange 'a sorgende]

Palazze[cangecange 'a sorgende]

'U Palazze d'u Topkapı (1478) ha state 'a residenze prengepále de le sultane ottomane fine ad 'u 19. sèchele, quanne 'u Palazze Dolmabahçe, de stile eclettiche (barocche, rococo e neoclasseche) jè devendate 'a sede nuève
Puèrte d'a Felicità jndr'ô Palazze d'u Topkapı

Sport[cangecange 'a sorgende]

A Istanbul 'u sport cchiù seguite jè 'u calce, le squadre cchiù canosciute d'a cetate sonde Galatasaray, Beşiktaş e Fenerbahçe, oltre ca ad 'a mene famuse Istanbul. A Istanbul se iacchie l'autodrome Otodrom ca ospite le GP de Formula 1 e Moto GP. Pure 'a pallacanestre jè assaje seguite, le squadre prengepàle sonde 'u Fenerbahçe Ülker, l'Efes Pilsen ed 'u Galatasaray.

Otre[cangecange 'a sorgende]

Musèe[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Category:Musèe de Istanbul.

'Mbrà le musee cchiù 'mbortande se segnale:

Quartiere[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Category:Quartiere de Istanbul.

'Mbrà le quartiere cchiù canosciute de Istanbul ce stonne:

  • Bebek quartiere assaje elegande e cindre residenziale de lusse ca se iacche sus 'a rive europee 'mbrà le dò ponde sus 'u bosfore.
  • Galata ('u cui nome se dìce ca jè state pigghiate d'a parole greche "galà-ktòs", ce vuè dì latte), l'andiche colonie genovese sus 'u Corne d'Ore, da cui pigghie 'u nome 'a squadre de calce d'u Galatasaray;
  • Fener, une de le quartiere cchiù populare jndre le mure, dovaddò ce stonne le musulmane cchiù osservande, sede d'u Patriarcate greche, e une de le picche luèche addò se jè conzervate 'a vècchie Istanbul;
  • Samathia, sus 'u Mar de Marmara, cu le chiesère soje greche ed armene;
  • Beyoĝlu, da l'otra vanne d'u Corne d'Ore, l'andice Pera, 'u cui tessute urbanisteche jè prengepàlmende Liberty;
  • Nişantaşı, pure jidde resalende ad 'a fine de l'Uèttecinde, e ca ôsce jè 'u quartiere cchiù glamour d'a cetate;
  • Fenerbahçe e Beşiktaş, sede de famuse squadre de calce;
  • Etiler, cindre direzionale e residenziale de lusse;
  • Sulukule, storeche quartiere Rom.

Personalità[cangecange 'a sorgende]

Cucine[cangecange 'a sorgende]

Famuse jndre totte 'u munne jè 'u Lokum, dôce crijáte a Istanbul ad 'a fine d'u 1700.

Cetate gemellate[cangecange 'a sorgende]

Europe

Americhe

Note[cangecange 'a sorgende]

  1. [1] Censimende 2007, Date d'u Tüik, Site Ufficiale Turche
  2. Wikipedia: Largest cities and metropolitan areas in Europe
  3. Wikipedia: List of cities proper by population
  4. "Dünden bugüne İstanbul ansiklopedisi" ("Le Nome de Istanbul"), volume 5, Ciltli, 1994
  5. «{{{titolo}}}».
  6. http://news.bbc.co.uk/2/hi/middle_east/3276549.stm
  7. http://afp.google.com/article/ALeqM5jl5Of8Rk7UJyxwWurbEN3r71UUFA
  8. http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/7527977.stm
  9. http://www.repubblica.it/2008/07/sezioni/esteri/istanbul-spari/istanbul-spari/istanbul-spari.html
  10. euborderconf.bham.ac.uk
  11. todayszaman.com
  12. armeni in Turchia
  13. Cetate partner

Bibliografije[cangecange 'a sorgende]

  • Edmondo De Amicis, Costantinopoli, Torino 2007, ISBN 978-88-06-19047-7. Sèje capitole deg le origgenale 17 pubblecate jndr'ô 1878, cu 'nu saggio 'ndroduttive de Umberto Eco (Istanbul, Una e Trina) e une de Luca Scarlini (Costantinopoli: un viaggio per libri e per mare).
  • Alexander P. Kazhdan, Bisanzio e la sua civiltà, traduziune de Giovanna Arcetri, Bari: Laterza, 1995. Sagge sus 'a culture bizandine 'mbrà 'u X ed 'u XII sèchele.
  • Philip Mansel, Costantinopoli - Splendore e declino della capitale dell'impero ottomano - 1453-1924, Mondadori, 1997
  • Orhan Pamuk, İstanbul: Hatıralar ve Şehir, Istanbul: Yapi Kredi Yayinlari, 2003. Tradotte jndr'ô tagliàne Istanbul. I ricordi e la città, Torino: Einaudi, 2006. 'Na specie de "guide" ad 'a storie culturale e sociale d'a città attraverse le memorie de une de le cchiù granne de le screttore turche condemporanee.
  • Cristobal de Villalon, Dal viaggio in Turchia, selezione e 'ndroduzione de Antonio Gasparetti, Bari: Edizioni Paoline, 1962. Selezione da 'u resocunde Viaje de Turquia pubblecate da 'u viaggiatore spagnole Cristobal de Villalon jndr'ô 1557.

Vôsce cullegate[cangecange 'a sorgende]

Otre pruggette[cangecange 'a sorgende]

Collegamende sus a indernette[cangecange 'a sorgende]