Fasane

Da Uicchipèdie, 'a 'ngeclopedije lìbbere.
(Riderette da Fasano)
Zumbe sus 'a navigazzione Zumbe sus 'a recerche
Fasane
comune
Fasane – Stemma Fasane – Bandiera
(dettagli)
File:Fasano Panoramica2.JPG
Localizzazione
StateBandiera de l'Itaglie Itaglie
ReggioneCoat of Arms of Apulia.svg Pugghie
Provinge20px Brinnese
Amministrazione
SinnacheFrangische Zaccaria (PD) dal 28-6-2016
Territorie
Coordinate40°50′N 17°22′E / 40.833333°N 17.366667°E40.833333; 17.366667 (Fasane)Coordinate: 40°50′N 17°22′E / 40.833333°N 17.366667°E40.833333; 17.366667 (Fasane)
Altitudine111 m s.l.m.
Superficie131,72 km²
Crestiàne39 566[1] (31-12-2019)
Denzetà300,38 ab./km²
FraziuneCanale de Pirro, Laurete, Mondalbane, Pezze de Greche, Puzze Faceto, Savelletri, Selve de Fasane, Speziale, Torre Canne, Torre Spaccate
Comune 'nzeccateAlberobbelle (BA), Cisternine, Locorotonde (BA), Monopoli (BA), Ostune
Otre 'mbormaziune
Cod. postale72015
Prefisse080
Fuse orarieUTC+1
Codice ISTAT074007
Cod. catastaleD508
TargheBR
Cl. sismicazone 4 (sismicità molto vasce)
Nome abitantifasanise
PatronoSan Giuanne Battiste e Sanda Marije de Puzze Faceto
Sciurne festive3ª dumeneche de sciugne
Cartografije
Mappa di localizzazione: Itaglie
Fasane
Fasane
Posizione d'u comune de Fasane jndr'à provinge de Brinnese

Posizione d'u comune de Fasane jndr'à provinge de Brinnese

Site istituzionale

Fasane (Fasano - AFI: /faˈzano/ jndr'à lènghe tagliàne; Fašànë[2] jndr'à 'u dialette d'u poste) je 'nu comune tagliàne de 39 566 crestiane[3] d'a Provinge de Brinnese jndr'à Pugghie.

Se iacchie a 'u cendre de 'nu triangole ideale ca ave pe vertice le cetate de Bare, Brinnese e Tarde, ca sò lundane da Fasane, cchiù o mene, 50 km, 'a cetate segne 'u confine 'mbrà 'u Salende e 'a Terre de Bare. 'U territorie sue combrende diverse fraziune, stennennese pe 15  sus 'a coste d'u Mare Adriateche e arrevanne jndr'à Valle d'Itrie. 'U comune, 'nzieme a Cisternine ca ste vecine, avenìe aggregate a 'a nove provinge de Brinnese, jndr'à 'u 1927; jndr'à 'u 1955 avenìe presendate a 'a Camere da vanne d'a deputate Marije Chieco Bianchi 'na proposte de legge pe repurtà 'a cetate jndr'à 'u territorie barese.

Sciugrafije fiseche[cangecange 'a sorgende]

Territorie[cangecange 'a sorgende]

Quiste jè 'u comune cchiù popolose d'a provinge de Brinnese, apprisse a 'u capeluèche. Confine a nord cu 'u comune de Monopoli, a sud cu le comune de Ostune e Cisternine, a est cu 'u mare Adriateche, a ovest cu 'u comune de Locorotonde e Alberobbelle.

Ste lundane 5  da 'u mare, ste sus a 'n'altitudine 'mbrà le 100 e le 140 metre sus a 'u levèlle d'u mare, invece 'u territorie comunale resulte 'mbrà le 0 e le 420 m sus a 'u s.l.m. d'a Selve de Fasane. 'U cendre javetate se stenne pe 'na lunghezze da nord a sud de, cchiù o mene, 4  pe 'nu perimetre de cchiù o mene 10 .

Le colline e 'a pianure sò fatte da rocce calcarèe cu presenze di picche cavità carseche. Le colline sò recoperte de lecce, querce, vignete, pine, cipresse, pioppe, arvule da frutte e vegetazione de le vosche d'a macchie mediterranèe. 'A pianure invece jè destinate a 'a coltivazione de ortagge e arvule de ulive secolare.

'A coste, jndr'à zone de Savelletri jè prengepàlmende fatte da scogliere cu calette de sabbie. 'A zone de Torre Canne presende dune costiere, lide e zone umide cu 'a presenze d'a macchie mediterranèe (stipate da 'u Parche naturale reggionale Dune costiere da Torre Canne a Torre San Leonarde).

'A popolazzione jè destribbuite pe 'nu picche de cchiù d'u 60% jndr'à cetate e 'a vanne rumanende jndr'à le diverse fraziune, in particolare jndr'à le circoscriziune comunale de Pezze de Greche e Mondalbane.

Clime[cangecange 'a sorgende]

Mese Mise Staggiune Anne
Sce Feb Mar Abb Mas Sci Lug Agu Set Ott Nov Dec Inv Pri Est Aut

'U paese jè caratterizzate da 'nu clime mediterranèe cu 'nvirne ca no sò fridde e staggiune cavede, lunghe e assaije vote umide.

'U comune, pu mutive ca tène 'nu duslivelle da 'u mare a le monde, presende 'nu clime diverse a seconde d'a zone. Sus a 'u mare Torre Canne e Savelletri grazie a l'azione mitigatrice de l'Adriateche da 'u quale sò vagnate, presendane 'nu clime cchiù tipecamende marittime, cu escursiune staggionale mene forte.

Jndr'à l'endroterre, in pianure e quinde jndr'à cetate, le temberature s'assemegghiane de cchiù a 'a zone costiere, ma 'u clime jè assaije mene umide. Sus a le colline, de 'na iertezza masseme de 420 metre s.l.m., le temberature sò mediamende cchiù vasce de 3 grade e le zumbe termice sò assaije cchiù frequende.

Le precipitaziune medie annue raggiungene le 720 mm, resultanne congendrate jndr'à le mise d'a vernate e comungue caratterizzate da 'nu reggime estremamende variabbele. Sus 'a zone de le colline, sembre durande 'a vernate, quase ogne anne face 'a neve. Pure jndr'à cetate certe vote accappe. Le urteme nevicate abbondande sus a 'u paese, onne state 'u 15 decemmre 2007, 'u 18 febbrare 2009 e 'u 31 decemmre 2014 (quando in città caddero fino a 40 cm).

'U 7 scennare 2017, da 'u stazione meteo d'a zone industriale nord (a 106 m s.l.m.) avenìe reggistrate 'na temberature minime de −2.6 °C, valore termiche cchiù vasce da 'u scennare 1979 pe quande reguarde 'a cetate.

Origgene d'u nome[cangecange 'a sorgende]

L'eitmologgije de Fasane resale probabbilmende a 'nu nome personale latine Fadius, cu 'u suffisse prediale -ānus[4]. Dallo sviluppo normale per l'area -di- > -i-[5] derive 'a forme storeche Faiano (o Fayano).

'A variande dialettale addò s'appogge 'a forme tagliàne ufficiale Fasano avessa essere 'u passagge successive da -i- a -š-[5][6].

Conzideranne Fayano resulte ca 'u latine phasianus ‘fagiano’ non ge pò essere a'a base d'u toponime[7], accussì cumme jè 'mbrobabbele 'nu prediale Fascianus[8].

'N'etimologgije popolare colleghe 'u nome d'a cetate a 'u faso, 'na specie de colombacce ca vè bbeve jndr'à cetate e avessa essere presende sus a 'u stemme civiche.

Storie[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Storie de Fasane.
Egnazia 'ndrucate da une de le ttre traverse osce a die scuperte d'a Vie Traiana.

Fasano avène da 'u Casale de Sanda Marije de Fajano (Sancta Maria de Fajano), funnate jndr'à 'u 1088 da 'na vanne d'a popolazzione ca avère abbandunate le ruvine de Egnazia, une de le cendre cchiù 'mbortande ca stavane vecine a l'andiche vie Traiana cu ìu puèrte sue 'mbortande assaije.

Cu 'a cadute d'u 'Mbere romane d'Occidende 'a cetate de Egnazia avenìe progressivamende abbandunate. Le emigrande se ne scerene jndr'à villagge rupestre piccinne, funnanne deverse casale jndr'à tutte 'u territorie fasanese e monopolitane. Condemboraneamende 'a cetate de Egnazia avenève condinuamende saccheggiate da le diverse 'nvasure ca scevene jndr'à Pugghie.

Jndr'à 'u XV sechele devende feude le de Cavagliere de Malte, e jndr'à 'u 1450 riuscìe a raggiungere le 500 crestiane cundanne 54 famigghie.

'U 2 sciugne 1678 le fasanise vivene 'nu fatte memorabbele: 'A Vettorie condre a le TUrche. Se dice ca jndr'à 'u ciele assìe 'a Madonne a guidà l'opposizione de le fasanise condre a le pirate turche, sbarcate de notte cu l'obbiettive de saccheggià 'a cetate. 'U momende de glorie, da quidde sciurne, ogne anne, avenìe arrecurdate cu 'A Scamiciate, in occasione d'a Feste de le sande Patrune: San Giuanne Battiste e Sanda Marije de Puzze Faceto.

'U culte d'a Madonne d'u Puzze jè collegate a 'na leggende: se dice ca de le condadine, mendre scavavane 'nu puzze jndr'à 'nu casale piccele (vecine a quedde ca osce a die jè 'a frazione de Puzze Faceto) cu 'u Sanduarije, avèrene acchiate meracolosamende l'immaggine d'a Madonne appettate sus a 'na petre. Cu 'a destruzione d'u casale de Puteo Faceto jndr'à 'u XVI sechele, le crestiane de stu casale se ne scerene jndr'à 'u cendre javetate de Fasane carrescianne cu lore 'u culte de Mariìje SS.me de Puzze Faceto.

Jndr'à seconda metà d'u XVIII sechele, 'a Madonne de Puzze Faceto avenìe proclamate Protettrice d'a cetate, avenìe fatte 'na statue de petre policrome ca osce a die stè sckaffate jndr'à 'na nicchie de palazze Gaito e tremende sembre 'u mare; quiste a simboleggià 'a proteziona soje pe le pericole ca avènene da 'u mare. Jndr'à seconda metà d'u Settecinede, 'a cetate se repigghie veloce veloce e resulte avè 7.000 crestiane, e jndr'à 'u 1799 condrebbuisce pure a 'a revoluzione partenopèe cu 'Gnazie Ciaia, ca pe quacche sciurne, apprime d'a conglusione, jè une de le culonne purtande ca reggene le sorte d'a Repubbleche a Napule[9].

Durande 'u vendennie fasciste, 'a cetate canuscìe 'nu belle sveluppe urbanisteche e 'nfrastrutturale: avenèrene costruite edificie assaije 'mbortande cumme 'a scole elemendare I Circole Collodi e 'a ville comunale e avenìe restrutturare e cangiate 'a sede d'u Municipie. Jndr'à 'u 1927 avenìe istituite 'a Provinge de Brinnese, fatte cu 'a vanne meridionale de quedde ca ere 'a Provinge de Bare, addò stave Fasane, e da 'a vanne settendrionale d'a Provinge de Lecce. Sembre durande 'u periode d'u Fascisme avenìe luate 'a croce de le Cavagliere de Malte da 'u stemme comunale, pe essere pò mise arrete cu l'arrive d'a Repubbleche.

Durande le anne sessande e settande d'u XX sechele, 'a cetate canuscìe 'n'otre 'mbortande sveluppe urbanisteche, grazie soprattutte a diverse personagge pulitece.

Osce a die, 'a cetate jè 'na mete turisteche de granne tradizione agricole e artiggiane.

Stemme[cangecange 'a sorgende]

« Scude de forme sanniteche, sovrapposte a Croce de Malte vianghe, d'azzurre a 'u colombaccie (o faso) a 'u naturale collarinate cu stelle d'ore sus a 'u cape ca sovraste ttre colle[10] »
Stemme de Fasane
  • 'A Croce de Malte purcé Fasane pe tanda sechele ha state sede de l'illustre Baliaggie d'u Sovrane Ordine de le Cavagliere de Malte. Solitamende, jndr'à otre tiembe 'a croce ste sus a 'u cape d'u scude, invece pa cetate, jè accollate direttamende sus a a'u scude, in quande no se tratte de 'nu stemme de congessione, ma rappresende 'u simbole de l'indipendneze e d'u coragge de l'Università de Fasane, lunghe le sechele. Avenìe luate pe obbedienze a 'u vendennie fasciste, pe pò essere mise arrete da 'u Sinnache On. Marije Chieco Bianchi;
  • Le tre colle simboleggiane 'a probbietà de le colline ca fanne corone a 'a pianure jndr'à quale ste sckaffate 'a cetate, sò raffigurate a 'u naturale e non a pilastrine cumme jè probbie de l'araldeche tagliàne;
  • L'acidde pe assaije tiembe ha state l'uneca fegure rappresendate. Pe quacchedune jè 'nu faso o colombaccie, pe oltre invece jè 'nu fagiane femmene, cumme raffegurate jndr'à 'u stemme repurtate sus a de le atte andiche de Carle V;
  • 'U collare de l'acidde, o megghie corone, rappresende 'u premie a 'u merete civile e a 'u valore militare de le cetadine d'a cetate;
  • 'A stelle d'ore metalleche, a cinghe ragge jè segna augurale de 'nu future luminose;
  • 'A cinde, infine, jndr'à forma soje singolarmende ovale dice espressamende ca 'u stemme jè irregolare e condrarie a le regole d'u blasone.

Monuminde e luèche d'inderesse[cangecange 'a sorgende]

Facciate de nnande d'a Chiesere Matrice

Architetture releggiose[cangecange 'a sorgende]

Architetture civile[cangecange 'a sorgende]

'U cendre storeche[cangecange 'a sorgende]

File:Centro storico fasano.jpg
Vie d'u Firne - Particolare d'u cendre storeche fasanese

Jndr'à 'u dialette locale chiamate U'mbracchie, parola ca avène dal latino umbraculum ca signifeche ombre. 'Nfatte le vie strette strette de cauce vianghe, tipeche de le cendre d'u sud, non ge permettone a 'u sole de arrevà, garandenne accussì 'u frische pa maggior parte d'a sciurnate.

Pure le chiesere condrebbuiscone a 'a scenografije: 'a ceppelle piccenna piccene de Sanda Marije d'a Grazie, 'a chiesere matrice de epoche tarde-rinascimendale dedicate a San Giuanne Battiste, le chiesere de San Necole, SS.Marije d'u Rosarie, SS.Marije Assunde, Anime Purgande, Sand'Andonije Abbate, cu 'u chiostre frangescane, San Frangische d'Assise e San Frangische de Paola.

Une de cose cchiù belle d'u cendre storeche sò 'a chiazze Ciaia totta vianghe cu le doje corse prengepàle fatte cu le chianghe locale, 'u 'rrelogge e le palazze elegande, vere ricchezze architettoneche, l'arche d'u Balì, le portice de le Teresiane (andiche convende d'u XVI sechele 'nzeccate a 'a Chiesere de Marije Sandissime d'u Rosarie devendate osce a die 'na galleria commerciale belle probbie e luèche de retrove pe tutte le uagnune e uagnedde) e 'u Palazze d'u Balì (osce a die sede d'u municipie) cu a le spalle se iapre ìna chiazzette piccenne chiamate Chiazze Mercate Vicchie, 'nu tiembe occupate da javetaziune e ca 'a fine d'u XIX sechele avenèrene scettate 'nderre creanne 'nu giardine piccele jndr'à 'u core d'u cendre storeche. Osce a die 'a chiazzette totte avène ausate cumme parchegge de aute, nonostande 'nu sbuènne de pruggette de requalificazione. Da le vie piccele d'u cendre storeche, pò, se pò arrevà a 'u torrione de le Fogge, uneche torrione ca ave rumane a le 'mbiede de l'andiche cinde murarie, ca jndr'à 'u '600 cerconnave 'a Vecchia Terre.

Parche d'a Rimembranze[cangecange 'a sorgende]

Polmone verde d'a cetate jè 'u Parhce d'a Rimembranze, dedicate a 'u recorde de le 251 surdate fasanise ca avenèrene accide durande 'a Granne Uerre, a le quale sò dedicate pure 'u Monumende a le Cadute mise a 'u cendre d'u parche e le 251 pine ca stonne atturne a 'u monumende[11].

Anticamente chiamate fogge (dal latino fovea) oppure piscine, erano cisterne pubbliche molto profonde e vaste in cui si raccoglieva l'acqua piovana trasportata dai torrenti che scendevano dalle colline[12].

Nel XIX secolo le fogge vennero coperte poiché ormai zona malarica e la zona divenne una grande zona verde. Negli anni '10 cominciarono i lavori per la costruzione della scuola Collodi[13] e terminarono nel 1927. Ogni 4 novembre vi viene celebrata la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate in ricordo della vittoria della Prima Guerra Mondiale e rendere omaggio al Milite Ignoto[14].

Il Minareto[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Minareto di Fasano.

Realizzato presso la Selva di Fasano nel 1918 da Damaso Bianchi, pittore e nobiluomo fasanese, con la mano d'opera giunta per l'impresa dall'Africa, molto probabilmente dalla lontana Tunisia, come pure gran parte dei materiali usati. Un minareto del tutto simile alle migliaia disseminate nei paesi musulmani, con il caratteristico balconcino dal quale, cinque volte al giorno, si leva alto il canto del muèzzin, che modula con accenti musicali le 'sure' che, dal Corano, predicano l'insegnamento del Profeta. La singolare costruzione fu destinata a residenza estiva familiare.

Architetture militari[cangecange 'a sorgende]

File:Torrione fasano.jpg
Il Torrione delle Fogge

Il torrione delle Fogge[cangecange 'a sorgende]

Pare che in passato Fasano avesse un muro di cinta con quattro torri delle quali oggi ne rimane soltanto una: il Torrione delle Fogge, a guardia della porta sud della città (la più antica della città detta buco o in dialetto caravutto dallo scolo che si apriva sulla muraglia, oggi sotterrato), che si affacciava sulla vallata delle Fogge. I torrioni o piccoli forti sorgevano ai quattro angoli della cinta muraria: il primo ad est sorgeva all'angolo di piazza Ciaia al principio dell'attuale via Carlo Alberto, era detto torrione dell'orologio poiché su di esse vi ero posto l'orologio pubblico; il secondo torrione, ad ovest, era posto in corso Perrini alle spalle della chiesa Matrice; il terzo a nord, giaceva all'angolo tra corso Vittorio Emanuele e l'attuale via Fogazzaro (anticamente via delle Monache), venne abbattuto nel XIX secolo per consentire la ristrutturazione di Palazzo Pezzolla. Oltre a questi fino al 1900 si ergeva a ridosso del Castello Baliale un bastione che si affacciava sull'agrumeto distrutto per far posto al Palazzo Municipale. Anticamente la vallata era un laghetto, dove si trovavano profondi pozzi o "Fogge", che costituivano la grande riserva d'acqua del paese. Proprio in questa vallata avvenne lo scontro decisivo tra i Turchi invasori e i fasanesi che si risolse con la vittoria di questi ultimi e la fuga degli "infedeli".

La piccola torre è stata utilizzata da un mastro fabbro fasanese che lavorava il ferro con gli antichi metodi[15]. Tuttavia nel 2013 il Torrione (di proprietà privata) è stato chiuso a causa di un forte nubifragio che ne ha gravememte danneggiato le fondamenta.

Siti archeologici[cangecange 'a sorgende]

Il dolmen di Montalbano[cangecange 'a sorgende]

Il dolmen di Montalbano

Risale probabilmente alla prima Età del bronzo, intorno al 2000-1500 a.C. Si mantiene ancora saldo nella struttura, nonostante i tanti atti vandalici e le gravi manomissioni subite nel tempo, tra cui la recentissima scomparsa del "dromos" o corridoio di accesso (1990 circa). Il dolmen di Montalbano rappresenta nella zona una delle prime testimonianze funebri. Conosciuto anche come "Tavola dei paladini", è facilmente raggiungibile percorrendo la SS 16, in direzione mare, nel tratto Fasano-Ostuni in zona “di Occhio Piccolo”.

Parco archeologico nazionale di Egnazia[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche le vôsce Egnazia e Museo archeologico nazionale di Egnazia.
Vaso greco in stile attico trovato ad Egnazia ed oggi esposto al Museo del Louvre a Parigi

Egnazia (o Gnazia) è un'antica città pugliese (di cui oggi rimangono solo rovine), nei pressi dell'odierna Fasano. Centro dei messapi o dei peucezi, fu sede di manifatture di ceramiche del IV e III secolo a.C. In lingua messapica era chiamata Gnathia, mentre dai Romani fu chiamata Egnatia o Gnatia e dai Greci Egnatia o Gnàthia. Si trova ora in provincia di Brindisi (vicino al confine con quella di Bari) e pochi chilometri più a nord di Savelletri, il centro d'Egnazia è uno dei più interessanti siti archeologici della Puglia. I primi scavi metodici furono effettuati nel 1912 e nel 1978 fu costruito l'attuale museo archeologico. Sono tuttora in corso campagne di scavo condotte dall'Università degli Studi di Bari in collaborazione con il comune di Fasano. Tra le scoperte più importanti vi è il rinvenimento dell'altra metà della piazza porticata scoperta da Quintino Quagliati nel 1912 e di altre interessanti strutture che stanno aiutando gli archeologi a chiarire alcuni aspetti urbanistici finora non del tutto conosciuti.

Gli Insediamenti rupestri[cangecange 'a sorgende]

Hanno origine nell'XI secolo con il graduale abbandono di Egnazia a causa delle tante invasioni dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente. Le popolazioni sentono il bisogno di spostarsi nell'entroterra, per sentirsi più sicure, e si fermano dove la natura ha creato le "lame", avvallamenti del terreno incisi nella roccia calcarea. Qui scavano dei veri e propri villaggi, nel tenero tufo: abitazioni, ricoveri di animali, luoghi dedicati alle attività agricole, frantoi e cripte decorate con affreschi bizantini. Gli insediamenti più importanti sono Lama d'Antico, nei pressi della stazione ferroviaria, il più grande con una chiesa-cripta a due navate e un battistero, gli insediamenti di San Lorenzo e San Giovanni in contrada Scanzossa, quello di San Francesco nei pressi della Masseria omonima e la cripta di Santa Vigilia.[16]

Il Tempietto di Seppannibale[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Tempietto di Seppannibale.

Il tempietto, risalente al IX secolo e fra i più antichi della Puglia, sorge nel territorio di Fasano, lungo la SS 16, a ridosso di una lama nei pressi della masseria Seppannibale Grande, di cui fa parte. In alcuni documenti di età medievale ricorre il nome originale, chiesa di San Pietro lo Petraro o San Pietro Veterano.

La costruzione è a pianta quasi quadrata, di piccole dimensioni, circa 8 m. per lato, e presenta volumi compatti. Per la messa in opera sono stati utilizzati grossi blocchi di pietra locale, facilmente reperibile lungo la costa, disposti su filari quasi regolari e legati tra loro da pochissima malta. All'interno presenta tre navate e un importante ciclo di affreschi, un notevole esempio di pittura longobarda, la cui iconografia rimanda all’Apocalisse di san Giovanni.

Negli ultimi anni l'Università degli Studi di Bari sta svolgendo campagne di scavo attorno all'area della chiesa.

Altro[cangecange 'a sorgende]

Le Masserie[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Masserie di Fasano.
Masseria Sant'Angelo de' Grecis (Abbazia di San Lorenzo) - Fasano

La masseria è l'espressione di un'organizzazione geo-economica legata al Latifondo, la grande proprietà terriera che alimentava le rendite delle classi aristocratiche e della borghesia. Le masserie erano quindi delle grandi aziende agricole abitate, a volte, anche dai proprietari terrieri, ma la grande costruzione rurale comprendeva pure gli alloggi dei contadini, in certe zone anche solo stagionali, le stalle, i depositi per foraggi e i raccolti. Sorte sopra insediamenti rurali, anche in zone incolte, si fortificarono pian piano divenendo dei veri e propri centri autonomi. In seguito si affiancarono gli ordini religiosi che divennero feudatari con il controllo di territori vastissimi, garantendo alle popolazioni rurali sostegno spirituale e organizzazione dell'attività agricola. Le campagne fasanesi, come tutte quelle del Salento settentrionale, sono ricche di antiche masserie. Si è cercato di classificare le masserie in cinque tipologie: torre-masseria, masseria con torre, masseria fortificata senza torre, masseria-castello, masseria senza fortificazioni. Ma ogni masseria rimane comunque unica nel suo genere. Una caratteristica importante delle masserie fasanesi è il frantoio-trappeto di tipo ipogèo, completamente scavato nella roccia. Anche le chiesette interne sono dei veri e antichi gioielli, con decorazioni, affreschi, dipinti e reliquie antichissime. Tra le masserie più belle e importanti storicamente vanno ricordate le seguenti: Masseria Sant'Angelo de' Grecis (meglio conosciuta come Abbazia di San Lorenzo), Masseria "San Domenico", Masseria "Maccarone", Masseria "Narducci", Masseria "Marzalossa".

Divertimento e Svago[cangecange 'a sorgende]

  • Lo Zoosafari Fasanolandia, complesso turistico di 30 ettari che include un giardino zoologico e un parco divertimenti[17].
  • Il campo da Golf a 18 buche vicino al mare e ai resti dell'antica Egnazia, caratterizzato dalla presenza di piante tipiche locali.
  • Le Terme di Torre Canne, uno dei complessi più attrezzati, conosciuto da oltre cento anni per le virtù terapeutiche[18].
  • Il mare, coste libere o in concessione da Savelletri con le scogliere a Torre Canne con i lidi.

Società[cangecange 'a sorgende]

Evoluzione demografica[cangecange 'a sorgende]

Template:Demografia/Fasano

Etnie e minoranze straniere[cangecange 'a sorgende]

Santa Maria di Pozzo Faceto
File:Madonna del pozzo fasano2.jpg
La Madonna del Pozzo, patrona di Fasano

La Beata Vergine del Pozzo, protettrice di Fasano assieme a S. Giovanni Battista, fu ritenuta l'artefice della vittoria sui Turchi. Il nome deriva dal ritrovamento della Sacra Immagine durante i lavori di costruzione di un pozzo, attualmente presente all'ingresso del Santuario. Alcuni operai, durante lo scavo, ritrovarono una grotta, con un'immagine della Madonna sullo sfondo. L'immagine fu asportata e portata in superficie sull'altare centrale del Santuario, dove oggi è ancora visibile.

Fasano è un comune, sotto il profilo etnico, molto omogeneo. Tuttavia, negli ultimi anni si è verificato un forte incremento della presenza di immigrati di origine albanese, i quali costituiscono la prima e più grossa comunità straniera. Si registrano infatti 992[19] cittadini albanesi. Ecco l'estrazione etnica in percentuale della popolazione fasanese:

In totale il numero di cittadini stranieri residenti al 31 dicembre 2015, secondo i dati Istat, era di 1 527 (720 maschi e 807 femmine), pari al 3,84% della popolazione totale residente. Le nazionalità maggiormente rappresentate erano:

File:Lama dantico fasano2.JPG
Parco Rupestre "Lama D'Antico" - Fasano
File:Lama dantico fasano1.JPG
Particolare affresco presso "Lama D'Antico" - Fasano

Lingue e dialetti[cangecange 'a sorgende]

File:Fasano notte.jpg
Palazzo del Balì di notte, Piazza Ciaia

Pur rientrando nel territorio della Provincia di Brindisi, Fasano mantiene i suoi legami con la Terra di Bari alla quale era legata prima del 1927, anno di costituzione della nuova circoscrizione provinciale, legami segnati sia da rapporti commerciali che dal dialetto e dalla cultura, tipici del sud-est barese e non di origini salentine. Tuttavia il dialetto fasanese segna una differenza rispetto ai dialetti dei centri limitrofi della Provincia di Bari, quasi a testimoniare, l'essenza di Fasano come eterna terra di confine la Terra di Bari e la Terra d'Otranto. «Secco, asciutto, perentorio, ricco di vocali mute e semimute, con suoni che ricordano la eu francese»[20]

Secondo una grammatica locale le e non accentate sono mute, mentre le ä e le ü (con dieresi) vanno lette con un suono diverso da quello delle vocali a e u.

Alcuni proverbi:

  • "A vìsete d'i fascianéise: chiù 'ssé nzeppäte ca azzéise" : "La visita dei fasanesi: di più in piedi che seduti". Quando fanno visita a qualcuno, si alzano quasi subito, ma non si decidono mai ad andarsene.
  • "A crianze d'i fascianéise": "La creanza dei fasanesi". Quando sono a tavola, lasciano sempre nel piatto di servizio l'ultima porzione.
  • "Add'arréive chiànte u zippe": "Dove arrivi (a lavorare la terra), pianta un legnetto (come segnale)". Perché preoccuparsi se non si riesce a terminare un lavoro? L'indomani si riprenderà dallo stesso punto.
  • "A ciàire se stròusce i a prucessiàume nange caméine": "La cera si consuma e la processione non va avanti". Stiamo solo perdendo tempo.
  • "Acquànne nan se päghe, jìngeme tütte": "Quando non si paga nulla, ùngimi tutto". Ciò che è gratuito, è sempre ben accetto.

Cultura[cangecange 'a sorgende]

Istruzione[cangecange 'a sorgende]

A Fasano e nell'omonimo territorio hanno sede 14 scuole dell'infanzia, 6 scuole primarie e 4 scuole secondarie di primo grado. Per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo grado, in città hanno sede diversi istituti: il liceo polivalente scientifico-classico-linguistico "Leonardo da Vinci", l'istituto tecnico commerciale-istituto per i servizi di enogastronomia e ospitalità alberghiera "G.Salvemini", l'istituto professionale maschile "G.Ferraris" e l'istituto professionale femminile "Leonardo da Vinci".

Biblioteche[cangecange 'a sorgende]

La Biblioteca Comunale "Ignazio Ciaia" (Largo Seggio,1) è stata fondata nel 1963, e dispone oggi di un buon patrimonio librario con numerosi testi di storia del territorio. È dotata di altri servizi pubblici come la Mediateca, l'Emeroteca (attualmente sospesa) e un Servizio Periodici. Dipendono dalla Biblioteca Comunale anche le due biblioteche delle frazioni di Montalbano e Pezze di Greco.

La Biblioteca del Centro Studi "Valerio Gentile" (fondato nel 1995), è una biblioteca specializzata su Fasano, il suo territorio e la Puglia in generale. Ha sede in Fasano, al L.go S. Giovanni Battista 21, nel centro storico, ed è consultabile su richiesta. Conserva anche il Fondo librario "Nunzio Schena" con la produzione locale della Casa Editrice Schena.

Università[cangecange 'a sorgende]

Il CIASU (Centro Internazionale Alti Studi Universitari) è un grande stabilimento universitario, in via di ultimazione, costituito allo scopo di contribuire, con le Università, i Centri di ricerca, le istituzioni pubbliche locali e le imprese, per lo sviluppo del territorio attraverso ricerche, alti studi e sperimentazioni nei campi di maggiore interesse ed impegno scientifico e didattico e per la formazione di eccellenza iniziale e continua, rivolta sia a giovani che intendano professionalizzare le conoscenze acquisite durante gli studi universitari, sia a quadri specialistici e direzionali, pubblici e privati. Ad oggi in completo stato di abbandono, in attesa da anni di inaugurazione.

Musei[cangecange 'a sorgende]

Media[cangecange 'a sorgende]

Editoria[cangecange 'a sorgende]

Stampa[cangecange 'a sorgende]

  • OsservatOriO, mensile di cronaca e attualità fondato nel 1985
  • Piazza Ciaia, settimanale di cronaca e attualità fondato nel 2000
  • GoFasano.it[22], primo giornale on-line di informazione locale cittadino fondato nel 2009
  • OsservatOriOoggi.it[23] versione online del mensile "OsservatOriO" fondata il 1º aprile 2012

Radio[cangecange 'a sorgende]

Radio Diaconia[24], unica radio rimasta nel territorio fasanese, fondata nel 1977 da Don Salvatore Carbonara della Parrocchia San Giovanni Battista. Oggi raggiunge la copertura delle province di Brindisi e Bari offrendo servizi di informazione religiosa, sportiva e cronaca locale. Dal 2001 la radio fa parte del network cattolico InBlu di Sat2000.

Alcune delle vecchie radio che si sono succedute dal 1977 al 2004 sono: RadioSelva, RadioFasano Stereo, RadioAzzurra, RadioTorreCanne, RadioEffe, Radio Studio Effe, Radio M.I., Radio Studio 105 (poi diventata Radio Studio 95), Radio Safari, Radio Discoteca 2000.

Dal 1977 fino al 1990, veniva irradiato nella zona trulli, ovvero a cavallo delle Province di Brindisi, Bari e Taranto, il segnale televisivo di Telefasano, una delle prime emittenti pugliesi a trasmettere via etere. Nell'estate 1990, poco priva che entrasse in vigore la Legge Mammì, fu ceduta la frequenza (e gli ambiti canali UHF 22 e UHF60) a TeleSveva di Andria.

Teatro[cangecange 'a sorgende]

  • Il Cinema-Teatro "Kennedy" (Via Pepe, 23) è inserito nel circuito di spettacoli del Teatro Pubblico Pugliese e ospita inoltre diverse manifestazioni culturali locali, la stagione concertistica dell'associazione Fasanomusica e il festival Fasano Jazz, organizzato annualmente dal Comune.
  • Il Teatro Sociale, fondato dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso sul finire del XIX secolo, oggi di proprietà comunale e ristrutturato completamente nel 2007.
  • Il Palazzo dei Congressi (Viale Toledo, Selva di Fasano, c/o la Casina Municipale) è una grande sala comunale, prevalentemente di uso estivo, che ospita eventi e mostre tra cui "La mostra dell'artigianato Fasanese"
  • Il CineMastroianni, per la visione di film

Cinema[cangecange 'a sorgende]

Cucina[cangecange 'a sorgende]

Focaccia farcita con cipolle

Tra i piatti più popolari vanno menzionati:

  • le pettole, pallottole di pasta lievitata molto morbida (farina, patata, lievito di birra, acqua e sale) fritte nell'olio bollente. Vengono servite calde, con zucchero o con vino cotto o miele, il 7 dicembre in occasione della Vigilia dell'Immacolata (festa molto sentita a Fasano) e il 24 dicembre.
  • le cartellate, dolci di pasta con miele o vincotto. Anch'essi sono serviti nelle festività natalizie.
  • i taralli. Anellini fatti con pasta a base di: farina, vino e olio
  • la focaccia. Pane particolare con pasta fatta in casa, simile ad una pizza molto spessa e più morbida, che può essere ricoperta di pomodori e olive, oppure farcita con cipolle o rape. Il giorno in cui tutti i fasanesi mangiano focaccia è il Venerdì Santo, per astenersi dal mangiare carne.
  • i panzerotti. Pietanze preparate con la pasta fatta in casa. Si fanno delle pizzette circolari, si riempiono di mozzarella e pomodoro e si chiudono a metà. Poi si friggono in olio bollente.
  • le orecchiette con le cime di rapa.
  • le zeppole di San Giuseppe. Dolce tipico del mezzogiorno. Ciambelle fritte o al forno, decorate esternamente con crema, amarena e un po' di cannella. Vengono fatte in occasione della festività di San Giuseppe

Eventi[cangecange 'a sorgende]

  • "Stella sulla grotta", dal 1986 la grande cometa natalizia realizzata con migliaia di lampadine situata su una grotta naturale di Monte Rivolta. Il comitato Stella sulla grotta organizza inoltre il presepe vivente nella grotta (6 gennaio), diversi pellegrinaggi e un concorso di presepi cittadino[25].
  • "Coppa Fasano-Selva", gara di cronoscalata automobilistica (Prima domenica di agosto)
  • "Fasano Jazz", rassegna musicale Jazz per le strade del centro storico fasanese (giugno)
  • "La Scamiciata", rievocazione storica della vittoria sui turchi (Terza domenica di giugno)
La Scamiciata

La Scamiciata è la rievocazione storica in memoria della vittoria ottenuta sui Turchi il 2 giugno 1678. In questo giorno, infatti, dopo anni o secoli di scorrerie turchesche subite, i Fasanesi sconfissero definitivamente i Turchi in una battaglia campale sotto le mura della città. A ricordo e celebrazione di quella vittoria, nei secoli passati, si organizzava un "torneo popolare" in occasione della festa della Madonna di Pozzo Faceto, secondo un preciso rituale. Oggi invece c'è il Corteo Storico, per ricordare il trionfo dei Fasanesi, con sbandieratori, trombe, tamburi, vestiti d'epoca e la rappresentazione della lotta cittadina.

Geografia antropica[cangecange 'a sorgende]

Urbanistica[cangecange 'a sorgende]

Frazioni[cangecange 'a sorgende]

Nel territorio fasanese vi sono numerose frazioni: Pezze di Greco, Montalbano, Speziale, Torre Canne, Selva di Fasano, Savelletri, Laureto, Canale di Pirro, Pozzo Faceto, Torre Spaccata, Pezze Monsignore, Cocolicchio. Alcune frazioni sono prevalentemente luoghi di villeggiatura estiva, altre invece dei veri e propri centri abitati.

Pezze di Greco[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Pezze di Greco.

Frazione di Fasano con circa 6.000 abitanti, situata a 5 chilometri dal mare, a 4 chilometri dal centro urbano di Fasano e a 52 chilometri dal Capoluogo di Provincia.
Ha origine da una masseria dove alcuni contadini, venuti da Fasano a coltivare e a migliorare questi terreni nel 1823, vi edificarono gradualmente l'attuale centro abitato.
A quel tempo la masseria comprendeva la maggior parte del territorio attuale di Pezze di Greco ed apparteneva alla famiglia Greco di Martina Franca. La masseria Greco era una vasta zona di terreno priva di alberi, adibita solamente alla coltivazione di grano, di orzo, di biade e legumi: per questo i terreni della proprietà venivano volgarmente chiamati "pezze" (da appezzamento). Questo, unito al nome del proprietario, formò il nome attuale della località. In seguito il terreno fu frazionato in lotti e ceduto in fitto ai coloni dalla famiglia Greco. Successivamente alcuni contadini sentirono la necessità di stabilirsi sui propri terreni, e nei poderi sorsero allora dei trulli che costituirono il primo nucleo della frazione.

Viale Toledo, il centro della Selva di Fasano

Selva di Fasano[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Selva di Fasano.

A circa sei chilometri dal centro urbano di Fasano, situata su circa 400 metri sul livello del mare, offre aria salubre e gradevoli panorami a chi voglia percorrerne a piedi i viali alberati. la vegetazione è costituita per lo più da pini, querce, lecci e cipressi; da notare è anche la presenza di numerosi alberi di castagne, specie nelle zone boschive. Di particolare rilievo architettonico è la chiesa parrocchiale "SS. Maria Addolorata", in viale Toledo, il cui altare maggiore è sormontato da un grande trullo, e la Casina municipale, sede durante l'estate di mostre, concerti, manifestazioni ed eventi culturali.

Il Santo patrono della Selva è la Madonna Addolorata che si festeggia il 15 settembre. Il 6 agosto, vigilia di San Donato, presso l'omonima chiesa rupestre lungo i resti dell'antica scalinata in pietra, primo collegamento fra la frazione e la città, si tiene una caratteristica festa.

Alle pendici della Selva, a tre chilometri di distanza, c'è lo Zoo safari Fasanolandia, il primo zoosafari d'Italia e il terzo d'Europa, che offre la particolarità di osservare gli animali in libertà, percorrendo il parco con la propria automobile.

Laureto[cangecange 'a sorgende]

Frazione collinare prevalentemente di villeggiatura a circa quattro chilometri da Fasano, tagliata dalla strada per Martina Franca e Taranto. Il paesaggio è caratterizzato da vigneti e trulli. È situata su un'altezza massima di circa 380 m.s.l.m. Nel territorio della frazione vi è la grotta naturale di Monte Rivolta dove annualmente, a cura del comitato "Stella sulla grotta", vengono allestite in occasione delle festività natalizie una grande stella cometa realizzata con lampadine elettriche, visibile a molti chilometri di distanza, ed un artistico presepe[25][29].

Canale di Pirro[cangecange 'a sorgende]

Contrada a circa tre chilometri da Fasano, sulla strada che porta nell'entroterra barese. Molti boschi, vigneti e pascoli ne caratterizzano il paesaggio. È un'ampia depressione carsica, più precisamente un polje, connessa con un sistema di fratture, compreso tra i territori comunali di Putignano, Castellana Grotte, Monopoli, Alberobello e Fasano, lungo circa 12 chilometri e largo tra i 500 e i 1500 metri.

I versanti che delimitano il Canale di Pirro presentano caratteristiche molto differenti: quello settentrionale, in cima al quale si trova la Selva di Fasano, è abbastanza ripido e con andamento rettilineo; quello meridionale, attraversato da un troncone principale dell'Acquedotto Pugliese, è invece più sinuoso e modellato più dolcemente. Il dislivello esistente tra il fondo del Canale e i pianori soprastanti è compreso tra i 75 e i 100 metri. Il fondo del Canale segue un andamento Ovest - Est che però, all'altezza mediana, viene interrotto da una soglia in contropendenza che divide il Canale in una parte occidentale, in cui l'altezza del fondo è di circa 300 m sul livello del mare e una parte orientale in cui invece essa si abbassa a 275 m, per poi raggiungere un minimo di 269 m sul livello del mare. L'intero Canale di Pirro è compreso nell'isoipsa di 375 metri.

In due pergamene dell'XI secolo il Canale di Pirro è chiamato "Canale delle Pile", probabilmente per la presenza di numerose cisterne, denominate appunto "pile", presenti nell'area, utilizzate per la raccolta e la conservazione delle acque piovane che qui confluivano dai fianchi delle colline, in genere con bocche circolari costituite da pietre lavorate. La denominazione moderna, dunque, è il frutto di una deformazione linguistica del toponimo originario, anche se erroneamente lo si attribuisce a Pirro, re dell’Epiro.

Savelletri[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Savelletri.
Chiesetta di San Francesco da Paola a Savelletri
File:Savelletri case bianche.JPG
Case bianche, caratteristiche della costa di Savelletri di Fasano

Savelletri è una frazione del comune di Fasano (Brindisi) posta a circa 7 km dal centro urbano e a circa 55 km dal capoluogo di provincia.

Località marina con scogliere e spiagge, Savelletri è un luogo di villeggiatura, ma la frazione è popolata prevalentemente da pescatori anche d'inverno, tant'è che era dotata anche di una scuola elementare. È conosciuta principalmente per il caratteristico porticciolo, i diversi ristoranti che sovrastano la scogliera, il campo da golf a 18 buche e il parco archeologico di Egnazia. Nel 2015 è stata fondata l'A.S.D. Savelletri Calcio e quindi anche la frazione marinara fasanese ha una squadra di calcio. Il santo patrono è San Francesco da Paola, che si festeggia ogni anno nella seconda domenica di agosto con una processione in mare e la tradizionale sagra del pesce spada.

Torre Canne[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Torre Canne.

Torre Canne è una frazione del comune di Fasano, posta a circa 15  dal capoluogo comunale e a circa 45  da Brindisi. Nota località marina con spiagge, rientra nel Parco naturale regionale Dune costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo, istituito nel 2006.

Torre Canne è conosciuta principalmente per le terme e il simbolo della frazione è il faro, che illumina a intermittenza la costa, le scogliere e il mare. Il patrono è il Sacro Cuore di Gesù che si festeggia l'8 giugno.

Altre frazioni[cangecange 'a sorgende]

  • Montalbano con circa 3.000 abitanti è la frazione più popolosa dopo Pezze di Greco. Conosciuta per il Dolmen ma anche per le preziose masserie. La festa patronale è l'ultima domenica di luglio e si festeggiano Santa Maria di Pozzo Faceto e SS.Maria del Carmelo.
  • Speziale centro prevalentemente agricolo a 10 chilometri da Fasano.
La Via delle Croci, che collega Pozzo Faceto a Pezze di Greco per la quale si percorre il pellegrinaggio nel mese di maggio
  • Pozzo Faceto dista nove chilometri da Fasano. Prende il nome dall'omonimo santuario, dedicato alla Beata Vergine del Pozzo, così chiamata perché il ritrovamento dell'immagine della Vergine avvenne durante lavori nel pozzo attualmente esistente all'ingresso del santuario: alcuni operai, durante lo scavo, si imbatterono in una grotta, che aveva sullo sfondo un'immagine della Madonna, probabilmente un'antica cripta rupestre. Staccato il masso, lo portarono in superficie, adagiandolo sull'altare centrale del santuario.
  • Torre Spaccata, piccolo centro tra Pezze di Greco e Torre Canne ricca di colture, insediamenti rupestri e masserie.
  • Zona industriale nord, quartiere più che frazione, dista circa 1  a nord dal centro ed è una zona abitata molto estesa con poco meno di 4.000 abitanti. Sono presenti fondamentalmente attività o piccole industrie, fondamentalmente di automobilistica, falegnameria e meccanica. È presente anche la sede principale della guardia di Finanza (la seconda è a Torre Canne). La sua vocazione industriale l'ha però tagliata dal tessuto urbano di Fasano, tanto che oggi è assente il servizio di trasporto pubblico e la viabilità per pedoni è pressoché assente.
  • Monte Abele, situata sul versante ovest del Canale di Pirro, è una frazione di villeggiatura che viene popolata principalmente d'estate.
  • Cocolicchio, frazione situata in cima ad un altopiano sul versante ovest del Canale di Pirro è formata dalla caratteristica fontana e da numerosi trulli al cui centro vi è una chiesetta, Maria SS. Addolorata, progettata dal parroco don Sante Perna, consacrata ed aperta al pubblico nel 1906[30].

Economia[cangecange 'a sorgende]

Exquisite-kfind.png Pe approfondimende, 'ndruche 'a vôsce Economia della Puglia.

Agricoltura[cangecange 'a sorgende]

Fasano è un centro agricolo, artigianale e commerciale tra i più fiorenti della Provincia di Brindisi. Della popolazione attiva, un terzo è impiegata nell'agricoltura e nell'industria collegata. Tra le colture più diffuse vi sono l'olivo e la rapa "Tardiva di Fasano". Numerose sono le aziende agricole nel territorio. Il Consorzio Agroalimentare (fondato dal Comune di Fasano, dalla Camera di Commercio e dalle varie associazioni di categoria) è un po' il motore trainante dell'economia agricola fasanese e pugliese con il nuovo mercato ortofrutticolo, frutto della sinergia tra pubblico e privato.

Artigianato[cangecange 'a sorgende]

Anche l'artigianato è molto forte nel territorio soprattutto nel settore edile, automobilistico, impiantistico, gastronomico e nella lavorazione dei metalli.[31] Tante sono le imprese che portano avanti il nome di Fasano in tutto il territorio. Per sostenere questo settore dell'economia, da più di cinquanta anni, esiste la "Mostra dell'Artigianato fasanese", una vetrina dell'artigianato locale[32]

Industria[cangecange 'a sorgende]

Sostengono il settore industriale diverse aziende manifatturiere: produzione e imballaggio di prodotti ittici, pescicoltura, confezionamento di ortaggi e confezionamento di prodotti dolciari. Negli ultimi anni si è avuto un notevole aumento della categoria degli imprenditori e dei lavoratori in proprio. Il 7% delle imprese è composto da società di capitale in tutti i settori (agricoltura 4; miniere e cave 5; industria 30; costruzioni 28; commercio 44; servizi 32)[33].

Il commercio è sostenuto dall'abbigliamento, dai prodotti alimentari (con un "Cash and Carry" e un Centro Commerciale) e dalle automobili. Il livello di benessere e il tasso di attività sono superiori alla media provinciale. Il saldo fra le aziende chiuse e avviate è positivo[33].

Servizi e turismo[cangecange 'a sorgende]

A sostegno del terziario vi sono lo zoo safari Fasanolandia e località turistiche come la Selva di Fasano, Savelletri e Torre Canne, i lidi sul mare, insignite per più anni consecutivi della Bandiera Blu FEE,[34] diverse strutture ricettive, il museo archeologico nazionale di Egnazia, il parco rupestre Lama d’Antico, il parco regionale Dune Costiere, le terme di Torre Canne, vari impianti sportivi e vari eventi organizzati soprattutto durante il periodo estivo.

Da anni Fasano si conferma tra le prime dieci località della regione (prima nella provincia di Brindisi) in termini di arrivi e presenze turistiche: nel 2018 si è piazzata al sesto posto in Puglia, con circa 667 mila presenze durante l'anno e circa 157 mila arrivi.[35].

Da circa 5 anni la costa del parco agrario degli ulivi secolari, che comprende i comuni brindisini di Fasano, Ostuni e Carovigno riceve l’assegnazione delle cinque vele di Legambiente[36]. Negli ultimi anni il comune di Fasano ha partecipato alla BIT (borsa internazionale del turismo) di Milano per promuovere il proprio territorio e quello del consorzio "Trulli Grotte e Mare" di cui è membro.[37]

Nel 2011 il tasso di disoccupazione risultava inferiore alla media del resto della regione Puglia[38].

Infrastrutture e trasporti[cangecange 'a sorgende]

Strade[cangecange 'a sorgende]

La cosiddetta superstrada Bari-Lecce attraversa il territorio comunale e si raccorda con la rete autostradale. In particolare il territorio fasanese è attraversato dalla SS 16 e dal recente tratto della SS 379 denominato "di Egnazia e delle Terme di Torre Canne". Un altro collegamento importante è rappresentato dalla Strada statale 172 dei Trulli, che collega Fasano a Locorotondo, Martina Franca e Taranto.

Ferrovie[cangecange 'a sorgende]

La Stazione di Fasano delle Ferrovie dello Stato (poco fuori dal centro abitato), presenta un traffico di treni a lunga percorrenza e d'interesse regionale verso Bari, Brindisi e Lecce.

Nel territorio di Fasano sorge anche la Stazione di Cisternino delle Ferrovie dello Stato in contrada Pozzo Faceto, con un traffico ferroviario regionale verso Bari, Brindisi e Lecce in ogni modo meno ampio rispetto alla stazione di Fasano.

Porti[cangecange 'a sorgende]

Esiste anche un piccolo porto peschereccio a Savelletri e a Torre Canne. Da poco è stato costruito anche un porto turistico a Savelletri[39].

Mobilità urbana[cangecange 'a sorgende]

In città esiste un servizio di mezzi pubblici per le frazioni e un servizio di bus verso Bari, Brindisi e altri comuni limitrofi, oltre ad alcune destinazioni nazionali. Le linee sono Sita Sud, STP e Ferrovie del Sud Est.

Amministrazione[cangecange 'a sorgende]

File:Municipio Fasano notte 2.jpg
Il Municipio di notte

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periode Prime cetadine Partite Careche Note
25 novembre 1988 25 luglio 1990 Sandrino Rubino Democrazia Cristiana Sinnache [40]
25 luglio 1990 30 luglio 1992 Sante Nardelli Democrazia Cristiana Sinnache [40]
30 luglio 1992 20 maggio 1993 Nicola Latorre Partito Democratico della Sinistra Sinnache [40]
15 luglio 1993 24 aprile 1995 Donato De Carolis Partito Socialista Italiano Sinnache [40]
29 maggio 1995 27 giugno 1999 Donato De Carolis Patto dei Democratici Sinnache [40]
27 giugno 1999 14 settembre 2001 Donato De Carolis Socialisti Democratici Italiani Sinnache [40]
14 settembre 2001 28 maggio 2002 Mario Giannuzzi Comm. straordinario [40]
28 maggio 2002 11 giugno 2007 Vito Ammirabile Forza Italia Sinnache [40]
11 giugno 2007 24 maggio 2012 Pasquale Di Bari Forza Italia
Il Popolo della Libertà
Sinnache [40]
24 maggio 2012 4 settembre 2015 Pasquale Di Bari Il Popolo della Libertà Sinnache [40]
4 settembre 2015 19 giugno 2016 Pasqua Erminia Cicoria Comm. pref. [40]
28 giugno 2016 in carica Francesco Zaccaria Partito Democratico Sindaco [40]

Altre informazioni amministrative[cangecange 'a sorgende]

Panorama

Il comune di Fasano è membro del Consorzio Trulli Grotte Mare assieme ad altri 8 comuni della città metropolitana di Bari e della provincia di Brindisi con affinità culturali, economiche e sociali e comune patrimonio ambientale, artistico e monumentale.

Sport[cangecange 'a sorgende]

Società sportive[cangecange 'a sorgende]

A Fasano le principali squadre sportive sono:

Calcio[cangecange 'a sorgende]

Pallamano[cangecange 'a sorgende]

Altri sport[cangecange 'a sorgende]

Impianti sportivi[cangecange 'a sorgende]

  • Campo da Tiro a volo "Signora Pulita", presso l'omonima masseria in contrada Salamina. Riconosciuto dal CONI. Il campo può ospitare fino a 300 spettatori. Ogni anno è sede di diversi tornei di questa disciplina. Nel 1997 ha ospitato i XIII Giochi del Mediterraneo.
  • Stadio comunale Vito Curlo, in Via S.D'Acquisto - Capienza: 4.900 posti a sedere. Costruito nel 1933 con il solo campo e le mura di cinta. Con il passare degli anni e le scalate nelle classifiche della locale squadra di Calcio, è stato opportunamente ampliato. Dedicato a "Vito Curlo", promessa calcistica fasanese morta in un incidente stradale. In vista dei Mondiali di Calcio 1990, viene inaugurato lo stadio rimesso a nuovo dopo anni di lavoro. Venne scelto come campo per gli allenamenti per la nazionale del Camerun. Nel 2001 si costruisce la "Curva Sud". Nel 2002 viene risistemato il nuovo impianto fonico.
  • Palestra "Franco Zizzi" presso l'IPSSAR "G.Salvemini" - Costruita insieme al nuovo complesso scolastico, è dal 2004 il campo di gioco ufficiale della Junior Fasano, squadra campione d'Italia di pallamano e dal 2008 campo di gioco della Polisportiva Roberto Serra e della Pallamano Fasano, squadre militanti nel campionato nazionale di pallamano Serie B maschile e delle squadre giovanili maschili.
  • Tensostatico, in via Galizia - Struttura costruita nei primi anni novanta e messa in funzione nel 1997, è oggi il campo ufficiale di gioco delle squadre di pallacanestro Basket Fasano e Bushido Fasano. Inoltre è campo di gioco delle squadre di pallavolo maschili e femminili.
  • Piscina comunale, in via S. Lorenzo. Inaugurata nel 2009 dopo tanti anni di attesa. Adiacente alla struttura vi sono due campetti da tennis e calcio a 5.
  • Stadio comunale "Sergio Ancona" di Pezze di Greco di Fasano - In contrada Signorelli, nei pressi della frazione di Pezze di Greco vi è il campo sportivo costruito nel 1971, l'unico nel territorio ad essere dotato di pista d'atletica, costruita nel 1991. È dotato oltre che di spogliatoi di una accogliente tribuna coperta di 800 posti, e campo di gioco in sansa e impianto d'illuminazione per allenamenti. Da anni in attesa di ristrutturazione: è previsto la copertura del campo di gioco in erba sintetica e la sistemazione di tribuna, spogliatoi e accessi.
  • Campo comunale di Montalbano di Fasano - Il campo sportivo, costruito nel 1989, sito nella periferia nord della frazione, con campo in terra battuta, spogliatoi e due gradinate, in due lati opposti, che formano circa 400 posti complessivi.
  • Tennis Club, Viale del Leccio - Nella zona collinare della Selva rivitalizzato nel 2017 con una struttura coperta, ospita il Tennis Club Fasano.
  • Complesso Sportivo di Vigna Marina - Qualche centinaio di metri fuori dal centro abitato è sede della piscina comunale e di alcuni campi da tennis e calcetto. Per quasi 30 anni vi sorgeva ciò che avrebbe dovuto essere il palazzetto dello sport di Fasano ma i lavori non si erano mai completati. Nel 2017 partirono le procedure per riqualificare il rudere che da anni versava in completo stato di abbandono. A novembre 2019 sono partiti i lavori per la costruzione del palazzetto dello sport[45].

Note[cangecange 'a sorgende]

  1. Dato Istat - Popolazione residente al 31 decemmre 2019.
  2. Teresa Cappello e Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron, 1981, p. 209, SBN IT\ICCU\UMC\0979712.
  3. Cite errore: Tag <ref> invalide; nisciune teste ha state date pe le referimende nnomenate template divisione amministrativa-abitanti
  4. Dizionario di toponomastica, Torine, UTET, 1990, p. 315, ISBN 88-02-07228-0.
  5. 5,0 5,1 Gerhard Rohlfs, Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti, vol. 1, Torine, Einaudi, 1966, p. 393, ISBN 88-06-03063-9.
  6. Giovanni Alessio, Panorama di toponomastica italiana, Napule, Liguori, 1958-59, pp. 41-41, SBN IT\ICCU\BRI\0426670.
  7. Giuanne Alessio (1942). Appunti sulla toponomastica pugliese . Iapigia (13).
  8. Carlo Battisti (1939). La toponomastica della penisola salentina in rapporto all'isola linguistica neogreca in Terra d'Otranto . Studi Bizantini e Neoellenici (5).
  9. Storie de Fasane, su lalanternadelpopolo.it. URL consultato il 10 luglie 2009.
  10. G. Sampietro, La storia di Fasano.
  11. FASANO - Parco della Rimembranza Viale Unità D'Italia, www.giardinidellapuglia.it.
  12. Fasano città: centro storico, monumenti, chiese, gofasano.it. URL consultato il 26 aprile 2009.
  13. Palmina Cannone (2002). Perché fu costruita la Collodi (4).
  14. Monumenti pugliesi in memoria dei caduti della Grande Guerra. Progetto 500 giovani per la cultura - Fasano, www.movio.beniculturali.it.
  15. L’artigiano nel torrione, Schiavone e il mondo antico ritrovato, fasanolive.com. URL consultato il 1º agosto 2014.
  16. Parco rupestre Lama d'Antico- Musei Ostuni-Fasano, su museiostunifasano.it. URL consultato il 10 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2009).
  17. Sito dello Zoo Safari, su zoosafari.it. URL consultato il 1º luglio 2009.
  18. Le terme di Torre Canne- Federterme, su federterme.it. URL consultato il 1º luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2008).
  19. demo.istat.it, http://demo.istat.it/str2014/index.html.
  20. Gianni Custodero, Fasanesità, 2005.
  21. Presentazione della Casa Editrice, su softweb.it. (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2011).
  22. Giornale on-line "Gofasano.it", su gofasano.it. URL consultato il 10 maggio 2010.
  23. OsservatorioOggi - Osservatorio Fasano
  24. Il sito di Radio Diaconia, su radiodiaconia.it. URL consultato il 10 luglio 2009.
  25. 25,0 25,1 La stella sulla grotta a Laureto di Fasano, su www.itriabarocco.net.
  26. Fasanomusica, su fasanomusica.it.
  27. Mostra dell’artigianato: storia di cuore, mente e arte, su www.fasanolive.net. URL consultato il 24 luglio 2014.
  28. Mostra dell’artigianato fasanese, su http://www.comune.fasano.br.it.
  29. Il Laureto ieri e oggi da, su www.osservatoriooggi.it, Osservatorio n. 8/9 Settembre 1987.
  30. Tabella a Cocolicchio di Fasano per ricordare i trulli più antichi, su www.radiodiaconia.it. URL consultato il 14 settembre 2007.
  31. Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 3, Roma, A.C.I., 1985, p. 11.
  32. Sito dedicato all'artigianato fasanese [collegamende squasciate], su artigianatofasanese.it. URL consultato il 10 luglio 2009.
  33. 33,0 33,1 Fasano- La Gazzetta del Mezzogiorno [collegamende squasciate], su lagazzettadelmezzogiorno.it. URL consultato il 10 luglio 2009.
  34. Bandiere blu dell'anno 2019, bandiereblu.org, 3 maggio 2019.
  35. Turismo, in Puglia +14% di stranieri. Le mete: Vieste «regina» di presenze. Bari è seconda ma prima per arrivi, La Gazzetta del Mezzogiorno, 10 febbraio 2019.
  36. http://www.legambientepuglia.it/area-stampa/comunicati-stampa/1008-guida-blu-2019
  37. «Bit "Borsa Internazionale Turismo", il Comune chiede alle strutture ricettive il proprio materiale promozionale entro giovedì 8 febbraio.», Comune di Fasano, 5 febbraio 2018.
  38. Mercato del lavoro, ottomilacensus.istat.it, 2011.
  39. Comune di Fasano: Stato attuazione programmi e progetti al 30 settembre 2005 (PDF), su comune.fasano.br.it. URL consultato il 10 luglio 2009 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2006).
  40. 40,00 40,01 40,02 40,03 40,04 40,05 40,06 40,07 40,08 40,09 40,10 40,11 http://amministratori.interno.it/
  41. Sito dell'Unione Sportiva Città di Fasano, su usfasano.it. URL consultato il 27 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2017).
  42. Sito della Junior Fasano, su juniorfasano.net. URL consultato il 10 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2009).
  43. Sito della Polisportiva Roberto Serra, su pallamanoserra.com. URL consultato il 4 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2014).
  44. Sito della Technoacque Fasano, su basketfasano.it. URL consultato il 4 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2014).
  45. «Palazzetto dello Sport: il 15 novembre la posa della prima pietra». www.comune.fasano.br.it, 10 novembre 2019.

Bibliografia[cangecange 'a sorgende]

  • Giuseppe Sampietro, Fasano, indagini storiche rielaborazione di Angelo Custodero; Vecchi e C., Trani 1922 ristampa anastatica Schena, Fasano 1979.
  • Antonio Chionna, Il villaggio rupestre di Lama d'Antico; Schena Editore, Fasano 1973.
  • Giuseppe Marangelli, Rosso di sera. Fasano del buon tempo; Schena Editore, Fasano 1978.
  • Giuseppe Palasciano, Scongiuri, preghiere e leggende del popolo fasanese; Schena Editore, Fasano 1982.
  • Antonietta Latorre, "Le confraternite di Fasano dal XVI al XX secolo", Fasano, Schena 1993.
  • Gianni Custodero, Fasano è così; Schena Editore, Fasano 1960 - 2ª edizione 1995.
  • AA.VV, La Chiesa del Purgatorio di Fasano. Arte e devozione confraternalea cura di Antonietta Latorre; Schena Editore, Fasano 1997.
  • Palmina Cannone, Raccontando Fasano; Schena Editore, Fasano 1998.
  • Malitensia, Fasano nella Storia dei Cavalieri di Malta in Puglia; Atti del Convegno Internazionale di Studi - Fasano, 14, 15 e 16 maggio 1998.
  • Nicola Cardone, Storia della Fasano - Selva motociclistica. Quando correva Agostini; Schena Editore, Fasano 2000.
  • Enzo Filomena, I Balì di S. Stefano di Monopoli ed i feudi di Fasano e Putignano per la storia dell'Ordine di Malta in Puglia; C.R.S.E.E. di Fasano, 2000.
  • Giuseppe Marangelli, Dizionario fasanese-italiano; Edizione dell'autore, Fasano 2000.
  • Maria De Mola, Giuseppe Palasciano, Le chiese rurali nel territorio di Fasano.
  • Antonietta Latorre, "Gli Statuti settecenteschi delle confraternite di Fasano", Fasano, Schena 2005.
  • Antonietta Latorre (a cura di), "Fasano nel XVII secolo", Fasano, Schena 2008.
  • Gianni Custodero, "Fasanesità", Fasano 2005.
  • Rocco Panzarino, Maria De Mola, Marzia Angelini, Guida all'arte sacra nel territorio di Fasano, Fasano, Faso editrice 2011.
  • Antonietta Latorre, “I Santi Titolari della Terra di Fasano tra religiosità medievale e pietà barocca” Fasano 2008;
  • Antonietta Latorre, “Alle origini del teatro religioso: dalla ritualità paraliturgica alla drammaturgia sacra. La Puglia e Fasano; Fasano 2009
  • Antonietta Latorre, “Problemi di conservazione e riordino degli archivi municipali nella legislazione dei Napoleonidi, Il caso della Magnifica università di Fasano”, in “La Puglia dall'esperienza giacobina alla seconda Restaurazione borbonica” a cura di D. Donofrio Del Vecchio, Foggia, Grenzi 2011
  • Antonietta Latorre, “Da San Pietro Veterano a “Seppannibale” in “Masseria Seppannibale Grande in agro di Fasano (BR)”, a cura di G. Bertelli e G. Lepore, Bari, Adda 2011;
  • Antonietta Latorre, “Il Faso e l'Agnello. Fasano nella storia della sua Chiesa Matrice”, Fasano, Schena 2012;
  • Antonietta Latorre, “I pugliesi alla Spedizione di Sapri” in Arte Cultura Società nell'Ottocento meridionale, a cura di D. Donofrio Delvecchio, Bari, Progedit 2013;
  • Antonietta Latorre, "Le statue vive. Madonne vestite a Fasano. Culto Arte Devozione, Fasano, Schena 2013;
  • Antonietta Latorre, "Fasano nella fotografia di fine '800", Fasano, Schena 2015;
  • Luisa Lamberti, "Il teatro Sociale di Fasano. Centocinquant'anni di storia 1857-2007", Fasano, Faso editrice, 2007.
  • Antonietta Latorre, "Fasano nella storia del XVII secolo" vol. II, Fasano, Schena Editore, Comitato "Giugno Fasanese", Centro Studi "Valerio Gentile", 2018

'Ndruche pure[cangecange 'a sorgende]

Otre pruggette[cangecange 'a sorgende]

Collegaminde fore a Uicchipèdie[cangecange 'a sorgende]

  • Errore Lua: jndr'à package.lua a 'a linèe 80: module 'Modulo:Collegamenti esterni/Enciclopedie' not found.

Template:Fasane

Controllo di autoritàVIAF: (EN247313848
  • Pugghie Portale Pugghie: accede a le vôsce de Uicchipedia ca trattane de Pugghie